Che cosa causa l'insonnia?

Insonnia è un disturbo del sonno che colpisce fino al 35% degli adulti. È caratterizzato da problemi ad addormentarsi, dormire tutta la notte e dormire tutto il tempo che desideri fino al mattino. Può avere effetti gravi, portando a eccessiva sonnolenza diurna , per maggior rischio di incidenti automobilistici e effetti sulla salute diffusi dalla privazione del sonno.

Le cause comuni dell'insonnia includono stress, sonno irregolare, cattive abitudini del sonno, disturbi della salute mentale come ansia e depressione, malattie fisiche e dolore, farmaci, problemi neurologici e disturbi del sonno specifici. Per molte persone, una combinazione di questi fattori può avviare ed esacerbare l'insonnia.



L'insonnia è tutta uguale?

Non tutta l'insonnia è uguale alle stesse persone sperimentare la condizione in modi diversi . L'insonnia a breve termine si verifica solo per un breve periodo mentre l'insonnia cronica dura tre mesi o più. Per alcune persone, il problema principale è addormentarsi (inizio del sonno), mentre altri lottano per rimanere addormentati (mantenimento del sonno).

Il modo in cui una persona è affetta da insonnia può variare in modo significativo in base alla sua causa, gravità e come è influenzata dalle condizioni di salute sottostanti.

Quali sono le cause comuni di insonnia?

Esistono numerose potenziali cause di insonnia e, in molti casi, possono essere coinvolti più fattori. Un sonno povero può anche innescare o peggiorare altre condizioni di salute, creando una complessa catena di causa ed effetto per l'insonnia.



A livello olistico, si ritiene che sia l'insonnia causato da uno stato di ipereccitazione che interrompe l'addormentarsi o il rimanere addormentati. L'iperarousal può essere sia mentale che fisico e può essere innescato da una serie di circostanze e problemi di salute.

Insonnia e stress

Fatica può provocare a profonda reazione nel corpo ciò rappresenta una sfida per la qualità del sonno. Questa risposta allo stress può provenire dal lavoro, dalla scuola e dalle relazioni sociali. L'esposizione a situazioni traumatiche può creare stress cronico, incluso disturbo post-traumatico da stress (PTSD) .

La risposta fisica del corpo allo stress contribuisce all'iperattività e lo stress mentale può avere lo stesso effetto. L'incapacità di dormire può diventare essa stessa una fonte di stress, rendendo sempre più difficile interrompere il ciclo di stress e insonnia.



I ricercatori ritengono che alcuni individui siano più vulnerabili ai problemi di sonno indotti dallo stress. Queste persone sono considerate sballate 'Reattività al sonno', che è legato ad altri problemi che influenzano il loro sonno e la loro salute fisica e mentale.

Insonnia e orari di sonno irregolari

In un mondo ideale, l'orologio interno del corpo, noto come suo ritmo circadiano , segue da vicino lo schema quotidiano del giorno e della notte. In realtà, molte persone hanno orari del sonno che causano un disallineamento del loro ritmo circadiano.

Due esempi ben noti sono disritmia e lavoro a turni . Il jet lag disturba il sonno perché il corpo di una persona non può adattarsi a un rapido cambiamento del fuso orario. Il lavoro a turni richiede che una persona lavori tutta la notte e dorma durante il giorno. Entrambi possono dare origine a un ritmo circadiano interrotto e all'insonnia.

In alcune persone, i ritmi circadiani possono essere spostati in avanti o indietro senza una chiara causa, con conseguenti difficoltà persistenti nei tempi del sonno e nella qualità generale del sonno.

Insonnia e stile di vita

Abitudini malsane e routine legate allo stile di vita, al cibo e alle bevande possono aumentare il rischio di insonnia di una persona.

Diverse scelte di vita possono causare problemi di sonno:

  • Mantenere il cervello stimolato fino a tarda sera, ad esempio lavorando fino a tardi, giocando ai videogiochi o usando altri dispositivi elettronici .
  • Fare un sonnellino nel tardo pomeriggio può far perdere tempo al sonno e rendere difficile addormentarsi la notte.
  • Dormire più tardi per recuperare il sonno perso può confondere l'orologio interno del tuo corpo e rendere difficile stabilire un programma di sonno sano.
  • Usando il tuo letto poiché le attività oltre al sonno possono creare associazioni mentali tra il tuo letto e la veglia.

Anche se spesso trascurate, le scelte sulla dieta possono avere un ruolo nei problemi del sonno come l'insonnia.

Caffeina è uno stimolante che può rimanere nel tuo sistema per ore, rendendo più difficile prendere sonno e potenzialmente contribuendo all'insonnia se usato nel pomeriggio e la sera. La nicotina è un altro stimolante che può influire negativamente sul sonno.

Alcol , che è un sedativo che può farti sentire assonnato, può effettivamente peggiorare il tuo sonno disturbando il tuo ciclo del sonno e causando un sonno frammentato e non ristoratore.

Mangiare pasti pesanti e cibi piccanti può essere difficile per il tuo processo digestivo e avere il potenziale per generare problemi di sonno se consumati più tardi la sera.

Insonnia e disturbi della salute mentale

Condizioni di salute mentale come ansia , depressione e il disturbo bipolare spesso danno origine a gravi problemi di sonno. È stimato che 40% delle persone con insonnia ha un disturbo di salute mentale.

Queste condizioni possono incitare pensieri negativi pervasivi e ipereccitazione mentale che disturba il sonno. Inoltre, gli studi indicano che l'insonnia può esacerbare l'umore e i disturbi d'ansia , peggiorando e persino i sintomi aumentare il rischio di suicidio nelle persone con depressione.

Insonnia, malattia fisica e dolore

Quasi tutte le condizioni che causano dolore può disturbare il sonno rendendo più difficile sdraiarsi comodamente a letto. Soffermarsi sul dolore quando si è insonni a letto può amplificarlo, aumento dello stress e problemi di sonno .

Le complicazioni di salute legate al diabete di tipo II possono essere parte di un causa sottostante dell'insonnia . Il dolore causato dalla neuropatia periferica, un bisogno più frequente di idratazione e minzione e rapidi cambiamenti di zucchero nel sangue possono interrompere il sonno. C'è anche un correlazione tra diabete e altre condizioni di salute che sono noti per interferire con il sonno incluso apnea ostruttiva del sonno (OSA) e depressione .

Altri tipi di malattie fisiche, comprese quelle che colpiscono il sistema respiratorio o nervoso, possono porre difficoltà al sonno che possono culminare in insonnia cronica o a breve termine.

Insonnia e farmaci

Possono esserci problemi di sonno e insonnia effetti collaterali di molti tipi di farmaci . Gli esempi includono farmaci per la pressione sanguigna, farmaci anti-asma e antidepressivi. Altri farmaci possono causare sonnolenza diurna che può compromettere il programma del sonno di una persona.

Non è solo l'assunzione di farmaci che possono interrompere il sonno. Quando qualcuno smette di prendere un farmaco, l'astinenza o altri aspetti della reazione del corpo possono creare difficoltà per il sonno.

Lettura correlata

  • donna sdraiata sveglia a letto
  • anziano che dorme
  • Insonnia

Insonnia e problemi neurologici

Problemi che interessano il cervello, incluso neurodegenerativo e disturbi dello sviluppo neurologico, sono stati trovati essere associati a un elevato rischio di insonnia.

Disturbi neurodegenerativi, come demenza e la demenza di Alzheimer, possono eliminare il ritmo circadiano di una persona e la percezione dei segnali quotidiani che guidano il ciclo sonno-veglia. La confusione notturna può peggiorare ulteriormente la qualità del sonno.

Disturbi dello sviluppo neurologico simili sindrome da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) può causare ipereccitazione che lo rende difficile per le persone ottenere il sonno di cui hanno bisogno . I problemi di sonno lo sono comune per i bambini con disturbo dello spettro autistico (ASD) e può persistere nell'età adulta.

Insonnia e disturbi del sonno specifici

Disturbi del sonno specifici possono essere una causa di insonnia. L'apnea ostruttiva del sonno, che causa numerosi vuoti respiratori e interruzioni temporanee del sonno, colpisce fino al 20% delle persone e può essere un fattore sottostante che causa insonnia e sonnolenza diurna.

Sindrome delle gambe senza riposo (RLS) riduce il sonno provocando un forte impulso a muovere le gambe. Comportamenti anormali durante il sonno , note come parasonnie, possono interferire con il sonno. Alcuni esempi ben noti di parasonnie includono sonnambulismo , incubi , e paralisi nel sonno .

Quali sono le cause dell'insonnia negli anziani?

L'insonnia si verifica in 30-48% degli anziani , che spesso hanno particolari difficoltà con il mantenimento del sonno.

Come nelle persone di età più giovane, stress, disturbi fisici, problemi di salute mentale e cattive abitudini del sonno possono causare insonnia negli anziani. Tuttavia, gli anziani sono spesso più sensibili a queste cause a causa di livelli più elevati di condizioni di salute croniche, isolamento sociale e un maggiore utilizzo di più farmaci da prescrizione che possono influire sul sonno.

La ricerca indica che le persone di età superiore ai 60 anni hanno meno efficienza del sonno. Trascorrono meno tempo nel sonno profondo e nel sonno REM, il che lo rende più facile che il loro sonno venga disturbato . Una diminuzione dell'esposizione alla luce del giorno e segnali ambientali ridotti per il sonno e la veglia possono influenzare il ritmo circadiano, specialmente per gli anziani in contesti di assistenza gestita.

Ricevi le ultime informazioni durante il sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email sarà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

Quali sono le cause dell'insonnia negli adolescenti?

È stato stimato che l'insonnia influisca fino al 23,8% degli adolescenti . I cambiamenti biologici spingono gli adolescenti verso un futuro, Programma di sonno 'nottambulo' , ma di solito non riescono a dormire quanto vorrebbero al mattino a causa di orari di inizio scuola .

Adolescenti può essere particolarmente suscettibile a impegni eccessivi e stress da scuola, lavoro e obblighi sociali. Anche gli adolescenti hanno tassi elevati di utilizzando dispositivi elettronici nella loro camera da letto. Ciascuno di questi fattori contribuisce a un alto tasso di insonnia durante l'adolescenza.

Quali sono le cause dell'insonnia durante la gravidanza?

Molti fattori possono causare insonnia durante la gravidanza :

  • Disagio: L'aumento del peso e la composizione corporea modificata possono influire sul posizionamento e sul comfort a letto.
  • Respirazione interrotta: La crescita dell'utero esercita una pressione sui polmoni, creando potenziali problemi respiratori durante il sonno. I cambiamenti ormonali possono aumentare il russare e il rischio di apnea notturna centrale, che comporta brevi interruzioni del respiro.
  • Riflusso: Una digestione più lenta può provocare reflusso gastroesofageo distruttivo la sera.
  • Nicturia: Una maggiore frequenza urinaria può creare la necessità di alzarsi dal letto per andare in bagno.
  • Sindrome delle gambe senza riposo: La causa esatta è sconosciuta, ma le donne incinte corrono un rischio maggiore di RLS anche se non hanno mai avuto sintomi prima di rimanere incinte.

Gli studi lo hanno scoperto più della metà delle donne in gravidanza segnalare problemi di sonno coerenti con l'insonnia. Nel primo trimestre, le donne incinte dormono spesso più ore totali, ma la qualità del loro sonno diminuisce. Dopo il primo trimestre, il tempo totale di sonno diminuisce, con i problemi di sonno più significativi che si verificano durante il terzo trimestre.

  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +22 Fonti
    1. 1. Sateia M. J. (2014). Classificazione internazionale dei disturbi del sonno - terza edizione: highlights e modifiche. Petto, 146 (5), 1387-1394. https://doi.org/10.1378/chest.14-0970
    2. Due. Roth T. (2007). Insonnia: definizione, prevalenza, eziologia e conseguenze. Journal of Clinical Sleep Medicine: JCSM: pubblicazione ufficiale dell'American Academy of Sleep Medicine, 3 (5 Suppl), S7 – S10.
    3. 3. Kalmbach, D. A., Cuamatzi-Castelan, A. S., Tonnu, C. V., Tran, K. M., Anderson, J. R., Roth, T. e Drake, C. L. (2018). Iperarousal e reattività del sonno nell'insonnia: approfondimenti attuali. Natura e scienza del sonno, 10, 193–201. https://doi.org/10.2147/NSS.S138823
    4. Quattro. Kalmbach, D.A., Anderson, J. R. e Drake, C. L. (2018). L'impatto dello stress sul sonno: reattività patogena del sonno come vulnerabilità all'insonnia e ai disturbi circadiani. Journal of sleep research, 27 (6), e12710. https://doi.org/10.1111/jsr.12710
    5. 5. Schwab, R. J. (2020, giugno). Insonnia: Difficoltà ad addormentarsi: Disturbi del sonno: Manuale Home Edition - Disturbi del cervello, del midollo spinale e dei nervi. Estratto il 20 luglio 2020. https://www.msdmanuals.com/home/brain,-spinal-cord,-and-nerve-disorders/sleep-disorders/insomnia-and-excessive-daytime-sleepiness-eds
    6. 6. Neckelmann, D., Mykletun, A. e Dahl, A. A. (2007). Insonnia cronica come fattore di rischio per lo sviluppo di ansia e depressione. Sleep, 30 (7), 873–880. https://doi.org/10.1093/sleep/30.7.873
    7. 7. Ağargün, M. Y., Kara, H. e Solmaz, M. (1997). Disturbi del sonno e comportamento suicidario in pazienti con depressione maggiore. The Journal of clinic psichiatria, 58 (6), 249–251. https://doi.org/10.4088/jcp.v58n0602
    8. 8. Finan, P. H., Goodin, B. R., & Smith, M. T. (2013). L'associazione tra sonno e dolore: un aggiornamento e un percorso in avanti. Il giornale del dolore: giornale ufficiale dell'American Pain Society, 14 (12), 1539–1552. https://doi.org/10.1016/j.jpain.2013.08.007
    9. 9. Khandelwal, D., Dutta, D., Chittawar, S. e Kalra, S. (2017). Disturbi del sonno nel diabete di tipo 2. Giornale indiano di endocrinologia e metabolismo, 21 (5), 758-761. https://doi.org/10.4103/ijem.IJEM_156_17
    10. 10. Resnick, H. E., Redline, S., Shahar, E., Gilpin, A., Newman, A., Walter, R., Ewy, G. A., Howard, B. V., Punjabi, N. M. e Sleep Heart Health Study (2003). Diabete e disturbi del sonno: risultati dello Sleep Heart Health Study. Diabetes care, 26 (3), 702-709. https://doi.org/10.2337/diacare.26.3.702
    11. undici. Wojujutari, A. K., Alabi, O. T., & Emmanuel, I. E. (2019). La resilienza psicologica modera l'influenza della depressione sulla disfunzione del sonno delle persone che convivono con il diabete. Journal of diabete e disturbi metabolici, 18 (2), 429–436. https://doi.org/10.1007/s40200-019-00436-9
    12. 12. MedlinePlus [Internet]. Bethesda (MD): National Library of Medicine (US) [aggiornato il 27 agosto 2019]. Malattie degenerative dei nervi [aggiornato il 20 marzo 2020 aggiornato il 29 aprile 2014 recuperato il 6 luglio 2020]. https://medlineplus.gov/degenerativenervediseases.html
    13. 13. Hvolby A. (2015). Associazioni di disturbi del sonno con ADHD: implicazioni per il trattamento. Disturbi da deficit di attenzione e iperattività, 7 (1), 1–18. https://doi.org/10.1007/s12402-014-0151-0
    14. 14. Devnani, P. A., e Hegde, A. U. (2015). Autismo e disturbi del sonno. Journal of pediatric neurosciences, 10 (4), 304-307. https://doi.org/10.4103/1817-1745.174438
    15. quindici. Franklin, K. A. e Lindberg, E. (2015). L'apnea ostruttiva del sonno è un disturbo comune nella popolazione, una revisione sull'epidemiologia dell'apnea notturna. Journal of thoracic disease, 7 (8), 1311-1322. https://doi.org/10.3978/j.issn.2072-1439.2015.06.11
    16. 16. Patel, D., Steinberg, J. e Patel, P. (2018). Insonnia negli anziani: una revisione. Journal of Clinical Sleep Medicine: JCSM: pubblicazione ufficiale dell'American Academy of Sleep Medicine, 14 (6), 1017-1024. https://doi.org/10.5664/jcsm.7172
    17. 17. Duffy, J. F., Scheuermaier, K. e Loughlin, K. R. (2016). Disturbi del sonno legati all'età e riduzione del ritmo circadiano della produzione di urina: contributo alla nicturia ?. Current aging science, 9 (1), 34-43. https://doi.org/10.2174/1874609809666151130220343
    18. 18. Donskoy, I., & Loghmanee, D. (2018). Insonnia nell'adolescenza. Scienze mediche (Basilea, Svizzera), 6 (3), 72. https://doi.org/10.3390/medsci6030072
    19. 19. Richter, R. (2015, 8 ottobre). Tra gli adolescenti, la privazione del sonno è un'epidemia. Estratto il 2 luglio 2020. https://med.stanford.edu/news/all-news/2015/10/among-teens-sleep-deprivation-an-epidemic.html
    20. venti. Adolescent Sleep Working Group, Committee on Adolescence e Council on School Health (2014). Orari di inizio scuola per adolescenti. Pediatria, 134 (3), 642-649. https://doi.org/10.1542/peds.2014-1697
    21. ventuno. Silvestri, R., & Aricò, I. (2019). Disturbi del sonno in gravidanza. Scienza del sonno (San Paolo, Brasile), 12 (3), 232-239. https://doi.org/10.5935/1984-0063.20190098
    22. 22. Kızılırmak, A., Timur, S. e Kartal, B. (2012). Insonnia in gravidanza e fattori legati all'insonnia. TheScientificWorldJournal, 2012, 197093. https://doi.org/10.1100/2012/197093