Addestramento al sonno

I bambini dormono molto. Per il loro primo anno di vita, i bambini hanno bisogno di circa 9-12 ore di sonno al giorno, oltre a sonnellini regolari. L'unico problema è che tendono a dormire scatti , una combinazione di dormire la notte e sonnecchiare durante il giorno.

I bambini impiegano dai tre ai sei mesi per sviluppare il loro orologio biologico interno, o ritmo circadiano . A questo punto, vorranno naturalmente dormire di più la notte ed essere più svegli durante il giorno. Per i genitori assonnati che vogliono incoraggiare i loro piccoli a trascorrere la maggior parte del loro sonno notturno costantemente addormentati, l'allenamento del sonno può essere la chiave.



Che cos'è l'allenamento del sonno?

L'obiettivo dell'addestramento al sonno è che il tuo bambino dorma a proprio agio per diverse ore durante la notte da solo. Se si svegliano, impareranno a calmarsi e si riaddormentano. Esistono diversi metodi di allenamento del sonno che i genitori possono utilizzare sviluppati da pediatri ed esperti del sonno.

Una volta addestrati a dormire, i bambini possono dormire 9-12 ore di notte. Con un sonno più riposante, si sentiranno meglio durante il giorno, così come i loro genitori, il che può migliorare la qualità della vita complessiva della famiglia. I piccoli avranno ancora bisogno dei loro sonnellini durante il giorno, ma stanchi genitori (e soprattutto le mamme che si stanno ancora riprendendo da insonnia durante la gravidanza ) può godere di un sonno più riposante.

Con alcuni metodi di allenamento del sonno, i bambini possono dormire da soli nel giro di pochi giorni. Per altri, metodi particolarmente delicati che riducono al minimo il pianto, il processo può richiedere più tempo. Non esiste un modo giusto per addestrare il sonno, ma rimanere coerenti e pazienti sono la chiave del successo.



Quando iniziare l'allenamento del sonno

I bambini non sono pronti per l'allenamento del sonno fino a quando non hanno 4-6 mesi. Prima di allora, non avevano sviluppato i ritmi circadiani che li aiuteranno dormire tutta la notte . A questa età, sono in grado di acquisire abilità come dormire in modo indipendente e non si sono abituati troppo a farti cullare per dormire.

Sei mesi è generalmente accettato come un buon momento per iniziare l'allenamento del sonno, anche se puoi iniziare già quattro mesi o più tardi nove mesi. Nove mesi possono essere migliori per alcuni bambini poiché non hanno più bisogno di mangiare durante la notte a questa età.

Può essere difficile sapere quando il tuo bambino è pronto per l'addestramento al sonno. Tuttavia, se il tuo bambino inizia ad addormentarsi da solo di notte (anche se si sveglia durante la notte), molto probabilmente è pronto.



Così come non esiste un'età esatta per iniziare l'allenamento del sonno, anche tu non lo fai avere dormire in treno. I bambini alla fine impareranno a dormire da soli. Tuttavia, l'allenamento del sonno è efficace e offre vantaggi significativi sia ai bambini che ai genitori, senza prove di effetti negativi a lungo termine.

Quando i bambini non riescono a dormire bene, è angosciante sia per il bambino che per i genitori. I bambini possono svilupparsi insonnia pediatrica e i genitori corrono un rischio maggiore di depressione, stress e cattiva salute. D'altra parte, quando i bambini dormono di più, i genitori si sentono meglio, e così anche i loro bambini. I bambini che dormono di più riposano meno problemi di sviluppo e comportamentali e avere un temperamento più felice in generale.

7 consigli da tenere a mente mentre dormi Allena il tuo neonato o bambino

Qualunque sia il metodo di allenamento del sonno che scegli, questi suggerimenti possono aiutarti a rimanere calmo e coerente durante tutto il processo.

  1. Consenti al tuo bambino di imparare a calmarsi. Mettendo a terra il tuo bambino quando ha sonnolenza, prenderanno l'abitudine di addormentarsi da soli. Poi, quando si svegliano di notte, sono più attrezzati per riaddormentarsi senza il tuo aiuto perché hanno praticato.
  2. Separati dal tuo bambino. Il tuo bambino non deve avere la sua camera da letto per dormire in treno, ma è importante che tu trovi un modo per separarti da lui in modo che possa imparare a calmarsi.
  3. Attenersi a una buona ora di andare a dormire La coerenza è essenziale nell'allenamento del sonno. Stai creando un programma completamente nuovo per tuo figlio. Crea coerenza scegliendo l'ora di andare a dormire e attenendoti ogni sera.
  4. Il modo 'giusto' di dormire in treno è il modo giusto per te e il tuo bambino. Esistono diversi approcci all'allenamento del sonno, come vedremo di seguito. Alcuni sono più adatti per alcune famiglie, mentre alcuni funzionano meglio per altri. Non esiste un modo migliore per allenare il sonno è solo trovare ciò che funziona per tuo figlio.
  5. Sappi che ci saranno delle notti difficili. L'addestramento al sonno può essere una strada accidentata. Ci possono essere momenti in cui uno dei genitori è fuori città o il tuo bambino si sente malato. Fai un respiro profondo, cerca di essere paziente e accettalo come parte del processo.
  6. Alla fine avrai successo. La maggior parte dei bambini dorme tutta la notte a nove mesi di età, quindi non scoraggiarti! Tieni un diario di allenamento del sonno per tenere traccia dei tuoi progressi (e dei punti irregolari lungo il percorso) in modo da poter rimanere positivo e coerente.
  7. L'addestramento al sonno è uno strumento che puoi utilizzare quando la routine di tuo figlio cambia. Man mano che i bambini crescono e si sviluppano, iniziano a frequentare la scuola o sperimentano altri cambiamenti nella vita, potrebbero aver bisogno di aggiustamenti al loro programma del sonno. Quando ciò accade, puoi addestrarli di nuovo a dormire.

Quali sono i diversi metodi di allenamento del sonno?

I genitori usano vari metodi per addestrare i genitori al sonno, e tutti possono esserlo efficace . Il metodo migliore per la tua famiglia dipenderà da ciò con cui tu e il tuo bambino siete più a vostro agio.

Il metodo Cry It Out

Il metodo di allenamento del sonno Cry It Out è anche noto come estinzione, estinzione completa o CIO in breve. Con questo metodo, i genitori accompagnano il bambino nella routine della buonanotte, lo coccolano e gli danno un bacio della buonanotte, quindi lasciano la stanza. Se il bambino piange, il genitore non risponde. Alla fine, il bambino si stanca dal piangere o si calma da solo per tornare a dormire.Ricevi le ultime informazioni sul sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email verrà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

Questo metodo è ben noto e, in alcuni casi, famigerato. Molti genitori si sentono a disagio nel lasciare che il loro bambino pianga e non li consola. Temono che aumenterà il i livelli di stress del bambino , causare traumi e indurre il bambino a pensare di non poter contare sul fatto che i suoi genitori siano lì per lui. È anche molto difficile per molti genitori sentire il proprio bambino piangere e non essere in grado di aiutarlo.

D'altra parte, i sostenitori dicono che funziona e rapidamente. Molti genitori affermano che il loro bambino è addestrato al sonno entro pochi giorni con il metodo CIO.

Il metodo Ferber

Il metodo Ferber è simile a Cry It Out, ma più graduale, da qui i suoi soprannomi di 'estinzione graduale', attesa progressiva e metodo dell'intervallo.

Con questo metodo, i genitori seguono la stessa routine di portare il bambino attraverso un rituale della buonanotte, coccolarlo e baciarlo della buonanotte, quindi lasciare la stanza e chiudere la porta. Per le prime notti, i genitori tornano immediatamente ogni volta che il bambino piange, accarezzandoli e assicurandosi che siano calmi prima di lasciare di nuovo la stanza. Dopo le prime notti, i genitori aumentano gradualmente il tempo in cui lasciano piangere il bambino prima di rientrare nella stanza, raggiungendo infine un punto in cui il bambino si calma.

Questo metodo fa appello ai genitori che sono a disagio con la natura in bianco e nero del metodo CIO, ma alcuni ritengono che possa essere traumatizzante per il bambino. Tuttavia, gli studi del metodo Ferber non hanno trovato prove di effetti negativi a lungo termine sulle emozioni, lo stress, il comportamento o l'attaccamento di un bambino al genitore.

Se scegli questo metodo, tieni presente che il tuo bambino ad un certo punto piangerà e non sarai in grado di rispondere. Se questo ti mette a disagio, considera un altro metodo.

Il metodo di controllo e console

Una variante del metodo Ferber, il metodo Check and Console incoraggia i genitori a controllare il loro bambino e consolarlo prima ancora che inizi a piangere.

Ad esempio, le prime notti, i genitori possono lasciare la stanza ed entrare uno o due minuti dopo per dire loro che li amano o per dare loro una carezza morbida. I genitori continuano a lasciare la stanza e a fare nuovamente il check-in, aumentando gradualmente gli intervalli a circa 15 minuti, finché non si addormentano.

Questo metodo può richiedere più tempo - fino a una settimana - e richiede un maggiore coinvolgimento da parte dei genitori. Fai attenzione a come risponde il tuo bambino con il metodo Check and Console. Il check-in potrebbe eccitarli e renderli più turbati quando te ne vai, nel qual caso un altro metodo potrebbe essere un'opzione migliore.

Il metodo di dissolvenza

Il metodo Dissolvenza, noto anche come 'campeggio fuori', incoraggia i genitori a rimanere nella stanza dei loro figli fino a quando non si addormentano. I genitori possono farlo stando in piedi o seduti su una sedia nella stanza dei loro figli, una variante nota come metodo della sedia.

Con questo metodo, i genitori accompagnano il bambino nella routine della buonanotte e lo mettono a letto mentre il bambino è ancora assonnato. Quindi, i genitori rimangono al loro fianco fino a quando non si addormentano. Ogni notte, il genitore si allontana gradualmente dal figlio pur rimanendo sotto i loro occhi. Ad esempio, possono iniziare proprio accanto alla loro culla, poi a pochi metri di distanza, poi da un cassettone nella stanza e poi vicino alla porta.

Uno dei principi fondamentali del metodo Fading o Chair è fornire il minimo comfort al bambino, verbale o fisico. Se il bambino inizia ad agitarsi o piangere, i genitori dovrebbero semplicemente fornire suoni morbidi e rassicuranti in modo che il bambino sappia che è lì, ma mantenga la distanza fisica.

È normale che i bambini piangano un po 'durante il metodo Fading, che può essere difficile da sperimentare per i genitori, in particolare perché possono vederli piangere (invece di ascoltarli solo, come con il metodo Cry It Out). Anche lo sbiadimento richiede in genere più tempo rispetto ai metodi CIO o Ferber - fino a due settimane - ma dà ad alcuni genitori più tranquillità poiché non si sentono come se stessero abbandonando il loro bambino.

Sono stati trovati entrambi i metodi Ferber e Fading migliorare in modo significativo sonno del neonato, sonno dei genitori e salute mentale dei genitori entro tre mesi, con un miglioramento sostenuto due mesi dopo. A un follow-up di due anni, entrambi gli approcci indicavano ancora no impatto negativo sulla salute mentale a lungo termine ai bambini, e le madri avevano meno probabilità di riferire sintomi di depressione. A un follow-up di cinque anni, quando i bambini avevano sei anni, c'era ancora nessuna prova che l'allenamento del sonno ha avuto qualche tipo di effetto negativo sui bambini.

Il metodo 'No Tears'

Questo metodo, noto anche come metodo di allenamento del sonno dolce, si concentra sull'aiutare il tuo bambino a imparare a dormire da solo senza piangere. Per ottenere ciò, il metodo si basa fortemente su una routine costante della buonanotte. Questa routine dovrebbe seguire la stessa serie di attività, svolte nello stesso ordine, in modo che il bambino arrivi a riconoscere queste attività come una transizione dal giorno alla notte e, di conseguenza, l'ora di andare a letto.

I genitori possono utilizzare una varietà di tattiche nel metodo Gentle Sleep Training. Alcuni genitori possono utilizzare una variazione del metodo Ferber e lasciare completamente la stanza, ma rientreranno ogni volta che il bambino piange.

Altri genitori usano il metodo Fading come base, con un graduale aumento della distanza fisica tra loro e il loro bambino durante la notte. Ma quando il bambino piange, lo rassicura zittendolo e accarezzandolo, invece di usare semplicemente segnali verbali come con il metodo Dissolvenza. Il trucco è sdraiarli di nuovo prima che si addormentino, in modo che imparino a sentirsi sicuri ea proprio agio ad addormentarsi da soli invece che tra le tue braccia.

I metodi di allenamento del sonno dolce sono meno stressanti dal punto di vista emotivo poiché non comportano pianto, ma richiedono più tempo per avere successo. Di conseguenza, il genitore potrebbe soffrire di più privazione del sonno con questo metodo di allenamento del sonno.

In che modo le routine della buonanotte si adattano all'allenamento del sonno?

Le routine della buonanotte rappresentano un elemento chiave in ciascuno dei metodi di allenamento del sonno sopra. Creano un file senso di coerenza per i bambini, che li rassicura e li aiuta a sentirsi sicuri per dormire. Anche i bambini non hanno il senso del giorno e della notte nella loro infanzia e le routine della buonanotte possono aiutarli a distinguere tra i due.

Seguendo la stessa serie di attività ogni notte, le routine della buonanotte aiutano il cervello a riconoscere che è ora di andare a letto, soprattutto se le attività sono tranquille e tranquille. Per i bambini, le routine della buonanotte possono includere attività come fare il bagno, lavarsi i denti, leggere una favola con te (o inventarne una insieme), cantare una canzone tranquilla, dare la buonanotte ai loro giocattoli preferiti e, naturalmente, un bacio Buona Notte!

  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +11 Fonti
    1. 1. ADAMO. Enciclopedia medica. (2020, 3 dicembre). Abitudini di andare a dormire per neonati e bambini. Estratto il 14 dicembre 2020 da https://medlineplus.gov/ency/article/002392.htm
    2. Due. Pennestri, M. H., Laganière, C., Bouvette-Turcot, A. A., Pokhvisneva, I., Steiner, M., Meaney, M. J., Gaudreau, H. e Mavan Research Team (2018). Sonno, sviluppo e umore materno ininterrotti del neonato. Pediatria, 142 (6), e20174330 https://doi.org/10.1542/peds.2017-4330
    3. 3. Korownyk, C. e Lindblad, A. J. (2018). Addestramento del sonno infantile: riposare facilmente ?. Medico di famiglia canadese Medecin de famille canadien, 64 (1), 41.
    4. Quattro. Goetting, M. G. e Reijonen, J. (2007). Insonnia pediatrica: un approccio comportamentale. Assistenza primaria, 34 (2), 427 – x. https://doi.org/10.1016/j.pop.2007.04.005
    5. 5. Spruyt, K., Aitken, R. J., So, K., Charlton, M., Adamson, T. M., & Horne, R. S. (2008). Relazione tra modelli di sonno / veglia, temperamento e sviluppo generale nei neonati a termine nel primo anno di vita. Sviluppo umano precoce, 84 (5), 289–296. https://doi.org/10.1016/j.earlhumdev.2007.07.002
    6. 6. Mindell, J. A., Kuhn, B., Lewin, D. S., Meltzer, L. J., Sadeh, A. e American Academy of Sleep Medicine (2006). Trattamento comportamentale dei problemi prima di coricarsi e dei risvegli notturni nei neonati e nei bambini piccoli. Sleep, 29 (10), 1263–1276.
    7. 7. Gradisar, M., Jackson, K., Spurrier, N. J., Gibson, J., Whitham, J., Williams, A. S., Dolby, R. e Kennaway, D. J. (2016). Interventi comportamentali per problemi di sonno infantile: uno studio controllato randomizzato. Pediatria, 137 (6), e20151486 https://doi.org/10.1542/peds.2015-1486
    8. 8. Hiscock, H., Bayer, J., Gold, L., Hampton, A., Ukoumunne, O. C. e Wake, M. (2007). Miglioramento del sonno infantile e della salute mentale materna: uno studio randomizzato a grappolo. Archivi di malattia nell'infanzia, 92 (11), 952–958. https://doi.org/10.1136/adc.2006.099812
    9. 9. Hiscock, H., Bayer, J. K., Hampton, A., Ukoumunne, O. C. e Wake, M. (2008). Effetti a lungo termine sulla salute mentale della madre e del bambino di un intervento sul sonno infantile basato sulla popolazione: studio randomizzato e controllato a grappolo. Pediatria, 122 (3), e621 – e627. https://doi.org/10.1542/peds.2007-3783
    10. 10. Price, A. M., Wake, M., Ukoumunne, O. C., & Hiscock, H. (2012). Follow-up a cinque anni dei danni e dei benefici dell'intervento comportamentale sul sonno infantile: studio randomizzato. Pediatria, 130 (4), 643-651. https://doi.org/10.1542/peds.2011-3467
    11. undici. Mindell, J. A. e Williamson, A. A. (2018). Vantaggi di una routine della buonanotte nei bambini piccoli: sonno, sviluppo e oltre. Recensioni sulla medicina del sonno, 40, 93–108. https://doi.org/10.1016/j.smrv.2017.10.007