Come il peso influisce sull'apnea notturna

Apnea notturna è un disturbo relativamente comune in cui le persone sperimentano disturbi della respirazione mentre dormono. Nel apnea ostruttiva del sonno (OSA) , il tipo più comune di apnea notturna, la respirazione distruttiva si verifica a causa di vie aeree superiori strette o bloccate. È simile a respirare attraverso una cannuccia. Quelli con OSA grave possono avere più di 30 disturbi respiratori a notte .

Man mano che la comunità medica apprende di più sull'apnea notturna, stanno emergendo diversi collegamenti importanti con il peso corporeo in eccesso. L'eccesso di peso non solo può causare apnea notturna, ma può anche peggiorare i sintomi ed esacerbare i suoi effetti dannosi sulla salute. Un sonno insufficiente può anche portare ad un aumento di peso, rendendolo un circolo vizioso. In modo incoraggiante, molti studi dimostrano che la perdita di peso migliora l'apnea notturna. Se stai lottando con l'apnea notturna o l'eccesso di peso, è importante comprendere le complesse interazioni tra le due condizioni.



Come l'eccesso di peso causa l'apnea notturna

Diverse condizioni di salute aumentano la probabilità di sviluppare apnea notturna, ma l'OSA sì più comune nelle persone in sovrappeso o obese . L'eccesso di peso crea depositi di grasso nel collo di una persona chiamati grasso faringeo. Il grasso faringeo può bloccare le vie aeree superiori di una persona durante il sonno quando le vie aeree sono già rilassate. Ecco perché russare è uno dei sintomi più comuni dell'apnea notturna: l'aria viene letteralmente schiacciata attraverso una via aerea ristretta, causando un forte rumore.

Inoltre, l'aumento della circonferenza addominale dovuto al grasso in eccesso può comprimere la parete toracica di una persona, riducendo il volume polmonare. Questo la ridotta capacità polmonare diminuisce il flusso d'aria , rendendo più probabile il collasso delle vie aeree superiori durante il sonno. Il rischio di OSA continua a aumentare con un aumento dell'indice di massa corporea (BMI), che misura il grasso corporeo in base all'altezza e al peso. Anche un aumento di peso del 10% è associato un aumento di sei volte in caso di rischio di OSA.

Cause meno comuni di apnea notturna includono tonsille ingrossate che bloccano le vie aeree, caratteristiche anatomiche come un collo largo o una gola stretta, disturbi endocrini (inclusi diabete e malattie della tiroide), reflusso acido, malattie polmonari e problemi cardiaci. Tuttavia, più o meno 60–90% degli adulti con OSA sono in sovrappeso.



L'apnea notturna può causare aumento di peso?

Lettura correlata

  • NSF
  • NSF
  • Bocca Esercizio Russare

Sebbene l'eccesso di peso sia noto da tempo come un fattore di rischio per l'OSA, una quantità crescente di prove suggerisce che il la relazione è reciproca . Questo perché è associata alla privazione del sonno diminuzione della leptina (un ormone che sopprime l'appetito) e aumento della grelina (un ormone che stimola l'appetito), che può aumentare la voglia di cibi densi di calorie. Dati aggiuntivi indicano che il sonno insufficiente porta a mangiare troppo , obesità e diminuzione della perdita di grasso durante la restrizione calorica.

Sembra anche che i pazienti con OSA, in particolare, possano essere più suscettibili all'aumento di peso rispetto alle persone che hanno lo stesso BMI e lo stesso stato di salute ma non soffrono di apnea notturna. Ciò è illustrato in uno studio che ha mostrato che le persone con OSA hanno guadagnato molto più peso (circa 16 libbre ) nell'anno precedente alla diagnosi di OSA rispetto alle persone con BMI senza OSA.

L'apnea notturna può anche esaurire le persone dell'energia di cui hanno bisogno per mantenere un peso corporeo sano. Sonnolenza diurna è un sintomo comune dell'apnea notturna, derivante da un sonno frammentato e non ristoratore. L'evidenza suggerisce che un'eccessiva sonnolenza può portare a chi soffre di apnea notturna esercitare meno attività fisica durante le ore di veglia. Questo può essere particolarmente problematico per le persone obese, che spesso sperimentano più mancanza di respiro e fastidio al torace con lo sforzo fisico, con conseguente esercizio limitato. Senza cambiamenti nella dieta, una diminuzione dei livelli di attività può portare a un aumento di peso aggiuntivo.



Effetti sulla salute dell'apnea notturna e dell'eccesso di peso

Privati ​​di un riposo sufficiente e di qualità, chi soffre di apnea notturna subisce uno stress significativo cardiovascolare , metabolico e polmonare. Questo può essere particolarmente preoccupante per le persone obese, perché l'obesità può anche aumentare il rischio di cuore , polmone e problemi metabolici , potenzialmente aggravando i loro problemi di salute.

Apnea notturna e salute cardiovascolare

L'apnea notturna colpisce l'intero sistema cardiovascolare di una persona in diversi modi. Ogni volta che si verifica un rallentamento della respirazione, l'apporto di ossigeno del corpo diminuisce, innescando una risposta 'combatti o fuggi'. Quando si verifica questa risposta, pressione sanguigna picchi e aumento della frequenza cardiaca, provocando il risveglio del dormiente e la riapertura delle vie aeree. Questo ciclo si ripete per tutta la notte. Il ciclico aumento e diminuzione dei livelli di ossigeno nel sangue può causare infiammazione, che a sua volta può portare all'aterosclerosi (un accumulo di placca nei vasi sanguigni) che è associati ad attacchi di cuore, ictus e ipertensione Ricevi le ultime informazioni durante il sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email verrà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

L'apnea notturna aumenta anche i livelli di anidride carbonica e glucosio nel sangue, interrompe la parte del sistema nervoso che controlla il battito cardiaco e il flusso sanguigno, aumenta la resistenza all'insulina e altera il flusso di ossigeno e anidride carbonica. Di conseguenza, l'apnea notturna è associato a quanto segue problemi cardiaci, polmonari e metabolici, tra gli altri:

  • Ipertensione (pressione sanguigna alta)
  • Fibrillazione atriale e altre aritmie
  • Arresto cardiaco
  • Ictus e attacchi ischemici transitori (TIA, noti anche come 'mini-ictus')
  • Malattia coronarica
  • Diabete di tipo 2
  • Sindrome metabolica (obesità, ipertensione, diabete e dislipidemia)

Sindrome da ipoventilazione da obesità e apnea notturna

L'OSA coesiste spesso nelle persone con sindrome da ipoventilazione da obesità (OHS). In OHS, l'eccesso di peso esercita una pressione contro la parete toracica di una persona, comprimendone i polmoni e quindi interferendo con la sua capacità di fare respiri profondi e con ritmo regolare. Fino a Il 90% delle persone con SSL soffrono anche di apnea notturna, ma non tutte le persone affette da OSA hanno OHS. Il rischio OHS è correlato al BMI, con una prevalenza che sale a quasi il 50% in coloro il cui BMI è maggiore di 50 .

Come l'apnea notturna, l'OHS può causare ipertensione e insufficienza cardiaca e può ridurre l'ossigeno aumentando i livelli di anidride carbonica nel sangue. I pazienti affetti da entrambe queste condizioni hanno un rischio significativo di malattie cardiovascolari. Sfortunatamente, i pazienti OSA con OHS grave hanno un rischio aumentato di morte.

Perdere peso può curare l'apnea notturna?

Il trattamento dell'apnea notturna, come il trattamento di molte malattie, inizia con lo stile di vita e le modifiche comportamentali. Per la maggior parte dei malati di OSA, questo include il lavoro per un peso corporeo sano . La perdita di peso si riduce depositi di grasso nel collo e nella lingua che può contribuire a limitare il flusso d'aria. Anche questo si riduce grasso addominale , che a sua volta aumenta il volume polmonare e migliora la trazione delle vie aeree, riducendo le probabilità di collasso delle vie aeree durante il sonno.

Può anche perdere peso ridurre significativamente molti sintomi correlati all'OSA , come la sonnolenza diurna. Anche l'irritabilità e altre disfunzioni neuropsichiatriche migliorano notevolmente. C'è un miglioramento generale della salute cardiovascolare, ipertensione , resistenza all'insulina, diabete di tipo 2 , e in particolare la qualità della vita. Una perdita di peso di appena il 10-15% può ridurre la gravità dell'OSA del 50% nei pazienti moderatamente obesi. Sfortunatamente, sebbene la perdita di peso possa fornire miglioramenti significativi nell'OSA, di solito non porta a una cura completa e molti pazienti con apnea notturna necessitano di terapie aggiuntive.

Il metodo di perdita di peso è importante nell'OSA?

Con diverse opzioni per perdere peso, molti pazienti con OSA vogliono sapere quale sia la migliore per l'apnea notturna. Alcuni dei migliori metodi di perdita di peso includono:

  • Cambiamenti dietetici
  • Aumento dell'attività fisica
  • Farmaci
  • Chirurgia

I medici di solito prescrivono interventi dietetici ed esercizi fisici come trattamento di prima linea per l'obesità. I pazienti obesi che sono improbabili o incapaci di ottenere un'adeguata perdita di peso attraverso modifiche del comportamento possono prendere in considerazione interventi farmacologici o chirurgici. Ci sono prove che la modificazione comportamentale lo sia altrettanto efficace di alcuni interventi chirurgici per la perdita di peso nel migliorare l'OSA. È incoraggiante, l'esercizio da solo può migliorare modestamente la gravità di OSA, anche senza una significativa perdita di peso.

Indipendentemente dalla tecnica, il miglioramento dell'OSA è proporzionale alla quantità di peso perso. Pertanto, i pazienti dovrebbero discutere con il proprio medico quale strategia di perdita di peso è più adatta alle loro circostanze personali, alla salute generale e alla gravità dell'OSA.

Trattare l'apnea notturna ti aiuterà a perdere peso?

L'evidenza suggerisce che i pazienti con OSA che gestiscono efficacemente la loro apnea notturna possono trovare più facile perdere peso. In uno studio, grelina (un ormone che stimola l'appetito) i livelli erano più alti nei pazienti con OSA rispetto alle persone senza OSA della stessa massa corporea, ma sono scesi a livelli comparabili dopo due giorni di utilizzo Trattamento CPAP .

In modo contrastante, l'uso a lungo termine di CPAP, il più efficace trattamento dell'apnea notturna , è stato associato a aumento di peso nel alcuni studi . Tuttavia, le ragioni di questa associazione non sono chiare e sono necessarie ulteriori ricerche. Data la complessità del trattamento del peso e dell'apnea notturna, i pazienti in sovrappeso non dovrebbero fare affidamento esclusivamente sulla terapia CPAP o sui trattamenti di apnea come unico mezzo di controllo del peso.

Non aspettare per cercare assistenza

Quando si tratta di dormire e di peso, intervento precoce è fondamentale per prevenire danni e recuperare la qualità della vita. Con un trattamento adeguato, l'apnea notturna ha una prognosi eccellente. E non è mai troppo tardi o troppo presto per adottare un approccio attivo al controllo del peso. Se pensi di avere l'apnea notturna, è importante consultare un medico per una diagnosi accurata e opzioni di trattamento su misura.

  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +28 Fonti
    1. 1. Dempsey, J. A., Veasey, S. C., Morgan, B. J., e O'Donnell, C. P. (2010). Fisiopatologia dell'apnea notturna. Revisioni fisiologiche, 90 (1), 47-112. https://doi.org/10.1152/physrev.00043.2008
    2. Due. Strohl, K. P. (2019, febbraio). Versione professionale del manuale Merck: apnea ostruttiva del sonno. Estratto il 13 agosto 2020 da https://www.msdmanuals.com/professional/pulmonary-disorders/sleep-apnea/obstructive-sleep-apnea
    3. 3. Schwartz, A. R., Patil, S. P., Laffan, A. M., Polotsky, V., Schneider, H., & Smith, P. L. (2008). Obesità e apnea ostruttiva del sonno: meccanismi patogeni e approcci terapeutici. Atti della American Thoracic Society, 5 (2), 185–192. https://doi.org/10.1513/pats.200708-137MG
    4. Quattro. Young, T., Skatrud, J. e Peppard, P. E. (2004). Fattori di rischio per l'apnea ostruttiva del sonno negli adulti. JAMA, 291 (16), 2013-2016. https://doi.org/10.1001/jama.291.16.2013
    5. 5. Peppard, P.E., Young, T., Palta, M., Dempsey, J., & Skatrud, J. (2000). Studio longitudinale di moderata variazione di peso e disturbi respiratori del sonno. JAMA, 284 (23), 3015-3021. https://doi.org/10.1001/jama.284.23.3015
    6. 6. Pillar, G. e Shehadeh, N. (2008). Grasso addominale e apnea notturna: la gallina o l'uovo ?. Diabetes care, 31 Suppl 2 (7), S303 – S309. https://doi.org/10.2337/dc08-s272
    7. 7. Spiegel, K., Tasali, E., Penev, P. e Van Cauter, E. (2004). Breve comunicazione: la riduzione del sonno in giovani uomini sani è associata a livelli di leptina ridotti, livelli di grelina elevati e aumento della fame e dell'appetito. Annali di medicina interna, 141 (11), 846–850. https://doi.org/10.7326/0003-4819-141-11-200412070-00008
    8. 8. Greer SM, Goldstein AN, Walker MP. L'impatto della privazione del sonno sul desiderio di cibo nel cervello umano. Nat Commun. 20134: 2259. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23922121/
    9. 9. Nedeltcheva, A. V., Kilkus, J. M., Imperial, J., Schoeller, D. A. e Penev, P. D. (2010). Il sonno insufficiente mina gli sforzi dietetici per ridurre l'adiposità. Annali di medicina interna, 153 (7), 435–441. https://doi.org/10.7326/0003-4819-153-7-201010050-00006
    10. 10. Phillips BG, Hisel TM, Kato M, et al. Recente aumento di peso in pazienti con apnea ostruttiva del sonno di nuova diagnosi. J Hypertens. 199917 (9): 1297-1300. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/10489107/
    11. undici. Karason, K., Lindroos, A. K., Stenlöf, K. e Sjöström, L. (2000). Sollievo dei sintomi cardiorespiratori e aumento dell'attività fisica dopo la perdita di peso indotta chirurgicamente: risultati dello studio svedese sui soggetti obesi. Archivi di medicina interna, 160 (12), 1797-1802. https://doi.org/10.1001/archinte.160.12.1797
    12. 12. Jean-Louis, G., Zizi, F., Clark, L. T., Brown, C. D. e McFarlane, S. I. (2008). Apnea ostruttiva del sonno e malattie cardiovascolari: ruolo della sindrome metabolica e delle sue componenti. Journal of Clinical Sleep Medicine: JCSM: pubblicazione ufficiale dell'American Academy of Sleep Medicine, 4 (3), 261–272. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2546461/
    13. 13. Istituti nazionali di Heatlh. (n.d.). Apnea notturna. National Heart, Lung, and Blood Institute. Estratto il 4 agosto 2020 da https://www.nhlbi.nih.gov/health-topics/sleep-apnea
    14. 14. Istituto Nazionale della Salute. (2019, 27 marzo). Pagina di informazioni sull'apnea notturna. Istituto nazionale di disturbi neurologici e ictus. https://www.ninds.nih.gov/disorders/all-disorders/sleep-apnea-information-page
    15. quindici. Sindrome da ipoventilazione da obesità. (n.d.). Estratto il 27 agosto 2020 da https://www.nhlbi.nih.gov/health-topics/obesity-hypoventilation-syndrome
    16. 16. Masa, JF, Corral, J., Alonso, ML, Ordax, E., Troncoso, MF, Gonzalez, M., Lopez-Martínez, S., Marin, JM, Marti, S., Díaz-Cambriles, T., Chiner, E., Aizpuru, F., Egea, C. e Spanish Sleep Network (2015). Efficacia di diverse alternative di trattamento per la sindrome da ipoventilazione da obesità. Pickwick Study. Rivista americana di medicina respiratoria e di terapia intensiva, 192 (1), 86-95. https://doi.org/10.1164/rccm.201410-1900OC
    17. 17. Macavei, V. M., Spurling, K. J., Loft, J., & Makker, H. K. (2013). Predittori diagnostici della sindrome obesità-ipoventilazione in pazienti sospettati di avere disturbi respiratori nel sonno. Journal of Clinical Sleep Medicine: JCSM: pubblicazione ufficiale dell'American Academy of Sleep Medicine, 9 (9), 879-884. https://doi.org/10.5664/jcsm.2986
    18. 18. Castro-Añón, O., Pérez de Llano, L. A., De la Fuente Sánchez, S., Golpe, R., Méndez Marote, L., Castro-Castro, J. e González Quintela, A. (2015). Sindrome obesità-ipoventilazione: aumento del rischio di morte per sindrome da apnea notturna. PloS uno, 10 (2), e0117808. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0117808
    19. 19. Schwartz, A. R., Patil, S. P., Laffan, A. M., Polotsky, V., Schneider, H., & Smith, P. L. (2008). Obesità e apnea ostruttiva del sonno: meccanismi patogeni e approcci terapeutici. Atti della American Thoracic Society, 5 (2), 185–192. https://doi.org/10.1513/pats.200708-137MG
    20. venti. Wang, S. H., Keenan, B. T., Wiemken, A., Zang, Y., Staley, B., Sarwer, D. B., Torigian, D. A., Williams, N., Pack, A. I., & Schwab, R. J. (2020). Effetto della perdita di peso sull'anatomia delle vie aeree superiori e sull'indice di apnea-ipopnea. L'importanza del grasso della lingua. Rivista americana di medicina respiratoria e di terapia intensiva, 201 (6), 718–727. https://doi.org/10.1164/rccm.201903-0692OC
    21. ventuno. Cowan, D. C., e Livingston, E. (2012). Sindrome da apnea ostruttiva del sonno e perdita di peso: revisione. Disturbi del sonno, 2012, 163296. https://doi.org/10.1155/2012/163296
    22. 22. Dixon, J. B., Schachter, L. M., & O'Brien, P. E. (2005). Polisonnografia prima e dopo la perdita di peso in pazienti obesi con grave apnea notturna. Giornale internazionale dell'obesità (2005), 29 (9), 1048-1054. https://doi.org/10.1038/sj.ijo.0802960
    23. 2. 3. Reutrakul, S. e Mokhlesi, B. (2017). Apnea ostruttiva del sonno e diabete: una revisione allo stato dell'arte. Petto, 152 (5), 1070-1086. https://doi.org/10.1016/j.chest.2017.05.009
    24. 24. Dixon, J. B., Schachter, L. M., O'Brien, P.E, Jones, K., Grima, M., Lambert, G., Brown, W., Bailey, M. e Naughton, M. T. (2012). Terapia chirurgica vs terapia convenzionale per il trattamento della perdita di peso dell'apnea ostruttiva del sonno: uno studio controllato randomizzato. JAMA, 308 (11), 1142–1149. https://doi.org/10.1001/2012.jama.11580
    25. 25. Iftikhar, I. H., Kline, C. E., & Youngstedt, S. D. (2014). Effetti dell'allenamento fisico sull'apnea notturna: una meta-analisi. Lung, 192 (1), 175-184. https://doi.org/10.1007/s00408-013-9511-3
    26. 26. Harsch, I. A., Konturek, P. C., Koebnick, C., Kuehnlein, P. P., Fuchs, F. S., Pour Schahin, S., Wiest, G. H., Hahn, E. G., Lohmann, T., & Ficker, J. H. (2003). Livelli di leptina e grelina in pazienti con apnea ostruttiva del sonno: effetto del trattamento CPAP. The European Respiratory Journal, 22 (2), 251–257. https://doi.org/10.1183/09031936.03.00010103
    27. 27. Redenius, R., Murphy, C., O'Neill, E., Al-Hamwi, M. e Zallek, S. N. (2008). La CPAP porta a un cambiamento nell'IMC ?. Journal of Clinical Sleep Medicine: JCSM: pubblicazione ufficiale dell'American Academy of Sleep Medicine, 4 (3), 205–209. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2546451/
    28. 28. Drager, L. F., Brunoni, A. R., Jenner, R., Lorenzi-Filho, G., Benseñor, I. M., & Lotufo, P. A. (2015). Effetti della CPAP sul peso corporeo nei pazienti con apnea ostruttiva del sonno: una meta-analisi di studi randomizzati. Torace, 70 (3), 258-264. https://doi.org/10.1136/thoraxjnl-2014-205361