Sogni vividi

Spendiamo circa due ore per notte sognando . Molte persone non ricordano i loro sogni o hanno solo un vago ricordo di ciò che è accaduto. Tuttavia, a volte, potresti svegliarti con ricordi nitidi dei tuoi sogni.

Il contenuto di un sogno vivido può causare sentimenti di gioia o conforto. Potresti anche ritrovarti a svegliarti desiderando di poter tornare al sogno. I sogni vividi possono essere fantastici, lasciandoti a chiederti come il tuo cervello possa aver evocato uno scenario così strano. I sogni vividi possono anche essere sconvolgenti o inquietanti e in alcuni casi possono interferire con l'esperienza del sonno di qualità.



Cosa causa sogni vividi?

Il due fasi principali del sonno sono il movimento rapido degli occhi (REM) e il sonno non REM. Sebbene il sogno possa aver luogo sia durante il sonno REM sia durante il sonno non REM, i sogni vissuti durante il sonno REM tendono ad essere più vividi. Inoltre, i cicli REM sono in genere più lunghi e più profondi al mattino (verso la fine del sonno).

Fattori che possono contribuire a sogni vividi:

  • Sonno frammentato : Poiché i sogni vividi tendono a verificarsi durante il sonno REM, il risveglio durante o subito dopo il sonno REM aumenta le possibilità che ricorderai il tuo sogno in modo più vivido.
  • Privazione del sonno : Uno studio ha rilevato che i partecipanti privato del sonno REM una notte ha sperimentato periodi più lunghi di sonno REM e una maggiore intensità del sogno la notte successiva.
  • Fatica : Le prove suggeriscono che le persone che soffrono di sintomi di ansia durante il giorno hanno maggiori probabilità di vivere sogni con contenuti sconvolgenti. Ciò può anche portare a disturbi della salute mentale, come ansia e depressione.
  • Farmaco : Alcuni farmaci possono influenzare la vividezza dei sogni. Ad esempio, uno studio ha suggerito che gli SSRI (una categoria di antidepressivi) diminuissero la frequenza con cui i pazienti ricordavano i loro sogni, ma aumentassero il vividezza dei sogni quando sono stati richiamati. Altri farmaci possono causare incubi , come i beta-bloccanti (un trattamento per l'ipertensione) e i farmaci per il morbo di Parkinson.
  • Disordini del sonno: Ciò comprende narcolessia , che è caratterizzato da un'eccessiva sonnolenza diurna. Gli individui con narcolessia soffrono di frequente sogni vividi e bizzarri .
  • Gravidanza : I cambiamenti fisici e ormonali che si verificano durante la gravidanza possono causare insonnia e disturbi del sonno. Uno studio di ricerca ha rilevato che le donne nel terzo trimestre di gravidanza hanno sperimentato di più sconvolgente immaginazione dei sogni rispetto alle donne non gravide.

I sogni vividi sono motivo di preoccupazione?

Lettura correlata

  • uomo che cammina nel parco con il suo cane
  • medico che parla al paziente
  • donna che sembra stanca

In genere, i sogni vividi non sono motivo di preoccupazione. Sebbene i ricercatori non comprendano ancora appieno la funzione o il significato specifico dei sogni, alcuni postulano che i sogni siano una parte naturale dei sogni elaborazione emotiva e formazione della memoria Ricevi le ultime informazioni durante il sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email sarà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .



Incubi sono sogni vividi con contenuti spaventosi o inquietanti. Molte persone sperimentano incubi occasionali che si risolvono da soli. Tuttavia, disturbo da incubo è un disturbo del sonno in cui gli incubi interferiscono con la capacità di dormire a sufficienza. Se stai vivendo una perdita di sonno a causa di incubi cronici, è importante parla con il tuo medico .

Come promuovere sogni vividi

Come fermare i sogni vividi

  • Pratica una buona igiene del sonno : Mantieni un programma di sonno regolare e assicurati che l'ambiente della tua camera da letto favorisca il sonno.
  • Coltiva la tranquillità : I ricercatori hanno scoperto che le persone con punteggi più alti nelle misure di tranquillità hanno maggiori probabilità di avere un contenuto di sogno positivo. Tranquillità significa essere in grado di accettare sia le esperienze belle che quelle difficili che si verificano nella vita quotidiana. Per coltivare la pace mentale, può essere utile impegnarsi pratiche antistress come la meditazione consapevole e gli esercizi di rilassamento.

Supplementi di melatonina e sogni vividi

Melatonina è un ormone prodotto naturalmente dall'organismo che sostiene il ciclo sonno-veglia. Ci sono dati contrastanti sugli effetti degli integratori di melatonina e dei sogni. È stato dimostrato che riduce i sogni vividi in alcuni disturbi del sonno. Ad esempio, uno studio di individui con Disturbo comportamentale del sonno REM trovato integratori di melatonina riduzione dei sogni spaventosi e altri sintomi .

In altri scenari, la melatonina può aumentare il sonno REM e quindi la possibilità di sperimentare sogni vividi. Gli effetti a lungo termine dell'uso di melatonina sono sconosciuti, quindi assicurati di chiedere a un medico se è sicuro e appropriato per te.



  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +13 Fonti
    1. 1. Istituto nazionale di disturbi neurologici e ictus (NINDS). (2019, 13 agosto). Nozioni di base sul cervello: capire il sonno. Estratto il 31 agosto 2020 da https://www.ninds.nih.gov/Disorders/patient-caregiver-education/understanding-sleep
    2. Due. Pagel J. F. (2000). Incubi e disturbi del sogno. Medico di famiglia americano, 61 (7), 2037-2044. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/10779247/
    3. 3. Nielsen, T., Stenstrom, P., Takeuchi, T., Saucier, S., Lara-Carrasco, J., Solomonova, E., & Martel, E. (2005). La privazione del sonno REM parziale aumenta la qualità del sogno mentale dal sonno REM e dall'inizio del sonno. Sleep, 28 (9), 1083-1089. https://doi.org/10.1093/sleep/28.9.1083
    4. Quattro. Sikka, P., Pesonen, H. e Revonsuo, A. (2018). La tranquillità e l'ansia nello stato di veglia sono legate al contenuto affettivo dei sogni. Relazioni scientifiche, 8 (1), 12762. https://doi.org/10.1038/s41598-018-30721-1
    5. 5. Pace-Schott, E. F., Gersh, T., Silvestri, R., Stickgold, R., Salzman, C., & Hobson, J. A. (2001). Il trattamento con SSRI sopprime la frequenza di richiamo dei sogni ma aumenta l'intensità del sogno soggettivo nei soggetti normali. Journal of sleep research, 10 (2), 129-142. https://doi.org/10.1046/j.1365-2869.2001.00249.x
    6. 6. Novak, M. e Shapiro, C. M. (1997). Disturbi del sonno indotti da farmaci. Concentrati sui farmaci non psicotropi. Sicurezza dei farmaci, 16 (2), 133-149. https://doi.org/10.2165/00002018-199716020-00005
    7. 7. Schiappa, C., Scarpelli, S., D'Atri, A., Gorgoni, M., & De Gennaro, L. (2018). Narcolessia ed esperienza emotiva: una rassegna della letteratura. Funzioni comportamentali e cerebrali: BBF, 14 (1), 19. https://doi.org/10.1186/s12993-018-0151-x
    8. 8. Lara-Carrasco, J., Simard, V., Saint-Onge, K., Lamoureux-Tremblay, V. e Nielsen, T. (2014). Sognare disturbato durante il terzo trimestre di gravidanza. Medicina del sonno, 15 (6), 694–700. https://doi.org/10.1016/j.sleep.2014.01.026
    9. 9. Scarpelli, S., Bartolacci, C., D'Atri, A., Gorgoni, M., & De Gennaro, L. (2019). Attività mentale del sonno e sogni inquietanti nel corso della vita. Rivista internazionale di ricerca ambientale e salute pubblica, 16 (19), 3658. https://doi.org/10.3390/ijerph16193658
    10. 10. Accademia americana di medicina del sonno. (2014). La classificazione internazionale dei disturbi del sonno - Terza edizione (ICSD-3). Darien, IL.
    11. undici. Schredl, M. (2002). Questionari e diari come strumenti di ricerca nella ricerca sui sogni: questioni metodologiche. Sognare, 12, 17–26. https://doi.org/10.1023/A:1013890421674
    12. 12. Colrain, I. M., Nicholas, C. L., & Baker, F. C. (2014). Alcol e cervello addormentato. Manuale di neurologia clinica, 125, 415–431. https://doi.org/10.1016/B978-0-444-62619-6.00024-0
    13. 13. McGrane, I. R., Leung, J. G., St Louis, E. K., e Boeve, B. F. (2015). Terapia con melatonina per il disturbo del comportamento del sonno REM: una revisione critica delle prove. Medicina del sonno, 16 (1), 19-26. https://doi.org/10.1016/j.sleep.2014.09.011