Dal 3 al 10 novembre 2019 è la Drowsy Driving Prevention Week®

PER IL RILASCIO IMMEDIATO
[email protected]

WASHINGTON, DC, 28 ottobre 2019 - La National Sleep Foundation (NSF) dichiara dal 3 al 10 novembre come Sonnolenza alla guida Prevention Week® .

L'obiettivo della campagna NSF è ridurre il numero di conducenti che scelgono di guidare mentre sono privati ​​del sonno. La sonnolenza alla guida è responsabile di oltre 6.400 decessi negli Stati Uniti ogni anno. Questi incidenti di addormentarsi sono spesso causati dal fatto che non si ottiene volontariamente il sonno di cui si ha bisogno. Milioni di americani sperimentano anche un'eccessiva sonnolenza a causa di disturbi del sonno, come l'apnea ostruttiva del sonno e la narcolessia. NSF incoraggia tutti a dare la priorità al sonno e alla guida quando sono vigili e riposati.



Più di 1 americano su 4 non dorme a sufficienza quasi tutte le notti, con effetti negativi sulla salute, le prestazioni e la sicurezza. Un sonno insufficiente compromette la capacità del conducente di guidare in sicurezza un veicolo a motore. Il deterioramento dovuto alla perdita del sonno è paragonabile a quello dell'intossicazione da alcol con 24 ore di veglia continua con conseguenti deterioramenti delle prestazioni neurocomportamentali simili a quelli indotti da una concentrazione di alcol nel sangue di 0,10 g / dL. Come l'alcol, la privazione del sonno altera il giudizio e il processo decisionale ei conducenti sopravvalutano la loro capacità di esibirsi. Ironia della sorte, invece di rallentare i tempi di risposta per preservare l'accuratezza, gli individui privati ​​del sonno spesso aumentano la velocità a scapito di fare più errori (cioè diventano 'veloci e sciatti') e assumono maggiori rischi.

Il Rapporto 2016 del NSF Drowsy Driving Consensus Working Group pubblicato in Diario della salute del sonno ha concluso che la privazione del sonno rende gli automobilisti inadatti a guidare un veicolo a motore. In particolare, i conducenti sani che hanno dormito per due ore o meno nelle 24 ore precedenti non sono idonei a guidare un veicolo a motore. Hanno inoltre convenuto che la maggior parte dei conducenti sani sarebbe stata probabilmente danneggiata con solo 3-5 ore di sonno durante le 24 ore precedenti.

Logo aziendale UPS



NSF si unisce alla campagna di quest'anno da UPS . UPS si impegna a garantire una guida sicura e la sicurezza stradale e lancerà speciali sforzi di guida sonnolenta per tutta la settimana. NSF invita le società di trasporto, sicurezza e ospitalità a promuovere la prevenzione della guida in stato di sonnolenza dal 3 al 10 novembre.

Iscriviti oggi a NSF per eliminare la sonnolenza alla guida. Accedi alle risorse educative sulla prevenzione della guida sonnolenta oggi stesso drowsydriving.org . Condividi le risorse digitali e i messaggi della campagna sui social media utilizzando l'hashtag # Alert2Drive .

Informazioni sulla National Sleep Foundation
La NSF si dedica al miglioramento della salute e del benessere attraverso l'educazione e la difesa del sonno. Fondata nel 1990, la NSF si impegna a promuovere l'eccellenza nella teoria, ricerca e pratica della salute del sonno.



Riferimenti
1. McKnight-Eily, L.R., Liu, Y., Perry, G.S. et al. Riposo o sonno insufficiente percepito tra gli adulti - Stati Uniti, 2008. MMWR . 2009 58: 1175-1179
2. Czeisler, C.A. La durata, i tempi e la qualità del sonno sono fondamentali per la salute, le prestazioni e la sicurezza. Salute del sonno . 2015 1: 5–8
3. Powell, N.B., Schechtman, K.B., Riley, R.W., Li, K., Troell, R. e Guilleminault, C. La strada verso il pericolo: i rischi comparativi di guidare durante il sonno. Laringoscopio . 2001 111: 887–893
4. Lee, M.L., Howard, M.E., Horrey, M.J. et al. Alto rischio di eventi di guida in prossimità di un incidente dopo il lavoro notturno. Proc Natl Acad Sci. 2016113: 176–181
5. Roehrs, T., Burduvali, E., Bonahoom, A., Drake, C., e Roth, T. Etanolo e perdita di sonno: un confronto 'dose' di effetti dannosi. Dormire . 2003 26: 981–985
6. Verster, J.C., Taillard, J., Sagaspe, P., Olivier, B. e Philip, P. La guida notturna prolungata può essere pericolosa quanto la guida grave con problemi di alcol. J Sleep Res . 2011 20: 585–588
7. Cajochen, C., Khalsa, S.B., Wyatt, J.K., Czeisler, C.A. e Dijk, D.J. EEG e correlati oculari della fase circadiana della melatonina e diminuzioni delle prestazioni umane durante la perdita di sonno. Sono J Physiol . 1999 277: R640 – R649
8. Bocca, M.L. e Denise, P. effetto di deprivazione totale del sonno sul disimpegno dell'attenzione spaziale come valutato dai movimenti saccadici degli occhi. Clin Neurophysiol . 2006 117: 894–899
9. Venkatraman, V., Chuah, Y.M., Huettel, S.A. e Chee, M.W. La privazione del sonno eleva l'aspettativa di guadagni e attenua la risposta alle perdite a seguito di decisioni rischiose. Dormire . 2007 30: 603–609
10. Dawson, D. e Reid, K. Stanchezza, alcol e compromissione delle prestazioni. Natura . 1997 388: 235
11. Babkoff, H., Zukerman, G., Fostick, L. e Ben-Artzi, E. Effetto del ritmo diurno e 24 ore di privazione del sonno sul giudizio dell'ordine temporale dicotico. J Sleep Res . 2005 14: 7–15
12. Killgore, W.D., Killgore, D.B., Day, L.M., Li, C., Kamimori, G.H. e Balkin, T.J. Gli effetti di 53 ore di privazione del sonno sul giudizio morale. Dormire . 2007 30: 345–352
13. Anderson, C. e Dickinson, D.L. Contrattazione e fiducia: gli effetti di 36 ore di privazione totale del sonno sulle decisioni socialmente interattive. J Sleep Res . 2010 19: 54–63
14. Killgore, W.D., Balkin, T.J. e Wesensten, N.J. Alterazione del processo decisionale dopo 49 ore di privazione del sonno. J Sleep Res. 2006 15: 7–13
15. Horowitz, T.S., Cade, B.E., Wolfe, J.M. e Czeisler, C.A. Ricerca notte e giorno: una dissociazione degli effetti della fase circadiana e del tempo di veglia sull'attenzione visiva selettiva e sulla vigilanza. Psychol Sci. 2003 14: 549–557
16. McKenna, B.S., Dickinson, D.L., Orff, H.J. e Drummond, S.P. Gli effetti di una notte di privazione del sonno su decisioni a rischio noto e rischio ambiguo. J Sleep Res . 2007 16: 245–252
17. Killgore, W.D., Grugle, N.L. e Balkin, T.J. Gioco d'azzardo quando si è privati ​​del sonno: non scommettere sugli stimolanti. Chronobiol Int. 2012 29: 43–54