Sintomi e diagnosi del disturbo del sonno-veglia non 24 ore su 24

La maggior parte delle persone con disturbo del sonno-veglia non 24 ore su 24 (N24SWD) lo notifica all'inizio sintomi sporadici , come attacchi occasionali di insonnia notturna o eccessiva sonnolenza diurna . Poiché N24SWD è caratterizzato da un graduale ritardo nel ciclo sonno-veglia (con casi più rari caratterizzati da un avanzamento graduale), gli individui con questo disturbo a volte sperimentano pochi o nessun sintomo. Altre volte, i sintomi possono essere gravi. La gravità dei sintomi si riferisce al modo in cui le abitudini di sonno dell'individuo sono sincronizzate con il ciclo esterno del giorno e della notte e con gli obblighi, come il lavoro, la scuola e gli impegni sociali.

Ad esempio, le persone con N24SWD possono avere giorni in cui si svegliano naturalmente intorno alle 6:00 e si stancano intorno alle 22:00. Questa tempistica potrebbe allinearsi perfettamente con i segnali di luce e buio del ciclo giorno / notte, consentendo un tempo di sonno sufficiente e una buona energia diurna. Durante questo periodo, è possibile svolgere un tipico lavoro 9-5 o frequentare un orario di lezione diurno. Durante giorni come questi, le persone potrebbero non notare alcun sintomo.



Tuttavia, poiché l'inizio del sonno e i tempi di veglia ritardano nei giorni e nelle settimane seguenti, possono avere difficoltà a dormire la notte e funzionare durante il giorno. Progressivo da una a due ore ritardi nel tempo di sonno alla fine hanno individui svegli tutta la notte e dormono durante il giorno.

A peggiorare le cose, gli sforzi per combattere questo ritardo aderendo a un programma di sonno coerente possono provocare una grave privazione del sonno. Alla fine, il ciclo si chiude e le persone sperimentano un sollievo temporaneo dai sintomi quando le loro abitudini di sonno si riallineano con i loro programmi.

Quali sono i sintomi più comuni del disturbo sonno-veglia non 24 ore su 24?

Lettura correlata

  • adolescenti che vanno in giro
  • Sonnecchiando
  • donna che dorme sul letto
I sintomi più comuni di N24SWD sono insonnia notturna ed eccessiva sonnolenza diurna , chiamato anche ipersonnolenza. Poiché questi sintomi vanno e vengono a seconda dell'allineamento delle abitudini del sonno con i programmi esterni, N24SWD potrebbe passare inosservato per qualche tempo. N24SWD può anche verificarsi in concomitanza con altri disturbi del sonno, come l'apnea ostruttiva del sonno e il disturbo della fase sonno-veglia ritardata (DSWPD). In effetti, una storia di DSWPD può precedere l'inizio di N24SWD, ed è comune che chi soffre di disturbi del ritmo sonno-veglia sia più attivo di notte prima dell'insorgenza dei sintomi .



Man mano che la N24SWD progredisce, gli individui possono manifestare ulteriori sintomi di privazione del sonno, tra cui affaticamento, depressione e problemi di attenzione e memoria. Si osservano anche livelli anormali di melatonina e debolezza generale.

I sintomi psichiatrici sono particolarmente prevalenti, causati sia dalla perdita di sonno che dall'impatto significativo del disturbo sugli orari sociali. Uno studio che monitora i pazienti vedenti con N24SWD lo ha scoperto Il 34% dei partecipanti ha sviluppato una depressione maggiore dopo la comparsa dei sintomi del sonno e che i loro sintomi depressivi peggioravano quando le abitudini del sonno non erano allineate con un regolare programma giorno / notte. Questo studio ha anche notato che la causa dei sintomi della depressione è probabilmente duplice, con la colpa sia della perdita di sonno che della natura isolante del disturbo.

Quali sono i fattori di rischio per lo sviluppo del disturbo sonno-veglia non 24 ore su 24?

N24SWD si verifica più spesso nelle popolazioni cieche ed è noto che influisce 55-70% delle persone totalmente cieche . N24SWD fa parte di un gruppo di disturbi che incidono ritmo circadiano , che è l'orologio interno di circa 24 ore che sincronizza il nostro ciclo sonno-veglia con il ciclo naturale del giorno e della notte. Il ritmo circadiano delle persone è naturalmente un po 'più lungo di 24 ore. Quindi, senza la capacità di riconoscere segnali esterni stabilizzanti, o 'zeitgebers', come la luce, gli individui ciechi sono particolarmente vulnerabili ai disallineamenti nel ritmo circadiano che portano a disturbi del sonno del ritmo circadiano , come N24SWD.



Sebbene la N24SWD sia molto più tipica negli individui ciechi, esiste un numero poco chiaro di pazienti vedenti che sviluppano la N24SWD per altre cause. Persone vedenti più a rischio per N24SWD includono i maschi, i giovani e i ventenni, quelli che lavorano con orari dispari e quelli che vivono o lavorano in ambienti con scarsa illuminazione. Sono state osservate altre cause più uniche di N24SWD, tra cui tentativi falliti di trattare i disturbi del sonno ritardati e traumi cerebrali.

Ricevi le ultime informazioni durante il sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email verrà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

Come viene diagnosticato il disturbo del sonno-veglia non 24 ore su 24?

Poiché i sintomi di N24SWD vanno e vengono, il disturbo può essere difficile da diagnosticare senza diverse settimane di sonno documentato. Secondo la classificazione internazionale dei disturbi del sonno (ICSD), il diagnosi di N24SWD richiede difficoltà ad addormentarsi o svegliarsi, un progressivo ritardo nella fase del sonno e l'incapacità di trascinare (adattarsi a) una normale giornata di 24 ore per sei settimane o più.

Un metodo efficiente per misurare le abitudini del sonno nel tempo è actigrafia . I dispositivi actigrafici sono monitor simili a orologi da polso in grado di monitorare i periodi di sonno e veglia nel tempo e fornire una visualizzazione del ritardo progressivo nel ciclo sonno-veglia che indica N24SWD. L'immagine seguente illustra un caso di studio delle abitudini di sonno di un paziente N24SWD per un periodo di diverse settimane, con barre rosse che rappresentano i periodi di veglia e barre viola che rappresentano il sonno.

actigrafia

Per aiutare con la diagnosi, i medici potrebbero anche chiedere ai pazienti di tenere i propri registri del sonno o diari del sonno. I medici possono anche ordinare la polisonnografia o lo studio del sonno notturno. Sebbene la polisonnografia non possa misurare il cambiamento delle abitudini del sonno nel tempo, può essere utilizzata escludere altri disturbi del sonno . Inoltre, possono essere utilizzati questionari come il MEQ (Morningness-Eveningness Questionnaire), ma non ci sono prove sufficienti per supportare l'utilità dei questionari auto-segnalati.

In che modo il disturbo del sonno-veglia non 24 ore su 24 è diverso da altri disturbi?

Poiché i sintomi di N24SWD si sovrappongono a altri disturbi del ritmo circadiano , a volte viene trascurato o diagnosticato erroneamente. Il ritardo nell'insorgenza del sonno può far sembrare N24SWD un disturbo della fase sonno-veglia ritardato (DSWPD), un disturbo che provoca la tendenza a rimanere alzati fino a tarda notte e avere difficoltà a svegliarsi al mattino.

La variazione dei tempi di sonno associata a N24SWD può anche essere confusa con un disturbo del ritmo sonno-veglia irregolare (ipersonnia idiopatica). In questo disturbo, le persone si svegliano e dormono senza uno schema apparente, il che rende difficile per loro aderire a programmi e obblighi coerenti.

Sebbene questi disturbi siano simili, N24SWD è diverso da entrambi in quanto presenta un ritardo nel ciclo sonno-veglia che progredisce costantemente nel tempo fino a quando non scorre tutto il giorno.

Come posso parlare con il mio medico del disturbo del sonno-veglia non 24 ore su 24?

Se soffri di stanchezza cronica, eccessiva sonnolenza diurna o insonnia, potresti volerlo fare parla con il tuo medico dei tuoi sintomi . Tenere un registro del sonno può aiutare il medico a trovare la diagnosi appropriata. Un registro del sonno aiuta a documentare i cambiamenti nel ciclo del sonno per un periodo di tempo, rivelando se esiste o meno uno schema progressivo che potrebbe indicare N24SWD. Quando vedi un medico, potrebbe farti domande su quando ti addormenti e ti svegli, quanto tempo ti ci vuole per addormentarti, quanto ti senti eccitato durante il giorno e quali routine alimentari ed esercizi pratichi.

Tieni presente che combattere da solo contro N24SWD o lasciarlo non trattato può portare a privazione cronica del sonno e avere un impatto grave sul lavoro, sulle attività sociali e sulle relazioni. A seconda di come colpisce una persona, N24SWD può essere considerata una disabilità. Quando è disabilitante, i datori di lavoro e le scuole sono tenuti a fare sistemazioni ragionevoli, inclusi orari modificati.

  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +13 Fonti
    1. 1. Fadden, J.S.P., Sharkey, K. (2012). Disturbo sonno-veglia non 24 ore su 24. Organizzazione nazionale per i disturbi rari. Estratto il 12 febbraio 2021 da: https://www.rarediseases.org/rare-disease-information/rare-diseases/byID/1275/viewFullReport
    2. Due. Centro informazioni sulle malattie genetiche e rare. Disturbo della veglia del sonno non 24 ore su 24. (n.d.). Centro informazioni sulle malattie genetiche e rare. Estratto il 12 febbraio 2021 da https://rarediseases.info.nih.gov/diseases/10949/non-24-hour-sleep-wake-disorder
    3. 3. Malkani, R. G., Abbott, S. M., Reid, K. J., & Zee, P. C. (2018). Sfide diagnostiche e di trattamento del disturbo del sonno-veglia non 24 ore su 24. Journal of Clinical Sleep Medicine. , 14 (4), 603–613. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29609703/
    4. Quattro. Yamadera, H., Takahashi, K. e Okawa, M. (1996). Uno studio multicentrico sui disturbi del ritmo sonno-veglia: caratteristiche cliniche dei disturbi del ritmo sonno-veglia. Psichiatria e neuroscienze cliniche, 50 (4), 195–201. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/9201776/
    5. 5. Hayakawa, T., Uchiyama, M., Kamei, Y., Shibui, K., Tagaya, H., Asada, T., Okawa, M., Urata, J., & Takahashi, K. (2005). Analisi cliniche di pazienti vedenti con sindrome sonno-veglia non 24 ore su 24: uno studio su 57 casi diagnosticati consecutivamente. Sleep, 28 (8), 945–952. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/16218077/
    6. 6. Emens, J. S., & Eastman, C. I. (2017). Diagnosi e trattamento del disturbo sonno-veglia non 24 ore su 24 nei ciechi. Farmaci, 77 (6), 637-650. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28229310/
    7. 7. Garbazza, C., Bromundt, V., Eckert, A., Brunner, D. P., Meier, F., Hackethal, S., & Cajochen, C. (2016). Rivisitazione del disturbo sonno-veglia non 24 ore su 24 - Un caso di studio. Frontiers in Neurology, 7, 17. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26973592/
    8. 8. Sack, R. L., Auckley, D., Auger, R. R., Carskadon, M. A., Wright, K. P., Jr, Vitiello, M. V., Zhdanova, I. V. e American Academy of Sleep Medicine (2007). Disturbi del ritmo circadiano del sonno: Parte II, disturbo della fase del sonno avanzato, disturbo della fase del sonno ritardato, disturbo della corsa libera e ritmo sonno-veglia irregolare. Una recensione dell'American Academy of Sleep Medicine. Sleep, 30 (11), 1484-1501. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/18041481/
    9. 9. Oren, D.A., & Wehr, T.A. (1992). Sindrome ipernitoemerica dopo cronoterapia per sindrome della fase del sonno ritardata. The New England Journal of Medicine, 327 (24), 1762. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/1435929/
    10. 10. Uchiyama, M., Shibui, K., Hayakawa, T., Kamei, Y., Ebisawa, T., Tagaya, H., Okawa, M. e Takahashi, K. (2002). Angolo di fase più ampio tra propensione al sonno e ritmi di melatonina negli esseri umani vedenti con sindrome sonno-veglia non di 24 ore. Sleep, 25 (1), 83-88. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/11833864/
    11. undici. Kripke, DF, Klimecki, WT, Nievergelt, CM, Rex, KM, Murray, SS, Shekhtman, T., Tranah, GJ, Loving, RT, Lee, HJ, Rhee, MK, Shadan, FF, Poceta, JS, Jamil , SM, Kline, LE e Kelsoe, JR (2014). Polimorfismi circadiani nei nottambuli, nei bipolari e nei cicli del sonno non di 24 ore. Psychiatry Investigation, 11 (4), 345-362. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25395965/
    12. 12. Morgenthaler, TI, Lee-Chiong, T., Alessi, C., Friedman, L., Aurora, RN, Boehlecke, B., Brown, T., Chesson, AL, Jr, Kapur, V., Maganti, R. , Owens, J., Pancer, J., Swick, TJ, Zak, R. e Standards of Practice Committee dell'American Academy of Sleep Medicine (2007). Parametri pratici per la valutazione clinica e il trattamento dei disturbi del sonno del ritmo circadiano. Un rapporto dell'American Academy of Sleep Medicine. Sleep, 30 (11), 1445–1459. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/18041479/
    13. 13. National Heart, Lung, and Blood Institute. (25 settembre 2019). Disturbi del ritmo circadiano. National Heart, Lung, and Blood Institute. Estratto il 13 febbraio 2021 da https://www.nhlbi.nih.gov/health-topics/circadian-rhythm-disorders