Come usare i farmaci per dormire in modo sicuro

Dichiarazione di non responsabilità medica: il contenuto di questa pagina non deve essere considerato come consiglio medico o utilizzato come raccomandazione per alcun farmaco specifico. Consultare sempre il proprio medico prima di assumere nuovi farmaci o modificare il dosaggio attuale.

Farmaci per dormire sono uno dei più trattamenti comuni per l'insonnia . Se usati correttamente, possono essere un modo utile per addormentarsi nelle notti in cui il sonno è difficile.



Sfortunatamente, gli studi hanno scoperto che molte persone si sviluppano abitudini pericolose per quanto riguarda gli aiuti per il sonno. Lavorando con un medico e comprendendo i rischi associati ai farmaci per il sonno, puoi ridurre al minimo le possibilità di effetti collaterali indesiderati.

Cosa dovresti prendere in considerazione prima di prendere un farmaco per dormire?

I farmaci per il sonno sono solo una parte di un piano di trattamento generale per insonnia . Poiché possono creare dipendenza e spesso hanno effetti collaterali, il American College of Physicians e l'American Academy of Sleep Medicine consigliano di utilizzare altre tecniche prima di rivolgersi a farmaci per il sonno.

Terapia comportamentale cognitiva per l'insonnia (CBT-I) è la prima linea di trattamento preferita. Il tuo medico può aiutarti a superare lo stress, l'ansia o altre emozioni che potrebbero influire sul tuo sonno. Possono anche insegnarti igiene del sonno abitudini che possono portare a benefici duraturi per il sonno. Detto questo, per alcune persone, un corso a breve termine di sonniferi farmaceutici può aiutare a sviluppare questi comportamenti sani e imparare a gestire l'insonnia.



Molti problemi di sonno sono in realtà dovuti a un disturbo del sonno non diagnosticato o a una condizione medica. Condurre uno studio del sonno o altri test può far luce su questi problemi, che potrebbero dover essere trattati insieme all'insonnia stessa.

Quali precauzioni sono importanti quando si assumono farmaci per il sonno per la prima volta?

Dovresti sempre parlare con il tuo medico prima di iniziare un nuovo tipo di farmaco. Anche i sonniferi da banco e gli integratori a base di erbe comportano potenziali rischi. Una discussione approfondita con un operatore sanitario può aiutarti a decidere se i benefici superano i rischi.

Scegliere un aiuto per dormire

Ci sono molti tipi di aiuti per il sonno . Prima di prescrivere un sonnifero specifico, il medico prenderà nota dei problemi di salute mentale o fisica esistenti e si assicurerà che l'ausilio per il sonno non interagisca con farmaci, droghe ricreative o rimedi erboristici che stai attualmente assumendo. Dovresti anche confermare di non essere allergico a nessuno degli ingredienti contenuti nel sonnifero.



Diversi ausili per dormire possono aiutarti ad addormentarti più velocemente, ridurre i risvegli notturni o dormire più a lungo. Il medico sceglierà un aiuto per dormire a breve o lunga durata d'azione in base a ciò che è più appropriato per la tua situazione. Gli esperti raccomandano di assumere la dose più bassa possibile per ridurre i potenziali effetti collaterali. Se soffri di un disturbo del sonno che può essere trattato con un tipo specifico di ausili per il sonno, anche il tuo medico ne terrà conto.

Come iniziare il trattamento in sicurezza

Una volta che il medico ha scelto un ausilio per dormire, dovresti leggere attentamente l'opuscolo, seguire le istruzioni del medico su dosaggio e tempistica e porre eventuali domande pertinenti. Evita di iniziare il trattamento subito prima di un evento importante, nel caso in cui il farmaco causi effetti collaterali imprevisti.

La maggior parte degli ausili per dormire sono progettati per essere efficaci per quattro o otto ore. Prendere una pillola quando devi svegliarti prima di quest'ora può causare stordimento il giorno successivo. Per le persone che hanno difficoltà ad addormentarsi ma dormono profondamente una volta che si sono addormentati, potrebbe essere più appropriato usare un aiuto per dormire a breve durata d'azione.

Gli esperti sconsigliano di prendere sonniferi prima di guidare o di svolgere altre attività che richiedono la tua completa attenzione. Questo vale anche per i casi in cui potresti aver bisogno di svegliarti durante la notte, ad esempio se ti prendi cura di una persona dipendente. I coadiuvanti del sonno dovrebbero essere presi subito prima di coricarsi, poiché prenderli troppo presto la sera può interferire con le attività serali. Tieni presente che alcuni sonniferi impiegheranno più tempo a entrare in azione se assunti con il cibo Ricevi le ultime informazioni durante il sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email sarà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

Cosa fare in caso di problemi con i sonniferi

Potrebbero essere necessarie alcune notti prima di iniziare a vedere miglioramenti nel sonno, quindi non modificare la dose senza aver prima parlato con il medico. Alcuni farmaci per il sonno possono causare insonnia di rimbalzo se vengono interrotti troppo improvvisamente. Se noti effetti collaterali o se hai altri dubbi, parla con il tuo medico il prima possibile in modo che possa aiutarti a interrompere in sicurezza il farmaco.

Se il tuo medico ti ha prescritto sonniferi a lungo termine, molto probabilmente tornerai dopo diverse settimane per una visita di controllo. Se tu e il tuo medico decidete che il farmaco non funziona per voi, potrebbero modificare le istruzioni per il dosaggio o assegnarne uno diverso.

È sicuro prendere sonniferi ogni notte?

La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che gli ausili per il sonno non dovrebbero essere utilizzati a lungo termine. I sonniferi sono utilizzati al meglio per fattori di stress a breve termine, jet lag o problemi di sonno simili. Esistono prove limitate sulla sicurezza e l'efficacia dell'uso di ausili per il sonno per più di quattro settimane, ma alcuni studi hanno scoperto che l'uso quotidiano degli ausili per il sonno può essere collegato a un rischio maggiore di mortalità . Anche gli aiuti per il sonno possono influire fasi del sonno , con effetti corrispondenti sulla qualità del sonno.

Molte persone sviluppano una tolleranza agli aiuti per il sonno, il che significa che hanno bisogno di dosi più elevate del farmaco nel tempo per ottenere gli stessi effetti. Questo può essere accompagnato da dipendenza o sintomi di astinenza, tra cui insonnia di rimbalzo, ansia, irritabilità o strani sogni.

Per le persone con insonnia che resiste ad altre forme di trattamento, i medici possono prescriverti farmaci per dormire su prescrizione da assumere regolarmente. Per ridurre il rischio di sviluppare tolleranza o dipendenza, i medici possono prescrivere questi aiuti per il sonno a lungo termine solo per poche notti a settimana. Gli ausili per il sonno OTC non sono destinati all'uso a lungo termine.

I sonniferi sono sicuri?

Molte persone usano sonniferi senza grossi problemi. Tuttavia, praticamente tutti i sussidi per dormire attualmente sul mercato hanno un potenziale effetti collaterali , come stordimento del giorno successivo, nausea e mal di testa. L'assunzione della dose più bassa possibile può aiutare a limitare questi effetti collaterali. I medici suggeriscono anche alle persone di evitare di assumere sonniferi di notte prima di dover prendere decisioni importanti.

Più raramente, potresti sperimentare di più effetti gravi . Contatti immediatamente il medico se nota uno dei seguenti:

  • Insonnia di rimbalzo: È normale che si verifichi un breve periodo di insonnia dopo aver interrotto l'assunzione di sonniferi, anche se li hai usati solo per un breve periodo. Ove possibile, la maggior parte dei medici consiglia di svezzarsi dal farmaco abbassando gradualmente le dosi.
  • Comportamenti complessi del sonno: In rari casi, i farmaci per il sonno possono indurre le persone a svolgere attività anche se non completamente coscienti, come guida . Questi eventi possono accadere la prima volta che prendi l'ausilio per dormire o dopo averlo preso per un po '. I comportamenti di sonno complessi possono essere molto pericolosi e possono portare alla morte o lesioni gravi. Rivolgiti immediatamente al medico se si verifica un comportamento del sonno complesso.
  • Interazioni con altri farmaci: Bisogna prestare estrema attenzione quando si mescolano sonniferi con alcol, oppiacei, antidepressivi o antistaminici. In particolare, la combinazione di due o più farmaci che deprimono il sistema nervoso centrale può portare a un rallentamento della respirazione e persino alla morte. La FDA consiglia ai medici di prescrivere queste combinazioni solo dove non ci sono altre alternative.

Il sovradosaggio di alcuni aiuti per il sonno può portare a delirio, disturbi della respirazione e della circolazione e morte.

Chi dovrebbe essere particolarmente attento quando si assumono farmaci per il sonno?

Gli ausili per il sonno possono comportare rischi aggiuntivi per coloro che soffrono di altri disturbi medici o mentali, persone che assumono altri farmaci contemporaneamente e persone con condizioni di salute come malattie renali, problemi al fegato, bassa pressione sanguigna, difficoltà respiratorie, aritmia o convulsioni .

Le donne e gli anziani tendono a metabolizzare la medicina più lentamente, quindi di solito richiedono dosi inferiori. Poiché la ricerca sugli effetti degli aiuti per il sonno durante la gravidanza o l'allattamento è limitata, è generalmente raccomandato alle donne in gravidanza di evitare di assumere questi farmaci. Alcune prove suggeriscono che possono comportare il rischio di danni a un feto in via di sviluppo.

Gli anziani sono più vulnerabili agli effetti collaterali e alle lesioni da cascate , quindi è necessario prestare attenzione per prevenire problemi di vigilanza e equilibrio quando si assumono farmaci per il sonno. Alcuni aiuti per il sonno possono anche contribuire a demenza .

Pochissimi studi sono stati condotti sull'uso di farmaci per il sonno nei bambini e la maggior parte degli esperti sconsiglia l'uso di sonniferi in questa fascia di età.

Qual è l'aiuto per dormire più sicuro?

Tra le diverse famiglie di farmaci per il sonno , i farmaci più recenti sono generalmente considerati più sicuri di quelli più vecchi. Tuttavia, l'aiuto per dormire più sicuro per ogni individuo dipenderà dalla sua età, salute e altri fattori personali:

  • Benzodiazepine: Sebbene siano ancora ampiamente utilizzate, le benzodiazepine sono considerate tra gli aiuti per il sonno che creano maggiore dipendenza. Di solito non vengono prescritti a lungo termine, perché la maggior parte delle persone sviluppa rapidamente una tolleranza ai loro effetti.
  • 'Farmaci Z' non benzodiazepinici: I farmaci Z più recenti si comportano in modo simile alle benzodiazepine, ma hanno un profilo di effetti collaterali più favorevole e un minor rischio di abuso. Detto questo, la FDA ha recentemente rilasciato un file avvertimento dopo aver scoperto che i farmaci Z hanno maggiori probabilità di causare comportamenti di sonno complessi.
  • Antagonisti del recettore dell'oressina: Sembra che il rischio di dipendenza dagli antagonisti del recettore dell'orexina sia inferiore rispetto ad altri farmaci. Finora, l'effetto collaterale principale di questo nuovo aiuto per dormire è la sonnolenza.
  • Antidepressivi: Gli antidepressivi usati per dormire possono causare mal di testa e sonnolenza diurna. Tuttavia, gli antidepressivi più comunemente usati per l'insonnia vengono solitamente prescritti a dosi inferiori che hanno meno probabilità di causare effetti collaterali. Mentre alcune persone con insonnia soffrono anche di disturbo bipolare, gli antidepressivi possono peggiorare l'insonnia.
  • Barbiturici : Un tempo molto popolari, i barbiturici hanno ora dimostrato di creare dipendenza con un alto rischio di overdose. La FDA raccomanda di non utilizzarli tranne in casi molto specifici.
  • Ausili per dormire da banco: Il principio attivo in sul bancone i sonniferi sono solitamente un antistaminico. La maggior parte delle persone sviluppa rapidamente una tolleranza agli antistaminici e la ricerca suggerisce che gli antistaminici possono portare a una scarsa qualità del sonno e alla sonnolenza del giorno successivo.
  • Melatonina: La melatonina è considerata uno degli aiuti per dormire da banco più sicuri, con pochi effetti collaterali. Un farmaco da prescrizione chiamato ramelteon è progettato per imitare gli effetti della melatonina. Come la melatonina, non è considerata assuefazione e non influisce sull'equilibrio.

Molte persone ritengono che gli ausili per il sonno OTC siano i farmaci per dormire più sicuri perché sono disponibili senza prescrizione medica. Tuttavia, i sussidi per il sonno OTC possono ancora avere gravi effetti collaterali. Inoltre, farmaci e integratori a base di erbe che non sono approvati per l'insonnia da FDA può comportare rischi aggiuntivi. Si consiglia vivamente di consultare un medico prima di utilizzare farmaci da banco o aiuti naturali per il sonno.

  • questo articolo è stato utile?
  • Non