Soddisfazione del sonno e livelli di energia

Il sonno è altrettanto fondamentale per il nostro corpo quanto altre funzioni di base della sopravvivenza come mangiare, bere e respirare. Il sonno è necessario per una serie di motivi , compreso il risparmio energetico, il ripristino dei nostri tessuti e delle funzioni cognitive, la regolazione delle emozioni e la salute immunitaria.

Molte delle funzioni riparatrici del sonno sono specificamente associate sonno non REM , che è la fase del sonno profondo che ci lascia riposati e vigili. Il corpo ha più sistemi che regolano il nostro ciclo sonno-veglia e il nostro viaggio attraverso il ciclo delle fasi del sonno. Questi processi lavorano insieme per garantire un sonno profondo e riposante e avere energia per tutto il giorno.



Scelte di stile di vita, come le decisioni che prendiamo in relazione al nostro dieta ed esercizio fisico routine, possono avere un impatto su questi sistemi nel bene e nel male. Ad esempio, a dieta ipercalorica può interrompere i ritmi circadiani e a mancanza di nutrienti come il calcio, il magnesio e la vitamina D possono influire negativamente sulla durata del sonno. Al contrario, comportamenti sani come esercizio fisico contribuire a una migliore qualità del sonno e ad aumentare l'energia.

Anche la soddisfazione del sonno, che si riferisce alla percezione soggettiva della qualità del sonno, può influire sui livelli di energia. Uno studio lo ha scoperto qualità del sonno soggettiva più scarsa predisse l'affaticamento del giorno successivo in soggetti con sindrome da stanchezza cronica.

Sebbene non ci sia alcun sostituto per un buon riposo notturno, ci sono alcune cose che puoi tenere a mente per assicurarti di dormire bene per sentirti soddisfatto e darti l'energia di cui hai bisogno.



In che modo il sonno ti dà energia?

Una delle teorie importanti sulla funzione del sonno postula che il sonno serva a conservare e ripristinare l'energia. Dall'introduzione di questa teoria, la ricerca ha esplorato i ruoli di due sostanze chimiche in particolare: glicogeno e adenosina . Il glicogeno è coinvolto nell'immagazzinamento di energia nel cervello e è stato dimostrato che i livelli di glicogeno diminuiscono durante la veglia. Anche la privazione del sonno è collegata a diminuzione dei livelli di glicogeno e i livelli di glicogeno vengono ripristinati durante il sonno. L'adenosina, invece, si accumula durante le ore di veglia e favorisce la sonnolenza. Si propone che la riduzione del glicogeno, mentre siamo svegli, porti a a accumulo di adenosina , che a sua volta ci aiuta a dormire e ripristinare il glicogeno perso. Questo tipo di ciclo di feedback che coinvolge sostanze chimiche che regolano il ciclo sonno-veglia è noto come omeostasi del sonno.

Lettura correlata

  • Vendetta procrastinazione della buonanotte
  • persona seduta alla scrivania con una tazza di caffè
  • uomo che dorme in biblioteca

È probabile che ci siano molti sistemi complessi in gioco, ma lo studio del glicogeno e dell'adenosina ha ispirato indicazioni nella ricerca sul ruolo del sonno nel ripristinare l'energia.

In che modo il sonno influisce sui livelli di energia?

Il rapporto tra scelte di vita e sonno influisce anche sul nostro bilancio energetico . Il bilancio energetico viene utilizzato per descrivere il risultato netto dell'assunzione di energia (consumo di cibo) con il dispendio energetico (attività). Il sonno insufficiente è stato collegato a un aumento squilibrato dell'apporto energetico rispetto al dispendio, che porta a un bilancio energetico positivo e aumento di peso. La qualità del sonno può anche moderare la relazione tra attività fisica e sensazione di stanchezza . Ciò indica che dieta, esercizio fisico e sonno interagiscono e influenzano i nostri sentimenti di energia e il nostro equilibrio energetico.

Perché ho più energia di notte?

Alcune persone sperimentano livelli di energia più elevati durante la notte, rendendo difficile addormentarsi e ottenere il riposo di cui hanno bisogno. Questo può essere particolarmente preoccupante se esigenze come il lavoro o la scuola richiedono ancora loro di svegliarsi presto e quindi di dormire poco. Ottieni le ultime informazioni durante il sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email verrà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .



Disturbo della fase sonno-veglia ritardata , che è un'interruzione del ritmo circadiano, potrebbe essere la causa. Ritmi circadiani sono cicli di 24 ore controllati da alcuni geni chiamati geni dell'orologio circadiano. Ci aiutano ad allineare il nostro ciclo sonno-veglia con fattori ambientali, come il naturale ciclo di 24 ore di luce e buio che coincide con il giorno e la notte.

I ritmi circadiani lavorano insieme alle sostanze chimiche nel nostro corpo che controllano l'omeostasi del sonno e ci mantengono su un programma regolare. Tuttavia, i ritmi circadiani sono ancora vulnerabili all'interruzione da abitudini di vita malsane, condizioni mediche sottostanti o persino predisposizioni genetiche. Un ritmo circadiano che non è sincronizzato con il ciclo del giorno e della notte può portare a privazione del sonno, squilibri energetici e malattia metabolica . Anche le interruzioni circadiane sono state collegate malattie cardiovascolari, disturbi del sonno e cancro .

Rischio di diabete è di particolare preoccupazione per coloro che soffrono di disturbi circadiani. Questo perché i ritmi circadiani regolano livelli di glucosio e ritmi disallineati provocano aumenti del glucosio e alterato metabolismo del glucosio, fattori di rischio per il diabete e l'obesità. Può anche influenzare la ridotta qualità del sonno causata da disturbi circadiani esercizio malsano e abitudini alimentari , che esacerbano il rischio di diabete.

Come posso ottenere più energia senza dormire?

Non c'è sostituto per un buon riposo notturno. Tuttavia, se ti ritrovi a lottare con la sonnolenza diurna, ci sono alcune cose che puoi fare per migliorare i tuoi livelli di energia.

Una soluzione a breve termine è sonnecchiare . Anche a breve giornata può migliorare le prestazioni neurocomportamentali e alleviare la pressione al sonno causata dalla mancanza di sonno. Tuttavia, anche i sonnellini possono farcela difficile dormire la notte , con conseguente rischio di perdita di sonno il giorno successivo. Ecco perché la cosa migliore che puoi fare per il tuo livello di sonno e di energia è praticare abitudini regolari che ti assicurino di ottenere un sonno costante e riposante notte dopo notte.

  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +19 Fonti
    1. 1. Perché gli esseri umani e molti altri animali dormono? (2001) In Purves, D., Augustine, G.J., Fitzpatrick, D., et al., (Ed.). Neuroscienze (2a ed.). Sunderland, MA: Sinauer Associates. Disponibile da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK11108/
    2. Due. Miyazaki S., Liu C.Y. e Hayashi Y., (2017). Sonno negli animali vertebrati e invertebrati e approfondimenti sulla funzione e l'evoluzione del sonno. Neurosci. Ris. 118: 3–12. https://doi.org/10.1016/j.neures.2017.04.017
    3. 3. Kohsaka, A., Laposky, A.D., Ramsey, K.M., Estrada, C., Joshu, C., Kobayashi, Y., Turek, F.W., Bass, J. (2007). La dieta ricca di grassi interrompe i ritmi circadiani comportamentali e molecolari nei topi. Cell Metab. 6 (5) novembre, 414-21. https://doi.org/10.1016/j.cmet.2007.09.006
    4. Quattro. Ikonte, C. J., Mun, J. G., Reider, C. A., Grant, R. W. e Mitmesser, S. H. (2019). Inadeguatezza dei micronutrienti nel sonno breve: analisi del NHANES 2005-2016. Nutrienti, 11 (10), 2335. https://doi.org/10.3390/nu11102335
    5. 5. Benefici dell'attività fisica. (2020, 7 ottobre). Estratto il 17 dicembre 2020 da https://www.cdc.gov/physicalactivity/basics/pa-health/index.htm
    6. 6. Russell, C., Wearden, A. J., Fairclough, G., Emsley, R. A., & Kyle, S. D. (2016). Il sonno soggettivo ma non definito dall'actigrafia predice l'affaticamento del giorno successivo nella sindrome da stanchezza cronica: uno studio prospettico del diario giornaliero. Sleep, 39 (4), 937–944. https://doi.org/10.5665/sleep.5658
    7. 7. Kong, J., Shepel, P.N., Holden, C.P., Mackiewicz, M., Pack, A. I., e Geiger, J. D. (2002). Il glicogeno cerebrale diminuisce con l'aumento dei periodi di veglia: implicazioni per la spinta omeostatica al sonno. The Journal of Neuroscience: The official journal of the Society for Neuroscience, 22 (13), 5581-5587. https://doi.org/10.1523/JNEUROSCI.22-13-05581.2002
    8. 8. Bak, L. K., Walls, A. B., Schousboe, A. e Waagepetersen, H. S. (2018). Metabolismo del glicogeno astrocitico nel cervello sano e malato. The Journal of Biological Chemistry, 293 (19), 7108–7116. https://doi.org/10.1074/jbc.R117.803239
    9. 9. Scharf, M. T., Naidoo, N., Zimmerman, J. E. e Pack, A. I. (2008). L'ipotesi energetica del sonno rivisitata. Progressi in neurobiologia, 86 (3), 264-280. https://doi.org/10.1016/j.pneurobio.2008.08.003
    10. 10. Arble, DM, Bass, J., Behn, CD, Butler, MP, Challet, E., Czeisler, C., Depner, CM, Elmquist, J., Franken, P., Grandner, MA, Hanlon, EC, Keene , AC, Joyner, MJ, Karatsoreos, I., Kern, PA, Klein, S., Morris, CJ, Pack, AI, Panda, S., Ptacek, LJ,… Wright, KP (2015). Impatto del sonno e disturbi circadiani sul bilancio energetico e sul diabete: una sintesi delle discussioni del workshop. Sleep, 38 (12), 1849-1860. https://doi.org/10.5665/sleep.5226
    11. undici. Herring, M. P., Monroe, DC, Kline, C. E., O'Connor, P. J., & MacDonncha, C. (2018). La qualità del sonno modera l'associazione tra la frequenza dell'attività fisica e la sensazione di energia e stanchezza negli adolescenti. Psichiatria europea dell'infanzia e dell'adolescenza, 27 (11), 1425-1432. https://doi.org/10.1007/s00787-018-1134-z
    12. 12. Nesbitt A. D. (2018). Disturbo della fase sonno-veglia ritardato. Journal of thoracic disease, 10 (Suppl 1), S103-S111. https://doi.org/10.21037/jtd.2018.01.11
    13. 13. National Heart, Lung, and Blood Institute (NHLBI). (n.d.). Disturbi del ritmo circadiano. Estratto il 17 dicembre 2020 da https://www.nhlbi.nih.gov/health-topics/circadian-rhythm-disorders
    14. 14. Potter, G.D.M., Skene, D.J., Arendt, J., Cade, J.E., Grant, P.J. e Hardie, L.J. (2016). Ritmo circadiano e disturbi del sonno: cause, conseguenze metaboliche e contromisure. Endocr Rev, 37 (6), 584-608. https://doi.org/10.1210/er.2016-1083
    15. quindici. Dierickx, P., Van Laake, L. W. e Geijsen, N. (2018). Orologi circadiani: dalle cellule staminali all'omeostasi e alla rigenerazione dei tessuti. Rapporti EMBO, 19 (1), 18-28. https://doi.org/10.15252/embr.201745130
    16. 16. Poggiogalle, E., Jamshed, H., & Peterson, C. M. (2018). Regolazione circadiana del metabolismo del glucosio, dei lipidi e dell'energia nell'uomo. Metabolismo: clinico e sperimentale, 84, 11–27. https://doi.org/10.1016/j.metabol.2017.11.017
    17. 17. Kilkus, J. M., Booth, J. N., Bromley, L. E., Darukhanavala, A. P., Imperial, J. G., & Penev, P. D. (2012). Sonno e comportamento alimentare negli adulti a rischio di diabete di tipo 2. Obesità (Silver Spring, Md.), 20 (1), 112–117. https://doi.org/10.1038/oby.2011.319
    18. 18. Van Dongen, H. P., Belenky, G. e Krueger, J. M. (2011). Una prospettiva locale, dal basso verso l'alto, sulla privazione del sonno e sulle prestazioni neurocomportamentali. Argomenti attuali in chimica medicinale, 11 (19), 2414–2422. https://doi.org/10.2174/156802611797470286
    19. 19. Istituto nazionale sull'invecchiamento (NIA). (2016, 1 maggio). Una buona notte di sonno. Estratto il 19 dicembre 2020 da https://www.nia.nih.gov/health/good-nights-sleep