Effetti collaterali dei farmaci per il sonno

Dichiarazione di non responsabilità medica: il contenuto di questa pagina non deve essere considerato come consiglio medico o utilizzato come raccomandazione per alcun farmaco specifico. Consultare sempre il proprio medico prima di assumere nuovi farmaci o modificare il dosaggio attuale.

Hai problemi a dormire? Alcune persone prendono sonniferi per alleviare lo stress a breve termine, il jet lag o un altro problema temporaneo che interferisce con il loro sonno notturno. Alcuni farmaci per dormire ti aiutano ad addormentarti, altri ti aiutano a rimanere addormentato e alcuni fanno entrambe le cose.



Ma i sonniferi sono sicuri? Prescrizione di farmaci per dormire può creare assuefazione e molti effetti collaterali sono indesiderabili. Pertanto, è importante capire come funzionano e quali effetti collaterali puoi aspettarti.

Quali sono gli effetti collaterali dei farmaci per il sonno?

Potenziali effetti collaterali variare in base al farmaco , ma potresti riscontrare uno o più dei seguenti effetti durante l'assunzione di sonniferi:

  • Lettura correlata

    • uomo che cammina nel parco con il suo cane
    • medico che parla al paziente
    • donna che sembra stanca
    Sensazione di bruciore o formicolio alle mani, braccia, piedi o gambe
  • Cambiamento dell'appetito
  • Stipsi
  • Diarrea
  • Vertigini o stordimento
  • Sonnolenza durante il giorno
  • Secchezza delle fauci o gola
  • Gas
  • Mal di testa
  • Bruciore di stomaco
  • Nausea
  • Disabilità mentale il giorno successivo
  • Difficoltà a prestare attenzione o ricordare le cose
  • Mal di stomaco
  • Equilibrio alterato
  • Agitazione incontrollabile
  • Sogni o incubi strani
  • Debolezza

L'effetto 'sbornia' è uno degli effetti collaterali più comuni dei farmaci per il sonno come ipnotici benzodiazepinici e zopiclone . Questo termine si riferisce a effetti collaterali come sonnolenza, difficoltà di equilibrio o coordinazione motoria e compromissione della concentrazione o della memoria. 80 percento delle persone che assumono farmaci per il sonno su prescrizione riferisce di sentire almeno uno di questi effetti collaterali il giorno successivo. Ad esempio, i sonniferi possono influire sulla guida la mattina dopo averli presi. Questi effetti collaterali possono anche influenzare negativamente le prestazioni lavorative, le relazioni sociali e il benessere generale e la qualità della vita.



Gli effetti collaterali dei sonniferi sono pericolosi?

A seconda della tua situazione particolare, uno qualsiasi degli effetti collaterali di cui sopra può essere pericoloso e alcuni effetti collaterali dovrebbero causare preoccupazione immediata. Questi includono parasonnie, reazioni allergiche e dipendenza o abuso del farmaco.

Parasonnie

Parasonnia descrive una serie di comportamenti insoliti che le persone sperimentano durante il sonno, come il sonnambulismo o l'umidificazione del letto. Le parasonnie più comuni associato agli aiuti per il sonno sono camminare nel sonno, parlare nel sonno, mangiare nel sonno e guidare nel sonno. Questi comportamenti possono essere più comuni con un aumento del dosaggio, quindi è importante assumere il farmaco esattamente come prescritto dal medico.

Reazione allergica

Come con qualsiasi farmaco, potresti anche avere una reazione allergica ai sonniferi. Se stai avendo un file reazione allergica , potresti notare uno o più dei seguenti effetti indesiderati. Smetti di prendere il farmaco e consulta immediatamente un medico.



  • Visione offuscata
  • Dolore al petto
  • Respirazione difficoltosa
  • Difficoltà a deglutire
  • Orticaria
  • Raucedine
  • Battito cardiaco irregolare o martellante
  • Prurito
  • Nausea
  • Eruzione cutanea
  • Sensazione di chiusura della gola
  • Fiato corto
  • Gonfiore di occhi, labbra, viso, lingua o gola
  • Vomito

Dipendenza

Mentre la maggior parte dei sonniferi sono progettati solo per un uso a breve termine (un numero di settimane o meno), alcune persone potrebbero continuare a usarli a lungo termine. Con l'uso a lungo termine, aumenti il ​​rischio di sviluppare a tolleranza . Quando ciò accade, alcune persone finiscono per aumentare il dosaggio o abusare del sonnifero, il che si traduce in effetti collaterali più problematici.

Sonnifero dipendenza può causare effetti collaterali come disturbi della coordinazione motoria, vertigini, incapacità di concentrarsi o ricordare le cose ed euforia. È anche possibile diventare psicologicamente dipendenti dal farmaco. Potresti sviluppare ansia o paura quando ti addormenti e preoccuparti di non essere in grado di addormentarti senza il farmaco. Alcune persone iniziano a combinare il farmaco con l'alcol, che è di per sé un sedativo. La combinazione di questi insieme è estremamente pericolosa, poiché la tua respirazione può rallentare a tal punto da farlo provoca la morte .

L'uso prolungato può aumentare l'intensità o la frequenza degli effetti collaterali e svilupparsi in dipendenza. Questo è il motivo per cui è importante interrompere l'assunzione del farmaco al termine della prescrizione. Se i tuoi problemi di sonno persistono, consulta il tuo medico.

Ricevi le ultime informazioni durante il sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email sarà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

Cosa devo fare se si verificano effetti collaterali?

Se noti effetti collaterali gravi o pericolosi, consulta immediatamente il medico.

Se noti effetti collaterali più lievi, dovresti comunque parlare con il tuo medico il prima possibile. Possono essere in grado di suggerire una dose più bassa, un farmaco diverso o un piano per svezzare lentamente il farmaco.

Conosci quel rimbalzo insonnia può verificarsi quando si interrompe l'uso di sonniferi su prescrizione, soprattutto se si interrompe il tacchino freddo. Può anche accadere mentre stai gradualmente abbassando il dosaggio. L'insonnia di rimbalzo può sembrare ancora più frustrante della tua insonnia originale, poiché potresti sperimentare sogni vividi, incubi e ansia. Se si verifica questo, parlare con il medico. Possono suggerire di abbassare la dose più gradualmente.

Chi dovrebbe preoccuparsi dei farmaci per dormire?

L'assunzione di farmaci per il sonno è una decisione che dovrebbe sempre essere considerata con attenzione e dovrebbe comportare la consultazione di un medico prima per aiutare a valutare rischi e benefici. Alcune persone possono essere più a rischio quando assumono farmaci per il sonno. Questi includono:

  • Individui con malattie polmonari croniche come asma, enfisema o broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). Alcuni sonniferi possono rallentare la respirazione e aumentare il rischio di insufficienza respiratoria. Allo stesso modo, le persone con bassa pressione sanguigna e aritmie dovrebbero evitare di assumere farmaci per il sonno.
  • Individui con malattie epatiche o renali. Queste condizioni influenzano il metabolismo del corpo, che a sua volta può influenzare la durata della permanenza del sonnifero nel tuo sistema, portando a maggiori disturbi diurni e sonnolenza.
  • Donne in gravidanza o in allattamento. Alcuni farmaci per dormire sono stati collegati a depressione, disturbi della memoria e perdita di coordinazione motoria in misura maggiore nelle donne in gravidanza. I medici possono consigliare di evitarli del tutto. Se è necessario un farmaco, i medici possono prescriverlo a dosi inferiori.
  • Anziani. La ricerca indica che gli anziani hanno maggiori probabilità di sperimentare gli effetti collaterali dei sonniferi, in particolare vertigini, vertigini, disturbi dell'equilibrio, confusione e sedazione. Questi possono aumentare il rischio di cadere o ferirsi. Se sono necessari farmaci per il sonno, i medici possono prescrivere una dose inferiore per mediare il rischio.
  • Persone che assumono altri farmaci. Farmaci da prescrizione e farmaci da banco possono interagire negativamente con i sonniferi, il che può aumentare il rischio di sperimentare effetti collaterali. Se stai assumendo altri farmaci o integratori, assicurati di discuterne con il tuo medico prima di iniziare i farmaci per dormire.

Domande da porre al medico sugli aiuti per il sonno e sugli effetti collaterali

Se stai pensando di assumere farmaci per il sonno, consulta sempre il tuo medico e spiega la tua situazione in dettaglio. Spiega loro che tipo di problemi di sonno hai avuto, quando sono iniziati e con quale frequenza li provi. Queste informazioni possono aiutarli a prescrivere un piano di trattamento appropriato per alleviare i problemi di sonno.

Per quanto riguarda gli effetti collaterali dei farmaci, prendi in considerazione di porre al tuo medico queste domande:

  • Ci sono altre cose nella mia vita che potrebbero contribuire ai miei problemi di sonno, come stress, dieta, esercizio fisico o a ambiente di sonno povero ?
  • Quali tipi di farmaci per il sonno sarebbero sicuri per me?
  • Con che frequenza dovrei prendere questo farmaco ea che ora del giorno?
  • Come devo prendere il farmaco? Dovrei bere acqua o mangiare cibo allo stesso tempo o prima?
  • Ci sono attività che dovrei evitare dopo aver preso il farmaco, come guidare?
  • Quanto tempo dovrei prendere questo farmaco?
  • Esiste una versione generica che posso prendere che potrebbe essere più conveniente?
  • Quali effetti collaterali posso aspettarmi da questo farmaco?
  • Di quali effetti collaterali dovrei preoccuparmi o farmi interrompere l'assunzione del farmaco?
  • Ci sono cibi o sostanze che dovrei evitare durante l'assunzione di questo farmaco, come alcol o pompelmo?

Se il tuo medico ti consiglia un sonnifero, leggi sempre la guida ai farmaci del sonnifero per assicurarti di comprendere appieno i rischi e i potenziali effetti collaterali. Prendilo solo come prescritto dal medico e solo quando hai il tempo di dormire una notte intera per ridurre al minimo gli effetti collaterali il giorno successivo.

Se hai costantemente problemi ad addormentarti o a restare addormentato, parla con il tuo medico. Cambiamenti di comportamento e stile di vita, oltre a terapia comportamentale cognitiva , può aiutare. Se un problema di fondo è dietro l'insonnia, che si tratti di una condizione di salute o di un disturbo del sonno, un trattamento che può risolvere o migliorare la tua insonnia.

  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +9 Fonti
    1. 1. Proctor, A., & Bianchi, M. T. (2012). Farmacologia clinica nella medicina del sonno. Farmacologia ISRN, 2012, 914168. https://doi.org/10.5402/2012/914168
    2. Due. Pandi-Perumal, S. R., Verster, J. C., Kayumov, L., Lowe, A. D., Santana, M. G., Pires, M. L., Tufik, S., & Mello, M. T. (2006). Disturbi del sonno, sonnolenza e sicurezza stradale: una minaccia per la salute pubblica. Giornale brasiliano di ricerca medica e biologica = Revista brasileira de pesquisas medicas e biologicas, 39 (7), 863–871. https://doi.org/10.1590/s0100-879x2006000700003
    3. 3. Fitzgerald, T. e Vietri, J. (2015). Gli effetti residui dei farmaci per il sonno sono comunemente segnalati e associati a risultati alterati riferiti dai pazienti tra i pazienti con insonnia negli Stati Uniti. Disturbi del sonno, 2015, 607148. https://doi.org/10.1155/2015/607148
    4. Quattro. Ufficio del Commissario. (2019, 12 aprile). Problemi di sonno. Food and Drug Administration degli Stati Uniti. https://www.fda.gov/consumers/free-publications-women/sleep-problems
    5. 5. Pagel, J. F., & Parnes, B. L. (2001). Farmaci per il trattamento dei disturbi del sonno: una panoramica. Compagno di cure primarie al Journal of clinic psichiatria, 3 (3), 118–125. https://doi.org/10.4088/pcc.v03n0303
    6. 6. MedlinePlus: Biblioteca nazionale di medicina (USA). (2019, 15 novembre). Zolpidem. Estratto il 20 novembre 2020 da https://medlineplus.gov/druginfo/meds/a693025.html
    7. 7. Lie, J. D., Tu, K. N., Shen, D. D., & Wong, B. M. (2015). Trattamento farmacologico dell'insonnia. P & T: una rivista peer-reviewed per la gestione dei formulari, 40 (11), 759-771. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4634348/
    8. 8. Longo, L. P. e Johnson, B. (2000). Dipendenza: Parte I. Benzodiazepine - effetti collaterali, rischio di abuso e alternative. Medico di famiglia americano, 61 (7), 2121-2128. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/10779253/
    9. 9. Comunicazioni sulla sicurezza dei farmaci. (2016, 31 agosto). La FDA mette in guardia sui rischi gravi e sulla morte quando la combinazione di farmaci oppioidi per il dolore o per la tosse con le benzodiazepine richiede il suo avvertimento più forte. Food and Drug Administration degli Stati Uniti. https://www.fda.gov/media/99761/download