Migliora il rendimento scolastico di tuo figlio con una buona notte di sonno

Prima di un grande test o presentazione a scuola, probabilmente hai dato a tuo figlio il classico consiglio per dormire bene la notte.

Implicito in questa raccomandazione è il riconoscimento che il sonno potenzia il pensiero e il rendimento scolastico efficaci. Tuttavia, l'importanza del sonno va oltre la sola notte prima di un esame.



Ottenere un sonno costante lo è vitale per i bambini e adolescenti chi sono sperimentando un significativo sviluppo del cervello . Sfortunatamente, un numero significativo di studenti delle scuole elementari, medie e superiori negli Stati Uniti non riesce a dormire a sufficienza.

Senza dormire a sufficienza, i bambini e gli adolescenti possono avere problemi di attenzione, memoria e risoluzione dei problemi. La privazione del sonno può anche contribuire a problemi emotivi e problemi comportamentali che possono influire sul rendimento scolastico.

Rendere il sonno una priorità è importante per i genitori che vogliono che i loro figli abbiano successo a scuola. Comprendere le cause e le conseguenze di un sonno povero e sapere come affrontarlo può consentire ai genitori di aiutare i bambini e gli adolescenti nelle loro attività accademiche.



I bambini e gli adolescenti stanno dormendo di cui hanno bisogno?

Bisogno di dormire variano in base all'età. Per i bambini in età scolare dai 6 ai 12 anni, la National Sleep Foundation consiglia 9-11 ore totali di sonno al giorno . Per gli adolescenti, la quantità di sonno consigliata è di 8-10 ore al giorno.

Sfortunatamente, i ricercatori hanno scoperto che molti bambini negli Stati Uniti non riescono a dormire bene. Tanti quanti 25% dei bambini più piccoli si ritiene che soffrano di cattive condizioni di sonno e eccessiva sonnolenza diurna.

I problemi del sonno sono ancora più diffusi negli adolescenti. I dati del CDC indicano che oltre il 57% degli studenti delle scuole medie e Il 72% degli studenti delle scuole superiori hanno riferito di aver dormito meno di quanto raccomandato in base alla loro età. Per tanti come 23,8% degli adolescenti , il problema è abbastanza significativo da essere considerato insonnia, un grave disturbo del sonno che comporta notevoli disturbi durante il giorno.



Qual è l'effetto di un sonno scadente sul rendimento scolastico?

È ampiamente accettato dagli esperti del sonno che la mancanza di sonno riduce le capacità cognitive e può danneggiare il rendimento scolastico nei bambini e negli adolescenti.

La maggior parte delle ricerche sulla privazione del sonno è stata condotta negli adulti, ma si ritiene che molti degli stessi effetti si verifichino nei giovani. Sebbene un minor numero di studi abbia esaminato la mancanza di sonno nei bambini, le prove esistenti indicano che un sonno povero può danneggiare i risultati accademici in diversi modi.

Un modo diretto in cui il sonno e il rendimento scolastico sono collegati è attraverso gli effetti sulla funzione mentale. Alcuni problemi noti associati alla mancanza di sonno includono:

  • Diminuzione dell'attenzione. La capacità di concentrazione è vitale per l'apprendimento e il rendimento scolastico, ma il sonno è insufficiente riduce l'attenzione e la concentrazione .
  • Memoria alterata. Dormire fornisce un tempo per la codifica della memoria , che è quando il cervello immagazzina e rafforza il ricordo di un'immagine o di un pensiero. Senza un sonno adeguato, i ricordi potrebbero non essere formati correttamente e potrebbe anche essere più difficile ricordare accuratamente le informazioni memorizzate.
  • Elaborazione rallentata. Un breve sonno può ridurre la nitidezza, tempo di reazione lento e ostacolano la capacità di rapidamente assorbire e analizzare le informazioni .
  • Pensiero sequenziale peggiorato. La capacità di ricordare una serie di passaggi, come in un esperimento scientifico o quando si suona uno strumento musicale, lo è ridotto quando il sonno è ridotto .
  • Creatività ridotta. Il pensiero creativo si basa sulla capacità di creare connessioni tra idee diverse e alcune ricerche hanno scoperto che questo tipo di attività mentale lo è danneggiato da uno scarso sonno .

La privazione del sonno può anche ridurre il rendimento scolastico a causa di vari effetti sull'umore e sul comportamento:

  • Eccessiva sonnolenza diurna: La sonnolenza durante il giorno, anche a scuola, può avere conseguenze considerevoli per rendimento scolastico . Sonnecchiando per secondi alla volta, noto come microsonni , può verificarsi in classe, facendo addormentare uno studente alla scrivania. Oltre a interrompere l'apprendimento, questo può essere visto dagli insegnanti come un problema comportamentale.
  • Cattivo processo decisionale: Il sonno limitato può ostacolare lo sviluppo delle parti del cervello coinvolte prendere buone decisioni , aumentando la probabilità di scelte rischiose o imprudenti che possono portare a problemi disciplinari a scuola.
  • Aggressione: Alcune ricerche sui bambini hanno collegato i problemi di sonno a un aumento rischio di comportamento aggressivo , che può essere particolarmente preoccupante se combinato con gli effetti della privazione del sonno sull'umore.
  • Irritabilità e umore: La qualità del sonno lo è correlato con una sana regolazione emotiva , che può rendere bambini e adolescenti che non riescono a dormire a sufficienza è più probabile che sia irritabile o turbato .
  • Iperattività: Un sonno insufficiente può influenzare l'attenzione e in uno studio lo era associati a livelli di comportamento iperattivo segnalato dagli insegnanti. I problemi di sonno possono esacerbare i sintomi del disturbo da deficit di attenzione / iperattività (ADHD).
  • Depressione e ansia: Sia negli adulti che nei bambini, la privazione del sonno è associata a un rischio più elevato di depressione e ansia e queste condizioni possono influenzare direttamente la salute generale del bambino e il rendimento scolastico.

I risultati accademici possono anche essere trascinati dalla mancanza di scuola. Ci sono stati problemi di sonno legato ad un aumento dell'assenteismo o ritardo a scuola. I fattori comportamentali possono contribuire a perdere tempo a scuola e il sonno scarso è legato a problemi fisici come letargia, mal di testa e dolore che possono contribuire alle assenze dovute a malattia.

In che modo la privazione del sonno influisce sul rendimento scolastico dei bambini di età diverse?

Il sonno è fondamentale per la salute dei bambini di tutte le età, compresi gli adolescenti, tuttavia, i problemi di sonno e i loro effetti sul rendimento scolastico possono cambiare in base all'età. In particolare, gli adolescenti affrontare sfide del sonno uniche ciò può creare difficoltà a scuola.

Uno dei problemi principali che devono affrontare gli adolescenti è a cambiamento biologico ai tempi del sonno che inizia intorno all'inizio della pubertà. Questo cambiamento spinge indietro il loro orologio interno, spesso di circa due ore, rendendo gli adolescenti inclini a essere 'nottambuli'.

Poiché vanno a letto più tardi, molti adolescenti non riescono a dormire a sufficienza se devono svegliarsi presto la mattina per la scuola o per altre attività. Di conseguenza, il sonno notturno medio diminuisce di 40-50 minuti di età compresa tra 13 e 19 anni.

Senza riposo sufficiente, è più probabile che gli adolescenti soffrano degli effetti cognitivi, comportamentali e fisici della privazione del sonno che sono dannosi per il rendimento scolastico. Inoltre, poiché spesso si sentono più vigili nel tardo pomeriggio o la sera, molti adolescenti lottano con lezioni ed esami presto durante la giornata scolastica.

Ricevi le ultime informazioni durante il sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email sarà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

Quali sono le cause comuni della privazione del sonno nell'infanzia e negli adolescenti?

Molti fattori possono portare a problemi di sonno nei bambini e negli adolescenti e, in alcuni casi, può essere coinvolta una combinazione di cause. Alcuni dei contributori più comuni ai problemi di sonno per i giovani includono:

  • Programmi di sonno incoerenti: Forti fluttuazioni nell'ora di andare a letto e di veglia possono rendere più difficile stabilire un modello di sonno notturno costante. Mentre alcuni bambini possono trarre vantaggio dal recupero del sonno durante il fine settimana, questo potrebbe vanificare la loro capacità di mantenere un programma di sonno stabile durante le notti scolastiche.
  • Mancanza di priorità data al sonno: I bambini ei loro genitori potrebbero non riuscire a pianificare abbastanza tempo per dormire ogni notte, dedicando invece più tempo allo studio, alla vita sociale, allo sport o ad altre attività.
  • Uso eccessivo di dispositivi elettronici: È sempre più comune per bambini e adolescenti utilizzare telefoni cellulari, tablet e laptop più tardi la sera. Fino all'89% degli adolescenti ha riferito di avere il telefono in camera da letto di notte presso la National Sleep Foundation Sondaggio 2014 Sleep in America . Questi dispositivi stimolano il cervello, il che può rendere più difficile prendere sonno. Emettono anche luce blu , un tipo di luce che può interferire con il sonno normale.
  • Disordini del sonno: I bambini di età diverse possono essere colpiti da disturbi del sonno tra cui insonnia, apnea notturna e altri disturbi respiratori, sindrome delle gambe senza riposo e parasonnie come disturbi da incubo e sonnambulismo.
  • Altre condizioni di salute: I problemi di sonno possono essere più probabili nei bambini e negli adolescenti con una vasta gamma di altre condizioni come ADHD, disturbo dello spettro autistico (ASD), depressione e ansia. Le circostanze stressanti o difficili a casa possono anche svolgere un ruolo nella privazione del sonno per alcuni bambini.

In che modo i genitori possono aiutare i loro figli a dormire meglio e migliorare le prestazioni scolastiche?

È naturale che i genitori vogliano fare tutto il possibile per sostenere i propri figli a scuola. Data l'importanza del sonno per il rendimento scolastico, i genitori possono fare della promozione del buon sonno un pilastro dell'apprendimento dei loro figli.

Un sonno migliore spesso inizia discutendo prima delle abitudini del sonno e dei benefici del sonno con i propri figli. Riconoscere il valore del riposo di qualità per tutti i membri della famiglia può essere un punto di partenza per passi pratici per migliorare il sonno. Come parte di questo processo, i genitori dovrebbero fare del loro meglio per modellare buone abitudini di sonno , che può giovare alla salute dei genitori e servire da esempio per i loro figli.

Un passo fondamentale per molte famiglie è rendere il sonno una priorità. I genitori dovrebbero creare un programma giornaliero che tenga conto degli orari di inizio della scuola e di altre attività e budget sufficienti per consentire ai bambini di dormire la quantità di sonno consigliata. Avere un programma coerente rafforza l'importanza del sonno e supporta abitudini di sonno costanti.

Gli studi hanno scoperto che i bambini dormono meglio quando sono i genitori fissano l'ora di andare a letto . Avere quest'ora di andare a dormire non solo chiarisce il programma quotidiano ma protegge anche da altre attività, anche benefiche come lo studio, dal ridurre gradualmente il tempo destinato al sonno. Oltre a dormire di più, l'ora di andare a dormire stabilita dai genitori è stata associata a un migliore umore e meno sonnolenza diurna nei bambini.

Come prolungamento dell'ora di andare a dormire, i genitori possono incoraggiare i propri figli a creare una routine rilassante per prepararsi ad andare a letto. Si è trovato a seguire gli stessi passaggi ogni notte per rilassarsi e prepararsi al sonno beneficio ai bambini piccoli ed è spesso consigliato a persone di tutte le età.

Parte della preparazione per andare a letto dovrebbe significare interrompere l'uso di dispositivi elettronici, compresi i telefoni cellulari. La maggior parte degli esperti consiglia che sia i bambini che gli adulti smettano di usare i dispositivi per un'ora o più prima di andare a letto e, se possibile, i dispositivi dovrebbero essere tenuti fuori dalla portata del braccio quando sono a letto o completamente fuori dalla camera da letto.

I genitori possono anche favorire il sonno creando un ambiente rilassante per i loro figli. Come gli adulti, i bambini dormono meglio quando hanno un materasso di sostegno, una biancheria da letto comoda e una camera da letto buia e tranquilla. I genitori possono lavorare mano nella mano con i loro figli per assicurarsi che il loro sonno sia rilassante e favorisca un riposo di qualità.

Se i problemi di sonno sono gravi, persistenti o influenzano chiaramente il pensiero o il comportamento del bambino durante il giorno, i genitori dovrebbero parlare con il pediatra del loro bambino. Un medico può determinare se un bambino ha l'insonnia, che è distinto da occasionali problemi di sonno e formulare raccomandazioni specifiche per il trattamento. Un pediatra può anche esaminare la situazione di un bambino per determinare se le sue difficoltà di sonno sono correlate a un disturbo del sonno sottostante o ad altre condizioni di salute.

  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +27 Fonti
    1. 1. Tarokh, L., Saletin, J. M. e Carskadon, M. A. (2016). Dormire nell'adolescenza: fisiologia, cognizione e salute mentale. Neuroscienze e revisioni biocomportamentali, 70, 182–188. https://doi.org/10.1016/j.neubiorev.2016.08.008
    2. Due. Hirshkowitz, M., Whiton, K., Albert, SM, Alessi, C., Bruni, O., DonCarlos, L., Hazen, N., Herman, J., Katz, ES, Kheirandish-Gozal, L., Neubauer, DN, O'Donnell, AE, Ohayon, M., Peever, J., Rawding, R., Sachdeva, RC, Setters, B., Vitiello, MV, Ware, JC e Adams Hillard, PJ (2015) . Raccomandazioni sulla durata del sonno della National Sleep Foundation: metodologia e riepilogo dei risultati. Salute del sonno, 1 (1), 40–43. https://doi.org/10.1016/j.sleh.2014.12.010
    3. 3. Davis, K. F., Parker, K. P. e Montgomery, G. L. (2004). Sonno nei neonati e nei bambini piccoli: seconda parte: problemi di sonno comuni. Journal of pediatric health care: pubblicazione ufficiale della National Association of Pediatric Nurse Associates & Practitioners, 18 (3), 130-137 https://doi.org/10.1016/s0891-5245(03)00150-0
    4. Quattro. Wheaton AG, Jones SE, Cooper AC, Croft JB. (2018, 26 gennaio). Breve durata del sonno tra gli studenti delle scuole medie e delle scuole superiori - Stati Uniti, 2015. MMWR Morb Mortal Wkly Rep 201867: 85–90. DOI: http://dx.doi.org/10.15585/mmwr.mm6703a1
    5. 5. Donskoy, I., & Loghmanee, D. (2018). Insonnia nell'adolescenza. Scienze mediche (Basilea, Svizzera), 6 (3), 72. https://doi.org/10.3390/medsci6030072
    6. 6. Ming, X., Koransky, R., Kang, V., Buchman, S., Sarris, C. E., & Wagner, G. C. (2011). Insufficienza del sonno, problemi di salute del sonno e prestazioni negli studenti delle scuole superiori. Approfondimenti di medicina clinica. Medicina circolatoria, respiratoria e polmonare, 5, 71-79. https://doi.org/10.4137/CCRPM.S7955
    7. 7. Sharman, R., Illingworth, G. (2020, giugno). Sonno adolescenziale e rendimento scolastico: il problema degli adolescenti assonnati. Current Opinion in Physiology, 15, 23-28. https://doi.org/10.1016/j.cophys.2019.11.006
    8. 8. Beth Israel Deaconess Medical Center. (2005, 29 giugno). Uno studio mostra come il sonno migliora la memoria. ScienceDaily. Estratto il 4 gennaio 2021 da https://www.sciencedaily.com/releases/2005/06/050629070337.htm
    9. 9. Divisione di medicina del sonno presso la Harvard Medical School. (2007, 18 dicembre). Sonno, apprendimento e memoria. Estratto il 5 gennaio 2020 da http://healthysleep.med.harvard.edu/healthy/matters/benefits-of-sleep/learning-memory
    10. 10. Stepan, M. E., Altmann, E. M. e Fenn, K. M. (2020). Effetti della privazione totale del sonno sul posizionamento procedurale: più che semplici cadute di attenzione. Giornale di psicologia sperimentale. Generale, 149 (4), 800-806. https://doi.org/10.1037/xge0000717
    11. undici. Drago, V., Foster, P. S., Heilman, K. M., Aricò, D., Williamson, J., Montagna, P., & Ferri, R. (2011). Schema alternato ciclico nel sonno e sua relazione con la creatività. Medicina del sonno, 12 (4), 361-366. https://doi.org/10.1016/j.sleep.2010.11.009
    12. 12. Perez-Lloret, S., Videla, A. J., Richaudeau, A., Vigo, D., Rossi, M., Cardinali, D.P e Perez-Chada, D. (2013). Un percorso in più fasi che collega la breve durata del sonno alla sonnolenza diurna, ridotta attenzione e scarso rendimento scolastico: uno studio trasversale esplorativo negli adolescenti. Journal of Clinical Sleep Medicine: JCSM: pubblicazione ufficiale dell'American Academy of Sleep Medicine, 9 (5), 469–473. https://doi.org/10.5664/jcsm.2668
    13. 13. Poudel, G. R., Innes, C. R., Bones, P. J., Watts, R., & Jones, R. D. (2014). Perdere la lotta per rimanere svegli: attività talamica e corticale divergenti durante i microsonni. Mappatura del cervello umano, 35 (1), 257-269. https://onlinelibrary.wiley.com/doi/full/10.1002/hbm.22178
    14. 14. Richter, R. (2015, 8 ottobre). Tra gli adolescenti, la privazione del sonno è un'epidemia. Estratto il 2 luglio 2020 da https://med.stanford.edu/news/all-news/2015/10/among-teens-sleep-deprivation-an-epidemic.html
    15. quindici. Bayes, D.M. e Bullock, B. (2019). Problemi di sonno nei bambini in età scolare: un processo comune tra comportamenti internalizzanti ed esternalizzanti ?. Orologi e sonno, 2 (1), 7-18 https://doi.org/10.3390/clockssleep2010002
    16. 16. Vriend, J. L., Davidson, F. D., Corkum, P. V., Rusak, B., Chambers, C. T., & McLaughlin, E. N. (2013). La manipolazione della durata del sonno altera il funzionamento emotivo e le prestazioni cognitive nei bambini. Journal of pediatric psychology, 38 (10), 1058-1069. https://doi.org/10.1093/jpepsy/jst033
    17. 17. McMakin, D. L., Dahl, R. E., Buysse, D. J., Cousins, J. C., Forbes, E. E., Silk, J. S., Siegle, G. J., & Franzen, P. L. (2016). L'impatto della restrizione sperimentale del sonno sul funzionamento affettivo in contesti sociali e non sociali tra gli adolescenti. Giornale di psicologia e psichiatria infantile e discipline affini, 57 (9), 1027-1037. https://doi.org/10.1111/jcpp.12568
    18. 18. Muratori, P., Menicucci, D., Lai, E., Battaglia, F., Bontempelli, L., Chericoni, N., & Gemignani, A. (2019). Collegare il sonno alle difficoltà comportamentali esternalizzanti: un'indagine psicometrica longitudinale in una coorte di bambini in età scolare italiana. Il giornale di prevenzione primaria, 40 (2), 231–241. https://doi.org/10.1007/s10935-019-00547-2
    19. 19. Shur-Fen Gau S. (2006). Prevalenza di problemi di sonno e loro associazione con disattenzione / iperattività tra i bambini di età compresa tra 6 e 15 anni a Taiwan. Journal of sleep research, 15 (4), 403–414. https://doi.org/10.1111/j.1365-2869.2006.00552.x
    20. venti. Hysing, M., Haugland, S., Stormark, K. M., Bøe, T. e Sivertsen, B. (2015). Sonno e frequenza scolastica nell'adolescenza: risultati di un ampio studio basato sulla popolazione. Giornale scandinavo di salute pubblica, 43 (1), 2-9. https://doi.org/10.1177/1403494814556647
    21. ventuno. Alfonsi, V., Scarpelli, S., D'Atri, A., Stella, G., & De Gennaro, L. (2020). Ora di inizio della scuola successiva: l'impatto del sonno sulle prestazioni accademiche e sulla salute nella popolazione adolescente. Rivista internazionale di ricerca ambientale e salute pubblica, 17 (7), 2574 https://doi.org/10.3390/ijerph17072574
    22. 22. Rhie, S., Lee, S. e Chae, K. Y. (2011). Modelli di sonno e rendimento scolastico degli adolescenti coreani valutati utilizzando una versione coreana della scala della sonnolenza diurna pediatrica. Rivista coreana di pediatria, 54 (1), 29-35. https://doi.org/10.3345/kjp.2011.54.1.29
    23. 2. 3. Comitato dell'Istituto di medicina (USA) per la medicina e la ricerca del sonno. (2006). Impatto funzionale ed economico della perdita di sonno e dei disturbi legati al sonno. In H. R. Colten e B. M. Altevogt (a cura di), Disturbi del sonno e deprivazione del sonno: un problema di salute pubblica insoddisfatto (pp. 137–172). Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK19958/
    24. 24. Short, M. A., Gradisar, M., Wright, H., Lack, L. C., Dohnt, H. e Carskadon, M. A. (2011). Ora di andare a letto: l'ora di andare a letto impostata dai genitori associata a un miglioramento del sonno e del funzionamento diurno negli adolescenti. Sleep, 34 (6), 797–800. https://doi.org/10.5665/SLEEP.1052
    25. 25. Carskadon M. A. (2011). Dormire negli adolescenti: la tempesta perfetta. Cliniche pediatriche del Nord America, 58 (3), 637-647. https://doi.org/10.1016/j.pcl.2011.03.003
    26. 26. Mindell, J. A., Li, A. M., Sadeh, A., Kwon, R., & Goh, D.Y. (2015). Routine di andare a dormire per i bambini piccoli: un'associazione dose-dipendente con i risultati del sonno. Sleep, 38 (5), 717–722. https://doi.org/10.5665/sleep.4662
    27. 27. de Zambotti, M., Goldstone, A., Colrain, I. M., & Baker, F. C. (2018). Disturbo da insonnia nell'adolescenza: diagnosi, impatto e trattamento. Recensioni sulla medicina del sonno, 39, 12-24. https://doi.org/10.1016/j.smrv.2017.06.009