Sonno interrotto

Quando si pensa al sonno e alla salute, è normale concentrarsi sulla questione della quantità di sonno e se stiamo ottenendo il numero consigliato di ore di sonno . Mentre il tempo di sonno totale è indubbiamente importante, anche la continuità del sonno o la capacità di evitare il sonno interrotto è fondamentale.

La maggior parte delle persone sa che dormire tra soste e partenze non è così rinfrescante. Studi di ricerca hanno dimostrato una correlazione tra valutazioni soggettive della qualità del sonno e della continuità del sonno . Il sonno interrotto o frammentato può contribuire a insonnia , privazione del sonno, sonnolenza diurna e numerose altre potenziali conseguenze di un sonno insufficiente.



Sapere di più sui sintomi, le cause e le implicazioni del sonno interrotto può aiutarti a essere informato sulla tua situazione e trovare i migliori trattamenti o misure preventive per ridurre al minimo i disturbi del sonno.

Quali sono i sintomi del sonno interrotto?

Per molte persone, il sintomo centrale del sonno interrotto è facilmente percepibile: svegliarsi dal sonno una o più volte nel corso della notte (o durante il giorno per le persone che lavorano un turno di notte).

I tempi e la durata di questi episodi di veglia possono variare. Una persona può avere solo poche pause nel sonno o più. Possono essere svegli solo per pochi minuti o per un periodo prolungato prima di tornare a dormire. Una persona può sperimentare sonno agitato , rigirarsi e rigirarsi o sentirsi solo mezzo addormentato senza sprofondare in un riposo più profondo.



Non tutti i casi di sonno interrotto, tuttavia, sono immediatamente evidenti al dormiente. Alcune persone sperimentano risvegli o eccitazioni molto brevi e minori durante la notte senza rendersene conto. Ad esempio, le persone con apnea ostruttiva del sonno (OSA) hanno ripetuti interruzioni della respirazione che causano brevi eccitazioni dal sonno. Queste eccitazioni respiratorie sono abbastanza brevi che le persone con OSA di solito non sanno che stanno accadendo.

Con una condizione come l'OSA o altre situazioni in cui la frammentazione del sonno è frequente ma non notata dal dormiente, è probabile che un'eccessiva sonnolenza diurna sia un sintomo chiave dell'interruzione del sonno.

Perché il sonno interrotto è importante?

Le implicazioni del sonno interrotto possono essere significative con impatti non solo sulla qualità del sonno, ma anche su numerosi aspetti della salute individuale.



Le persone che hanno interrotto il sonno tendono a non dormire abbastanza. La ricerca ha trovato un file forte correlazione tra continuità del sonno e tempo di sonno totale , indicando che le persone con disturbi del sonno corrono un rischio maggiore di non dormire abbastanza ore. Non sorprende che i problemi con il mantenimento del sonno siano una lamentela frequente tra le persone con insonnia. Un sonno insufficiente può causare sonnolenza diurna che riduce le prestazioni scolastiche o lavorative e aumenta il rischio di incidenti durante la guida o l'uso di macchinari.

Anche quando non riduce la quantità di sonno, un numero crescente di prove indica che danno del sonno interrotto . Durante il sonno sano, una persona progredisce attraverso una serie di cicli del sonno, ognuno dei quali è composto da distinti fasi del sonno . Ripetute interruzioni e risvegli possono disturbare quel processo , causando effetti di vasta portata del sonno interrotto sulla funzione cerebrale, sulla salute fisica e sul benessere emotivo.

Diversi studi hanno identificato la continuità del sonno come importante per il pensiero, la memoria e il processo decisionale. Sebbene i meccanismi esatti alla base del ruolo del sonno nella salute del cervello non siano completamente compresi, la ricerca punta al sonno ininterrotto come promuovere il consolidamento della memoria .

Ci sono state anche interruzioni del sonno associato a malattie neurodegenerative compreso il deterioramento cognitivo legato all'età, Demenza di Alzheimer , e Morbo di Parkinson . Il sonno frammentato è considerato un sintomo precoce di queste condizioni, ma la ricerca suggerisce che potrebbe anche essere a fattore che contribuisce al loro sviluppo e / o progressione .

Inoltre, ripetuti risvegli durante il sonno sono stati collegati a disturbi dell'umore come depressione . Uno studio ha dimostrato una correlazione più forte tra il sonno interrotto e un umore positivo diminuito rispetto alle ore totali ridotte di sonno continuo . Inoltre, questi problemi sono stati aggravati da giorni consecutivi di sonno interrotto, suggerendo che l'effetto può accumularsi nel tempo.

Il sonno interrotto può anche causare effetti dannosi sulla salute fisica. Altrimenti si è scoperto che le persone sane hanno maggiore sensibilità al dolore dopo solo due notti di sonno frammentato . L'incapacità a lungo termine di procedere attraverso ogni fase del sonno combinata con l'attivazione di più sistemi del corpo durante i risvegli ripetuti è stata collegata a tassi più elevati di malattie cardiovascolari, aumento di peso e problemi metabolici incluso il diabete di tipo 2 . Il sonno disturbato può anche essere collegato al rischio di cancro, sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per comprendere meglio la complessità della relazione tra sonno e cancro.

Tutti questi potenziali effetti del sonno interrotto sul cervello e sul corpo indicano che un sonno sano significa più che dormire abbastanza ore, ma richiede anche di evitare interruzioni che inibiscono la continuità del sonno.

Quali sono le cause del sonno interrotto?

Esiste un'ampia gamma di potenziali cause di interruzione del sonno e molteplici fattori possono essere coinvolti nella situazione di una persona specifica.

Lettura correlata

  • donna sdraiata sveglia a letto
  • anziano che dorme
  • Insonnia

La frammentazione del sonno è spesso un problema per gli anziani perché sperimentano un cambiamento naturale nei loro schemi di sonno che ne derivano meno tempo nel sonno profondo . Con più tempo nelle fasi di sonno leggero, si svegliano più facilmente, portando a un maggior numero di disturbi e risvegli.

Disordini del sonno come l'apnea ostruttiva del sonno e Sindrome delle gambe senza riposo (RLS) , che crea una forte sensazione di muovere le gambe più comunemente, sono noti per disturbare il sonno. Altre condizioni mediche coesistenti, comprese dolore , minzione frequente di notte (nicturia) , problemi cardiovascolari, nonché problemi ormonali, polmonari e neurologici possono minacciare la continuità del sonno. Farmaci da prescrizione possono interferire con il sonno e programmi complessi per la tempistica e il dosaggio dei farmaci possono richiedere il risveglio durante la notte per assumere i farmaci.

Fatica dalla vita personale o professionale di una persona può causare interruzioni del sonno e ansia , compreso il preoccuparsi o il rimuginare sui problemi, può rendere più difficile tornare a dormire dopo il risveglio. I genitori con neonati o bambini piccoli possono essere svegliati più volte durante la notte e coloro che si prendono cura di persone care malate o disabili possono affrontare sfide simili.

Le modifiche all'esposizione alla luce del giorno di una persona possono compromettere la loro ritmo circadiano e rendono difficile dormire continuamente. Ciò si verifica frequentemente nelle persone che hanno disritmia dopo un viaggio intercontinentale o chi lavorare il turno di notte e cercare di dormire durante il giorno.

Le scelte di stile di vita possono anche aumentare il rischio di interruzioni del sonno. Programmi di sonno sparpagliati, consumo eccessivo di alcol o caffeina e l'utilizzo di dispositivi elettronici come i telefoni cellulari a letto può disturbare il ritmo del sonno di una persona. Troppa luce in camera da letto o rumore eccessivo, anche da parte di un partner russare o digrignare i denti , può interferire con il sonno.

Quando dovresti parlare con un medico del sonno interrotto?

Se hai interrotto il sonno che dura da molto tempo, è persistente o sta peggiorando, dovresti parlare con il tuo medico. Dovresti anche consultare il tuo medico se hai uno dei seguenti problemi:

  • Significativa sonnolenza diurna
  • Cambiamenti di umore durante il giorno
  • Russare ad alto volume e / o comporta rantoli o suoni soffocati o altri respiri anormali durante il sonno

Potrebbe essere utile utilizzare un file diario del sonno per tenere traccia dei sintomi, inclusa la frequenza con cui si verificano interruzioni del sonno e la frequenza con cui si ha un'eccessiva sonnolenza durante il giorno.

Ricevi le ultime informazioni durante il sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email verrà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

Come puoi prevenire o affrontare il sonno interrotto?

Sebbene non tutte le cause del sonno interrotto siano sotto il tuo controllo, ci sono passaggi concreti che puoi intraprendere per cercare di prevenire il sonno interrotto prima che accada o risolverlo se hai già scoperto che è un problema.

Miglioramenti all'igiene del sonno

Igiene del sonno è un termine generico usato per descrivere le abitudini e le routine legate al sonno insieme all'ambiente del sonno. Una buona igiene del sonno elimina le barriere ad entrambi addormentarsi e rimanere addormentati, rendendo più facile ottenere un riposo notturno solido senza distrazioni o disturbi.

Abitudini e routine

Un elemento fondamentale dell'igiene del sonno è assicurarsi che le tue abitudini quotidiane lavorino a tuo vantaggio nel promuovere un sonno costante. Esempi di consigli per dormire bene per migliorare le tue abitudini includono:

  • Andare a letto e svegliarsi alla stessa ora tutti i giorni, anche nei fine settimana
  • Seguire una routine costante prima di andare a letto, compreso un sacco di tempo per distendersi e rilassarsi
  • Evitare alcol, sigarette, caffeina e pasti abbondanti la sera, soprattutto nelle ore prima di coricarsi
  • Ridurre l'uso di dispositivi elettronici prima di andare a letto e cercare di non usarli mai quando si è a letto
  • Uscire o aprire le tende per essere esposti quotidianamente alla luce solare
  • Trovare il tempo per essere fisicamente attivi ogni giorno

Ambiente del sonno

Per facilitare la continuità del sonno, devi eliminare quante più possibili fonti di disturbi del sonno dalla tua camera da letto:

  • Usa tende oscuranti, una lampada da comodino a bassa potenza e, se necessario, una maschera per dormire per evitare di essere disturbato dalla luce in eccesso
  • Indossare tappi per le orecchie o utilizzare una macchina per il rumore bianco per bloccare il rumore
  • Imposta la temperatura della tua camera da letto in modo che sia confortevole, errando verso un ambiente più fresco
  • Assicurati che il materasso, i cuscini, le coperte e le lenzuola siano comodi e invitanti
  • Parla con un compagno di letto o un compagno di stanza se russano, digrignano i denti o altrimenti causano potenziali interruzioni del sonno

Affrontare i problemi sottostanti

Lavorare con un professionista della salute può aiutarti se il tuo sonno viene interrotto da disturbi del sonno sottostanti o problemi di salute. Per esempio, trattamento per l'apnea ostruttiva del sonno può ridurre drasticamente la frammentazione del sonno nelle persone con questa condizione e lavorare con un consulente può spesso migliorare il sonno nelle persone con disturbi di salute mentale come depressione e ansia.

  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +11 Fonti
    1. 1. Libman, E., Fichten, C., Creti, L., Conrod, K., Tran, DL, Grad, R., Jorgensen, M., Amsel, R., Rizzo, D., Baltzan, M., Pavilanis , A., e Bailes, S. (2016). Il sonno ristoratore e la continuità del sonno determinano la qualità del sonno percepita. Disturbi del sonno, 2016, 7170610. https://doi.org/10.1155/2016/7170610
    2. Due. Kishi, A., Van Dongen, H. P., Natelson, B. H., Bender, A. M., Palombini, L. O., Bittencourt, L., Tufik, S., Ayappa, I., & Rapoport, D. M. (2017). La continuità del sonno è positivamente correlata alla durata del sonno nelle registrazioni del sonno notturno in laboratorio. PloS uno, 12 (4), e0175504. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0175504
    3. 3. Van Someren, E. J., Cirelli, C., Dijk, D. J., Van Cauter, E., Schwartz, S., & Chee, M. W. (2015). Sonno disturbato: dalle molecole alla cognizione. The Journal of neuroscience: the official journal of the Society for Neuroscience, 35 (41), 13889-13895. https://doi.org/10.1523/JNEUROSCI.2592-15.2015
    4. Quattro. Wilckens, K. A., Woo, S. G., Kirk, A. R., Erickson, K. I., & Wheeler, M. E. (2014). Ruolo della continuità del sonno e del tempo totale di sonno nella funzione esecutiva per tutta la durata della vita degli adulti. Psicologia e invecchiamento, 29 (3), 658-665. https://doi.org/10.1037/a0037234
    5. 5. Rolls, A., Colas, D., Adamantidis, A., Carter, M., Lanre-Amos, T., Heller, H. C. e de Lecea, L. (2011). L'interruzione optogenetica della continuità del sonno compromette il consolidamento della memoria. Atti della National Academy of Sciences degli Stati Uniti d'America, 108 (32), 13305–13310. https://doi.org/10.1073/pnas.1015633108
    6. 6. Abbott, S. M. e Videnovic, A. (2016). Disturbi cronici del sonno e lesioni neurali: collegamenti a malattie neurodegenerative. Natura e scienza del sonno, 8, 55–61. https://doi.org/10.2147/NSS.S78947
    7. 7. Lim, A. S., Kowgier, M., Yu, L., Buchman, A. S. e Bennett, D. A. (2013). Frammentazione del sonno e rischio di malattia di Alzheimer incidente e declino cognitivo nelle persone anziane. Sleep, 36 (7), 1027-1032. https://doi.org/10.5665/sleep.2802
    8. 8. Finan, P. H., Quartana, P. J., & Smith, M. T. (2015). Gli effetti dell'interruzione della continuità del sonno sull'umore positivo e sull'architettura del sonno negli adulti sani. Sleep, 38 (11), 1735-1742. https://doi.org/10.5665/sleep.5154
    9. 9. Iacovides, S., George, K., Kamerman, P. e Baker, F. C. (2017). La frammentazione del sonno ipersensibilizza giovani donne sane al dolore sperimentale profondo e superficiale. Il giornale del dolore: giornale ufficiale dell'American Pain Society, 18 (7), 844-854. https://doi.org/10.1016/j.jpain.2017.02.436
    10. 10. Medic, G., Wille, M. e Hemels, M. E. (2017). Conseguenze sulla salute a breve e lungo termine dei disturbi del sonno. Natura e scienza del sonno, 9, 151–161. https://doi.org/10.2147/NSS.S134864
    11. undici. Duffy, J. F., Scheuermaier, K. e Loughlin, K. R. (2016). Disturbi del sonno legati all'età e riduzione del ritmo circadiano della produzione di urina: contributo alla nicturia ?. Current aging science, 9 (1), 34-43. https://doi.org/10.2174/1874609809666151130220343