Orexins

Dichiarazione di non responsabilità medica: il contenuto di questa pagina non deve essere considerato come consiglio medico o utilizzato come raccomandazione per alcun farmaco specifico. Consultare sempre il proprio medico prima di assumere nuovi farmaci o modificare il dosaggio attuale.

Le cellule nervose del corpo, chiamate anche neuroni, comunicano tra loro tramite messaggeri chimici chiamati neurotrasmettitori. I neurotrasmettitori controllano praticamente tutto ciò che facciamo, influenzando i nostri pensieri e sentimenti e coordinando le nostre azioni. Un tipo di neurotrasmettitore è chiamato a neuropeptide .



Le orexine sono neuropeptidi, prodotti in una parte del cervello chiamata ipotalamo. Dei miliardi di cellule del cervello, ce ne sono solo da 10.000 a 20.000 cellule che producono orexina . Queste cellule producono due tipi di orexine, chiamate orexina-A e orexina-B.

Questi neuropeptidi sono stati scoperti da due gruppi nello stesso periodo, quindi hanno due nomi intercambiabili all'interno della comunità scientifica . Un gruppo ha scelto il nome orexin, preso dal greco “orexis”, che significa appetito. L'altro gruppo ha chiamato questi neuropeptidi ipocretine perché sono stati scoperti nell'ipotalamo. Pertanto, è comune vedere orexina-A e orexina-B chiamato anche ipocretina-1 e ipocretina-2 .

Orexine nel corpo

I neuroni che producono orexina ricevono segnali dal corpo, dalle emozioni e dall'ambiente, quindi rilasciano orexine che influenzano il intero sistema nervoso centrale . In effetti, le orexine sembrano svolgere ruoli così diversi nel corpo che i ricercatori sostengono che stiamo appena iniziando a capire la loro importanza.



Si ritiene che le orexine siano principalmente eccitatorie, il che significa che inducono altri neuroni ad attivarsi e iniziano a inviare i propri segnali. Tra le molte funzioni scoperte delle orexine, sembrano svolgere un ruolo importante nel sonno, nel metabolismo energetico e nell'umore.

Ricerche recenti hanno offerto un'ipotesi che tenta di spiegare tutto l'apparentemente diverso ruoli delle orexine nel corpo . Questa ipotesi suggerisce che le orexine regolano il comportamento durante i periodi di bisogno fisiologico, esposizione a minacce e opportunità di ricompensa.

Comprendere i numerosi effetti delle orexine nel corpo è stimolante e prezioso. La ricerca in questo settore aumenta la nostra comprensione del corpo umano. Offre anche nuovi modi promettenti per trattare una moltitudine di condizioni, tra cui insonnia, narcolessia, depressione e persino obesità.



Sonno ed eccitazione

Si ipotizza che un ruolo primario delle orexine sia controllare il sonno e l'eccitazione e che i neuroni che rilasciano le orexine siano più attivi durante il giorno. Per tenerci svegli, questi neuropeptidi stimolano altri neuroni a rilasciare neurotrasmettitori che promuovono la vigilanza, come la dopamina, la serotonina e la noradrenalina. Ottieni le ultime informazioni sul sonno dalla nostra newsletter.Il tuo indirizzo email sarà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

Senza abbastanza orexine, il corpo ha difficoltà a rimanere sveglio e vigile. Persone con diagnosi di tipo 1 narcolessia hanno una riduzione dall'85% al ​​95% del numero di neuroni che producono orexine . Questa perdita di neuroni produttori di orexina porta ai sintomi della narcolessia, incluso eccessiva sonnolenza diurna , paralisi nel sonno , allucinazioni e cataplessia .

Sebbene l'aumento di peso non sia un sintomo della narcolessia, le persone con questa condizione lo sono più probabilità di essere in sovrappeso . La ricerca suggerisce che il legame tra narcolessia e aumento di peso può essere correlato al ruolo dell'orexina nella regolazione dell'attività fisica.

Stress, attività fisica e obesità

Le orexine sono importanti nel corpo risposta allo stress . Ricevendo segnali dall'ambiente, i neuroni che producono orexina rispondono alla pressione eccitando altri neuroni che aumentano la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna, aiutando il corpo a passare da uno stato di riposo a uno in cui è pronto a rispondere e muoversi.

Con meno segnali chimici per motivare le risposte, le carenze di orexine sono collegate all'inattività fisica e all'obesità. La ricerca sugli animali ha dimostrato che i topi che perdono i loro neuroni produttori di orexina sono meno attivi fisicamente diminuzione del metabolismo energetico e hanno maggiori probabilità di svilupparsi obesità e il diabete, anche quando consumano meno calorie.

Umore e memoria

Le orexine eccitano anche i neuroni importanti nella regolazione dell'umore. Avere troppa o troppo poca attività di orexina è stata legato alla depressione e altre condizioni di salute mentale, come ansia, disturbo di panico, dipendenze e disturbo da stress post-traumatico.

Questi neuropeptidi influenzano anche l'umore attraverso la loro funzione in una parte del cervello chiamata ippocampo. Le orexine incoraggiano la creazione di nuovi neuroni nell'ippocampo, che è importante per l'apprendimento, la memoria e le capacità spaziali. Senza una quantità sufficiente di orexine, le persone possono sviluppare problemi con l'apprendimento e la memoria.

Aiuta a dormire mirando alle orexine

Poiché le orexine stimolano la veglia, il blocco degli effetti di questi neuropeptidi è un modo per trattare alcuni disturbi del sonno. I doppi antagonisti del recettore dell'oressina (DORA) sono a nuovo tipo di aiuto per dormire su prescrizione che prende di mira il sistema di orexina del corpo. Questi farmaci agiscono come antagonisti del recettore dell'orexina, il che significa che bloccano gli effetti delle orexine nel corpo, riducono la spinta a rimanere svegli e facilitano il sonno.

Due tipi di DORA sono attualmente approvati dalla Food and Drug Administration (FDA) per trattamento dell'insonnia negli adulti: suvorexant e lemborexant . I DORA più recenti sono ancora in fase di sviluppo.

I DORA differiscono da altri tipi di aiuti per il sonno perché influenzano diversi sistemi del corpo. I farmaci da banco per dormire, come la difenidramina e la melatonina, provocano sedazione o aiutano a regolare la ritmo circadiano . Gli ausili per dormire su prescrizione promuovono il sonno in altri modi, come prendere di mira i recettori GABA nel cervello, e possono avere effetti collaterali indesiderati, come problemi di memoria, cambiamenti di comportamento e persino allucinazioni.

I ricercatori sperano che, prendendo di mira il sistema dell'orexina del corpo, i DORA possano essere efficaci con meno effetti collaterali. In effetti, entrambi i DORA approvati dalla FDA hanno dimostrato di migliorare la qualità del sonno nelle persone con insonnia e l'effetto collaterale più comune associato al loro uso è la sonnolenza. Possono anche migliorare l'architettura del sonno e sono stati usati per migliorare il delirio nei pazienti ospedalizzati.

Sebbene i DORA offrano un nuovo approccio promettente per il trattamento dell'insonnia, non sono adatti a tutti. Prima di assumere qualsiasi farmaco, assicurati di consultare il tuo medico o uno specialista del sonno. Per molte persone con insonnia e altri problemi di sonno, è utile iniziare concentrandosi sui cambiamenti del comportamento, come migliorare il proprio igiene del sonno , prima di considerare i farmaci.

  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +14 Fonti
    1. 1. Burbach J. P. (2011). Cosa sono i neuropeptidi? Metodi in biologia molecolare (Clifton, N.J.), 789, 1–36. https://doi.org/10.1007/978-1-61779-310-3_1
    2. Due. Błaszczyk J. W. (2020). Declino del metabolismo energetico nell'invecchiamento cerebrale-patogenesi dei disturbi neurodegenerativi. Metaboliti, 10 (11), 450. https://doi.org/10.3390/metabo10110450
    3. 3. Goodrick, S. (2015). Orexina o ipocretina ?. The Lancet. Neurologia, 14 (3), 249. https://doi.org/10.1016/S1474-4422(15)70032-3
    4. Quattro. Sakurai, T., Amemiya, A., Ishii, M., Matsuzaki, I., Chemelli, RM, Tanaka, H., Williams, SC, Richardson, JA, Kozlowski, GP, Wilson, S., Arch, JR, Buckingham, RE, Haynes, AC, Carr, SA, Annan, RS, McNulty, DE, Liu, WS, Terrett, JA, Elshourbagy, NA, Bergsma, DJ, ... Yanagisawa, M. (1998). Orexine e recettori dell'orexina: una famiglia di neuropeptidi ipotalamici e recettori accoppiati a proteine ​​G che regolano il comportamento alimentare. Cella, 92 (4), 573–585. https://doi.org/10.1016/s0092-8674(00)80949-6
    5. 5. de Lecea, L., Kilduff, TS, Peyron, C., Gao, X., Foye, PE, Danielson, PE, Fukuhara, C., Battenberg, EL, Gautvik, VT, Bartlett, FS, 2nd, Frankel, WN , van den Pol, AN, Bloom, FE, Gautvik, KM e Sutcliffe, JG (1998). Le ipocretine: peptidi specifici dell'ipotalamo con attività neuroeccitatoria. Atti della National Academy of Sciences degli Stati Uniti d'America, 95 (1), 322–327. https://doi.org/10.1073/pnas.95.1.322
    6. 6. Chieffi, S., Carotenuto, M., Monda, V., Valenzano, A., Villano, I., Precenzano, F., Tafuri, D., Salerno, M., Filippi, N., Nuccio, F., Ruberto, M., De Luca, V., Cipolloni, L., Cibelli, G., Mollica, MP, Iacono, D., Nigro, E., Monda, M., Messina, G., & Messina, A. (2017). Sistema Orexin: la chiave per una vita sana. Frontiere in fisiologia, 8, 357. https://doi.org/10.3389/fphys.2017.00357
    7. 7. Mahler, S. V., Moorman, D.E, Smith, R. J., James, M. H. e Aston-Jones, G. (2014). Attivazione motivazionale: un'ipotesi unificante della funzione orexina / ipocretina. Nature neuroscience, 17 (10), 1298-1303. https://doi.org/10.1038/nn.3810
    8. 8. Thannickal, T. C., Moore, R. Y., Nienhuis, R., Ramanathan, L., Gulyani, S., Aldrich, M., Cornford, M. e Siegel, J. M. (2000). Numero ridotto di neuroni ipocretinici nella narcolessia umana. Neuron, 27 (3), 469–474. https://doi.org/10.1016/s0896-6273(00)00058-1
    9. 9. Chabas, D., Foulon, C., Gonzalez, J., Nasr, M., Lyon-Caen, O., Willer, J. C., Derenne, J. P., & Arnulf, I. (2007). Disturbo alimentare e metabolismo nei pazienti narcolettici. Sleep, 30 (10), 1267–1273. https://doi.org/10.1093/sleep/30.10.1267
    10. 10. Grafe, L. A. e Bhatnagar, S. (2018). Orexine e stress. Frontiers in neuroendocrinology, 51, 132-145. https://doi.org/10.1016/j.yfrne.2018.06.003
    11. undici. Zink, A. N., Perez-Leighton, C. E., & Kotz, C. M. (2014). Il sistema neuropeptidico dell'oressina: attività fisica e funzione ipotalamica durante il processo di invecchiamento. Frontiers in systems neuroscience, 8, 211. https://doi.org/10.3389/fnsys.2014.00211
    12. 12. Nollet, M. e Leman, S. (2013). Ruolo dell'orexina nella fisiopatologia della depressione: potenziale di intervento farmacologico. Farmaci per il SNC, 27 (6), 411-422. https://doi.org/10.1007/s40263-013-0064-z
    13. 13. Kuriyama, A. e Tabata, H. (2017). Suvorexant per il trattamento dell'insonnia primaria: una revisione sistematica e una meta-analisi. Recensioni sulla medicina del sonno, 35, 1–7. https://doi.org/10.1016/j.smrv.2016.09.004
    14. 14. Scott L. J. (2020). Lemborexant: prima approvazione. Farmaci, 80 (4), 425-432. https://doi.org/10.1007/s40265-020-01276-1