Obesità e sonno

La saggezza convenzionale era che il peso di una persona fosse determinato esclusivamente dalla nutrizione e dal livello di attività. Tuttavia, ora comprendiamo che il peso corporeo è più di una semplice funzione del comportamento. La genetica, lo stato socioeconomico, l'ambiente della comunità, lo stress e la salute generale giocano tutti un ruolo nel proprio peso. Inoltre, quanto bene o male dormi può influire sull'aumento e sulla perdita di peso, poiché la perdita di sonno è uno dei fattori di rischio per l'obesità .

Una preoccupazione preoccupante per le persone con obesità è che non solo la perdita di sonno porta ad un aumento di peso, ma il sovrappeso causa anche problemi di sonno, che a loro volta possono peggiorare i processi biologici che contribuiscono all'aumento di peso. È un ciclo frustrante, ma le persone in sovrappeso o obese possono aiutare a migliorare il sonno e gli effetti sulla salute associati alla perdita di sonno.



In che modo la privazione del sonno porta all'aumento di peso?

La perdita di sonno crea uno squilibrio ormonale nel corpo che promuove eccesso di cibo e aumento di peso. La leptina e la grelina sono ormoni che regolano l'appetito e quando non dormi a sufficienza, la produzione di questi ormoni viene alterata in modo da creare un aumento della sensazione di fame. La privazione del sonno è associata a carenza di ormone della crescita e livelli elevati di cortisolo, entrambi collegati all'obesità. Inoltre, un sonno insufficiente può compromettere il metabolismo del cibo.

Sfortunatamente, gli effetti della perdita di sonno sul peso non si limitano ai cambiamenti a livello chimico. È stato dimostrato che la durata del sonno limitata causa una maggiore tendenza a selezionare cibi ipercalorici . Le calorie consumate a tarda notte aumentano il rischio di aumento di peso. Inoltre, gli adulti che non dormono a sufficienza fare meno esercizio di quelli che lo fanno, forse perché la perdita di sonno provoca sonnolenza e stanchezza durante il giorno.

Obesità infantile e sonno

I bambini richiedono più sonno rispetto agli adulti a causa dell'importante sviluppo in atto nei loro corpi e nelle loro menti. Perdita di sonno nei bambini aumenta il loro rischio per diventare sovrappeso o obeso. In effetti, i bambini che non dormono abbastanza possono sperimentare gli stessi cambiamenti ormonali osservati negli adulti che portano ad un aumento di peso. Potrebbero anche sperimentare un aumento della fatica diurna, con conseguente diminuzione dei livelli di attività.



Anche l'ora di andare a letto potrebbe influire sul peso. Uno studio ha rilevato che i bambini che sono andati a letto più tardi aveva una dieta di qualità peggiore , consumando più cibi poveri di nutrienti e meno frutta e verdura rispetto ai bambini che sono andati a letto prima.

Inoltre, la ricerca ha dimostrato che tra i bambini in sovrappeso, quelli che dormono meno e hanno orari di sonno irregolari sono a maggior rischio per effetti nocivi sulla salute.

In che modo il sovrappeso influisce sul sonno?

Le persone che sono obese hanno maggiori probabilità di riferire insonnia o disturbi del sonno di quelli che non sono obesi. Ci sono anche prove che suggeriscono che l'obesità è associata aumento della sonnolenza e dell'affaticamento diurno , anche nelle persone che dormono tutta la notte indisturbate. I ricercatori suggeriscono che l'obesità può modificare il metabolismo e / oi cicli sonno-veglia in modo tale da causare un deterioramento della qualità del sonno. È anche possibile che ci siano effetti fisici del portare il peso in eccesso che influiscono sulla qualità del sonno.Ricevi le ultime informazioni sul sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email sarà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .



Quali sono i problemi di sonno comuni nelle persone in sovrappeso?

Molte condizioni di salute possono influire sul sonno e alcune di esse si riscontrano più spesso in soggetti in sovrappeso o obesi. La presenza di una o più delle seguenti condizioni può aggravare l'insonnia e altri problemi di sonno causati dall'obesità:

  • Depressione : L'obesità è associata alla depressione, e le due condividere una relazione reciproca . In altre parole, l'obesità può causare o intensificare i sintomi della depressione, mentre la depressione può portare ad un aumento di peso. Le persone con depressione possono anche soffrire di problemi di sonno, l'insonnia si verifica con la depressione fino al 75% del tempo.
  • Asma : L'asma è una condizione respiratoria che coinvolge l'infiammazione delle vie aeree. Obesità aumenta il rischio per lo sviluppo dell'asma e per i sintomi peggiori dell'asma. Molti pazienti con esperienza di asma sintomi notturni , che porta a difficoltà ad addormentarsi e a restare addormentato.
  • Osteoartrite : L'osteoartrosi è una malattia articolare caratterizzata da cartilagine logora. Essere sovrappeso può causare artrosi a causa del carico aggiuntivo posto sulle articolazioni. L'osteoartrite colpisce il sonno e può condividere una relazione ciclica con dolore, depressione e disturbi del sonno in cui queste condizioni si esacerbano a vicenda.

Come puoi dormire meglio in sovrappeso?

Il termine ' igiene del sonno 'Significa impegnarsi in pratiche che supportano un buon sonno notturno. Questo è importante per tutti, ma è particolarmente importante se hai a che fare con problemi di sonno. L'igiene del sonno implica cose come impostare un programma di sonno prevedibile, creare una routine per andare a dormire e impegnarsi in abitudini sane durante il giorno. I seguenti passaggi possono essere particolarmente utili da considerare in caso di sovrappeso:

  • Esercizio : Esercizio può migliorare la qualità del sonno nelle persone che soffrono di disturbi del sonno. È stato anche dimostrato ridurre i sintomi nei pazienti con OSA , indipendente dalla perdita di peso. Inoltre, fare esercizio all'aperto ti espone alla luce naturale, favorendo un sano ciclo sonno-veglia.
  • Trova un materasso adatto a te : È importante che il materasso consenta il corretto allineamento della colonna vertebrale e una pressione di contatto equilibrata tra il corpo e il materasso. Le preferenze del materasso variano da persona a persona. La ricerca lo ha dimostrato influisce sul peso corporeo il tipo di materasso che si potrebbe trovare più comodo.
  • Seleziona gli alimenti con attenzione : Dieta e nutrizione sono anche componenti dell'igiene del sonno, ma la perdita di sonno può rendere più difficile mangiare sano. Adottare misure per mantenere una dieta equilibrata può migliorare il sonno. Ad esempio, i ricercatori hanno scoperto che una dieta ricca di carboidrati può diminuire la tua capacità per ottenere un sonno profondo. Un altro studio ha rilevato che si mangia entro 30-60 minuti prima di coricarsi modelli di sonno più poveri .

Il ciclo di perdita di sonno e aumento di peso può essere difficile da interrompere. È importante lavorare con un medico o coinvolgere uno specialista del sonno se si verifica una scarsa qualità del sonno che potrebbe essere correlata al peso. Perdita di peso può essere raccomandato per alcuni, ma non tutti, i pazienti. Un professionista medico può fornire una guida personalizzata su come incorporare al meglio gli approcci discussi sopra e può essere in grado di suggerire ulteriori interventi.

  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +22 Fonti
    1. 1. Beccuti, G. e Pannain, S. (2011). Sonno e obesità. Opinione corrente in nutrizione clinica e cura metabolica, 14 (4), 402–412. https://doi.org/10.1097/MCO.0b013e3283479109
    2. Due. Greer, S. M., Goldstein, A. N. e Walker, M. P. (2013). L'impatto della privazione del sonno sul desiderio di cibo nel cervello umano. Comunicazioni sulla natura, 4, 2259. https://doi.org/10.1038/ncomms3259
    3. 3. Kline C. E. (2014). La relazione bidirezionale tra esercizio e sonno: implicazioni per l'aderenza all'esercizio e il miglioramento del sonno. Rivista americana di medicina dello stile di vita, 8 (6), 375-379. https://doi.org/10.1177/1559827614544437
    4. Quattro. Patel, S. R., & Hu, F. B. (2008). Breve durata del sonno e aumento di peso: una revisione sistematica. Obesità (Silver Spring, Md.), 16 (3), 643-653. https://doi.org/10.1038/oby.2007.118
    5. 5. Golley, R. K., Maher, C.A., Matricciani, L., & Olds, T. S. (2013). Durata del sonno o ora di andare a dormire? Esplorare l'associazione tra comportamento del ritmo del sonno, dieta e BMI nei bambini e negli adolescenti. Giornale internazionale dell'obesità (2005), 37 (4), 546-551. https://doi.org/10.1038/ijo.2012.212
    6. 6. Spruyt, K., Molfese, D.L. e Gozal, D. (2011). Durata del sonno, regolarità del sonno, peso corporeo e omeostasi metabolica nei bambini in età scolare. Pediatria, 127 (2), e345 – e352. https://doi.org/10.1542/peds.2010-0497
    7. 7. Pearson, N. J., Johnson, L. L. e Nahin, R. L. (2006). Insonnia, disturbi del sonno e medicina complementare e alternativa: analisi dei dati del sondaggio nazionale sulla salute del 2002. Archivi di medicina interna, 166 (16), 1775–1782. https://doi.org/10.1001/archinte.166.16.1775
    8. 8. Vgontzas, A. N., Bixler, E. O., Tan, T. L., Kantner, D., Martin, L. F., & Kales, A. (1998). L'obesità senza apnea notturna è associata alla sonnolenza diurna. Archivi di medicina interna, 158 (12), 1333–1337. https://doi.org/10.1001/archinte.158.12.1333
    9. 9. Strohl, K. P. (2020, settembre). Versione professionale del manuale Merck: apnea ostruttiva del sonno. Estratto il 23 novembre 2020 da https://www.msdmanuals.com/professional/pulmonary-disorders/sleep-apnea/obstructive-sleep-apnea
    10. 10. ADAMO. Enciclopedia medica. (2020, 12 gennaio). Malattia da reflusso gastroesofageo. Estratto il 23 novembre 2020 da https://medlineplus.gov/ency/article/000265.htm
    11. undici. Jung, H. K., Choung, R. S. e Talley, N. J. (2010). Malattia da reflusso gastroesofageo e disturbi del sonno: prove di un nesso causale e implicazioni terapeutiche. Journal of neurogastroenterology and motility, 16 (1), 22-29. https://doi.org/10.5056/jnm.2010.16.1.22
    12. 12. Luppino, F. S., de Wit, L. M., Bouvy, P. F., Stijnen, T., Cuijpers, P., Penninx, B. W. e Zitman, F. G. (2010). Sovrappeso, obesità e depressione: una revisione sistematica e una meta-analisi di studi longitudinali. Archivi di psichiatria generale, 67 (3), 220–229. https://doi.org/10.1001/archgenpsychiatry.2010.2
    13. 13. Nutt, D., Wilson, S. e Paterson, L. (2008). Disturbi del sonno come sintomi principali della depressione. Dialogues in clinical neuroscience, 10 (3), 329-336. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3181883/
    14. 14. National Heart, Lung, and Blood Institute. (2020, 21 maggio). Asma. Estratto il 23 novembre 2020 da https://www.nhlbi.nih.gov/health-topics/asthma
    15. quindici. Cukic, V., Lovre, V. e Dragisic, D. (2011). Disturbi del sonno in pazienti con asma bronchiale. Materia socio-medica, 23 (4), 235-237. https://doi.org/10.5455/msm.2011.23.235-237
    16. 16. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. (2020, 27 luglio). Osteoartrite (OA). Estratto il 23 novembre 2020 da https://www.cdc.gov/arthritis/basics/osteoarthritis.htm
    17. 17. Parmelee, P. A., Tighe, C. A., e Dautovich, N. D. (2015). Disturbi del sonno nell'osteoartrosi: collegamenti con dolore, disabilità e sintomi depressivi. Cura e ricerca sull'artrite, 67 (3), 358–365. https://doi.org/10.1002/acr.22459
    18. 18. Yang, P.Y., Ho, K. H., Chen, H. C. e Chien, M. Y. (2012). L'allenamento fisico migliora la qualità del sonno negli adulti di mezza età e negli anziani con problemi di sonno: una revisione sistematica. Journal of fisioterapia, 58 (3), 157-163. https://doi.org/10.1016/S1836-9553(12)70106-6
    19. 19. Iftikhar, I. H., Kline, C. E., & Youngstedt, S. D. (2014). Effetti dell'allenamento fisico sull'apnea notturna: una meta-analisi. Lung, 192 (1), 175-184. https://doi.org/10.1007/s00408-013-9511-3
    20. venti. Wong, D.W., Wang, Y., Lin, J., Tan, Q., Chen, T. L. e Zhang, M. (2019). Determinanti e valutazione del materasso per dormire: una revisione e una critica biomeccanica. PeerJ, 7, e6364. https://doi.org/10.7717/peerj.6364
    21. ventuno. St-Onge, M. P., Mikic, A. e Pietrolungo, C. E. (2016). Effetti della dieta sulla qualità del sonno. Progressi nella nutrizione (Bethesda, Md.), 7 (5), 938–949. https://doi.org/10.3945/an.116.012336
    22. 22. Crispim, C.A., Zimberg, I.Z., dos Reis, B. G., Diniz, R. M., Tufik, S., & de Mello, M. T. (2011). Relazione tra assunzione di cibo e ritmo del sonno in individui sani. Journal of Clinical Sleep Medicine: JCSM: pubblicazione ufficiale dell'American Academy of Sleep Medicine, 7 (6), 659-664. https://doi.org/10.5664/jcsm.1476