Il legame tra sonno e prestazioni lavorative

Gli americani trascorrono molto tempo al lavoro. Oltre a una giornata lavorativa che dura in media 9,5 ore, il 2008 Sleep in America Poll ha scoperto che gli americani trascorrono più di quattro ore in più lavorando da casa ogni settimana. Sfortunatamente, più lavoro spesso equivale a meno sonno. Lo stesso sondaggio ha rilevato che il tempo di sonno degli intervistati è stato ridotto di un'ora e mezza durante i giorni lavorativi, rispetto al sonno nei giorni non lavorativi.

Mentre orari di lavoro e fatica può influenzare il sonno, ma è vero anche il contrario. Se ti sei mai addormentato alla scrivania o durante una riunione importante, sai che la perdita di sonno può avere un impatto negativo sulle prestazioni lavorative. Privazione del sonno può farti sentire stanco, meno creativo e rendere più difficile rimanere concentrati su progetti importanti.



Sacrificare il sonno per lavorare, quindi lavorare di più per compensare la perdita di produttività può diventare un ciclo estenuante. Fortunatamente, comprendere i collegamenti tra il sonno e le prestazioni lavorative può fornire alle persone le conoscenze necessarie per porre fine a questo schema. Creare un confine tra lavoro e vita domestica può essere difficile all'inizio, ma è un passo importante verso un sonno migliore e prestazioni lavorative più coerenti.

Come può funzionare l'effetto del sonno?

Supporta il sonno quasi tutti i sistemi del corpo . Quando ci addormentiamo, i nostri occhi si chiudono, il nostro respiro rallenta ei nostri muscoli si rilassano gradualmente. I neuroni nel cervello passano a a stato di sonno , dando inizio agli innumerevoli processi biologici che rinfrescano il nostro corpo e la nostra mente. Il ringiovanimento fornito dal sonno è vitale per il nostro sistema cardiovascolare e immunitario, così come per la nostra capacità di pensare chiaramente, apprendere nuove informazioni e gestire le nostre emozioni.

Non è un segreto che gli americani siano cronicamente sottovalutati. Mentre il National Sleep Foundation raccomanda che la maggior parte degli adulti abbia bisogno di intorno 7-9 ore di sonno , quasi un terzo degli americani ottiene meno di 6 ore di sonno ogni notte secondo il Centri per il controllo delle malattie (CDC) . Questa fatica inevitabilmente sanguina sul posto di lavoro e a Studio del 2007 sui lavoratori statunitensi ha riscontrato che quasi il 38% dei dipendenti ha sperimentato stanchezza durante il lavoro nelle due settimane precedenti.



Cercare di lavorare mentre si è sottodimensionati può avere un impatto significativo sulle prestazioni lavorative. Senza dormire a sufficienza, i processi in tutto il corpo funzionano in modo subottimale. I neuroni nel cervello diventano oberati di lavoro, compromettendo il pensiero, rallentando le reazioni fisiche e lasciando le persone emotivamente svuotate. Questi effetti collaterali a breve termine della privazione del sonno possono devastare una giornata di lavoro. La privazione cronica del sonno può avere conseguenze ancora più drastiche, incluso un aumento del rischio di obesità, malattie cardiache, declino cognitivo e demenza.

Gli effetti della perdita di sonno

La perdita del sonno può rendere più difficile mantenerla concentrazione, attenzione e vigilanza . Sentirsi sonnolenti e cercare di rimanere svegli richiede molta energia mentale, rendendo più difficile rimanere concentrati su compiti lunghi e su quelli che richiedono concentrazione. Questa diminuzione dell'attenzione può essere correlata all'impatto di microsonni , che sono episodi momentanei (da 0,5 a 15 secondi) di mancata risposta che causano cali di attenzione.

Anche le persone che sono private del sonno hanno maggiori probabilità di farlo errori e omissioni , in parte a causa di tempi di reazione aumentati . Ciò significa che i dipendenti stanchi impiegano più tempo per reagire in situazioni critiche e possono avere maggiori probabilità di commettere un errore. In alcune professioni, ridotta tempi di reazione può significare perdere una telefonata importante o non rispondere rapidamente alla conversazione. In altre professioni, come medici, soccorritori e camionisti, i tempi di reazione lenti possono fare la differenza tra la vita e la morte.



Lavorare mentre si è poco addormentati può far sentire le persone di più irritabile, arrabbiato e vulnerabile allo stress . In situazioni stressanti o negative le reazioni emotive sono amplificate , portando a reazioni eccessive in momenti inappropriati. Lo stress e l'irritabilità avvertiti durante la giornata lavorativa possono poi trasferirsi nella vita domestica, rendendo più difficile addormentarsi. Nel tempo, la perdita di sonno cronica aumenta il rischio di più gravi salute mentale condizioni, come ansia e depressione, che possono rendere la produttività sul lavoro ancora più impegnativa.

Ricevi le ultime informazioni durante il sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email sarà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

L'impatto economico della privazione del sonno

La fatica ha un enorme impatto economico, che costa ai datori di lavoro miliardi di dollari all'anno. Si stima che le riduzioni della produttività, della motivazione e dei costi sanitari legati alla fatica costino ai singoli datori di lavoro $ 1.967 all'anno per dipendente . Quando si sommano queste perdite di produttività, la fatica sul lavoro costa alle aziende statunitensi $ 136,4 miliardi di dollari all'anno .

Sfocare il confine tra lavoro e casa

La maggiore connettività ha reso più facile che mai lavorare fuori dall'ufficio, spesso offuscando il confine tra l'essere al lavoro e l'essere a casa. Senza un confine sufficiente tra vita lavorativa e vita familiare, le persone possono sacrificare le esigenze personali per completare più compiti lavorativi. In effetti, la ricerca suggerisce che essere in grado di staccarsi psicologicamente dal lavoro dopo il cronometraggio diminuisce gli effetti negativi dello stress lavoro-correlato.

Molti lavori offuscano il confine tra vita lavorativa e vita familiare, a causa delle elevate esigenze dei dipendenti o della natura del lavoro stesso. Medici, lavoratori a chiamata e dipendenti che lavorano da casa sono spesso disponibili 24 ore su 24 tramite e-mail, SMS o messaggi istantanei. I lavoratori dell'industria, gli infermieri, i piloti e altri lavoratori a turni sono spesso tenuti a lavorare in momenti che si sovrappongono a un normale periodo di sonno, a volte con conseguenti disturbi del sonno come disturbo del lavoro a turni .

La privazione del sonno può colpire tutti i dipendenti ed è stata anche collegata a diversi infami incidenti sul lavoro, tra cui il disastro nucleare di Chernobyl, la fuoriuscita di petrolio della Exxon Valdez e la tragedia dello space shuttle Challenger. Conoscendo i rischi della perdita di sonno sul rendimento lavorativo, è importante che le persone in tutti i campi trovino modi per ottenere un sonno costante e di qualità.

Migliorare le prestazioni lavorative

Se la perdita di sonno ti rende eccessivamente stanco al lavoro, potrebbe essere il momento di apportare alcune modifiche. Ottenere un sonno costante e di qualità può aiutarti a ottenere risultati migliori sul lavoro, ridurre i tempi di reazione e farti sentire più motivato durante il giorno. Ecco alcuni suggerimenti per iniziare a migliorare le tue prestazioni lavorative dando la priorità al tuo sonno.

  • Rivaluta le tue priorità: È normale sacrificare il sonno per finire il lavoro, guardare la televisione o socializzare. Considera i modi in cui giustifichi restare sveglio oltre l'ora di andare a letto e chiediti se queste attività valgono davvero gli effetti collaterali associati alla privazione del sonno. Se dai regolarmente la priorità ad altre attività rispetto al sonno, forse è il momento di rivalutare le tue priorità e creare più di un confine tra il tempo di lavoro e il tempo personale.
  • Trova un po 'di Wiggle Room: Se il tuo programma di lavoro ti fa perdere il sonno, potrebbe essere utile discutere di questo problema con il tuo capo, il tuo sindacato o il dipartimento delle risorse umane della tua azienda. La ricerca mostra che consentire il distacco psicologico dopo l'orario di lavoro e supportare le esigenze dei dipendenti per un sonno costante paga i dividendi migliorando la concentrazione e la produttività durante la giornata lavorativa.
  • Sii realista: Non tutti possono cambiare il proprio programma di lavoro e molte persone hanno bisogno di lavorare su turni in conflitto con il loro ciclo sonno-veglia ideale. Se non riesci a trovare alcun margine di manovra nel tuo programma di lavoro, prendi in considerazione alcuni consigli per rimanere svegli durante i turni notturni .
  • Migliora la tua igiene del sonno: L'igiene del sonno consiste nel promuovere buone abitudini che favoriscono un sonno ristoratore. Crea un piano personalizzato per ottimizzare l'ambiente della tua camera da letto, definire un programma di sonno coerente, perfezionare una routine della buonanotte ed eliminare le abitudini diurne che rendono più difficile dormire.
  • Parla con il tuo medico: Medici e specialisti del sonno hanno esperienza nell'aiutare le persone che hanno problemi di sonno. Il tuo medico può aiutarti a creare un piano per migliorare il tuo sonno e offrire suggerimenti personalizzati per la gestione della fatica correlata al lavoro.
  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +14 Fonti
    1. 1. Istituto nazionale di disturbi neurologici e ictus (NINDS). (2019, 13 agosto). Nozioni di base sul cervello: capire il sonno. Estratto il 22 dicembre 2020 da https://www.ninds.nih.gov/Disorders/patient-caregiver-education/understanding-sleep
    2. Due. Saper, C. B., Fuller, P. M., Pedersen, N. P., Lu, J., & Scammell, T. E. (2010). Commutazione dello stato di sospensione. Neuron, 68 (6), 1023-1042. https://doi.org/10.1016/j.neuron.2010.11.032
    3. 3. Hirshkowitz, M., Whiton, K., Albert, SM, Alessi, C., Bruni, O., DonCarlos, L., Hazen, N., Herman, J., Katz, ES, Kheirandish-Gozal, L., Neubauer, DN, O'Donnell, AE, Ohayon, M., Peever, J., Rawding, R., Sachdeva, RC, Setters, B., Vitiello, MV, Ware, JC e Adams Hillard, PJ (2015) . Raccomandazioni sulla durata del sonno della National Sleep Foundation: metodologia e riepilogo dei risultati. Salute del sonno, 1 (1), 40–43. https://doi.org/10.1016/j.sleh.2014.12.010
    4. Quattro. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) (2012). Breve durata del sonno tra i lavoratori - Stati Uniti, 2010. MMWR. Rapporto settimanale su morbilità e mortalità, 61 (16), 281-285. https://www.cdc.gov/mmwr/preview/mmwrhtml/mm6116a2.htm
    5. 5. Ricci, J. A., Chee, E., Lorandeau, A. L. e Berger, J. (2007). Fatica nella forza lavoro statunitense: prevalenza e implicazioni per il tempo di lavoro produttivo perso. Giornale di medicina del lavoro e ambientale, 49 (1), 1–10. https://doi.org/10.1097/01.jom.0000249782.60321.2a
    6. 6. Alhola, P. e Polo-Kantola, P. (2007). Privazione del sonno: impatto sulle prestazioni cognitive. Malattia e trattamento neuropsichiatrici, 3 (5), 553-567. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2656292/
    7. 7. Poudel, G. R., Innes, C. R., Bones, P. J., Watts, R., & Jones, R. D. (2014). Perdere la lotta per rimanere svegli: attività talamica e corticale divergenti durante i microsonni. Mappatura del cervello umano, 35 (1), 257-269 https://doi.org/10.1002/hbm.22178
    8. 8. Lim, J., & Dinges, D. F. (2008). Privazione del sonno e attenzione vigile. Annali dell'Accademia delle scienze di New York, 1129, 305–322. https://doi.org/10.1196/annals.1417.002
    9. 9. Bonnet, M. H. e Arand, D. L. (2003). Effetti clinici della frammentazione del sonno rispetto alla privazione del sonno. Recensioni sulla medicina del sonno, 7 (4), 297-310. https://doi.org/10.1053/smrv.2001.0245
    10. 10. Saghir, Z., Syeda, J. N., Muhammad, A. S. e Balla Abdalla, T. H. (2018). L'amigdala, il debito del sonno, la privazione del sonno e l'emozione della rabbia: una possibile connessione ?. Cureus, 10 (7), e2912 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6122651/
    11. undici. Walker, M. P. e van der Helm, E. (2009). Terapia notturna? Il ruolo del sonno nell'elaborazione del cervello emotivo. Bollettino psicologico, 135 (5), 731-748. https://doi.org/10.1037/a0016570
    12. 12. Rosekind, M. R., Gregory, K. B., Mallis, M. M., Brandt, S. L., Seal, B. e Lerner, D. (2010). Il costo del sonno povero: perdita di produttività sul posto di lavoro e costi associati. Giornale di medicina del lavoro e ambientale, 52 (1), 91-98. https://doi.org/10.1097/JOM.0b013e3181c78c30
    13. 13. Ricci, J. A., Chee, E., Lorandeau, A. L. e Berger, J. (2007). Fatica nella forza lavoro statunitense: prevalenza e implicazioni per il tempo di lavoro produttivo perso. Giornale di medicina del lavoro e ambientale, 49 (1), 1–10. https://doi.org/10.1097/01.jom.0000249782.60321.2a
    14. 14. Sonnentag, S., & Binnewies, C. (2013). Spillover quotidiano degli effetti dal lavoro a casa: distacco dal lavoro e dal sonno come moderatori. Journal of Vocational Behavior, 83 (2), 198-208. https://doi.org/10.1016/j.jvb.2013.03.008