Privazione del sonno e tempo di reazione

Il tempo di reazione è definito come la quantità di tempo necessaria per rispondere a uno stimolo, che può essere qualsiasi evento che precede una risposta. Il cervello umano è immensamente complesso e il tempo tipico necessario per una risposta fisica a uno stimolo è di circa 160-190 millisecondi o un poco meno di 0,2 secondi . È più o meno lo stesso tempo necessario per sbattere le palpebre.

Mentre le nostre reazioni fisiche possono avvenire in un batter d'occhio, dietro le quinte il nostro cervello sta lavorando attraverso un serie di processi . Ad esempio, prima di rispondere a una palla da baseball lanciata da un lanciatore, il cervello di un ricevitore deve riconoscere la palla, decidere di rispondere, quindi inviare un messaggio lungo il midollo spinale alle mani e alle dita.



Il tempo di reazione di una persona può variare in base a varietà di fattori . Alcuni fattori sono al di fuori del nostro controllo, come l'età, la mano sinistra o destra e se lo stimolo è visivo o uditivo. Altri fattori che influenzano i tempi di reazione sono sotto il nostro controllo, come il nostro livello di forma fisica, la presenza di distrazioni e la stanchezza che stiamo vivendo.

La mancanza di sonno può influire sul tempo di reazione?

Ottenere sonno sufficiente è una parte essenziale della salute fisica e mentale. Linee guida da National Sleep Foundation indicano che la maggior parte degli adulti necessita tra le sette e le nove ore di sonno per notte. Sfortunatamente, dormire poco è abbastanza comune e i dati dei Centers for Disease Control (CDC) suggeriscono che quasi un terzo degli americani ottiene meno di sei ore di sonno ogni notte .

I tempi di reazione aumentano come persona accumula debito di sonno . Ciò significa che più sonno una persona perde, più tempo impiega a reagire a uno stimolo. In uno studio, ai soggetti di ricerca è stato permesso di dormire per cinque ore a notte per una settimana. Nel corso della settimana, i tempi di reazione dei partecipanti sono aumentati costantemente man mano che accumulavano debito di sonno e si sentivano sempre più assonnati.



Ci sono diverse ipotesi che tentano di spiegare il motivo dell'aumento dei tempi di reazione dopo la privazione del sonno. Un'ipotesi afferma che la perdita di sonno aumenta il tempo di reazione dovuto al corpo esigenze simultanee e concorrenti . Quando non dormiamo, il nostro corpo ha bisogno di dormire, di rimanere svegli e di svolgere delle attività. Queste pulsioni in competizione interferiscono con la nostra attenzione di momento in momento, portando a deterioramento cognitivo e un tempo di reazione aumentato.

I pericoli di un tempo di reazione più lungo

I tempi di reazione sono importanti in una moltitudine di professioni e attività. Tempi di reazione più lunghi possono influenzare le prestazioni degli atleti, nonché la sicurezza e la produttività di lavoratori a turni , professionisti medici, studenti, piloti e chiunque altro il cui lavoro richiede un'attenzione costante e riflessi rapidi.

I tempi di reazione più lunghi sono particolarmente pericolosi quando una persona si mette al volante di un'auto. La National Highway Traffic Safety Administration stima che potrebbero essere dovuti fino a 6.000 incidenti mortali all'anno conducenti sonnolenti . Guida mentre dormi poco può rendere più difficile reagire rapidamente alle mutevoli condizioni stradali ed è stato collegato a pratiche pericolose come corsia alla deriva .



Come testare il tempo di reazione

Esistono diversi modi per testare il tempo di reazione a casa. Sebbene questi metodi non dovrebbero essere utilizzati per decidere se sei troppo assonnato per guidare o svolgere altre attività, possono essere un modo divertente per testare il tuo tempo di reazione in condizioni diverse.

Il test del righello

Questo semplice test del tempo di reazione ti consente di vedere quanto tempo ci vuole per catturare un righello che cade. Per iniziare, chiedi a un amico di tenere un righello sulla misura più alta. Posiziona il pollice e l'indice aperti leggermente sotto il righello, pronto a prenderlo quando il righello cade. Quindi, chiedi al tuo amico di lasciar cadere il righello mentre lo prendi tra il pollice e l'indice il più rapidamente possibile.

Registra la misura nel punto in cui hai catturato il righello. Più basso è il numero, più velocemente viene catturato il righello e più alto è il tempo di reazione. Per divertimento, cambia posizione con il tuo amico e fagli provare, quindi confronta i risultati. Puoi anche confrontare il tuo tempo di reazione in condizioni diverse, come con o senza rumore di fondo.Ottieni le ultime informazioni durante il sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email verrà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

Il test di vigilanza psicomotoria

Il test di vigilanza psicomotoria (PVT) misura il tempo necessario per rispondere a uno stimolo visivo. Le immagini vengono mostrate su uno schermo altrimenti vuoto in momenti casuali e ai partecipanti viene chiesto di toccare un pulsante quando vedono l'immagine. Sebbene questo test possa essere difficile da ricreare da solo, esistono diverse applicazioni basate su computer e smartphone che ti consentono di testare il tuo tempo di reazione in diverse condizioni .

Migliorare il tempo di reazione

Molte persone vogliono migliorare i loro tempi di reazione per essere un guidatore più sicuro, più produttivo al lavoro o più veloce nel rispondere alle conversazioni. Altri, come i neogenitori, i turnisti e i soccorritori, devono mantenere tempi di reazione rapidi in condizioni che spesso richiedono loro di perdere il sonno. Sebbene questi suggerimenti non possano sostituire un buon riposo notturno, ci sono diversi modi in cui le persone possono migliorare il loro tempo di reazione, sia in generale che quando dormono poco.

  • Migliora la coordinazione occhio-mano: L'allenamento nella coordinazione occhio-mano può migliorare i tempi di reazione e i miglioramenti possono persistere molto tempo dopo la fine dell'allenamento. Prova a scegliere uno sport o un'attività che coinvolga la coordinazione occhio-mano e fai pratica regolarmente per ottenere i migliori risultati.
  • Sii consapevole di alcol e caffeina: L'alcol e la caffeina hanno effetti opposti sui tempi di reazione. Alcol rallenta i tempi di reazione , anche a bassi livelli prima che una persona si senta o agisca intossicata. La caffeina, d'altra parte, può migliorare i tempi di reazione . Sebbene la caffeina possa aiutare ad aumentare temporaneamente il tempo di reazione, non dimenticare che può anche interferire con il sonno se usata troppo vicino al momento di coricarsi.
  • Prova la meditazione o la respirazione profonda: La ricerca lo suggerisce la meditazione può migliorare i tempi di reazione , anche nelle persone prive di sonno. Ha dimostrato una respirazione lenta e profonda vantaggi simili . Prova a praticare la respirazione profonda o la meditazione prima di attività che richiedono tempi di reazione rapidi.
  • Migliora il tuo sonno: Poiché la perdita di sonno può avere effetti così drammatici sui tempi di reazione, assicurati di ottenere un riposo costante e di qualità. Se riscontri problemi di sonno che ti impediscono di riposare di cui hai bisogno, prova alcuni dei nostri suggerimenti per migliorare il tuo sonno.

Migliorare il tuo sonno

Migliorare il tuo igiene del sonno è un ottimo primo passo per sentirsi più riposati e migliorare i tempi di reazione. L'igiene del sonno significa incorporare pratiche che promuovono un sonno migliore, riducendo le pratiche che rendono il sonno più impegnativo. Ecco alcuni suggerimenti per migliorare la tua igiene del sonno.

  • Esci e sii attivo: Ottenere abbastanza luce diurna e attività fisica sono due passaggi fondamentali per migliorare l'igiene del sonno. Sia la luce solare che l'esercizio fisico aiutano a sincronizzare il ciclo sonno-veglia, un aspetto importante ritmo circadiano .
  • Sii coerente: Stabilisci una routine notturna e mantienila coerente. Prova a creare un ordine per la tua sera, come prima fare la doccia, poi lavarti i denti e poi indossare il pigiama. Seguire la stessa routine ogni notte può aiutare la mente e il corpo a rilassarsi e sapere che è ora di dormire.
  • Migliora il tuo ambiente di sonno: Scegli un periodo di tempo ragionevole prima di andare a letto (forse 30-90 minuti) per disattivare o silenziare tutte le distrazioni, in particolare i dispositivi elettronici come la TV e il cellulare. Trova invece un'attività rilassante da svolgere, come stretching, lettura o esercizi di rilassamento .
  • Comprendi il ruolo della dieta: Bere caffè o mangiare un pasto abbondante troppo tardi la sera può disturbare il sonno. L'alcol può rendere più facile addormentarsi inizialmente, ma può disturbare il sonno più tardi durante la notte. Cerca di limitare l'alcol e la caffeina, soprattutto la sera.
  • Parla con il tuo medico: Se hai difficoltà persistenti a dormire a sufficienza, è importante parlare con un medico. Medici, specialisti del sonno e persino consulenti per la salute mentale sono formati per aiutare a trovare e trattare i problemi che influenzano il sonno.
  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +14 Fonti
    1. 1. Jain, A., Bansal, R., Kumar, A. e Singh, K. D. (2015). Uno studio comparativo dei tempi di reazione visiva e uditiva sulla base del sesso e dei livelli di attività fisica degli studenti del primo anno di medicina. Rivista internazionale di ricerca medica applicata e di base, 5 (2), 124-127. https://doi.org/10.4103/2229-516X.157168
    2. Due. Wong, A. L., Haith, A. M. e Krakauer, J. W. (2015). Pianificazione del motore. The Neuroscientist: una rivista di revisione che porta neurobiologia, neurologia e psichiatria, 21 (4), 385-398. https://doi.org/10.1177/1073858414541484
    3. 3. Balakrishnan, G., Uppinakudru, G., Girwar Singh, G., Bangera, S., Dutt Raghavendra, A. e Thangavel, D. (2014). Uno studio comparativo sul tempo di reazione scelta visiva per diversi colori nelle femmine. Neurology research international, 2014, 301473. https://doi.org/10.1155/2014/301473
    4. Quattro. Hirshkowitz, M., Whiton, K., Albert, SM, Alessi, C., Bruni, O., DonCarlos, L., Hazen, N., Herman, J., Katz, ES, Kheirandish-Gozal, L., Neubauer, DN, O'Donnell, AE, Ohayon, M., Peever, J., Rawding, R., Sachdeva, RC, Setters, B., Vitiello, MV, Ware, JC e Adams Hillard, PJ (2015) . Raccomandazioni sulla durata del sonno della National Sleep Foundation: metodologia e riepilogo dei risultati. Salute del sonno, 1 (1), 40–43. https://doi.org/10.1016/j.sleh.2014.12.010
    5. 5. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) (2012). Breve durata del sonno tra i lavoratori - Stati Uniti, 2010. MMWR. Rapporto settimanale su morbilità e mortalità, 61 (16), 281-285.
    6. 6. Bonnet, M. H. e Arand, D. L. (2003). Effetti clinici della frammentazione del sonno rispetto alla privazione del sonno. Recensioni sulla medicina del sonno, 7 (4), 297-310. https://doi.org/10.1053/smrv.2001.0245
    7. 7. Tucker, A. M., Whitney, P., Belenky, G., Hinson, J. M. e Van Dongen, H. P. (2010). Effetti della privazione del sonno sulle componenti dissociate del funzionamento esecutivo. Sleep, 33 (1), 47–57. https://doi.org/10.1093/sleep/33.1.47
    8. 8. Centro nazionale per la prevenzione delle malattie croniche e la promozione della salute, Divisione della salute della popolazione. (2017, 21 marzo). Guida assonnata. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Estratto il 1 ° dicembre 2020 da https://www.cdc.gov/sleep/about_sleep/drowsy_driving.html
    9. 9. Baulk, S. D., Biggs, S. N., Reid, K. J., van den Heuvel, C. J., & Dawson, D. (2008). Inseguire il proiettile d'argento: misurare l'affaticamento del conducente utilizzando compiti semplici e complessi. Analisi e prevenzione degli incidenti, 40 (1), 396–402. https://doi.org/10.1016/j.aap.2007.07.008
    10. 10. Grant, D. A., Honn, K. A., Layton, M. E., Riedy, S. M. e Van Dongen, H. (2017). Test di vigilanza psicomotoria basati su smartphone e tablet di 3 minuti per la valutazione della ridotta vigilanza dovuta alla privazione del sonno. Metodi di ricerca sul comportamento, 49 (3), 1020-1029. https://doi.org/10.3758/s13428-016-0763-8
    11. undici. Hernández, O. H., Vogel-Sprott, M. e Ke-Aznar, V. I. (2007). L'alcol altera la componente cognitiva del tempo di reazione a uno stimolo omesso: una replica e un'estensione. Journal of studies su alcol e droghe, 68 (2), 276-281. https://doi.org/10.15288/jsad.2007.68.276
    12. 12. Santos, V. G., Santos, V. R., Felippe, L. J., Almeida, J. W., Jr, Bertuzzi, R., Kiss, M. A., & Lima-Silva, A. E. (2014). La caffeina riduce i tempi di reazione e migliora le prestazioni nelle gare simulate di taekwondo. Nutrienti, 6 (2), 637-649. https://doi.org/10.3390/nu6020637
    13. 13. Kaul, P., Passafiume, J., Sargent, C. R. e O'Hara, B. F. (2010). La meditazione migliora notevolmente la vigilanza psicomotoria e può ridurre il bisogno di dormire. Funzioni comportamentali e cerebrali: BBF, 6, 47. https://doi.org/10.1186/1744-9081-6-47
    14. 14. Manandhar, S. A., e Pramanik, T. (2019). Effetto immediato della respirazione profonda lenta sulla pressione sanguigna e sul tempo di reazione. Rivista medica di Mymensingh: MMJ, 28 (4), 925–929.