Mancanza di sonno e diabete

Il diabete colpisce più di 30 milioni di persone negli Stati Uniti ed è il settimo leader causa di morte . La forma più comune di diabete, diabete di tipo 2 , è una malattia cronica che si sviluppa a causa della resistenza all'insulina.

L'insulina è un ormone che aiuta a trasferire il glucosio dal sangue ai muscoli, al grasso, al fegato e ad altre cellule, dove può essere utilizzato per produrre energia. La resistenza all'insulina si verifica quando il corpo ha difficoltà a produrre insulina o quando l'insulina non riesce a trasferire il glucosio in queste cellule. Ciò porta ad un accumulo di glucosio nel sangue, altrimenti noto come glicemia alta, che è il sintomo caratteristico del diabete. Se non gestito correttamente, questo può avere gravi conseguenze per il cuore, i reni e altri organi.



Il diabete e il sonno sono strettamente collegati e molte persone con diabete di tipo 2 sperimentano una scarsa qualità del sonno o insonnia . La buona notizia è che un'attenta attenzione alla dieta, all'esercizio fisico e ai livelli di zucchero nel sangue può fare la differenza per la qualità del sonno e, a sua volta, per la salute generale.

In che modo il diabete influisce sul sonno?

Lo si stima una persona su due con diabete di tipo 2 ha problemi di sonno a causa di livelli di zucchero nel sangue instabili e sintomi correlati al diabete, glicemia alta (iperglicemia) e glicemia bassa (ipoglicemia) durante la notte possono portare a insonnia e la stanchezza del giorno dopo. Come per molte malattie croniche, anche i sentimenti di depressione o stress per la malattia stessa possono tenerti sveglio la notte.

Quando i livelli di zucchero nel sangue sono alto , i reni compensano eccessivamente facendoti urinare più spesso. Durante la notte, questi frequenti viaggi in bagno portano a disturbi del sonno. La glicemia alta può anche causare mal di testa, aumento della sete e stanchezza che possono interferire con l'addormentarsi.



Al contrario, passare troppe ore senza mangiare o assumere un equilibrio sbagliato di farmaci per il diabete può anche portare a bassi livelli di zucchero nel sangue di notte. Potresti avere incubi, sudare o sentirti irritato o confuso al risveglio.

Parla con il tuo medico se riscontri stanchezza, disturbi del sonno o altri sintomi preoccupanti. Possono aiutarti ad analizzare il motivo e lavorare con te per mantenere i livelli di zucchero nel sangue più stabili.

In che modo il sonno povero influisce sui livelli di zucchero nel sangue?

Proprio come il diabete può causare problemi di sonno, anche i problemi di sonno sembrano avere un ruolo nel diabete. Dormire male o meno sonno ristoratore a onde lente è stato collegato a livelli elevati di zucchero nel sangue nelle persone con diabete e prediabete . Tuttavia, non è del tutto chiaro se l'una causa l'altra o se sono all'opera più variabili. I ricercatori ritengono che la limitazione del sonno possa influenzare i livelli di zucchero nel sangue a causa dei suoi effetti su insulina, cortisolo e lo stress ossidativo .



Un quarto delle persone con diabete riferisce di dormire meno di sei ore o più di otto ore a notte, il che li espone a un rischio maggiore di avere zucchero nel sangue elevato . Oltre ad aumentare i livelli di zucchero nel sangue nelle persone che hanno già il diabete, la privazione del sonno aumenta anche il rischio di sviluppare insulino-resistenza in primo luogo. Questo collegamento diventa evidente già infanzia Ricevi le ultime informazioni durante il sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email sarà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

Anche gli studi lo hanno scoperto dopo o orari di sonno irregolari sono correlati con un più alto livello di zucchero nel sangue, anche nelle persone non diabetiche. Tuttavia, potrebbero esserci altre variabili che spiegano questo, come il fatto che le persone con orari di sonno irregolari hanno maggiori probabilità di seguire una dieta irregolare.

La privazione del sonno aumenta i livelli di grelina, l'ormone della fame, e diminuisce i livelli di leptina, l'ormone che ci fa sentire pieni. Per compensare i livelli di energia più bassi, le persone che dormono male possono avere maggiori probabilità di cercare sollievo in cibi che aumentano la glicemia e le mettono a rischio di obesità , che è un fattore di rischio per il diabete.

Gli adulti con diabete di tipo 2 che soffrono di disturbi del sonno o frequenti risvegli notturni possono anche avere meno probabilità di seguire altri standard per l'auto-cura del diabete, come fare abbastanza esercizio e monitorare attentamente i livelli di glucosio nel sangue.

Oltre ai suoi effetti immediati sui livelli di zucchero nel sangue, un sonno povero può comportare un pedaggio a lungo termine per le persone con diabete di tipo 2. Coloro che ricorrono ai farmaci per il sonno o che hanno difficoltà a rimanere addormentati hanno maggiori probabilità di riferire di provare un grave disagio psicologico. Ci sono anche prove provvisorie che suggeriscono che le persone con diabete che non dormono a sufficienza potrebbero essere a più alto rischio di declino cognitivo più avanti nella vita.

Quali disturbi del sonno sono comuni nelle persone con diabete?

Gli individui con diabete di tipo 2 hanno maggiori probabilità di sviluppare l'accompagnamento disordini del sonno , le più comuni sono la sindrome delle gambe senza riposo e l'apnea ostruttiva del sonno.

  • Sindrome delle gambe senza riposo (RLS): Circa una persona su cinque con diabete di tipo 2 ha sindrome delle gambe agitate , caratterizzato da formicolio o altre sensazioni irritanti alle gambe che possono interferire con l'addormentarsi. Le persone con diabete sono anche a rischio per un'altra condizione chiamata neuropatia periferica. Causati da danni ai nervi, i sintomi della neuropatia periferica sono molto simili alla RLS e includono intorpidimento, formicolio e dolore alle estremità. Le persone che manifestano questi sintomi dovrebbero consultare un medico, poiché la neuropatia periferica richiede un trattamento per ridurre i danni ai nervi a lungo termine.
  • Apnea ostruttiva del sonno (OSA): L'apnea ostruttiva del sonno è un disturbo del sonno in cui una persona interrompe momentaneamente la respirazione a intervalli ricorrenti per tutta la notte. Nella maggior parte dei casi, la persona non è consapevole di ciò che sta accadendo, sebbene un compagno di letto possa osservare russare e ansimare. Questi vuoti respiratori provocano micro-eccitazioni (risvegli molto brevi) che interferiscono con la naturale progressione delle fasi del sonno e compromettono la qualità del sonno. L'OSA si verifica in genere nelle persone in sovrappeso o obese, poiché spesso hanno una circonferenza del collo più spessa che interferisce con le vie aeree. La condizione può essere trattata con un dispositivo a pressione positiva continua (CPAP) che mantiene aperte le vie aeree per ripristinare la normale respirazione e ridurre le interruzioni del sonno.

Qual è la connessione tra apnea notturna e diabete?

Anche se apnea notturna non causa direttamente il diabete, è un fattore di rischio per il diabete di tipo 2 e ha dimostrato di aumentare la resistenza all'insulina, anche nei non diabetici e non sovrappeso persone. Il American Diabetes Association stima che fino a una persona su quattro con diabete di tipo 2 soffra anche di OSA e un ulteriore quarto dei diabetici di tipo 2 soffre di un altro disturbo respiratorio correlato al sonno.

Sia l'OSA che il diabete di tipo 2 sono più comuni nelle persone in sovrappeso e obese. Tuttavia, l'OSA sembra influenzare la resistenza all'insulina e il controllo del glucosio anche dopo aver controllato l'obesità . L'OSA non solo causa la frammentazione del sonno che interferisce con il sonno a onde lente, ma interrompe anche periodicamente l'apporto di ossigeno al corpo. Insieme, questi effetti portano alla resistenza all'insulina e metabolismo del glucosio alterato .

In molti studi, il trattamento dell'apnea notturna a breve termine sembra migliorare livelli di zucchero nel sangue , mentre trattamento CPAP a lungo termine migliora la glicemia e la resistenza all'insulina. Tuttavia, altri studi lo hanno fatto non è riuscito a trovare miglioramenti nei livelli di glucosio nel sangue dopo il trattamento dell'OSA, portando alcuni ricercatori a credere che la connessione potrebbe essere dovuta ad altre variabili come peso .

Sono necessarie ulteriori ricerche per caratterizzare ulteriormente la natura della connessione, ma è chiaro che salute fisica svolge un ruolo importante nell'apnea notturna e nel diabete. Una combinazione di perdita di peso e il trattamento CPAP può essere il modo più efficace per trattare l'apnea notturna nelle persone con diabete di tipo 2.

In che modo le persone con diabete possono far fronte ai problemi di sonno?

Una gestione attenta dei livelli di zucchero nel sangue può aiutare a migliorare il sonno per le persone con diabete di tipo 2. Inoltre, vista la stretta relazione tra diabete e sonno, bene igiene del sonno le abitudini sono particolarmente importanti. Questi includono abitudini sia diurne che notturne, come:

  • Aderire a una dieta che funzioni per te e ti aiuti a mantenere il controllo della glicemia
  • Fare esercizio fisico regolare
  • Mantenere un programma di sonno regolare
  • Evita stimolanti come la caffeina o la nicotina prima di andare a letto
  • Mantenere la camera da letto fresca, buia e silenziosa

In base alla tua situazione personale, il tuo medico potrebbe consigliarti ausili per dormire per i diabetici o metodi aggiuntivi per dormire meglio. Possono scegliere di condurre un polisonnogramma, o uno studio del sonno, per vedere se un disturbo del sonno è la causa dei tuoi problemi di sonno. I disturbi secondari del sonno possono quindi essere trattati con terapie mirate come una macchina CPAP.

  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +26 Fonti
    1. 1. Rapporto nazionale sulle statistiche sul diabete 2020: stime del diabete e del suo onere negli Stati Uniti. (2020). Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Accesso il 19 novembre 2020 da https://www.cdc.gov/diabetes/library/features/diabetes-stat-report.html
    2. Due. Huang, Y. C., Zuñiga, J. A. e García, A. A. (2019). Associazione tra sonno e grave disagio psicologico nei pazienti con diabete. Psicologia, salute e medicina, 24 (8), 925–935. https://doi.org/10.1080/13548506.2019.1612075
    3. 3. Cos'è il diabete? 2016, dicembre. Istituto nazionale di diabete e malattie digestive e renali. Accesso il 19 novembre 2020 da https://www.niddk.nih.gov/health-information/diabetes/overview/what-is-diabetes
    4. Quattro. Prevenire i problemi di diabete. n.d. Istituto nazionale di diabete e malattie digestive e renali. Accesso il 19 novembre 2020 da https://www.niddk.nih.gov/health-information/diabetes/overview/preventing-problems
    5. 5. Luyster, F. S., e Dunbar-Jacob, J. (2011). Qualità del sonno e qualità della vita negli adulti con diabete di tipo 2. The Diabetes educator, 37 (3), 347-355. https://doi.org/10.1177/0145721711400663
    6. 6. Zhu, B., Quinn, L., Kapella, M. C., Bronas, U. G., Collins, E. G., Ruggiero, L., Park, C. G., & Fritschi, C. (2018). Relazione tra disturbi del sonno e cura di sé negli adulti con diabete di tipo 2. Acta diabetologica, 55 (9), 963–970. https://doi.org/10.1007/s00592-018-1181-4
    7. 7. Conosci i tuoi numeri di zucchero nel sangue: usali per gestire il tuo diabete. 2016, marzo. Istituto nazionale di diabete e malattie digestive e renali. Accesso il 19 novembre 2020 da https://www.niddk.nih.gov/health-information/diabetes/overview/managing-diabetes/know-blood-sugar-numbers
    8. 8. Basso livello di glucosio nel sangue (ipoglicemia). (2016, agosto). Istituto nazionale di diabete e malattie digestive e renali. Accesso il 19 novembre 2020 da https://www.niddk.nih.gov/health-information/diabetes/overview/preventing-problems/low-blood-glucose-hypoglycemia
    9. 9. Yoda, K., Inaba, M., Hamamoto, K., Yoda, M., Tsuda, A., Mori, K., Imanishi, Y., Emoto, M. e Yamada, S. (2015). Associazione tra scarso controllo glicemico, ridotta qualità del sonno e aumento dell'ispessimento arterioso nei pazienti con diabete di tipo 2. PloS uno, 10 (4), e0122521. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0122521
    10. 10. Iyegha, I. D., Chieh, A. Y., Bryant, B. M. e Li, L. (2019). Associazioni tra scarso sonno e intolleranza al glucosio nel prediabete. Psiconeuroendocrinologia, 110, 104444. https://doi.org/10.1016/j.psyneuen.2019.104444
    11. undici. Rains, J. L. e Jain, S. K. (2011). Stress ossidativo, segnalazione dell'insulina e diabete. Biologia e medicina dei radicali liberi, 50 (5), 567-575. https://doi.org/10.1016/j.freeradbiomed.2010.12.006
    12. 12. Brouwer, A., van Raalte, D.H., Rutters, F., Elders, P., Snoek, F. J., Beekman, A., & Bremmer, M. A. (2020). Sonno e HbA1c nei pazienti con diabete di tipo 2: quali caratteristiche del sonno contano di più? Diabetes care, 43 (1), 235–243. https://doi.org/10.2337/dc19-0550
    13. 13. Dutil, C., & Chaput, J. P. (2017). Sonno inadeguato come fattore che contribuisce al diabete di tipo 2 nei bambini e negli adolescenti. Nutrizione e diabete, 7 (5), e266. https://doi.org/10.1038/nutd.2017.19
    14. 14. Reutrakul, S., Hood, M. M., Crowley, S. J., Morgan, M. K., Teodori, M., Knutson, K. L. e Van Cauter, E. (2013). Il cronotipo è associato indipendentemente al controllo glicemico nel diabete di tipo 2. Diabetes care, 36 (9), 2523-2529. https://doi.org/10.2337/dc12-2697
    15. quindici. Leproult, R., Holmbäck, U. e Van Cauter, E. (2014). Il disallineamento circadiano aumenta i marker di resistenza all'insulina e infiammazione, indipendentemente dalla perdita di sonno. Diabete, 63 (6), 1860-1869. https://doi.org/10.2337/db13-1546
    16. 16. Holingue, C., Wennberg, A., Berger, S., Polotsky, V. Y., & Spira, A. P. (2018). Disturbi del sonno e diabete: un potenziale nesso di rischio di demenza. Metabolismo: clinico e sperimentale, 84, 85-93. https://doi.org/10.1016/j.metabol.2018.01.021
    17. 17. Cuellar, N. G. e Dorn, J. M. (2015). Neuropatia diabetica periferica o sindrome delle gambe senza riposo nelle persone con diabete mellito di tipo 2: differenziare la diagnosi nella pratica. Journal of the American Association of Nurse Practitioners, 27 (12), 671-675. https://doi.org/10.1002/2327-6924.12311 Kritikou, I., Basta, M., Vgontzas, AN, Pejovic, S., Liao, D., Tsaoussoglou, M., Bixler, EO, Stefanakis, Z. , & Chrousos, GP (2014). Apnea notturna, sonnolenza, infiammazione e insulino-resistenza nei maschi e nelle femmine di mezza età. The European Respiratory Journal, 43 (1), 145–155. https://doi.org/10.1183/09031936.00126712
    18. 18. Kritikou, I., Basta, M., Vgontzas, A. N., Pejovic, S., Liao, D., Tsaoussoglou, M., Bixler, E. O., Stefanakis, Z. e Chrousos, G. P. (2014). Apnea notturna, sonnolenza, infiammazione e insulino-resistenza nei maschi e nelle femmine di mezza età. The European Respiratory Journal, 43 (1), 145–155. https://doi.org/10.1183/09031936.00126712
    19. 19. American Diabetes Association (2020). 4. Valutazione medica completa e valutazione delle comorbidità: standard di assistenza medica nel diabete-2020. Diabetes care, 43 (Suppl 1), S37-S47. https://doi.org/10.2337/dc20-S004
    20. venti. Punjabi, N. M., Shahar, E., Redline, S., Gottlieb, D. J., Givelber, R., Resnick, H. E. e Sleep Heart Health Study Investigators (2004). Disturbi respiratori nel sonno, intolleranza al glucosio e resistenza all'insulina: lo Sleep Heart Health Study. Rivista americana di epidemiologia, 160 (6), 521-530. https://doi.org/10.1093/aje/kwh261
    21. ventuno. Nedeltcheva, A. V. e Scheer, F. A. (2014). Effetti metabolici dei disturbi del sonno, collegamenti con obesità e diabete. Opinione corrente in endocrinologia, diabete e obesità, 21 (4), 293–298. https://doi.org/10.1097/MED.0000000000000082
    22. 22. Mokhlesi, B., Grimaldi, D., Beccuti, G. e Van Cauter, E. (2017). Effetto di una settimana di trattamento con CPAP dell'apnea ostruttiva del sonno sui profili di 24 ore di glucosio, insulina e ormoni contro-regolatori nel diabete di tipo 2. Diabete, obesità e metabolismo, 19 (3), 452–456. https://doi.org/10.1111/dom.12823
    23. 2. 3. Martínez-Cerón, E., Barquiel, B., Bezos, AM, Casitas, R., Galera, R., García-Benito, C., Hernanz, A., Alonso-Fernández, A. e Garcia-Rio, F. (2016). Effetto della pressione positiva continua delle vie aeree sul controllo glicemico in pazienti con apnea ostruttiva del sonno e diabete di tipo 2. Uno studio clinico randomizzato. Rivista americana di medicina respiratoria e di terapia intensiva, 194 (4), 476-485. https://doi.org/10.1164/rccm.201510-1942OC
    24. 24. Shaw, J. E., Punjabi, N. M., Naughton, M. T., Willes, L., Bergenstal, R. M., Cistulli, P. A., Fulcher, G. R., Richards, G. N., & Zimmet, P. Z. (2016). L'effetto del trattamento dell'apnea ostruttiva del sonno sul controllo glicemico nel diabete di tipo 2. Rivista americana di medicina respiratoria e di terapia intensiva, 194 (4), 486–492. https://doi.org/10.1164/rccm.201511-2260OC
    25. 25. Shechter, A., Foster, GD, Lang, W., Reboussin, DM, St-Onge, MP, Zammit, G., Newman, AB, Millman, RP, Wadden, TA, Jakicic, JM, Strotmeyer, ES, Wing , RR, Pi-Sunyer, FX, Kuna, ST e Sleep Ahead Research Group del Look Ahead Research Group (2017). Effetti di un intervento sullo stile di vita sulla gravità dell'OSA correlata al sonno REM in soggetti obesi con diabete di tipo 2. Journal of sleep research, 26 (6), 747-755. https://doi.org/10.1111/jsr.12559
    26. 26. Kuna, ST, Reboussin, DM, Borradaile, KE, Sanders, MH, Millman, RP, Zammit, G., Newman, AB, Wadden, TA, Jakicic, JM, Wing, RR, Pi-Sunyer, FX, Foster, GD , & Sleep AHEAD Research Group del Look AHEAD Research Group (2013). Effetto a lungo termine della perdita di peso sulla gravità dell'apnea ostruttiva del sonno nei pazienti obesi con diabete di tipo 2. Sleep, 36 (5), 641–649A. https://doi.org/10.5665/sleep.2618