Quando i bambini dormono tutta la notte

Garantire che i bambini vadano a dormire e rimangano addormentati può essere una sfida che i genitori devono affrontare. Molti aspettano con ansia il momento in cui il loro bambino dormirà tutta la notte, ma quando accadrà esattamente?

La maggior parte dei bambini dorme tutta la notte circa 6 mesi . In uno studio, circa il 38% dei bambini di 6 mesi non dormiva tutta la notte, ma quel numero è sceso a meno del 28% entro 12 mesi. Questo riflette come il cicli del sonno per i bambini cambiano man mano che crescono.



I neonati di età compresa tra 0 e 3 mesi necessitano 14-17 ore di sonno e i bambini di età compresa tra 4 e 11 mesi necessitano tra le 12 e le 15 ore. È importante notare che i tempi di sonno variano notevolmente tra i bambini sotto i quattro mesi. Pertanto, l'American Academy of Pediatrics (AAP) e l'American Association of Sleep Medicine (AASM) non ho fatto una raccomandazione per quel gruppo di età.

Che cosa significa 'dormire tutta la notte'?

Quando si parla di neonati, dormire tutta la notte significa che dormono almeno sei ore ininterrotte . Possono svegliarsi brevemente, ma sono in grado di calmarsi e tornare a dormire.

Cosa può influire quando i bambini iniziano a dormire tutta la notte?

Mentre la prontezza a dormire tutta la notte è legata all'età, i comportamenti e le esperienze dei bambini sono unici e si traducono in orari di sonno variabili.



Le abitudini, come una routine costante per andare a dormire, aiutano i bambini a dormire tutta la notte. Come per i bambini e gli adulti, ciò che accade durante il giorno e nelle ore prima di andare a dormire influisce sul sonno notturno dei bambini. Per un routine regolare della buonanotte con il tuo bambino considera quanto segue:

  • Abbassa le luci intense ed elimina i rumori forti e le attività prima di andare a dormire.
  • Cammina tenendo il tuo bambino o dondolalo dolcemente per incoraggiare la sonnolenza.
  • Assicurati di mettere il tuo bambino a letto mentre è assonnato ma non profondamente addormentato. Questo aiuta il bambino ad imparare ad andare a dormire da solo.

Tieni presente che una buona routine della buonanotte è importante per il generale allenamento del sonno . La routine della buonanotte fa bene anche ai genitori, entrambi durante la gravidanza e dopo per prevenire o ridurre insonnia genitoriale .

In che modo i genitori possono aiutare i loro bambini a dormire tutta la notte?

Oltre a una routine costante prima di coricarsi, due strategie si sono dimostrate efficaci nell'aiutare i bambini a dormire ininterrottamente durante la notte: dissolvenza prima di coricarsi ed estinzione graduale.



L'ora di andare a dormire sta mettendo il bambino a letto 15 minuti dopo ogni notte per comprimere il sonno e limitare il tempo a letto. Se il genitore controlla il bambino 15 minuti dopo averlo messo a letto e sta dormendo, non è più necessario ritardare l'ora di andare a letto.

L'estinzione graduale è il processo di creazione di spazi sempre più lunghi tra quando un bambino piange e quando il genitore risponde al pianto. Il genitore aspetta due minuti dopo che il bambino ha pianto prima di rispondere, quindi aspetta quattro e poi sei minuti dopo il pianto successivo. Questi periodi di attesa si prolungano gradualmente nel tempo finché il bambino non ha imparato a calmarsi.

Non tutte le strategie funzionano per tutti i bambini. Consulta il tuo pediatra per suggerimenti giusti per tuo figlio.

Ricevi le ultime informazioni durante il sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email sarà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

Cosa impedisce ai bambini di dormire tutta la notte?

Ci sono diversi fattori che impediscono ai bambini di dormire tutta la notte.

  • Fame . Poiché i bambini sono abituati a nutrirsi un paio di volte durante la notte, possono invocare attenzione e nutrirsi mentre passano a dormire per periodi più lunghi. In questa fase, i genitori possono mantenere l'interazione di alimentazione il più breve possibile e non giocare con il bambino.
  • Ansia da separazione. I bambini hanno naturalmente paura di essere lontani dai loro genitori. Se il bambino piange dopo essere stato messo a letto, le reazioni dei genitori di notte, come coccolarsi e dondolarsi, possono indurre il bambino a cercare l'attenzione dei genitori. I genitori non dovrebbero rimuovere il bambino dalla culla e invece toccare la testa o la schiena del bambino e parlare in modo rassicurante fino a quando il bambino non si è calmato. Questo aiuta il bambino a capire che i suoi genitori si trovano nelle vicinanze e che si spaventeranno meno.
  • Ambiente. I bambini hanno bisogno di dormire in una stanza buia. Se un genitore viene a controllare il bambino durante la notte, non deve accendere le luci ma, se necessario, usa le luci notturne.
  • Condivisione del letto. Far dormire un bambino nel letto dei genitori può ostacolare la capacità del bambino di dormire tutta la notte. Mette anche il bambino a un aumento rischio di sindrome da morte improvvisa del lattante (SIDS) .

I genitori dovrebbero essere preoccupati se i loro bambini non dormono la notte?

Alcuni cambiamenti nel ritmo del sonno di un bambino sono normali. Tieni presente che se ci sono brevi cambiamenti, come una malattia o un viaggio, dormire potrebbe essere più difficile per tuo figlio. Continua a mantenere una routine costante per il bambino per incoraggiarlo a dormire tutta la notte.

Se sei preoccupato per le abitudini di sonno del tuo bambino, tieni traccia delle ore di sonno e di quando si dorme. Condividi queste informazioni con il tuo pediatra e loro saranno in grado di aiutarti a identificare se il comportamento di tuo figlio è normale o riflette un possibile problema del sonno.

  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +6 Fonti
    1. 1. Pennestri MH, Laganière C, Bouvette-Turcot AA, Pokhvisneva I, Steiner M, Meaney MJ, Gaudreau H Mavan Research Team. Sonno, sviluppo e umore materno ininterrotti del neonato. Pediatria. 22 dicembre 2018 (6): e20174330. https://doi.org/10.1542/peds.2017-4330
    2. Due. Hirshkowitz, M., Whiton, K., Albert, SM, Alessi, C., Bruni, O., DonCarlos, L., Hazen, N., Herman, J., Katz, ES, Kheirandish-Gozal, L., Neubauer, DN, O'Donnell, AE, Ohayon, M., Peever, J., Rawding, R., Sachdeva, RC, Setters, B., Vitiello, MV, Ware, JC e Adams Hillard, PJ (2015) . Raccomandazioni sulla durata del sonno della National Sleep Foundation: metodologia e riepilogo dei risultati. Salute del sonno, 1 (1), 40–43. https://doi.org/10.1016/j.sleh.2014.12.010
    3. 3. Paruthi S, Brooks LJ, D'Ambrosio C, Hall WA, Kotagal S, Lloyd RM, Malow BA, Maski K, Nichols C, Quan SF, Rosen CL, Troester MM, Wise MS. Quantità di sonno consigliata per le popolazioni pediatriche: una dichiarazione di consenso dell'American Academy of Sleep Medicine. J Clin Sleep Med. 2016 giugno 1512 (6): 785-6. https://doi.org/10.5664/jcsm.5866
    4. Quattro. Gradisar, M., Jackson, K., Spurrier, N. J., Gibson, J., Whitham, J., Williams, A. S., Dolby, R. e Kennaway, D. J. (2016). Interventi comportamentali per problemi di sonno infantile: uno studio controllato randomizzato. Pediatria, 137 (6), e20151486. https://doi.org/10.1542/peds.2015-1486
    5. 5. ADAMO. Enciclopedia medica. (2018, 11 ottobre). Abitudini di andare a dormire per neonati e bambini. Estratto il 9 dicembre 2020 da https://medlineplus.gov/ency/article/002392.htm
    6. 6. Consolini, D. M., (2019, settembre). Versione per consumatori del manuale Merck: dormire nei neonati e nei lattanti. Estratto il 9 dicembre 2020 da https://www.merckmanuals.com/home/children-s-health-issues/care-of-newborns-and-infants/sleeping-in-newborns-and-infants?query=sleep