Trattamento della narcolessia

La narcolessia è un disturbo in cui il il ciclo sonno-veglia è significativamente alterato . Il suo sintomo centrale è l'eccessiva sonnolenza diurna (EDS), che può comportare l'addormentarsi involontariamente, anche mentre si mangia o si guida.

Le persone con narcolessia affrontano rischi per la sicurezza, tra cui a aumento da tre a quattro volte nelle loro possibilità di essere coinvolti in un incidente automobilistico. I sintomi della narcolessia possono anche causare danni significativi a scuola, lavoro e ambienti sociali.



Ci sono due tipi di narcolessia . La narcolessia di tipo 1 (NT1) spesso coinvolge un sintomo chiamato cataplessia, che è una perdita improvvisa e breve del tono muscolare in cui l'individuo è cosciente. È innescato da forti emozioni, di solito positive come le risate. La narcolessia di tipo 2 (NT2) non comporta cataplessia ma condivide molti altri sintomi con NT1.

Poiché la narcolessia può avere profonde conseguenze quotidiane, il trattamento è in genere consigliato per migliorare il benessere generale. Comprendere gli obiettivi del trattamento, i tipi di terapie ei loro potenziali benefici e svantaggi può aiutare le persone affette da narcolessia a lavorare con i loro medici per ricevere il massimo dalle loro cure mediche.

La narcolessia è curabile?

Lettura correlata

  • uomo che cammina nel parco con il suo cane
  • medico che parla al paziente
  • donna che sembra stanca
La narcolessia non è curabile. È considerata una condizione permanente. Per la maggior parte dei pazienti, i sintomi rimangono relativamente stabili nel tempo. Un numero significativo vedi miglioramento dei sintomi o, in alcuni rari casi, remissione mentre invecchiano.



Qual è l'obiettivo del trattamento della narcolessia?

Sebbene la narcolessia non sia curabile, è curabile. Gli obiettivi del trattamento sono ridurre i sintomi, garantire la sicurezza del paziente e migliorare la qualità della vita.

Per ogni paziente, il trattamento può essere personalizzato in base alla loro età, salute generale, sintomi e preferenze individuali. Lavorare con un medico esperto nel trattamento della narcolessia può aumentare la capacità di ottimizzare il trattamento per qualsiasi persona specifica.

Quali sono i tipi di trattamento per la narcolessia?

Il trattamento per la narcolessia può essere suddiviso in due categorie:



  • Approcci comportamentali impiegare cambiamenti nello stile di vita e nelle abitudini quotidiane per gestire i sintomi e ridurre la probabilità di altre sfide fisiche ed emotive che spesso colpiscono le persone con narcolessia.
  • Farmaci può essere prescritto per affrontare i sintomi. L'uso di farmaci è noto come farmacoterapia.

Per la maggior parte delle persone con narcolessia, il trattamento prevede sia approcci comportamentali che farmaci. Una combinazione di terapie riduce spesso l'eccessiva sonnolenza diurna, ma un recente sondaggio lo rileva non lo elimina completamente nella maggior parte dei pazienti . A volte le persone non lo fanno in modo coerente aderire al piano di trattamento a causa di sintomi continui o effetti collaterali di farmaci.

I pazienti con NT1 e NT2 hanno spesso sintomi simili e, di conseguenza, trattamenti simili. Una differenza fondamentale, tuttavia, è che le persone con NT2 non richiedono mai la terapia per la cataplessia perché quel sintomo si verifica solo in NT1.

Approcci comportamentali

Gli elementi comportamentali del trattamento della narcolessia implicano strategie di stile di vita intese a combattere l'eccessiva sonnolenza diurna, prevenire lesioni accidentali e rafforzare la salute fisica, mentale ed emotiva. Le persone con narcolessia possono adattare questi metodi di trattamento non medico per adattarsi alla loro situazione individuale.

Pisolini programmati

Programmato sonnecchiare può aiutare le persone a far fronte alla sonnolenza diurna. Dopo un breve periodo di sonno, la maggior parte delle persone affette da narcolessia si sveglia riposata. I sonnellini programmati possono aumentare la vigilanza nelle parti chiave della giornata e impedire loro di addormentarsi involontariamente. Un pisolino veloce può essere utile prima di situazioni che richiedono attenzione, in particolare la guida.

Il tempo di budget per i sonnellini può richiedere di lavorare con la scuola o il lavoro per mettere in atto sistemazioni speciali.

Buona igiene del sonno

Le persone con NT1 e NT2 spesso dormono poco durante la notte. Sebbene addormentarsi sia raramente un problema, più risvegli possono causare la frammentazione del sonno che riduce la quantità e la qualità del sonno. Uno scarso sonno notturno può esacerbare la sonnolenza diurna.

Buono igiene del sonno , che coinvolge le abitudini quotidiane e l'ambiente del sonno, può rendere più facile dormire bene la notte. Suggerimenti pratici per migliorare le routine del sonno per le persone con narcolessia includono:

  • Mantieni un orario costante per andare a dormire e svegliarsi: Un programma di sonno stabile può garantire un budget sufficiente per il riposo e aiuta ad abituare il corpo a dormire a orari prestabiliti, anche di notte.
  • Evita alcol e sedativi: L'alcol e molte altre sostanze con effetto sedativo interferiscono con i cicli del sonno e influiscono negativamente sulla qualità del sonno. L'uso diurno di queste sostanze può anche peggiorare l'EDS.
  • Evita la caffeina a fine giornata: La caffeina può persistere nel corpo per ore e ha un effetto stimolante che può disturbare il sonno notturno.
  • Crea una camera da letto adatta al sonno: Il sonno può essere disturbato dalla luce e dal suono in eccesso, quindi l'ambiente ideale per dormire è buio e tranquillo. Tende oscuranti, una maschera per dormire e una macchina per il rumore bianco sono esempi di accessori che aiutano a ridurre fastidiosi interruzioni. Impostare il termostato a una temperatura piacevole, avere un materasso di supporto e usare biancheria da letto comoda può anche supportare un buon sonno.
  • Limita l'uso di dispositivi elettronici di notte: Telefoni cellulari, laptop e tablet tendono a mantenere il cervello sveglio e rendono più difficile dormire bene. Questi dispositivi possono anche emettere luce blu che potrebbe interferire con l'orologio interno del corpo.

Prevenzione degli incidenti e guida sicura

Le persone con narcolessia corrono un rischio maggiore di incidenti mentre guida , azionare macchinari pesanti o impegnarsi in altre attività critiche per la sicurezza. Gli incidenti possono essere pericolosi per la vita, rendendo la prevenzione del sonno involontario un elemento importante della cura della narcolessia.

L'eccessiva sonnolenza diurna tende a peggiorare durante le situazioni monotone, quindi è necessario evitare lunghi viaggi in contesti ripetitivi. Le persone con narcolessia sono generalmente consigliate di evitare il lavoro che richiede una guida prolungata. I sonnellini tempestivi possono consentire una guida più sicura per brevi distanze.

Il rischio di incidenti può dipendere dalla gravità di un'eccessiva sonnolenza diurna oltre che dalla presenza di altri sintomi, come la cataplessia. Le persone con narcolessia dovrebbero parlare con i loro medici per valutare se è sicuro per loro guidare e discutere approcci specifici per ridurre il rischio di incidenti.

Trovare supporto

Ricevere supporto da familiari, amici, altre persone con narcolessia e un professionista della salute mentale può promuovere il benessere emotivo.

I sintomi della narcolessia possono causare sentimenti di stigma sociale che possono portare al ritiro e all'isolamento. Disturbi della salute mentale come la depressione e l'ansia si verificano più frequentemente nelle persone con narcolessia.

I gruppi di supporto online o di persona possono aiutare le persone con narcolessia a connettersi con gli altri con la malattia. I check-in con un consulente di salute mentale possono prevenire, identificare e trattare i disturbi dell'umore e dell'ansia.

Dieta sana

Mangiare a dieta sana è importante per tutti, ma assume maggiore importanza per le persone con narcolessia perché hanno un elevato rischio di obesità.

Anche l'orario dei pasti è importante. Mangiare troppo tardi la sera può interferire con la normale digestione e lo è associati a disturbi del sonno . Se le cene o gli spuntini in ritardo sono pesanti o piccanti, possono causare reflusso acido o indigestione che può peggiorare la qualità del sonno.

Di solito si raccomanda inoltre alle persone con narcolessia di evitare pasti abbondanti e pesanti prima di guidare o altre attività che richiedono attenzione.

Esercizio quotidiano

Ottenere esercizio regolare è importante per mantenere un peso corporeo sano e aiuta combattere i problemi cardiovascolari , come l'ipertensione, che sono comuni nelle persone con narcolessia. L'attività fisica è anche associata a un miglioramento della salute mentale e dormire meglio .

Evita di fumare

L'esposizione al fumo di tabacco è stata associata a qualità del sonno inferiore e fumare sigarette può contribuire a problemi cardiovascolari e ad altri problemi di salute.

Ricevi le ultime informazioni durante il sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email verrà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

Farmaci

La maggior parte dei pazienti con narcolessia assume uno o più farmaci da prescrizione progettati per ridurre i sintomi. Questi trattamenti possono avere benefici, effetti collaterali e interazioni con altri farmaci. Un medico può descrivere al meglio i benefici e i rischi di qualsiasi farmaco e determinare la dose e il programma ottimali per prenderlo.

Trattamenti per l'eccessiva sonnolenza diurna

Per trattare la narcolessia, i medici di solito iniziano con un farmaco per vedere se funziona bene per un paziente specifico. Il dosaggio o la tempistica delle dosi possono essere modificati secondo necessità, oppure il medico può raccomandare di cambiare farmaco se il primo non funziona o è ben tollerato.

I farmaci che promuovono la veglia hanno un effetto stimolante che può ridurre l'eccessiva sonnolenza diurna (EDS) e rendere più facile rimanere concentrati e vigili durante il giorno. La maggior parte dei farmaci per l'EDS può essere utilizzata sia per NT1 che per NT2.

Modafinil è spesso il primo farmaco prescritto per la narcolessia. Studi di ricerca hanno dimostrato che può migliorare la vigilanza ed è ben tollerato dalla maggior parte dei pazienti. Modafinil può interferire con il controllo delle nascite ormonale e, raramente, può causare una grave eruzione cutanea. Il effetti collaterali più comuni sono mal di testa, nausea, perdita di appetito e nervosismo. Armodafinil è un farmaco chimicamente simile con rischi e benefici più o meno equivalenti.

Il metilfenidato è il più frequentemente prescritto tra diversi farmaci anfetaminici per la narcolessia. Ha una comprovata esperienza nell'aumentare la vigilanza, ma spesso ha più effetti collaterali del modafinil. Perdita di appetito, irritabilità e difficoltà a dormire la notte sono le reazioni avverse più comuni. Sebbene siano stati segnalati casi di rilevamento di metilfenidato come anfetamina su uno screening dei farmaci, la maggior parte dei distinguerli .

Pitolisant è un farmaco più recente, approvato dalla FDA nel 2019, che promuove la veglia attraverso i suoi effetti sulle istamine. Ha mostrato vantaggi per ridurre l'eccessiva sonnolenza diurna sia in NT1 che in NT2 . Come il modafinil, il pitolisant può influenzare il controllo delle nascite. Negli studi di ricerca, gli effetti collaterali riportati più frequentemente sono stati insonnia, nausea e mal di testa.

Solriamfetol è un altro farmaco approvato nel 2019 che ha dimostrato di migliorare l'EDS. Funziona influenzando le sostanze chimiche nel cervello chiamate dopamina e norepinefrina. Solriamfetol non è stato confrontato direttamente con altri stimolanti negli studi, ma sembra avere un effetto comparabile. Non interferisce con il controllo delle nascite. Mal di testa, perdita di appetito, nausea e insonnia sono tra gli effetti collaterali più probabili.

Trattamenti per il sonno notturno interrotto

Trattare il sonno frammentato nelle persone con narcolessia può essere difficile. Prescrizione tipica farmaci per il sonno , come le benzodiazepine o i “farmaci Z”, hanno un forte effetto sedativo che può persistere fino al mattino, peggiorando l'EDS durante il giorno. Di conseguenza, sebbene questi farmaci possano essere prescritti a persone con narcolessia, di solito vengono prescritti con cautela.

Il sodio oxibato è un farmaco che può migliorare il sonno notturno nelle persone con narcolessia riducendo anche la cataplessia. Dopo diverse settimane di utilizzo, può anche diminuire l'EDS. È un depressivo del sistema nervoso centrale può avere gravi effetti collaterali , comprese convulsioni e disturbi della respirazione e dell'umore. Gli effetti collaterali più comuni sono nausea, vertigini, grave sonnolenza e vomito.

Trattamenti per cataplessia

Le persone con NT1 sperimentano episodi di cataplessia in cui vi è una perdita parziale o totale del controllo muscolare per un periodo da pochi secondi a minuti. Alcuni farmaci possono ridurre la probabilità e la frequenza di questi episodi.

Il sodio oxibato è uno dei farmaci più efficaci per il trattamento della cataplessia. Sfortunatamente, può avere effetti collaterali significativi. Se ben tollerato, altri vantaggi del sodio oxibato sono che può migliorare il sonno notturno e ridurre l'EDS oltre a trattare la cataplessia.

Pitolisant, che promuove la veglia, ha anche dimostrato di avere un effetto benefico sulla cataplessia nelle persone con NT1. Vari tipi di farmaci antidepressivi possono essere utilizzati per la cataplessia, ma gli effetti collaterali possono limitarne l'utilità.

I farmaci che riducono la cataplessia spesso riducono la frequenza della paralisi del sonno e delle allucinazioni legate al sonno, che sono altri sintomi associati alla narcolessia.

Trattamento della narcolessia nei bambini

Anche se la narcolessia può verificarsi in giovane età, sono stati condotti pochi studi di ricerca per identificare il trattamento ottimale nei bambini e negli adolescenti. Per questo motivo, il trattamento per la narcolessia infantile tende a un trattamento parallelo negli adulti. Possono essere necessarie modifiche della dose e l'American Academy of Pediatrics consiglia ai medici di eseguire a valutazione cardiovascolare prima di prescrivere stimolanti ai bambini.

Trattamento della narcolessia durante la gravidanza

Ci sono pochi dati disponibili per aiutare a guidare il trattamento della narcolessia nelle donne in gravidanza, che stanno attivamente cercando di rimanere incinta o che allattano. La sicurezza dei farmaci narcolessici per una donna o il suo bambino non è ben nota. In un sondaggio, la maggior parte degli specialisti del sonno ha affermato di sì di solito consigliano alle donne di non assumere questi farmaci durante il concepimento, la gravidanza o l'allattamento sebbene siano necessari ulteriori studi in questo settore.

Le donne che interrompono l'assunzione di farmaci per la narcolessia prima, durante o dopo la gravidanza potrebbero dover impiegare approcci comportamentali aggiuntivi per gestire e far fronte all'aumento dei sintomi della narcolessia.

  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +19 Fonti
    1. 1. Istituto nazionale di disturbi neurologici e ictus (NINDS). (2020, 30 settembre). Scheda informativa sulla narcolessia. Istituto nazionale di disturbi neurologici e ictus. Estratto il 15 febbraio 2021 da https://www.ninds.nih.gov/Disorders/Patient-Caregiver-Education/Fact-Sheets/Narcolepsy-Fact-Sheet
    2. Due. McCall, C. A., & Watson, N. F. (2020). Strategie terapeutiche per mitigare il rischio di guida nei pazienti con narcolessia. Therapeutics and Clinical Risk Management, 16, 1099–1108. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33209031/
    3. 3. Accademia americana di medicina del sonno. (2014). Classificazione internazionale dei disturbi del sonno. (Terza edizione). Accademia americana di medicina del sonno. https://aasm.org/
    4. Quattro. Almeneessier, A. S., Alballa, N. S., Alsalman, B. H., Aleissi, S., Olaish, A. H. e BaHammam, A. S. (2019). Uno studio osservazionale longitudinale di 10 anni sulla cataplessia in una coorte di pazienti con narcolessia di tipo 1. Natura e scienza del sonno, 11, 231-239. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31695532/
    5. 5. Büchele, F., Baumann, C. R., Poryazova, R., Werth, E., & Valko, P.O. (2018). Remissione della narcolessia? Osservazioni longitudinali in una coorte con deficit di ipocretina. Sonno, 41 (9). https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29868885/
    6. 6. Maski, K., Steinhart, E., Williams, D., Scammell, T., Flygare, J., McCleary, K. e Gow, M. (2017). Ascoltare la voce del paziente nella narcolessia: ritardo diagnostico, carico della malattia ed efficacia del trattamento. Journal of Clinical Sleep Medicine, 13 (3), 419–425. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27923434/
    7. 7. Pérez-Carbonell, L., Lyons, E., Gnoni, V., Higgins, S., Otaiku, A. I., Leschziner, G. D., Drakatos, P., d'Ancona, G., & Kent, B. D. (2020). Aderenza alla veglia che promuove farmaci in pazienti con narcolessia. Medicina del sonno, 70, 50–54. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32197224/
    8. 8. Chung, N., Bin, Y. S., Cistulli, P. A., & Chow, C. M. (2020). La vicinanza dei pasti al momento di coricarsi influenza il sonno dei giovani adulti? Un'indagine trasversale sugli studenti universitari. Giornale internazionale di ricerca ambientale e salute pubblica, 17 (8), 2677. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32295235/
    9. 9. Nisar, M., Mohammad, R. M., Arshad, A., Hashmi, I., Yousuf, S. M. e Baig, S. (2019). Influenza dell'assunzione alimentare sui modelli di sonno degli studenti di medicina. Cureus, 11 (2), e4106. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31058000/
    10. 10. Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti. (2018). Linee guida sull'attività fisica per gli americani, 2a edizione. Health.gov. Estratto il 14 febbraio 2021 da https://health.gov/sites/default/files/2019-09/Physical_Activity_Guidelines_2nd_edition.pdf
    11. undici. Kline C. E. (2014). La relazione bidirezionale tra esercizio e sonno: implicazioni per l'aderenza all'esercizio e il miglioramento del sonno. American Journal of lifestyle medicine, 8 (6), 375-379. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25729341/
    12. 12. Zandy, M., Chang, V., Rao, D. P., & Do, M. T. (2020). Esposizione al fumo di tabacco e sonno: stima dell'associazione della cotinina urinaria con la qualità del sonno. Promozione della salute e prevenzione delle malattie croniche in Canada: ricerca, politica e pratica, 40 (3), 70-80. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32162509/
    13. 13. Pérez-Carbonell, L. e Leschziner, G. (2018). Aggiornamento clinico sulle ipersonnie centrali. Journal of Thoracic Disease, 10 (Supplemento 1), S112 – S123. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29445535/
    14. 14. Sonka, K. e Susta, M. (2012). Diagnosi e gestione delle ipersonnie centrali. Progressi terapeutici nei disturbi neurologici, 5 (5), 297-305. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22973425/
    15. quindici. Breindahl, T., e Hindersson, P. (2012). Il metilfenidato si distingue dall'anfetamina nei test per droghe d'abuso. Journal of Analytical Toxicology, 36 (7), 538-539. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22802574/
    16. 16. Thorpy, M. J. (2020). Trattamenti recentemente approvati e imminenti per la narcolessia. Farmaci per il sistema nervoso centrale, 34 (1), 9-27. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31953791/
    17. 17. Food and Drug Administration degli Stati Uniti. (2020). XYREM: informazioni sulla prescrizione. FDA.gov. Accesso 14 febbraio 2021 da https://www.accessdata.fda.gov/drugsatfda_docs/label/2018/021196s030lbl.pdf
    18. 18. Wolraich, ML, Hagan, JF, Allan, C., Chan, E., Davison, D., Earls, M., Evans, SW, Flinn, SK, Froehlich, T., Frost, J., Holbrook, JR, Lehmann, CU, Lessin, Risorse Umane, Okechukwu, K., Pierce, KL, Winner, JD, Zurhellen, W., e SUBCOMITTEE SU BAMBINI E ADOLESCENTI CON DISTURBO DI ATTENTION-DEFICIT / IPPERACTIVE. (2019). Linee guida di pratica clinica per la diagnosi, la valutazione e il trattamento del disturbo da deficit di attenzione / iperattività nei bambini e negli adolescenti. Pediatria, 144 (4). https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31570648/
    19. 19. Thorpy, M., Zhao, C. G. e Dauvilliers, Y. (2013). Gestione della narcolessia durante la gravidanza. Sleep Medicine, 14 (4), 367-376. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23433999/