Trauma e sonno

Il trauma è un'esperienza che ha effetti negativi duraturi su un individuo benessere e capacità di funzionare . Un singolo evento traumatico può portare a un trauma psicologico o può accumularsi nel tempo in risposta allo stress in corso.

Mentre la definizione di trauma lo ha cambiato nel tempo , è chiaro che sperimentare un evento potenzialmente traumatico è comune. In effetti, la ricerca suggerisce che quasi il 90% delle persone è esposto ad almeno uno potenzialmente evento traumatico durante la loro vita .



Vivere un trauma può aumentare il rischio di problemi di salute mentale e fisica, incluso il suicidio. Se tu o qualcuno che conosci è in crisi, la National Suicide Prevention Lifeline fornisce assistenza 24 ore su 24, 7 giorni su 7, gratuita e riservata, sia online che per telefono.

Linea di vita nazionale per la prevenzione del suicidio

1-800-273-8255



https://suicidepreventionlifeline.org/chat/

Gli effetti del trauma sul corpo

Quando il cervello anticipa una minaccia, reagisce rapidamente per proteggersi dai danni. Si attiva un sistema di allarme interno, chiamato risposta allo stress o risposta lotta-volo-congelamento cambiamenti fisiologici in tutto il corpo . Viene rilasciata una cascata di ormoni, i muscoli si irrigidiscono, la frequenza cardiaca aumenta e la respirazione diventa più rapida man mano che il corpo si prepara a difendersi dalle minacce.

Dopo che la minaccia o l'esperienza traumatica è terminata, la risposta allo stress del corpo inizia a tornare alla linea di base. Le reazioni iniziali variano e sono tutte considerate risposte normali e salutari al trauma psicologico. Queste reazioni spesso includono confusione, ansia , eccitazione fisica e difficoltà a esprimere le emozioni . Fortunatamente, gli esseri umani sono incredibilmente resistenti e, per la maggior parte delle persone, anche le reazioni più difficili alle esperienze traumatiche lo faranno diminuire con il tempo mentre il corpo e la mente integrano l'esperienza e guariscono.



Alcune persone sperimentano reazioni ritardate dopo eventi traumatici. Le reazioni ritardate possono includere depressione, affaticamento, incubi e persino lo sviluppo di disturbi del sonno. Se questi sintomi persistono nel tempo o se iniziano a interferire con il lavoro, la scuola o le relazioni, possono essere un sintomo di uno stress post-traumatico più grave.Il tuo indirizzo email verrà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

Disturbo post traumatico da stress

Disturbo post-traumatico da stress (PTSD) è una condizione caratterizzata da ricordi ricorrenti e involontari dell'evento traumatico durante il giorno (es. flashback) e / o durante il sonno (incubi). Le persone con questa condizione possono evitare promemoria esterni (persone, luoghi, attività) e ricordi, pensieri o sentimenti interni che circondano l'evento. Gli amici e le persone care intorno a loro possono notare cambiamenti di umore man mano che si spaventano più facilmente e sono iper-consapevoli del potenziale pericolo.

La ricerca lo suggerisce meno di 10% delle persone esposte a un evento traumatico sviluppa un disturbo da stress post-traumatico. È importante che le persone con i sintomi del disturbo da stress post-traumatico parlino con il proprio medico e conoscano le opzioni di trattamento. Ci sono trattamenti efficaci per PTSD che può aiutare i sopravvissuti a guarire dagli effetti persistenti del trauma.

L'impatto del trauma sul sonno

I problemi di sonno sono comuni dopo a esperienza traumatica . La vigilanza e l'eccessiva attenzione legate agli effetti della risposta allo stress del corpo spesso contribuiscono ai sintomi di insonnia . Molte persone hanno difficoltà ad addormentarsi, si svegliano più spesso durante la notte e hanno difficoltà a riaddormentarsi dopo un evento traumatico.

Anche il trauma può influenzare architettura del sonno , il che significa che può cambiare il modo in cui il corpo si muove cicli e fasi del sonno . Sebbene gli esperti stiano ancora lavorando per comprendere le implicazioni dei cambiamenti osservati nell'architettura del sonno dopo un trauma, il sonno REM (movimento rapido degli occhi) sembra essere lo stadio più colpito. Il sonno REM è importante per immagazzinare ricordi ed elaborare emozioni e i sogni durante il sonno REM tendono ad essere più fantastici e bizzarri.

Sogni angoscianti e incubi sono comuni ai traumi. I sopravvissuti lo hanno spesso sogna l'evento traumatico che riproducono direttamente l'esperienza o contengono emozioni, contenuti e simboli legati al trauma. I ricercatori ipotizzano che i sogni legati al trauma siano causati dalla risposta alla paura del cervello combinata con l'ipereccitazione e potrebbero rappresentare il tentativo della mente di integrare un'esperienza traumatica.

Sebbene i problemi di sonno dopo un'esperienza traumatica possano essere angoscianti, possono anche essere un'importante opportunità per il trattamento e la guarigione dal trauma. La ricerca suggerisce che essere in grado di farlo dormire dopo un evento traumatico può ridurre i ricordi intrusivi legati al trauma e renderli meno angoscianti. Può essere mirato ai problemi del sonno nel trattamento precoce del trauma ridurre il rischio di sviluppare PTSD .

Disturbi del sonno dopo un trauma

L'insonnia è uno dei problemi di sonno più comuni legati al trauma e si risolve da solo nella maggior parte dei sopravvissuti al trauma. Disturbi del sonno più gravi e persistenti si osservano solitamente nelle persone con livelli più elevati di stress post-traumatico e PTSD . Sebbene rari, i disturbi del sonno che possono svilupparsi dopo un trauma includono il disturbo da incubo, disturbo del movimento periodico delle gambe , terrori del sonno e parasonnie come Disturbo comportamentale del sonno REM .

Trauma infantile e sonno

I traumi infantili possono continuare a influire sulla salute di una persona molto tempo dopo la fine dell'infanzia. Il Studio CDC-Kaiser ACE ha studiato l'impatto dei traumi infantili, chiamati esperienze infantili avverse (ACE), sulla vita di 17.000 partecipanti adulti. Questo studio fondamentale ha scoperto che gli ACE aumentano il rischio di problemi di salute mentale e fisica più avanti nella vita, tra cui depressione, ansia, malattie cardiache e persino morte precoce.

Un modo in cui il trauma infantile aumenta il rischio di malattie più tardi nella vita può essere attraverso lo sviluppo e gli effetti negativi dei problemi di sonno. Fino alla metà dei bambini mostra alcuni dei sintomi di PTSD dopo un trauma , inclusi ipereccitazione e disturbi del sonno. Il trauma può avere un impatto significativo sullo sviluppo del cervello infantile, quindi i problemi di sonno possono persistere o peggiorare man mano che il bambino progredisce nell'adolescenza e nell'età adulta.

Rispetto agli adulti con pochi o nessun ACE, gli adulti con una quantità significativa di traumi infantili lo sono più del doppio delle probabilità avere problemi ad addormentarsi e hanno anche il doppio delle probabilità di sentirsi stanchi dopo un'intera notte di sonno. Gli effetti degli ACE sul sonno possono durano fino a 50 anni , con ogni ACE sperimentato durante l'infanzia che aumenta del 20% il rischio di non dormire a sufficienza da adulto.

Il trauma subito durante l'infanzia può anche influenzare la gravità dell'insonnia nell'età adulta. In pazienti adulti diagnosticata con insonnia , quelli con un numero elevato di ACE si svegliano più spesso durante la notte e hanno un sonno più disturbato rispetto a quelli con pochi o nessun ACE.

Suggerimenti per dormire dopo un trauma

È normale che un'esperienza traumatica influenzi la quantità e la qualità del sonno. Sii paziente con te stesso e cerca di avere aspettative realistiche sul tempo necessario al tuo corpo per guarire. Lavorare con un dottore , uno psicologo o un consulente può aiutarti a creare obiettivi ragionevoli e raggiungibili per far fronte ai problemi del sonno dopo un trauma. Ecco alcuni altri suggerimenti per dormire mentre guarisci da un trauma:

  • Mantieni il tuo solito programma di sonno: La routine è importante per ottenere un sonno riposante e di qualità. Se puoi, prova a tornare lentamente al tuo vecchio programma di sonno. Andare a dormire e alzarsi alla stessa ora ogni giorno, anche nei fine settimana, aiuta il tuo corpo a essere più preparato quando è ora di riposare.
  • Dormi dove ti senti al sicuro: Gli eventi traumatici spesso ci fanno sentire insicuri, il che può rendere difficile sentirsi abbastanza calmi da addormentarsi. Considera quali cambiamenti renderebbero più sicuro il tuo ambiente in cui dormi mentre ti stai riprendendo. Forse è avere qualcun altro che dorme accanto a te o sul divano per un po ', tenendo un telefono a portata di mano o tenendo una luce fioca in una parte della camera da letto.
  • Attiva la risposta di rilassamento: Attivare la risposta di rilassamento del corpo è un modo naturale per combattere lo stress. Esercizi di rilassamento sono un modo per attivare questa risposta e calmare il corpo e la mente prima di andare a letto.
  • Non forzare il sonno: Se ti ritrovi a rigirarti e rigirarti per più di 20 minuti, potrebbe essere meglio alzarti dal letto e trovare un'attività rilassante. Potresti provare un bagno caldo, leggere o ascoltare musica prima di tornare a letto quando ti senti stanco.
  • Comprendi che i tuoi sintomi potrebbero essere normali: Non esiste un modo giusto per elaborare un'esperienza traumatica, ma un aspetto essenziale della guarigione da un trauma è sapere quando chiedere supporto. Medici, consulenti e assistenti sociali vengono formati per aiutare le persone ad affrontare e guarire dalle conseguenze di un evento traumatico.
  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +21 Fonti
    1. 1. Abuso di sostanze e amministrazione dei servizi di salute mentale. (2016, 2 agosto). Trauma e violenza. Estratto il 10 gennaio 2021 da https://www.samhsa.gov/trauma-violence
    2. Due. May, C. L., & Wisco, B. E. (2016). Definizione del trauma: in che modo il livello di esposizione e prossimità influenzano il rischio di disturbo da stress post-traumatico. Trauma psicologico: teoria, ricerca, pratica e politica, 8 (2), 233-240. https://doi.org/10.1037/tra0000077
    3. 3. Kilpatrick, D. G., Resnick, H. S., Milanak, M. E., Miller, M. W., Keyes, K. M., & Friedman, M. J. (2013). Stime nazionali di esposizione a eventi traumatici e prevalenza di PTSD utilizzando i criteri DSM-IV e DSM-5. Journal of traumatic stress, 26 (5), 537-547. https://doi.org/10.1002/jts.21848
    4. Quattro. Chu, B., Marwaha, K., Sanvictores, T., Ayers, D. (2020). Fisiologia, reazione allo stress. StatPearls. StatPearls Publishing. Estratto il 10 gennaio 2020 da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK541120/
    5. 5. Center for Substance Abuse Treatment (US). (2014). Assistenza informata sui traumi nei servizi di salute comportamentale. Abuso di sostanze e amministrazione dei servizi di salute mentale. Estratto il 10 gennaio 2020 da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK207191/?report=classic
    6. 6. Istituto Nazionale di Salute Mentale. (2020, gennaio). Affrontare eventi traumatici. Estratto il 10 gennaio 2020 da https://www.nimh.nih.gov/health/topics/coping-with-traumatic-events/index.shtml
    7. 7. Breslau N. (2009). L'epidemiologia del trauma, del disturbo da stress post-traumatico e di altri disturbi post-trauma. Trauma, violenza e abuso, 10 (3), 198-210. https://doi.org/10.1177/1524838009334448
    8. 8. Dipartimento degli affari dei veterani degli Stati Uniti (2020, 20 luglio). National Center for PTSD: PTSD Treatment Basics. Estratto il 10 gennaio 2020 da https://www.ptsd.va.gov/understand_tx/tx_basics.asp
    9. 9. Babson, K. A. e Feldner, M. T. (2010). Relazioni temporali tra problemi del sonno ed esposizione a eventi traumatici e PTSD: una revisione critica della letteratura empirica. Journal of ansia disturbi, 24 (1), 1-15. https://doi.org/10.1016/j.janxdis.2009.08.002
    10. 10. Ross R. J. (2014). Il cambiamento della firma del sonno REM del disturbo da stress post-traumatico. Sleep, 37 (8), 1281-1282. https://doi.org/10.5665/sleep.3912
    11. undici. Payne, J. D., & Nadel, L. (2004). Sonno, sogni e consolidamento della memoria: il ruolo del cortisolo, l'ormone dello stress. Apprendimento e memoria, 11 (6), 671–678. https://doi.org/10.1101/lm.77104
    12. 12. Gieselmann, A., Ait Aoudia, M., Carr, M., Germain, A., Gorzka, R., Holzinger, B., Kleim, B., Krakow, B., Kunze, AE, Lancee, J., Nadorff, MR, Nielsen, T., Riemann, D., Sandahl, H., Schlarb, AA, Schmid, C., Schredl, M., Spoormaker, VI, Steil, R., van Schagen, AM,… Pietrowsky, R. (2019). Eziologia e trattamento del disturbo da incubo: stato dell'arte e prospettive future. Journal of Sleep Research, 28 (4), e12820. https://doi.org/10.1111/jsr.12820
    13. 13. Kleim, B., Wysokowsky, J., Schmid, N., Seifritz, E., & Rasch, B. (2016). Effetti del sonno dopo un trauma sperimentale sui ricordi emotivi intrusivi. Sleep, 39 (12), 2125-2132. https://doi.org/10.5665/sleep.6310
    14. 14. Vandrey, R., Babson, K. A., Herrmann, E. S., & Bonn-Miller, M. O. (2014). Interazioni tra disturbi del sonno, disturbo da stress post-traumatico e disturbi da uso di sostanze. Revisione internazionale di psichiatria, 26 (2), 237–247. https://doi.org/10.3109/09540261.2014.901300
    15. quindici. Colvonen, P. J., Masino, T., Drummond, S. P., Myers, U. S., Angkaw, A. C., & Norman, S. B. (2015). Apnea ostruttiva del sonno e disturbo da stress post-traumatico tra i veterani OEF / OIF / OND. Journal of Clinical Sleep Medicine, 11 (5), 513-518. https://doi.org/10.5664/jcsm.4692
    16. 16. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. (2020, 13 aprile). Informazioni sullo studio CDC-Kaiser ACE. Estratto il 10 gennaio 2020 da https://www.cdc.gov/violenceprevention/aces/index.html
    17. 17. Brindle, R. C., Cribbet, M. R., Samuelsson, L. B., Gao, C., Frank, E., Krafty, R. T., Thayer, J. F., Buysse, D. J., & Hall, M. H. (2018). La relazione tra traumi infantili e cattiva salute del sonno nell'età adulta. Medicina psicosomatica, 80 (2), 200-207. https://doi.org/10.1097/PSY.0000000000000542
    18. 18. ADAMO. Enciclopedia medica. (2018, 11 ottobre). Eventi traumatici e bambini. Estratto il 10 gennaio 2021 da https://medlineplus.gov/ency/patientinstructions/000588.htm
    19. 19. Chapman, D.P., Wheaton, A. G., Anda, R. F., Croft, J. B., Edwards, V. J., Liu, Y., Sturgis, S. L., e Perry, G. S. (2011). Esperienze infantili avverse e disturbi del sonno negli adulti. Medicina del sonno, 12 (8), 773-779. https://doi.org/10.1016/j.sleep.2011.03.013
    20. venti. Sullivan, K., Rochani, H., Huang, L. T., Donley, D. K. e Zhang, J. (2019). Le esperienze avverse dell'infanzia influenzano la durata del sonno fino a 50 anni dopo. Sleep, 42 (7), zsz087. https://doi.org/10.1093/sleep/zsz087
    21. ventuno. Bader, K., Schäfer, V., Schenkel, M., Nissen, L. e Schwander, J. (2007). Esperienze infantili avverse associate al sonno nell'insonnia primaria. Journal of sleep research, 16 (3), 285-296. https://doi.org/10.1111/j.1365-2869.2007.00608.x