Farmaci per il sonno

Dichiarazione di non responsabilità medica: il contenuto di questa pagina non deve essere considerato come consiglio medico o utilizzato come raccomandazione per alcun farmaco specifico. Consultare sempre il proprio medico prima di assumere nuovi farmaci o modificare il dosaggio attuale.

Più di un terzo degli adulti americani lottare per dormire a sufficienza e in risposta molti si rivolgono ai sonniferi. Secondo i dati del CDC, l'8,2% degli adulti americani segnalare l'utilizzo di un aiuto per dormire almeno quattro volte nell'ultima settimana.



Gli aiuti per il sonno includono farmaci da prescrizione, farmaci da banco e integratori alimentari, molti dei quali sono etichettati come aiuti per il sonno 'naturali'. All'interno di queste categorie ci sono più tipi di farmaci e composti che influenzano il corpo in modi diversi.

Ogni ausilio per il sonno ha potenziali benefici e rischi, quindi è importante essere informati su come funzionano, in quali condizioni possono aiutare e su come usarli in sicurezza. Per trovare il miglior farmaco per il sonno, è necessario lavorare con un medico che può consigliare un aiuto per il sonno specifico in base alla tua situazione.

Categorie di farmaci per il sonno

Esistono tre grandi categorie di aiuti per il sonno: farmaci da prescrizione, farmaci da banco e integratori alimentari.



Le categorie sono distinte in base agli ingredienti attivi che includono e al modo in cui funzionano. Ogni categoria è inoltre soggetta a diversi tipi di regolamentazione e accessibilità.

Farmaci da prescrizione

Lettura correlata

  • uomo che cammina nel parco con il suo cane
  • medico che parla al paziente
  • donna che sembra stanca
I farmaci su prescrizione sono disponibili solo presso le farmacie e devono essere ordinati da un medico per un paziente specifico. Questi farmaci sono strettamente regolamentati dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense, che deve approvare qualsiasi farmaco su prescrizione in base alla sua storia di sicurezza ed efficacia negli studi clinici.

Ogni farmaco approvato dalla FDA ha un'indicazione specifica, che descrive le condizioni mediche che si intende trattare. Tuttavia, una volta che un farmaco è stato approvato per un'indicazione, i medici possono prescriverlo per altre condizioni, che è noto come uso 'off-label'.



Molti farmaci da prescrizione sono approvati dalla FDA per trattare i problemi del sonno, mentre altri sono usati off-label per cercare di migliorare il sonno. Gruppi come l'American Academy of Sleep Medicine (AASM) lavorano per creare linee guida per gli operatori sanitari sui pro e contro di questi farmaci.

I farmaci per dormire su prescrizione generalmente funzionano alterando le sostanze chimiche nel cervello che sono coinvolte regolare il sonno e la veglia . Gli effetti del farmaco dipendono dalle sostanze chimiche interessate.

Le sezioni seguenti descrivono alcuni tipi di farmaci da prescrizione che possono essere utilizzati per problemi di sonno.

Ipnotici e sedativi

Gli ipnotici e i sedativi sono farmaci che lo sono progettato per far sentire una persona assonnata . La prima generazione di ipnotici su prescrizione per problemi di sonno erano le benzodiazepine. Questi farmaci agiscono aumentando la produzione del cervello di acido gamma-amminobutirrico (GABA), una sostanza chimica che induce sonnolenza.

Negli ultimi anni, una nuova classe di ipnotici, spesso chiamati farmaci Z in base ai loro nomi medici, è diventata più comunemente prescritta. Questi farmaci aumentano anche la produzione di GABA, ma in un modo modificato che generalmente è stato riscontrato per avere meno effetti collaterali rispetto alle benzodiazepine tradizionali.

La maggior parte dei farmaci ipnotici può essere formulata per essere ad azione rapida oa rilascio graduale per affrontare se una persona ha maggiori difficoltà ad addormentarsi oa mantenere il sonno.

Altri tipi di farmaci sedativi, come i barbiturici, possono aiutare le persone a sentirsi assonnati, ma raramente sono la prima scelta quando si trattano problemi di sonno a causa del rischio di dipendenza e sovradosaggio.

Antagonisti del recettore di orexina

Gli antagonisti del recettore dell'oressina lavorano bloccando l'effetto dell'orexina , una sostanza naturale che aumenta la veglia. Riducendo i livelli di orexina, questi farmaci promuovono la sonnolenza senza alcuni degli effetti che si presentano con altri ipnotici come mal di testa, nausea e dimenticanza a breve termine.

Agonisti del recettore della melatonina

La melatonina è un ormone naturalmente prodotto dall'organismo che facilita il sonno e un sonno costante ritmo circadiano . Un agonista del recettore della melatonina è un farmaco su prescrizione che imita l'effetto della melatonina ed è tipicamente usato per aiutare le persone che hanno problemi ad addormentarsi. Questo farmaco da prescrizione è diverso da un farmaco da banco integratore di melatonina .

Antidepressivi

Gli antidepressivi sono farmaci inizialmente sviluppati per curare la depressione. Alcuni di questi farmaci, inclusi gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) e gli antidepressivi triciclici (TCA), hanno dimostrato di causare sonnolenza in alcune persone. Di conseguenza, a volte vengono prescritti antidepressivi per problemi di sonno.

Gli antidepressivi non sono stati specificamente approvati dal FDA per problemi di sonno , quindi questo è un esempio di utilizzo off-label. Detto questo, molte persone con depressione hanno anche problemi di sonno e questi farmaci possono essere prescritti per affrontare i loro sintomi.

Anticonvulsivanti

Gli anticonvulsivanti sono farmaci utilizzati principalmente per trattare le convulsioni e, in alcuni casi, vengono prescritti off-label per problemi di sonno . Il loro effetto sul sonno è legato al loro potenziali proprietà anti-ansia , ma la ricerca approfondita è limitata sui loro benefici per il sonno.

Antipsicotici

Gli antipsicotici sono una classe di farmaci usati con i disturbi della salute mentale poiché lavorano per ridurre i deliri e le allucinazioni. A volte vengono prescritti off-label come trattamento per i disturbi del sonno a causa del loro effetto sedativo che è legato al modo in cui influenzano la serotonina chimica nel cervello.

Farmaci da banco

I farmaci da banco (OTC) possono essere acquistati senza prescrizione medica e sono spesso venduti in farmacie, drogherie e molti supermercati. Le singole marche di farmaci da banco non richiedono l'approvazione diretta della FDA, ma il loro principio attivo deve essere approvato dalla FDA e devono utilizzare come ausilio per il sonno OTC .

Supplementi dietetici

Una vasta gamma di ausili per il sonno viene venduta come integratori alimentari. Supplementi dietetici non richiedono l'approvazione della FDA prima di essere venduti e non sono regolamentati allo stesso modo dei farmaci da prescrizione e da banco.

Non è richiesta alcuna prescrizione per acquistare integratori alimentari e sono venduti in farmacie, farmacie, supermercati, negozi specializzati e online.

Aiuti naturali per il sonno , tra cui melatonina, kava, valeriana e altri prodotti, sono disponibili come integratori alimentari. Molti aiuti per il sonno combinano diversi ingredienti e dosaggi in una forma di pillola, liquido o masticabile.

Per la maggior parte degli integratori alimentari, c'è una ricerca limitata che documenta i loro benefici e rischi. Per questo motivo, questi prodotti non sono generalmente raccomandati dall'American Academy of Sleep Medicine per il sonno insufficiente.

Quale categoria di aiuti al sonno è la migliore?

È impossibile scegliere il miglior farmaco per il sonno per tutte le situazioni. Quando è necessario un aiuto per dormire, la scelta ottimale dipende dalle circostanze di una persona, inclusa la natura dei suoi problemi di sonno, la salute generale e le condizioni coesistenti, altri farmaci che stanno assumendo e il costo e la disponibilità di diversi farmaci.

Data la moltitudine di fattori che possono influenzare questa decisione, è meglio parlare con un medico prima di prendere qualsiasi aiuto per il sonno, compresi quelli che vengono venduti da banco o come integratore alimentare.

Quali condizioni possono essere trattate con farmaci per il sonno?

I farmaci per il sonno sono spesso prescritti per il trattamento insonnia o sintomi simili all'insonnia. L'insonnia è l'incapacità di addormentarsi o rimanere addormentati anche quando c'è un'opportunità per farlo e spesso interferisce con il modo in cui una persona pensa, si sente o agisce il giorno successivo.

I farmaci progettati per rendere una persona sonnolenta o rimanere a dormire tutta la notte, come i farmaci ipnotico-sedativi, sono in genere destinati a consentire alle persone con sintomi di insonnia di dormire meglio.

Alcuni farmaci per il sonno, inclusa la melatonina, possono essere utilizzati anche per trattare i disturbi del sonno del ritmo circadiano, che si verificano quando l'orologio interno di una persona è disallineato con il ciclo giorno-notte. Persone che soffrono di jet lag a causa dei viaggi aerei o di disturbi del lavoro a turni dovuti al lavoro notturno può trarre beneficio dalla melatonina .

Altri tipi di disturbi del sonno, come parasonnie o sindrome delle gambe senza riposo, possono essere trattati con altri tipi di farmaci che lo sono destinato ad affrontare i sintomi di quelle condizioni piuttosto che indurre sonnolenza.

I farmaci sono l'unico trattamento per i problemi di sonno?

Molti problemi di sonno possono essere affrontati senza alcun farmaco per dormire. Infatti, in molti casi, gli approcci non medici sono preferiti come primo trattamento, con i farmaci utilizzati solo se i problemi di sonno persistono. Questo è particolarmente vero per adulti più anziani e persone con condizioni di salute coesistenti che potrebbero avere maggiori probabilità di avere reazioni avverse ai farmaci per il sonno.

Un'alternativa consolidata ai farmaci per dormire è terapia cognitivo comportamentale per l'insonnia (CBT-I) . La CBT-I aiuta a scoprire e riorientare il pensiero negativo sul sonno incoraggiando una migliore igiene del sonno.

Miglioramenti a igiene del sonno , compreso l'ambiente del sonno e le abitudini quotidiane, sono spesso utili per migliorare la qualità e la coerenza del sonno di una persona. I cambiamenti nell'igiene del sonno possono includere l'impostazione di un programma di sonno standard, la riduzione dell'assunzione di alcol e caffeina e l'ottimizzazione dell'ambiente della camera da letto per eliminare i disturbi del sonno. Una routine notturna regolare per prepararsi per andare a letto, compresi i passaggi per aiutare a rilassarsi e distendersi, sono spesso utili per le persone che lottare per addormentarsi .

A seconda della situazione di una persona, questi approcci non medici possono essere utilizzati insieme ai farmaci per il sonno come forma di terapia combinata.

Ricevi le ultime informazioni durante il sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email sarà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

Quali sono i potenziali benefici e rischi dei farmaci per il sonno?

I potenziali benefici dei farmaci per il sonno sono una migliore durata del sonno, una migliore capacità di dormire tutta la notte e un programma di sonno più stabile. Migliorare il sonno può ridurre la sonnolenza diurna. Gli ausili per il sonno possono aiutare a ripristinare i modelli di sonno per consentire abitudini più sane.

I possibili aspetti negativi degli aiuti per il sonno variano in base al farmaco specifico e alla persona che li assume. Alcuni dei rischi derivanti dall'assunzione di aiuti per il sonno includono:

  • Formazione delle abitudini: Una persona può diventare dipendente dai farmaci anche se non sono destinati all'uso a lungo termine. Interrompere bruscamente l'assunzione del farmaco dopo un uso prolungato può portare a un peggioramento dei problemi di sonno o dei sintomi di astinenza.
  • Diminuzione dell'efficacia: Le persone possono sviluppare una tolleranza a molti farmaci, compresi gli ipnotici , riducendo i loro benefici e potenzialmente peggiorando gli effetti collaterali se il dosaggio viene aumentato.
  • Stordimento eccessivo: La sonnolenza indotta da molti aiuti per il sonno può influenzare il pensiero e l'equilibrio di una persona. Essere troppo intontiti può creare un rischio maggiore di cadute o altri incidenti notturni, soprattutto per gli anziani e le persone con condizioni come la demenza.
  • Sonnolenza del giorno successivo: Gli effetti di alcuni sonniferi possono essere di lunga durata, continuando a influenzare una persona quando si sveglia il giorno successivo. In alcune ricerche, ben l'80% delle persone l'assunzione di sonniferi ha riportato almeno un effetto residuo come difficoltà di concentrazione o sensazione di intontimento il giorno successivo.
  • Comportamenti di sonno complessi : Alcuni aiuti per il sonno, come l'Ambien, ce l'hanno stato segnalato in rari casi per indurre le persone a guidare, mangiare e impegnarsi in altre attività mentre non sono completamente sveglie.
  • Rischio di incidenti stradali: Gli studi hanno trovato una correlazione tra l'uso di ipnotici e sedativi e incidenti stradali . Questi farmaci possono influenzare negativamente la vigilanza, il tempo di reazione e il giudizio di una persona quando è al volante con un effetto complessivo simile alla guida ubriaca.
  • Qualità del sonno disturbata: Alterando le sostanze chimiche coinvolte nel sonno, molti farmaci influenzano non solo la quantità di sonno di una persona, ma anche il modo in cui il sonno si svolge. I farmaci possono interferire con la qualità del sonno e la normale progressione attraverso il fasi del sonno . Alcuni sedativi possono aumentare il rischio di apnea ostruttiva del sonno, un disturbo respiratorio che causa un sonno frammentato.
  • Interazioni con altri farmaci: Possono esserci molte interazioni tra medicinali soggetti a prescrizione, farmaci da banco e integratori alimentari, inclusi i coadiuvanti naturali per il sonno. Queste interazioni possono intensificare o ridurre la potenza dei farmaci e possono causare conseguenze indesiderate.
  • Altri effetti collaterali: Praticamente tutti i farmaci possono avere effetti collaterali, che potrebbero non essere sempre prevedibili. Gli ipnotici, ad esempio, sono stati associato a un rischio complessivo più elevato di morte , che può essere correlato a rischi secondari di depressione, cancro, infezioni e / o incidenti.
  • Integratori con etichetta errata: Per gli integratori alimentari, gli studi hanno scoperto che molti prodotti sugli scaffali non elencare accuratamente il dosaggio di ogni ingrediente. La FDA ha anche segnalato numerosi casi di sonniferi contaminati che contengono livelli rilevabili di altri farmaci. Questo problema non è specifico per gli aiuti per dormire, ma si verifica anche con altri integratori.

Chi dovrebbe e non dovrebbe usare sonniferi?

È più probabile che i sonniferi siano efficaci se usati sotto la guida di un medico che può consigliare farmaci specifici, nonché il dosaggio e il tempo adeguati per prenderli.

Gli adulti sani possono spesso assumere ausili per dormire per un breve periodo con pochi effetti negativi, ma questo dipende in modo significativo dal tipo di aiuto per dormire e dalla loro salute individuale.

A causa di un elevato potenziale di effetti collaterali, i seguenti gruppi di persone non dovrebbero generalmente assumere alcun tipo di sonniferi senza aver prima consultato il proprio medico:

  • Persone con problemi di mobilità: Ciò include molte persone anziane che sono più suscettibili agli incidenti e alle cadute per eccesso di stordimento.
  • Donne incinte: Un certo numero di farmaci per dormire può avere effetti negativi per le donne incinte o il loro bambino .
  • Bambini: I farmaci per dormire per i bambini spesso non sono gli stessi di quelli per gli adulti. Molti ausili per dormire non hanno dimostrato di essere sicuri per i bambini o potrebbero richiedere una dose inferiore per essere sicuri.
  • Persone con altre condizioni di salute: Farmaci e integratori possono avere effetti sulla salute fisica o mentale, quindi chiunque abbia problemi di salute coesistenti dovrebbe essere cauto nel prendere un nuovo aiuto per dormire.
  • Persone che assumono altri farmaci: Per evitare interazioni indesiderate, è meglio parlare con un medico e / o un farmacista prima di prendere qualsiasi sonnifero.

Come puoi assicurarti che i farmaci per dormire siano usati in modo sicuro?

Indipendentemente dal tipo di farmaco per il sonno che prendi, ci sono diverse precauzioni che ti aiutano a farlo prendi il tuo aiuto per dormire in sicurezza .

Passo 1:
Consulta il tuo medico in merito ai tuoi problemi di sonno e quale ausilio per il sonno offre i maggiori potenziali benefici e il minor numero di svantaggi. È importante consultare un medico per determinare l'origine del problema, se possibile. Molti altri fattori tra cui depressione, ansia, disturbi della tiroide, peri-menopausa, apnea ostruttiva del sonno, asma, insufficienza cardiaca e altri farmaci possono causare problemi con il sonno.

Passo 2:
Ricorda che questi farmaci generalmente non sono destinati all'uso a lungo termine. L'obiettivo è aiutare a migliorare il tuo sonno a breve termine, permettendoti di sviluppare una sana igiene del sonno che può ripagare a lungo termine.

Passaggio 3:
Controlla con il tuo medico o farmacista se il dosaggio è giusto per te. Ad esempio, le donne eliminano gli aiuti per il sonno in modo diverso, quindi la FDA ha raccomandato a dose più bassa di alcuni farmaci per il sonno a causa di numerose segnalazioni di eccessiva stordimento il giorno successivo. Il dosaggio dovrebbe anche essere calibrato se hai problemi ad addormentarti o rimanere addormentato.

Passaggio 4:
Segui attentamente tutte le istruzioni per assumere i farmaci per il sonno. Ciò include solo prendere la dose prescritta e farlo al momento giusto per garantire il massimo aiuto per il tuo sonno e ridurre i rischi di stordimento la mattina successiva.

Anche se questo passaggio può sembrare ovvio, uno studio ha trovato improprio diffuso uso di farmaci per dormire su prescrizione comune . Si è scoperto che molte persone hanno preso una dose troppo alta, hanno preso la pillola troppo tardi la sera e / o hanno continuato a prendere il farmaco più a lungo del previsto.

Passaggio 5:
Mentre prendi il farmaco per il sonno, stai attento segnali di pericolo di effetti avversi e parla con il tuo medico se li rilevi. Esempi di questi segnali di avvertimento includono:

  • Sonnolenza eccessiva, mancanza di concentrazione o rallentamento del pensiero durante il giorno
  • Sensazione di instabilità o rischio di caduta
  • Cambiamenti mentali o emotivi inspiegabili come nervosismo, confusione o euforia
  • Respirazione alterata durante il sonno, come russare rumorosamente
  • Qualsiasi sintomo di astinenza se interrompi l'assunzione del sonnifero come tremore, vomito o dolore ai muscoli
  • Altri cambiamenti di salute inspiegabili come problemi gastrointestinali o di altro tipo
  • questo articolo è stato utile?
  • Non