Sclerosi multipla (SM) e sonno

Sclerosi multipla è una malattia autoimmune caratterizzata da una rottura della guaina mielinica, lo strato isolante grasso responsabile della protezione dei nervi del cervello e del midollo spinale. Il danno è causato dall'infiammazione in cui il sistema immunitario prende di mira in modo errato il sistema nervoso centrale del corpo.

Man mano che la malattia progredisce, può interferire con i messaggi tra i nervi, portando a spasmi muscolari involontari, debolezza, problemi di coordinazione, linguaggio confuso e altri problemi. La natura esatta dei sintomi varia da persona a persona, a seconda della posizione del danno.



Si stima che quasi 1 milione di americani attualmente convivono con la sclerosi multipla e circa il 60% di queste persone riferisce problemi di sonno . La condizione può verificarsi a qualsiasi età, ma spesso inizia nella giovane età adulta ed è più comune nelle donne rispetto agli uomini.

Sebbene la sclerosi multipla sia una condizione permanente, i sintomi possono andare e venire e la malattia stessa non riduce necessariamente l'aspettativa di vita. Il trattamento della sclerosi multipla si concentra sul miglioramento della qualità della vita, compresa la qualità del sonno.

In che modo la SM influisce sul sonno?

I sintomi della sclerosi multipla, così come lo stress e la depressione associati, possono avere un effetto significativo sul sonno. Una cattiva qualità del sonno può portare a problemi con l'umore, l'energia e persino un aumento dei sintomi della SM. Questo può anche portare al futuro declino cognitivo . Il trattamento della SM e dell'insonnia richiede un approccio globale che tenga conto di vari fattori.



Salute fisica gioca un ruolo importante nella SM e nel sonno. La spasticità muscolare, il dolore facciale o sensazioni di formicolio spiacevoli possono rendere difficile per i pazienti con SM trovare una posizione comoda durante la notte. Molte persone con SM hanno anche difficoltà a controllare i propri movimenti e potrebbero non essere in grado di cambiare la posizione del sonno tutte le volte che lo desiderano. Rimanere in una posizione per periodi di tempo prolungati può causare piaghe da decubito, con conseguente ulteriore disagio.

Un numero significativo di pazienti con sclerosi multipla sperimenta anche minzione notturna frequente. Svegliarsi più volte durante la notte per usare il bagno disturba il sonno, portando non solo a dormire meno, ma anche riducendo il tempo trascorso nel sonno profondo. Farmaci e a mancanza di esercizio a causa delle disabilità legate alla SM, anche il sonno ha un impatto negativo.

Nel complesso, fino a 90% delle persone con SM riferisce di soffrire di fatica , che a volte appare molto prima la diagnosi ufficiale di SM. La fatica è un termine generico usato per riferirsi a sentimenti di spossatezza che rendono difficile svolgere le attività quotidiane. Questo va oltre la normale stanchezza e potrebbe non migliorare anche con il riposo.



La stanchezza è considerata uno dei sintomi più debilitanti della SM, eppure spesso lo è non riesce a ricevere l'attenzione che merita come molte persone ritengono che sia un effetto collaterale naturale del disagio correlato alla SM. Eppure la stanchezza nella SM probabilmente deriva da una serie di cause, come un disturbo del sonno sottostante o livelli anormali di melatonina o citochine pro-infiammatorie, che svolgono entrambe un ruolo nella regolazione del sonno.

Nella sclerosi multipla, la stanchezza è spesso accompagnata da dolore, ansia, stress e depressione, che possono esacerbarsi a vicenda. Inoltre, coloro che fanno un sonnellino durante il giorno per combattere la stanchezza possono finire per avere difficoltà a ottenere un sonno di qualità durante la notte.

Quali disturbi del sonno sono comuni nelle persone con SM

Oltre al disagio generale causato dai sintomi della SM, le persone con questa condizione hanno maggiori probabilità di averne uno o più disturbi del sonno coesistenti . La sclerosi multipla più comune disordini del sonno sono insonnia, sindrome delle gambe senza riposo, disturbi respiratori del sonno, narcolessia e disturbo del comportamento del sonno REM. In molti casi, questi sembrano derivare da lesioni in aree specifiche del cervello o del midollo spinale, il che significa che i sintomi possono variare da persona a persona a seconda della posizione e della gravità delle lesioni.Il tuo indirizzo email verrà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

  • Insonnia: Insonnia si riferisce alla difficoltà ad addormentarsi, a restare addormentato oa dormire bene. Dolore, disagio, disturbi del sonno, minzione notturna frequente e altri fattori possono tutti contribuire all'insonnia nelle persone con SM.

  • Disturbi del ritmo circadiano del sonno: Disturbi del sonno del ritmo circadiano influenzano il naturale ciclo sonno-veglia del corpo e possono portare a insonnia, sonnolenza diurna o entrambi. Anomalie in produzione di melatonina nei pazienti con SM può essere in parte responsabile della maggiore prevalenza di disturbi circadiani e conseguente affaticamento nei pazienti con SM.

  • Sindrome delle gambe senza riposo (RLS) e disturbo del movimento periodico degli arti (PLMD): Persone con RLS provare sensazioni di formicolio che provocano un irresistibile bisogno di muovere le gambe, mentre quelli con PLMD sperimentare contrazioni o altri movimenti durante la notte. Entrambe le condizioni possono distrarre quando si cerca di dormire e possono causare risvegli notturni che portano a scarsa qualità del sonno e la stanchezza.

  • Respirazione disturbata dal sonno: Il tipo più comune di respirazione disturbata dal sonno è apnea notturna , in cui una persona soffre di disturbi del sonno a causa di più interruzioni della respirazione. L'apnea notturna compare spesso nei pazienti con SM che hanno lesioni nel tronco encefalico . Nella maggior parte dei casi, può essere trattato con una macchina a pressione positiva continua (CPAP), che aiuta a regolare la respirazione.

  • Narcolessia: Persone con narcolessia sono vulnerabili a episodi di estrema sonnolenza durante il giorno, che possono essere accompagnati da paralisi muscolare o allucinazioni. Gli studi hanno collegato sia la narcolessia che la SM a lesioni nell'ipotalamo laterale, che è responsabile della regolazione della veglia.

  • Disturbo comportamentale del sonno REM: Mentre sogniamo durante il sonno REM, il nostro corpo sperimenta tipicamente atonia, o paralisi dei muscoli. Nel Disturbo comportamentale del sonno REM , questa funzione è difettosa e porta i pazienti a mettere in atto i propri sogni, a volte in modi violenti o pericolosi. Il disturbo del comportamento del sonno REM sembra verificarsi più spesso nei pazienti con SM con danni al tronco cerebrale.

Se sospetti che tu o una persona cara possiate avere un disturbo del sonno, parlatene con il vostro medico. Possono condurre una polisonnografia, o test del sonno, durante il quale cercheranno i segni di un disturbo del sonno e lavoreranno con te per sviluppare un piano di trattamento appropriato se viene rilevato un disturbo.

Come possono le persone con SM far fronte ai problemi di sonno?

Alcuni cambiamenti nello stile di vita possono aiutare a migliorare il sonno per le persone con SM. Forse il punto più semplice per iniziare è con igiene del sonno , che si riferisce a comportamenti diurni e notturni che aiutano a promuovere un regolare ciclo sonno-veglia. Le abitudini di igiene del sonno includono:

  • Mantenere una camera da letto fresca, buia e tranquilla

  • Riservare il letto solo per dormire e fare sesso

  • Andare a letto e svegliarsi alla stessa ora ogni giorno

  • Stabilire una routine costante per andare a dormire che includa attività tranquille come leggere o fare un bagno caldo

  • Spegnere gli schermi un'ora prima di andare a dormire

  • Diventando regolare esercizio all'inizio della giornata

  • Mangiare bene

  • Ottenere l'esposizione alla luce solare, soprattutto al mattino

  • Evitare alcol, caffeina e nicotina

  • Pianificazione dei sonnellini all'inizio della giornata

Alcuni aspetti della routine del sonno sono particolarmente importanti per le persone con SM. Ad esempio, molti pazienti con SM lo sono sensibile al calore , quindi è molto importante mantenere la camera da letto a una temperatura leggermente più fresca per favorire il sonno ed evitare di aggravare i sintomi della SM. Allo stesso modo, coloro che soffrono di minzione notturna frequente potrebbero voler eliminare caffeina e alcol, limitare l'assunzione di liquidi nelle ore che precedono l'ora di andare a dormire e visitare il bagno un'ultima volta prima di andare a letto.

Ci sono diversi modi per ottimizzare il tuo ambiente di sonno per ridurre piaghe da decubito , compreso l'utilizzo di un dispositivo di rilascio della pressione Materasso in schiuma e utilizzando un cuscino per attutire le aree sensibili. Chiedere a un partner che dorme di aiutarti a cambiare posizione durante il sonno può consentirti di sentirti più a tuo agio durante la notte. Potresti parlare con il tuo partner addormentato per trovare un accordo che permetta a entrambi di riposare bene.

La terapia cognitivo comportamentale per l'insonnia (CBT-I) può aiutarti a superare l'ansia e la depressione che potrebbero tenerti sveglio la notte. Se hai ancora difficoltà a dormire bene la notte, il tuo medico potrebbe prescriverti farmaci per il trattamento dei sintomi notturni. Mentre la ricerca è inconcludente per quanto riguarda il ruolo di interruzioni del ritmo circadiano nella SM, il medico può anche raccomandare integratori come la vitamina D o la melatonina per aiutare a regolare il ciclo sonno-veglia.

  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +18 Fonti
    1. 1. ADAMO. Enciclopedia medica. (2020, 4 febbraio). Sclerosi multipla. Estratto il 16 novembre 2020 da https://medlineplus.gov/ency/article/000737.htm
    2. Due. Wallin, MT, Culpepper, WJ, Campbell, JD, Nelson, LM, Langer-Gould, A., Marrie, RA, Cutter, GR, Kaye, WE, Wagner, L., Tremlett, H., Buka, SL, Dilokthornsakul , P., Topol, B., Chen, LH, LaRocca, NG e US Multiple Sclerosis Prevalence Workgroup (2019). La prevalenza della SM negli Stati Uniti: una stima basata sulla popolazione utilizzando i dati delle indicazioni sulla salute. Neurologia, 92 (10), e1029 – e1040. https://doi.org/10.1212/WNL.0000000000007035
    3. 3. Sakkas, G. K., Giannaki, C. D., Karatzaferi, C., e Manconi, M. (2019). Anomalie del sonno nella sclerosi multipla. Opzioni di trattamento attuali in neurologia, 21 (1), 4. https://doi.org/10.1007/s11940-019-0544-7
    4. Quattro. Hughes, A. J., Dunn, K. M. e Chaffee, T. (2018). Disturbi del sonno e disfunzione cognitiva nella sclerosi multipla: una revisione sistematica. Rapporti attuali di neurologia e neuroscienze, 18 (1), 2. https://doi.org/10.1007/s11910-018-0809-7
    5. 5. Leavitt, V. M., Blanchard, A. R., Guo, C.Y., Gelernt, E., Sumowski, J. F., & Stein, J. (2018). L'aspirina è un pretrattamento efficace per l'esercizio nella sclerosi multipla: uno studio pilota controllato randomizzato in doppio cieco. Sclerosi multipla (Houndmills, Basingstoke, Inghilterra), 24 (11), 1511-1513. https://doi.org/10.1177/1352458517739138
    6. 6. Braley, T. J., & Chervin, R. D. (2015). Un approccio pratico alla diagnosi e alla gestione dei disturbi del sonno nei pazienti con sclerosi multipla. Progressi terapeutici nei disturbi neurologici, 8 (6), 294–310. https://doi.org/10.1177/1756285615605698
    7. 7. Zielinski, M. R., Systrom, D. M. e Rose, N. R. (2019). Affaticamento, sonno e disturbi autoimmuni e correlati. Frontiere in immunologia, 10, 1827. https://doi.org/10.3389/fimmu.2019.01827
    8. 8. Berger, J. R., Pocoski, J., Preblick, R. e Boklage, S. (2013). Affaticamento che annuncia la sclerosi multipla. Sclerosi multipla (Houndmills, Basingstoke, Inghilterra), 19 (11), 1526-1532. https://doi.org/10.1177/1352458513477924
    9. 9. Braley, T. J., e Boudreau, E. A. (2016). Disturbi del sonno nella sclerosi multipla. Rapporti attuali di neurologia e neuroscienze, 16 (5), 50. https://doi.org/10.1007/s11910-016-0649-2
    10. 10. Newland, P., Starkweather, A. e Sorenson, M. (2016). Stanchezza centrale nella sclerosi multipla: una revisione della letteratura. The Journal of Spinal Cord Medicine, 39 (4), 386–399. https://doi.org/10.1080/10790268.2016.1168587
    11. undici. Foschi, M., Rizzo, G., Liguori, R., Avoni, P., Mancinelli, L., Lugaresi, A., & Ferini-Strambi, L. (2019). Disturbi legati al sonno e loro relazione con i risultati della risonanza magnetica nella sclerosi multipla. Medicina del sonno, 56, 90-97. https://doi.org/10.1016/j.sleep.2019.01.010
    12. 12. Damasceno, A., Moraes, A. S., Farias, A., Damasceno, B. P., dos Santos, L. M., & Cendes, F. (2015). L'interruzione della produzione del ritmo circadiano della melatonina è correlata alla gravità della sclerosi multipla: uno studio preliminare. Journal of the neurological sciences, 353 (1-2), 166-168. https://doi.org/10.1016/j.jns.2015.03.040
    13. 13. Cederberg, K., Jeng, B., Sasaki, J. E., Braley, T. J., Walters, A. S., & Motl, R. W. (2020). Sindrome delle gambe senza riposo e qualità della vita correlata alla salute negli adulti con sclerosi multipla. Journal of sleep research, 29 (3), e12880. https://doi.org/10.1111/jsr.12880
    14. 14. Braley, T. J., Segal, B. M., & Chervin, R. D. (2012). Disturbi respiratori nel sonno nella sclerosi multipla. Neurology, 79 (9), 929-936. https://doi.org/10.1212/WNL.0b013e318266fa9d
    15. quindici. Sadeghi Bahmani, D., Kesselring, J., Papadimitriou, M., Bansi, J., Pühse, U., Gerber, M., Shaygannejad, V., Holsboer-Trachsler, E., & Brand, S. (2019 ). Nei pazienti con sclerosi multipla, sia il sonno oggettivo che quello soggettivo, la depressione, l'affaticamento e la parestesia sono migliorati dopo 3 settimane di esercizio fisico regolare. Frontiere in psichiatria, 10, 265. https://doi.org/10.3389/fpsyt.2019.00265
    16. 16. Summers, M. P., Simmons, R. D. e Verikios, G. (2012). Mantenere la calma: uso dell'aria condizionata da parte di australiani con sclerosi multipla. Sclerosi multipla internazionale, 2012, 794310. https://doi.org/10.1155/2012/794310
    17. 17. ADAMO. Enciclopedia medica. (2020, 10 aprile). Prevenire le ulcere da pressione. Estratto il 16 novembre 2020 da https://medlineplus.gov/ency/patientinstructions/000147.htm
    18. 18. Matveeva, O., Bogie, J., Hendriks, J., Linker, R. A., Haghikia, A., & Kleinewietfeld, M. (2018). Stile di vita occidentale e immunopatologia della sclerosi multipla. Annali dell'Accademia delle scienze di New York, 1417 (1), 71–86. https://doi.org/10.1111/nyas.13583