Trattamenti per l'apnea ostruttiva del sonno

L'apnea ostruttiva del sonno (OSA) è uno dei disturbi del sonno più comuni e può avere conseguenze significative sulla salute se non trattata. È caratterizzato da respirazione interrotta, sonno frammentato e diminuzione del livello di ossigeno nel corpo.

Le sezioni seguenti forniscono un'introduzione ad aspetti importanti del trattamento dell'apnea ostruttiva del sonno. Il trattamento per l'apnea ostruttiva del sonno spesso coinvolge più componenti ed è personalizzato per ogni singolo paziente. Un professionista della salute può spiegare la condizione, rivedere le opzioni di trattamento e descrivere i vantaggi e gli svantaggi di diversi approcci alla gestione della condizione per qualsiasi persona specifica.



Educazione del paziente e cambiamenti nello stile di vita

Una componente iniziale del trattamento per l'apnea ostruttiva del sonno è informare il paziente sulla condizione e come può essere aiutato da specifici cambiamenti dello stile di vita.

L'apnea ostruttiva del sonno può causare una significativa sonnolenza diurna ed è importante che le persone con OSA siano consapevoli di questo problema, soprattutto se trascorrono molto tempo alla guida o al funzionamento di macchinari pesanti.

L'educazione del paziente implica anche la spiegazione dei fattori che contribuiscono all'OSA. Apportare i cambiamenti dello stile di vita descritti nelle sezioni seguenti - perdere peso, fare esercizio fisico regolarmente, limitare l'uso di alcol e sedativi, evitare il fumo di sigaretta e regolare la posizione del sonno - può ridurre la gravità dell'OSA.
Sebbene questi cambiamenti possano svolgere un ruolo importante nel trattamento dell'apnea ostruttiva del sonno, potrebbero non risolvere completamente la condizione e spesso devono essere combinati con altre terapie per ridurre i sintomi dell'OSA.



Perdita di peso

Peso in eccesso e obesità sono fattori trainanti alla base di molti casi di apnea ostruttiva del sonno e la ricerca ha scoperto che perdere peso può ridurre la gravità dell'OSA . Un peso corporeo inferiore può ridurre le dimensioni di depositi di grasso nella lingua e parte posteriore della gola che può limitare le vie aeree. La perdita di peso può anche ridurre la circonferenza addominale influisce sulla capacità polmonare .

La perdita di peso può ridurre i sintomi correlati all'OSA e migliorare entrambi salute cardiovascolare e qualità generale della vita. I benefici della perdita di peso possono essere considerevoli Nei maschi moderatamente obesi, ad esempio, la perdita del 10-15% del peso corporeo può ridurre la gravità dell'OSA di fino al 50% . Ha dimostrato la perdita di peso dalla dieta e dall'esercizio fisico, nonché dalla chirurgia bariatrica un effetto sulla riduzione dell'OSA e dei suoi sintomi. Lavorare con un nutrizionista o un dietologo può aiutare a sviluppare un piano dietetico che incoraggia una perdita di peso sana e sostenibile.

Esercizio

L'esercizio fisico ha effetti positivi di vasta portata sulla salute e gli studi hanno dimostrato che trovare il tempo per essere fisicamente attivi ogni giorno può farlo aiutare a ridurre l'OSA (9). Mentre l'esercizio è spesso pensato come un mezzo per perdere peso, la ricerca ha dimostrato che l'esercizio può causare miglioramenti duraturi nella gravità e nei sintomi dell'OSA anche senza una riduzione del peso corporeo.



Limitazione di alcol e sedativi

L'alcol e i farmaci sedativi provocano il rilassamento dei tessuti vicino alle vie aeree, contribuendo a a aumento del rischio di collasso delle vie aeree e OSA . L'alcol può causare un sonno frammentato e di qualità inferiore a causa dei suoi effetti su cicli di sonno . Per questi motivi, la riduzione o l'eliminazione dell'uso di alcol e sedativi, soprattutto nelle ore che precedono l'ora di coricarsi, è spesso consigliata ai pazienti con OSA.

Evita le sigarette

I fumatori attivi hanno un aumento del rischio di apnea ostruttiva del sonno rispetto agli ex fumatori e alle persone che non hanno mai fumato. Questa ricerca indica che smettere di fumare o non iniziare mai a fumare in primo luogo può aiutare a prevenire e / o curare l'OSA. Un ampio studio ha anche scoperto che il fumo di sigaretta può farlo causare una forma più grave di apnea ostruttiva del sonno e aumento della sonnolenza diurna.

Non dormire sulla schiena

Dormire sulla schiena è un fattore di rischio per l'apnea notturna. In questa posizione, la gravità attira la lingua e altri tessuti verso il basso e verso le vie aeree, aggravando il rischio di disturbi respiratori. L'adattamento a una diversa posizione del sonno può prevenire questa costrizione delle vie aeree in alcuni pazienti e può funzionare in combinazione con altri tipi di terapia OSA.Il tuo indirizzo email verrà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

Cambiare la posizione in cui dormi è più facile a dirsi che a farsi. Alcuni dormienti naturali faranno fatica ad addormentarsi in un'altra posizione, oppure potrebbero tornare a sdraiarsi sulla schiena mentre dormono. Sono stati sviluppati diversi metodi per scoraggiare il sonno di nuovo.

Un metodo di base consiste nel cucire una pallina da tennis sul retro di una maglietta, che impedisce di sdraiarsi in posizione supina. Sebbene ciò sia efficace a breve termine, poche persone si attaccano a questa tecnica .

Dispositivi a pressione positiva delle vie aeree (PAP)

Una componente fondamentale del trattamento per l'apnea ostruttiva del sonno è l'uso di un dispositivo a pressione positiva delle vie aeree (PAP). Le macchine PAP funzionano pompando aria pressurizzata attraverso un tubo e nelle vie aeree. Il flusso d'aria stabile e costante previene il collasso delle vie aeree (14) e promuove la respirazione regolare senza frammentazione del sonno.

Lettura correlata

  • NSF
  • NSF
  • Bocca Esercizio Russare

Il trattamento con un dispositivo PAP è considerato l'attuale gold standard nel trattamento dell'apnea notturna e lo è offerto come terapia iniziale alla maggior parte dei pazienti (15). Il modo più comune di ricevere la terapia PAP è con dispositivi a pressione positiva continua (CPAP), che erogano aria con un livello di pressione costante.

Altri tipi di terapia PAP includono dispositivi bi-level (BPAP) e automatici o con autotitolazione (APAP). Il BPAP utilizza un livello di pressione per l'inalazione e un altro per l'espirazione. APAP varia i livelli di pressione secondo necessità durante il sonno.

È necessaria una prescrizione per ottenere e utilizzare qualsiasi macchina PAP e le sue impostazioni di pressione sono preimpostate in base alle misurazioni effettuate dal team sanitario. Configurazione corretta del dispositivo ti aiuta ad abituarti a dormire con un CPAP in modo da trarne il massimo beneficio.

Per aspirare l'aria pressurizzata e mantenere aperte le vie aeree, è necessario indossare una maschera attaccata al dispositivo ogni volta che si dorme. Una maschera a pieno facciale copre sia il naso che la bocca mentre altre maschere coprono o vanno sotto il naso. La scelta della maschera dipende da vari fattori, tra cui se respiri attraverso la bocca, la posizione in cui dormi e se soffri spesso di congestione nasale.

Sebbene l'utilizzo di un dispositivo PAP sia abbastanza efficace nel trattamento dell'apnea ostruttiva del sonno, può avere degli svantaggi. Alcune persone trovano scomodo indossare la maschera e potrebbero non aderire al trattamento prescritto. È importante che i pazienti lavorino a stretto contatto con il proprio team sanitario per rendere l'uso della CPAP il più confortevole possibile attraverso la selezione ottimale della maschera, le impostazioni del dispositivo e la risoluzione del disagio con la maschera o altri aspetti della terapia PAP.

Apparecchi orali

Gli apparecchi orali o i boccagli sono un'opzione di trattamento per l'OSA lieve o moderata, soprattutto se una persona non è in grado di adattarsi all'uso di un dispositivo PAP. Esistono due tipi principali di bocchini:

  • Dispositivi di avanzamento mandibolare (MAD) lavorare tenendo la mascella inferiore tirata in avanti in modo che non possa restringere le vie aeree e sia stata dimostrato di ridurre l'OSA . Anche questi dispositivi riducono russamento cronico e bruxismo correlato al sonno (digrignamento dei denti) , entrambi associati all'OSA.
  • Dispositivi di ritenzione della lingua (TRD) impedire alla lingua di scivolare di nuovo in bocca durante la notte. Quando la lingua torna indietro verso le vie aeree, può bloccare il flusso d'aria e contribuire a una respirazione disordinata. Uno studio che ha confrontato TRD e MAD ha scoperto che avevano efficacia simile per l'apnea notturna , sebbene i pazienti generalmente preferissero e dormissero meglio con un boccaglio MAD.

Diversi modelli di apparecchi orali sono venduti da banco, ma i dentisti possono realizzare dispositivi su misura per la bocca del paziente.

Sebbene gli apparecchi orali abbiano pochi effetti collaterali, utilizzarli in modo coerente non è per tutti. Come con la terapia CPAP, è necessario utilizzare un boccaglio per tutto il tempo in cui dormi e alcune persone trovano che sia scomodo, rendendo difficile dormire profondamente.

Chirurgia

Possono essere diversi tipi di intervento chirurgico impiegato come trattamento per l'apnea ostruttiva del sonno . Uno degli obiettivi della chirurgia può essere quello di affrontare le caratteristiche anatomiche che causano la restrizione delle vie aeree. Ad esempio, una procedura chirurgica chiamata uvulopalatopharyngoplasty (UPPP) rimuove il tessuto nella parte posteriore della gola compresa l'ugola (il lembo che pende in gola), parte della parete della gola e, se presente, le tonsille e le adenoidi.

Un altro tipo di intervento chirurgico noto come stimolazione delle vie aeree superiori (UAS) impianta un dispositivo che attiva il nervo ipoglosso, provocando un irrigidimento dei muscoli vicino alle vie aeree. La ricerca ha scoperto che UAS fornisce miglioramento sostenuto dell'OSA , ma sono necessarie ulteriori ricerche confrontarlo con le terapie esistenti.

Negli adulti, la chirurgia è raramente un trattamento di prima linea per l'OSA. Viene spesso considerato quando un paziente non migliora con altri tipi di terapia, come l'uso di un CPAP o di apparecchi orali. Nei bambini, tuttavia, la rimozione chirurgica delle tonsille e delle adenoidi (adenotonsillectomia) lo è spesso la forma iniziale di trattamento .

Sebbene questi interventi chirurgici siano normalmente ben tollerati, ci sono rischi di complicazioni come infezioni, sanguinamento, dolore o altri problemi vicino al sito chirurgico.

Esercizi per bocca e gola

Quando il corpo si rilassa durante il sonno, i muscoli dietro la lingua possono diventare flosci. Il russare si verifica quando l'aria fa vibrare questo tessuto molle. Il tessuto floscio può anche restringere le vie aeree e svolgere un ruolo nell'apnea ostruttiva del sonno.

Esercizi speciali della bocca e della gola , tecnicamente nota come terapia miofunzionale e / o esercizi orofaringei, può tonificare questi muscoli in modo che rimangano più tesi durante il sonno. Si è scoperto che fare questi esercizi quotidianamente per alcuni mesi ridurre la gravità dell'OSA . Sebbene gli esercizi possano dover essere combinati con altri trattamenti per ottenere risultati ottimali, non hanno praticamente costi o effetti collaterali, rendendoli un'inclusione a basso rischio nei piani di trattamento dell'apnea notturna.

Farmaci

I farmaci non sono un trattamento di prima linea per l'apnea ostruttiva del sonno e raramente sono una componente centrale della cura. Sebbene siano stati studiati alcuni farmaci per promuovere la respirazione, nessuno ha dimostrato un'efficacia sufficiente rispetto alle terapie standard esistenti. Come terapia di supporto a breve termine, possono essere prescritti farmaci stimolanti per i pazienti con apnea notturna trattare la sonnolenza diurna significativa . I ricercatori stanno anche studiando farmaci mirati alla perdita di peso, al decongestionante nasale e alla riduzione del gonfiore delle vie aeree superiori da utilizzare per migliorare i sintomi dell'OSA.

Chi fornisce il trattamento per l'apnea ostruttiva del sonno?

L'assistenza alle persone con apnea notturna è in genere diretta da un medico e il loro team sanitario può includere un terapista respiratorio, un tecnico del sonno, un dentista, un dietologo e / o un fisioterapista. Medici di base, nonché gastroenterologi, pneumologi, cardiologi, otorinolaringoiatri (orecchio, naso e gola o otorinolaringoiatri, medici) e chirurghi possono essere coinvolti nella pianificazione e nel monitoraggio del piano di trattamento di un paziente.

  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +25 Fonti
    1. 1. Strohl, K. P. (2019, marzo). Versione per consumatori del manuale MSD: apnea notturna. Estratto il 26 agosto 2020. https://www.merckmanuals.com/home/lung-and-airway-disorders/sleep-apnea/sleep-apnea
    2. Due. Peppard, P.E., Young, T., Palta, M., Dempsey, J., & Skatrud, J. (2000). Studio longitudinale di moderata variazione di peso e disturbi respiratori del sonno. JAMA, 284 (23), 3015-3021. https://doi.org/10.1001/jama.284.23.3015
    3. 3. Wang, S. H., Keenan, B. T., Wiemken, A., Zang, Y., Staley, B., Sarwer, D. B., Torigian, D. A., Williams, N., Pack, A. I., & Schwab, R. J. (2020). Effetto della perdita di peso sull'anatomia delle vie aeree superiori e sull'indice di apnea-ipopnea. L'importanza del grasso della lingua. Rivista americana di medicina respiratoria e di terapia intensiva, 201 (6), 718–727. https://doi.org/10.1164/rccm.201903-0692OC
    4. Quattro. Pahkala, R., Seppä, J., Ikonen, A., Smirnov, G. e Tuomilehto, H. (2014). L'impatto del tessuto adiposo faringeo sulla patogenesi dell'apnea ostruttiva del sonno. Sonno e respiro = Schlaf & Atmung, 18 (2), 275-282. https://doi.org/10.1007/s11325-013-0878-4
    5. 5. Cowan, D. C., e Livingston, E. (2012). Sindrome da apnea ostruttiva del sonno e perdita di peso: revisione. Disturbi del sonno, 2012, 163296. https://doi.org/10.1155/2012/163296
    6. 6. Dixon, J. B., Schachter, L. M., & O'Brien, P. E. (2005). Polisonnografia prima e dopo la perdita di peso in pazienti obesi con grave apnea notturna. Giornale internazionale dell'obesità (2005), 29 (9), 1048-1054. https://doi.org/10.1038/sj.ijo.0802960
    7. 7. Schwartz, A. R., Patil, S. P., Laffan, A. M., Polotsky, V., Schneider, H., & Smith, P. L. (2008). Obesità e apnea ostruttiva del sonno: meccanismi patogeni e approcci terapeutici. Atti della American Thoracic Society, 5 (2), 185–192. https://doi.org/10.1513/pats.200708-137MG
    8. 8. Dixon, J. B., Schachter, L. M., O'Brien, P.E, Jones, K., Grima, M., Lambert, G., Brown, W., Bailey, M. e Naughton, M. T. (2012). Terapia chirurgica vs terapia convenzionale per il trattamento della perdita di peso dell'apnea ostruttiva del sonno: uno studio controllato randomizzato. JAMA, 308 (11), 1142–1149. https://doi.org/10.1001/2012.jama.11580
    9. 9. Iftikhar, I. H., Kline, C. E., & Youngstedt, S. D. (2014). Effetti dell'allenamento fisico sull'apnea notturna: una meta-analisi. Lung, 192 (1), 175-184. https://doi.org/10.1007/s00408-013-9511-3
    10. 10. Istituto nazionale di disturbi neurologici e ictus (NINDS). (2019, 27 marzo). Pagina di informazioni sull'apnea notturna. Estratto il 26 agosto 2020. https://www.ninds.nih.gov/Disorders/All-Disorders/Sleep-Apnea-Information-Page
    11. undici. Wetter, D. W., Young, T. B., Bidwell, T. R., Badr, M. S., & Palta, M. (1994). Fumare come fattore di rischio per la respirazione disturbata dal sonno. Archivi di medicina interna, 154 (19), 2219-2224. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/7944843/
    12. 12. Bielicki P, Trojnar A, Sobieraj P, Wąsik M. Stato del fumo in relazione alla gravità dell'apnea ostruttiva del sonno (OSA) e alla comorbidità cardiovascolare in pazienti con OSA di nuova diagnosi. Adv Respir Med. 201987 (2): 103-109. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31038721/
    13. 13. de Vries, G. E., Hoekema, A., Doff, M. H., Kerstjens, H. A., Meijer, P. M., van der Hoeven, J. H., & Wijkstra, P. J. (2015). Uso della terapia posizionale negli adulti con apnea ostruttiva del sonno. Journal of Clinical Sleep Medicine: JCSM: pubblicazione ufficiale dell'American Academy of Sleep Medicine, 11 (2), 131-137. https://doi.org/10.5664/jcsm.4458
    14. 14. Pinto, V. L., & Sharma, S. (2020, luglio). Pressione positiva continua delle vie aeree (CPAP). StatPearls Publishing. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK482178/
    15. quindici. Epstein, LJ, Kristo, D., Strollo, PJ, Jr, Friedman, N., Malhotra, A., Patil, SP, Ramar, K., Rogers, R., Schwab, RJ, Weaver, EM, Weinstein, MD , & Adult Obstructive Sleep Apnea Task Force dell'American Academy of Sleep Medicine (2009). Linee guida cliniche per la valutazione, la gestione e la cura a lungo termine dell'apnea ostruttiva del sonno negli adulti. Journal of Clinical Sleep Medicine: JCSM: pubblicazione ufficiale dell'American Academy of Sleep Medicine, 5 (3), 263–276. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/19960649/
    16. 16. Ramar, K., Dort, L. C., Katz, S. G., Lettieri, C. J., Harrod, C. G., Thomas, S. M., & Chervin, R. D. (2015). Linee guida per la pratica clinica per il trattamento dell'apnea ostruttiva del sonno e del russamento con la terapia con apparecchi orali: un aggiornamento per il 2015. Journal of clinical sleep medicine: JCSM: pubblicazione ufficiale dell'American Academy of Sleep Medicine, 11 (7), 773–827. https://doi.org/10.5664/jcsm.4858
    17. 17. Deane, S. A., Cistulli, P. A., Ng, A. T., Zeng, B., Petocz, P., & Darendeliler, M. A. (2009). Confronto tra stecca di avanzamento mandibolare e dispositivo di stabilizzazione della lingua nell'apnea ostruttiva del sonno: uno studio controllato randomizzato. Sleep, 32 (5), 648–653. https://doi.org/10.1093/sleep/32.5.648
    18. 18. Strohl, K. P. (2019, febbraio). Versione professionale del manuale MSD: apnea ostruttiva del sonno. Estratto il 26 agosto 2020. https://www.msdmanuals.com/professional/pulmonary-disorders/sleep-apnea/obstructive-sleep-apnea
    19. 19. ADAMO. Enciclopedia medica. (2019, 22 maggio). Uvulopalatopharyngoplasty (UPPP). Estratto il 26 agosto 2020. https://medlineplus.gov/ency/article/007663.htm
    20. venti. Strollo, PJ, Jr, Soose, RJ, Maurer, JT, de Vries, N., Cornelius, J., Froymovich, O., Hanson, RD, Padhya, TA, Steward, DL, Gillespie, MB, Woodson, BT, Van de Heyning, PH, Goetting, MG, Vanderveken, OM, Feldman, N., Knaack, L., Strohl, KP e STAR Trial Group (2014). Stimolazione delle vie aeree superiori per l'apnea ostruttiva del sonno. The New England journal of medicine, 370 (2), 139-149. https://doi.org/10.1056/NEJMoa1308659
    21. ventuno. Certal, V. F., Zaghi, S., Riaz, M., Vieira, A. S., Pinheiro, C.T., Kushida, C., Capasso, R., & Camacho, M. (2015). Stimolazione del nervo ipoglosso nel trattamento dell'apnea ostruttiva del sonno: una revisione sistematica e una meta-analisi. The Laryngoscope, 125 (5), 1254–1264. https://doi.org/10.1002/lary.25032
    22. 22. ADAMO. Enciclopedia medica. (2019, 3 luglio). Apnea notturna pediatrica. Estratto il 26 agosto 2020. https://medlineplus.gov/ency/article/007660.htm
    23. 2. 3. De Felicio, C.M., da Silva Dias, F.V., Voi Trawitzki, L.V. (2018) Apnea ostruttiva del sonno: concentrarsi sulla terapia miofunzionale. Natura e scienza del sonno, 10: 271-286. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6132228/
    24. 24. Taranto-Montemurro, L., Messineo, L., & Wellman, A. (2019). Targeting dei tratti endotipici con farmaci per il trattamento farmacologico dell'apnea ostruttiva del sonno. Una rassegna della letteratura attuale. Giornale di medicina clinica, 8 (11), 1846. https://doi.org/10.3390/jcm8111846
    25. 25. Ramar, K., Rosen, IM, Kirsch, DB, Chervin, RD, Carden, KA, Aurora, RN, Kristo, DA, Malhotra, RK, Martin, JL, Olson, EJ, Rosen, CL, Rowley, JA e Consiglio di amministrazione dell'American Academy of Sleep Medicine (2018). Cannabis medica e trattamento dell'apnea ostruttiva del sonno: una dichiarazione di posizione dell'American Academy of Sleep Medicine. Journal of Clinical Sleep Medicine: JCSM: pubblicazione ufficiale dell'American Academy of Sleep Medicine, 14 (4), 679-681. https://doi.org/10.5664/jcsm.7070