Quali sono i diversi tipi di insonnia?

Non tutti i casi di insonnia sono identici. Le persone possono essere colpite dall'insonnia in modi diversi e distinguere tra le forme della condizione può essere utile sia per gli operatori sanitari che per le persone con insonnia.

Esistono due tipi principali di insonnia:



Insonnia a breve termine

Conosciuto anche come insonnia acuta o insonnia da adattamento, questo è un breve episodio di difficoltà a dormire. L'insonnia a breve termine è spesso causata da un evento stressante della vita, come la perdita di una persona cara, una diagnosi medica sconcertante, una pandemia, il rimbalzo dalla cessazione di un farmaco o di marijuana o un importante cambiamento di lavoro o di relazione.

L'insonnia acuta dura meno di tre mesi ei sintomi possono svanire da soli col passare del tempo e una persona affronta l'incidente stressante che ha dato origine ai suoi problemi di sonno. Tuttavia, l'insonnia a breve termine può essere persistente e diventare insonnia cronica.

L'insonnia a breve termine può colpire sia i bambini che gli adulti. È più comune nelle donne che negli uomini, e può sorgere durante la gravidanza così come la menopausa.



Insonnia cronica

L'insonnia cronica è un modello a lungo termine di difficoltà a dormire. L'insonnia è considerata cronica se una persona ha difficoltà ad addormentarsi o a restare addormentata almeno tre notti a settimana per tre mesi o più.

Alcune persone con insonnia cronica hanno una lunga storia di difficoltà a dormire. Incapacità di ottenere il file sonno di cui hanno bisogno può essere persistente o scomparire e ripresentarsi con episodi di mesi alla volta.

L'insonnia cronica ha molte potenziali cause . Come l'insonnia acuta, può essere legata a situazioni stressanti, ma può anche essere correlata a programmi di sonno irregolari, scarsa igiene del sonno, incubi persistenti, disturbi di salute mentale, problemi fisici o neurologici sottostanti, farmaci, un compagno di letto e certi altri tipi di sonno disturbi.



Come l'insonnia a breve termine, l'insonnia cronica si verifica in persone di tutte le età e ha una maggiore prevalenza nelle donne.

Altri modi per descrivere l'insonnia

Mentre il disturbo del sonno dell'insonnia è principalmente classificato come a breve termine o cronico, ci sono altri termini che possono essere usati per descrivere l'insonnia.

Lettura correlata

  • donna sdraiata sveglia a letto
  • anziano che dorme
  • Insonnia

Questi termini possono essere usati in modo informale o come un modo per migliorare i ricercatori categorizzare e analizzare i diversi modi in cui si può sperimentare l'insonnia.

Insonnia di inizio del sonno

L'insonnia dell'inizio del sonno descrive la difficoltà ad addormentarsi all'inizio della notte o, nel caso dei lavoratori a turni, ogni volta che tentano di iniziare il sonno. È associato all'idea di rigirarsi e rigirarsi senza riuscire ad addormentarsi. La maggior parte delle persone con problemi di insorgenza del sonno non riesce ad addormentarsi anche dopo aver trascorso 20-30 minuti a letto.

L'incapacità di addormentarsi significa che una persona con insonnia di questa natura ha ridotto il tempo totale di sonno e può sentire gli effetti di quella mancanza di sonno il giorno successivo.

Insonnia di mantenimento del sonno

L'insonnia da mantenimento del sonno descrive l'incapacità di dormire tutta la notte. Molto spesso, questo significa svegliarsi almeno una volta durante la notte e lottare per riaddormentarsi per almeno 20-30 minuti.

Il sonno frammentato associato a una scarsa manutenzione del sonno significa una diminuzione sia della quantità che della qualità del sonno, creando maggiori possibilità di sonnolenza o lentezza diurna.

Risveglio mattutino insonnia

Il risveglio mattutino dell'insonnia comporta il risveglio ben prima che una persona lo desideri o pianifichi di farlo al mattino. Alcuni esperti lo considerano un componente del mantenimento del sonno, mentre altri lo considerano separatamente.

L'impossibilità di ottenere la quantità di sonno desiderata può compromettere la funzione fisica e mentale di una persona il giorno successivo.

Ricevi le ultime informazioni durante il sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email sarà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

Insonnia mista

Sebbene non sia un termine formale, il descrittore insonnia mista può essere applicato a persone che hanno una combinazione di problemi legati all'insorgenza del sonno, al mantenimento del sonno e ai risvegli mattutini.

In generale, il termine più ampio insonnia può essere pensato per descrivere l'insonnia mista perché è comune per le persone avere problemi di sonno sovrapposti. Inoltre, le persone con insonnia lo trovano spesso i loro sintomi possono cambiare nel tempo , rendendo difficile classificare rigorosamente l'insonnia tra i sottotipi di insorgenza, mantenimento e risvegli mattutini.

Comorbidità insonnia

In passato, i problemi del sonno venivano talvolta etichettati come insonnia concomitante o insonnia secondaria. Ciò significava che si credeva che l'insonnia derivasse da un'altra condizione come ansia , depressione , apnea notturna, malattia da reflusso gastroesofageo (GERD) , o dolore fisico .

La ricerca contemporanea ha generato una comprensione più profonda dell'insonnia che riconosce che i problemi di sonno hanno spesso una relazione bidirezionale con altri problemi di salute. Ad esempio, mentre l'ansia può contribuire all'insonnia, l'insonnia può innescare o esacerbare l'ansia anche. Inoltre, l'insonnia innescata da un'altra condizione non sempre scompare anche dopo che il problema sottostante è stato risolto.

A causa della complessità di queste relazioni, diventa difficile classificare l'insonnia come strettamente comorbida o secondaria. Allo stesso modo, la presenza di molteplici fattori che contribuiscono rende l'identificazione di una singola causa di insonnia difficile per molti pazienti.

Per questi motivi, i sistemi di classificazione dell'insonnia utilizzati nella medicina del sonno lo hanno si è allontanato da questa terminologia per una più ampia comprensione dell'insonnia .

Ricerche future sui tipi di insonnia

L'insonnia può manifestarsi in modi diversi e i ricercatori stanno lavorando per identificare ulteriormente come cause, sintomi, conseguenze sulla salute e trattamenti possano essere diversi tra i diversi sottotipi. Ad esempio, alcuni studi hanno tentato di collegare le variazioni dell'insonnia a la vita e la storia della salute della persona e ad una miriade di altre variabili individuali .

In futuro, è possibile che un'indagine continua su queste linee possa affinare la nostra comprensione dell'insonnia ed espandere la capacità di ottimizzare il trattamento per un dato paziente.

  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +10 Fonti
    1. 1. Zhang, B. e Wing, Y. K. (2006). Differenze di sesso nell'insonnia: una meta-analisi. Sleep, 29 (1), 85-93. https://doi.org/10.1093/sleep/29.1.85
    2. Due. Silvestri, R., & Aricò, I. (2019). Disturbi del sonno in gravidanza. Scienza del sonno (San Paolo, Brasile), 12 (3), 232-239. https://doi.org/10.5935/1984-0063.20190098
    3. 3. Bjorøy, I., Jørgensen, V. A., Pallesen, S. e Bjorvatn, B. (2020). La prevalenza dei sottotipi di insonnia in relazione a caratteristiche demografiche, ansia, depressione, consumo di alcol e uso di ipnotici. Frontiere in psicologia, 11, 527. https://doi.org/10.3389/fpsyg.2020.00527
    4. Quattro. Hohagen, F., Käppler, C., Schramm, E., Riemann, D., Weyerer, S., & Berger, M. (1994). Insonnia di inizio del sonno, insonnia di mantenimento del sonno e insonnia con risveglio mattutino - stabilità temporale dei sottotipi in uno studio longitudinale su assistenti di medicina generale. Sleep, 17 (6), 551–554. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/7809569/
    5. 5. Finan, P. H., Goodin, B. R., & Smith, M. T. (2013). L'associazione tra sonno e dolore: un aggiornamento e un percorso in avanti. Il giornale del dolore: giornale ufficiale dell'American Pain Society, 14 (12), 1539–1552. https://doi.org/10.1016/j.jpain.2013.08.007
    6. 6. Neckelmann, D., Mykletun, A. e Dahl, A. A. (2007). Insonnia cronica come fattore di rischio per lo sviluppo di ansia e depressione. Sleep, 30 (7), 873–880. https://doi.org/10.1093/sleep/30.7.873
    7. 7. Sateia M. J. (2014). Classificazione internazionale dei disturbi del sonno - terza edizione: highlights e modifiche. Petto, 146 (5), 1387-1394. https://doi.org/10.1378/chest.14-0970
    8. 8. Blanken, TF, Benjamins, JS, Borsboom, D., Vermunt, JK, Paquola, C., Ramautar, J., Dekker, K., Stoffers, D., Wassing, R., Wei, Y. e Van Someren , E. (2019). Sottotipi di disturbo dell'insonnia derivati ​​dalla storia della vita e dai tratti dell'affetto e della personalità. La lancetta. Psichiatria, 6 (2), 151–163. https://doi.org/10.1016/S2215-0366(18)30464-4
    9. 9. Benjamins, J. S., Migliorati, F., Dekker, K., Wassing, R., Moens, S., Blanken, T. F., Te Lindert, B., Sjauw Mook, J. e Van Someren, E. (2017). Eterogeneità dell'insonnia: caratteristiche da considerare per la sottotipizzazione multivariata basata sui dati. Recensioni sulla medicina del sonno, 36, 71-81. https://doi.org/10.1016/j.smrv.2016.10.005
    10. 10. Accademia americana di medicina del sonno. La classificazione internazionale dei disturbi del sonno - Terza edizione (ICSD-3). Darien, IL: American Academy of Sleep Medicine, 2014.