Privazione del sonno ed emicrania

Un buon riposo notturno è essenziale sia per la nostra sopravvivenza che per il nostro benessere. Il sonno regola e ripristina molte delle funzioni del corpo, come la nostra apprendimento, memoria e sistemi immunitari . Il sonno influisce anche sul nostro umore, così come sui nostri organi come cervello, cuore e polmoni. Non sorprende, quindi, che privazione del sonno può avere un impatto negativo su questi sistemi e portare a problemi di salute mentale e fisica. In effetti, l'emicrania e altri tipi di mal di testa sono tra alcune delle malattie più frustranti legate alla privazione del sonno.

Che cos'è la privazione del sonno?

a differenza di insonnia , il quale è un difficoltà ad addormentarsi oa restare addormentato quando si ha altrimenti il ​​tempo e l'ambiente per dormire, la privazione del sonno si verifica quando non si ha la possibilità di dormire a sufficienza. Ridotte opportunità di sonno potrebbe essere il risultato di diverse barriere, comprese occupazioni con orari di lavoro lunghi o irregolari, abuso di sostanze, stress e ansia, farmaci o condizioni mediche che disturbano il sonno. Alcune persone soffrono di privazione del sonno perché queste barriere impediscono loro di dedicare abbastanza tempo al sonno. Altri hanno tempo a sufficienza per dormire, ma si ritrovano a svegliarsi frequentemente durante la notte, con il risultato di non dormire abbastanza bene. La privazione del sonno è stata collegata a riduzione delle prestazioni cognitive e della concentrazione , eccessiva sonnolenza diurna, cambiamenti di umore e problemi con la memoria e il processo decisionale. La ricerca ha anche collegato la privazione del sonno a numero di disturbi del mal di testa . Unica tra queste è l'emicrania, che più spesso colpisce gli individui al risveglio al mattino.



Cosa sono le emicranie?

Emicranie si verificano in circa il 12% della popolazione statunitense. Sono mal di testa ricorrenti caratterizzati da dolore pulsante o pulsante da moderato a grave, che è più spesso concentrato su un lato della testa. Altri sintomi comuni includono nausea, debolezza e sensibilità alla luce e al suono.

Le emicranie sono ulteriormente classificate in base al fatto che includono o meno l'aura. Questo si riferisce si riferisce a ulteriori sintomi che possono verificarsi prima o durante un'emicrania, inclusi debolezza muscolare, formicolio, disturbi visivi, perdita della vista e altri sintomi neurologici. Le donne hanno una probabilità tre volte maggiore degli uomini di soffrire di emicrania e quelle con una storia familiare di emicrania hanno maggiori probabilità di soffrire di emicrania da sole.

La privazione del sonno causa emicranie?

La ricerca ha stabilito da tempo una relazione tra problemi di sonno e disturbi del mal di testa, tra cui emicrania, cefalea di tipo tensivo e la meno comune cefalea a grappolo e cefalea ipnica. Tuttavia, coloro che soffrono di emicrania in particolare lo sono più probabilità di soffrire di sonno insufficiente rispetto a quelli con altri disturbi di cefalea. Oltre ad aumentare il rischio di emicrania, è stato anche dimostrato che la privazione del sonno aumenta il gravità e frequenza dell'emicrania .



In che modo la privazione del sonno scatena l'emicrania? Ricevi le ultime informazioni sul sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email sarà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno la relazione tra privazione del sonno ed emicrania, tuttavia condividono meccanismi cerebrali comuni . Ad esempio, l'ipotalamo - la parte del cervello che regola il sonno e l'eccitazione - contiene anche neuroni coinvolti nella modulazione del dolore. L'ipotalamo contiene anche il nucleo soprachiasmatico (SCN), che riceve segnali dai nostri occhi e ci aiuta ad abbinare i nostri comportamenti di sonno al ciclo esterno di luce e oscurità all'esterno. Un SCN danneggiato può causare un sonno diurno irregolare e interrompere il ciclo sonno-veglia.

Un'altra parte fondamentale del cervello coinvolta nel sonno è la ghiandola pineale, che produce la melatonina, l'ormone che ci aiuta ad addormentarci quando riconosciamo il cambiamento tra il giorno e la notte. Bassi livelli di melatonina sono stati collegati a emicrania e cefalea a grappolo, così come al risveglio con mal di testa.

Possono altri problemi di sonno scatenare l'emicrania?

La ricerca ha scoperto che non solo anche piccolo sonno (privazione del sonno), ma anche troppo sonno (ipersonnia) può scatenare l'emicrania. Mentre un sonno ristoratore può alleviare i sintomi dell'emicrania mentre sono in corso, dormire a lungo può peggiorare i problemi. Il termine 'emicrania del fine settimana' è spesso usato per riferirsi alle emicranie che si verificano comunemente nelle persone che dormono nei fine settimana per compensare il sonno perso durante la settimana.



Il relazione tra privazione del sonno ed emicrania è anche bidirezionale. Ciò significa che i disturbi del sonno possono scatenare l'emicrania, ma anche l'emicrania può avere un impatto negativo sul nostro sonno. L'emicrania può farci sentire esausti ed eccessivamente assonnati, il che può interrompere il nostro ciclo sonno-veglia.

Mi sono svegliato con l'emicrania. Cosa posso fare?

Sebbene non esista una cura per l'emicrania, ci sono dei passaggi che puoi intraprendere alleviare i sintomi . Gli analgesici da banco, un bicchiere d'acqua o un panno fresco e umido sulla fronte possono portare sollievo. Puoi anche assicurarti che l'ambiente circostante sia tranquillo, buio e pacifico. Se le tue emicranie sono persistenti o gravi, potresti parlare con il tuo medico. Un operatore sanitario può collaborare con te per comprendere i tuoi sintomi, discutere la tua storia medica ed eseguire esami fisici o neurologici per escludere altre condizioni che potrebbero influenzare la tua emicrania. Potrebbero anche prescriverti altri farmaci per alleviare l'emicrania.

Come posso prevenire future emicranie?

È chiaro che l'interazione tra sonno ed emicrania è sia complicata che sensibile. Poiché sia ​​il troppo poco che il troppo sonno sono stati associati ad emicrania e altri disturbi del mal di testa, uno dei modi più importanti per combattere questi problemi è dormire nella giusta quantità. Le linee guida della National Sleep Foundation raccomanda agli adulti di dormire tra le 7 e le 8 ore a notte per una salute ottimale, mentre i più giovani potrebbero aver bisogno di dormire di più. Inoltre, per assicurarti di ottenere il sonno più riposante, è essenziale praticare una buona igiene del sonno . I seguenti sono solo alcuni suggerimenti che possono aiutarti a sviluppare e mantenere una sana routine del sonno.

  • Attenersi a un programma : Prova ad andare a letto e svegliarti alla stessa ora ogni giorno, anche nei fine settimana. Mantenere un programma del sonno coerente aiuta a evitare un sonno insufficiente o eccessivo che può scatenare l'emicrania.
  • Evita le sostanze prima di andare a letto: L'alcol, la nicotina e la caffeina possono interferire con la qualità e la consistenza del sonno.
  • Mettiti comodo: Prenditi del tempo per rilassarti prima di andare a letto impegnandoti in attività calmanti come leggere, meditare o ascoltare musica. Assicurati che la tua stanza sia mantenuta a una temperatura fresca e confortevole e che il tuo materasso offra molto sostegno.
  • Spegnere le luci: Oltre alle lampade e alle plafoniere, la luce emessa da telefoni cellulari, tablet, TV e altri dispositivi elettronici può disturbare il ritmo circadiano e rendere difficile addormentarsi. È meglio spegnere questi dispositivi prima di andare a dormire e cercare di non usarli mentre si è a letto.
  • questo articolo è stato utile?
  • Non