In che modo l'odore influisce sul sonno

Quando si pensa al sonno e al suo rapporto con i sensi, poche persone pensano immediatamente all'olfatto. La vista, l'udito e il tatto ricevono in genere più attenzione a causa dei modi ovvi in ​​cui la luce, il rumore e il comfort possono influire sul sonno.

Anche se potrebbe non essere così immediatamente evidente, l'odore può influenzare direttamente il sonno. Anche se gli odori di solito non fanno svegliare una persona, l'olfatto e il sonno hanno una relazione multiforme.



L'aromaterapia con profumi distinti può favorire un sonno migliore, aiutarti a svegliarti al mattino o persino influenzare i sogni e la formazione della memoria durante il sonno. I ritmi circadiani, parte del tuo orologio biologico, aiutano a regolare il tuo sonno e influenzano anche il tuo senso dell'olfatto.

Le connessioni tra l'olfatto e il sonno sono oggetto di continue ricerche, ma conoscere ciò che è stato scoperto finora offre opportunità per rendere l'ambiente della tua camera da letto più favorevole a un sonno di qualità.

Come funziona il senso dell'olfatto?

Il tuo senso dell'olfatto fa parte di un sistema olfattivo complicato . Le cellule speciali del naso, chiamate neuroni olfattivi, ricevono segnali chimici da tutti i tipi di composti nel nostro ambiente. Questi neuroni sono direttamente collegati al cervello, consentendo una rapida identificazione degli odori in base ai quali vengono stimolati i neuroni.



Gli odori possono raggiungere i neuroni attraverso le narici o dalla parte posteriore della gola, il che fa parte del motivo per cui gusto e odore sono strettamente collegati. Le terminazioni nervose in altre parti del corpo possono anche contribuire all'odore attraverso il senso chimico comune, che aiuta a rilevare i composti irritanti.

Alcuni odori possono aiutare con il sonno?

A causa del potere dell'olfatto, alcune fragranze possono contribuire a dormire meglio. Alcuni profumi favoriscono il rilassamento che rende più facile addormentarsi e avere una sensazione di riposo il giorno successivo.

Gli odori non vengono semplicemente rilevati e identificati, possono produrre sia psicologici che risposte fisiologiche . Quando un odore gradevole ti fa sentire rilassato o un cattivo odore ti fa venire la nausea, stai sperimentando i diversi effetti del tuo senso dell'olfatto. I profumi possono diventare parte della memoria emotiva , ricreando determinate risposte agli odori quando li incontrerai di nuovo in futuro.



Non sorprende che alcuni profumi siano comunemente associati a un ambiente da letto più invitante. Nel sondaggio sulle camere da letto del 2012 della National Sleep Foundation, il 78% delle persone ha affermato di esserlo più eccitato per il letto quando le loro lenzuola avevano un profumo fresco e il 71% delle persone ha dichiarato di dormire più a suo agio con lenzuola pulite.

Le lenzuola, però, sono solo una fonte di fragranze della buonanotte e ci sono indicazioni che portare altri profumi in camera da letto con l'aromaterapia può favorire un sonno migliore.

Aromaterapia

Aromaterapia utilizza i profumi delle piante per cercare di migliorare diversi aspetti della salute. Forme di aromaterapia risalgono all'antico Egitto e si basano sull'uso di oli essenziali, che sono liquidi realizzati con materiali estratti da piante come fiori o erbe.

Oli essenziali

Ci sono tre modi principali che gli oli essenziali possono essere usati per l'aromaterapia.

  • Il metodo di inalazione indiretta disperde l'olio attraverso una stanza, mescolandolo con l'aria in modo che ogni respiro comporti basse concentrazioni di profumo. L'olio può essere spalmato con un dispositivo noto come diffusore o applicandolo su un materiale assorbente come un fazzoletto.
  • Il metodo di inalazione diretta comporta la respirazione di aria o vapore con un livello più concentrato di composti dall'olio essenziale. Negli studi di ricerca clinica, questo può essere fatto con speciali dispositivi nasali, ma a casa la maggior parte delle persone mette gocce di olio essenziale sull'acqua calda e inala il vapore.
  • Il metodo di applicazione della pelle mescola un olio essenziale con un olio più neutro, noto come olio vettore, che viene poi strofinato o massaggiato sulla pelle. Ciò consente di percepire l'odore sia dal naso che da recettori olfattivi nella pelle . Sebbene si debba imparare molto di più sulla funzione di questi recettori, essi possono fornire un altro input al sistema sensoriale del corpo.

L'aromaterapia può aiutare con il sonno?

L'evidenza suggerisce che l'aromaterapia può essere in grado di aiutare con il sonno creando un ambiente da letto che è più favorevole all'addormentarsi e al rimanere addormentati.

L'esposizione a odori associati a uno stato d'animo positivo, calma e rilassamento può essere utile prima di andare a dormire e durante la notte. Stress e ansia, forme di ipereccitazione mentale, frequentemente contribuire a problemi di sonno piace insonnia .

Promuovendo il rilassamento, alcuni oli essenziali possono ridurre questa barriera al sonno. Una revisione della ricerca scientifica pubblicata ha rilevato che la maggior parte degli studi riportava benefici del sonno per le persone che usano oli essenziali . In uno studio su persone con disturbo da stress post-traumatico (PTSD), una condizione spesso caratterizzata da incubi e disturbi del sonno significativi, l'esposizione a odori piacevoli durante il sonno è stata associato a una migliore qualità del sonno .

Sebbene una ricerca promettente supporti il ​​potenziale dell'aromaterapia per migliorare il sonno, è necessaria una ricerca più rigorosa prima che possa essere considerato un trattamento standard per l'insonnia o altri disturbi del sonno. Alcune sfide alla ricerca sull'aromaterapia includono:

  • La facilità di rilevare una fragranza rende difficile utilizzare un placebo per condurre studi in cieco e randomizzati che avrebbero un peso scientifico maggiore.
  • Molte prove esistenti di aromaterapia forniscono profumi direttamente al naso durante il sonno tramite un tubo o uno speciale applicatore nasale. Anche se questi studi mostrano benefici, non è noto se altri metodi di aromaterapia, come l'inalazione indiretta, generino gli stessi risultati.
  • Esistono molte formulazioni diverse di oli essenziali e la composizione chimica degli oli essenziali utilizzati negli studi di ricerca può variare da quelle disponibili al pubblico in generale.

Ci sono effetti collaterali nell'aromaterapia?

La maggior parte degli studi riporta pochi o nessun effetto collaterale dell'aromaterapia e gli oli essenziali sono generalmente considerati sicuri se usati come indicato.

Alcune persone possono manifestare reazioni allergiche a determinati oli essenziali, in particolare quelli applicati sulla pelle. A base di agrumi e alcuni altri tipi di oli essenziali possono aumentare la sensibilità della pelle al sole e ai raggi ultravioletti.

È stato scoperto che gli oli essenziali di melaleuca e lavanda contengono sostanze chimiche che possono esserlo perturbatori endocrini , nel senso che influenzano la produzione di ormoni sessuali come androgeni ed estrogeni. Gli studi hanno scoperto che in rari casi questi oli sono collegati alla crescita del seno in età prepuberale nelle ragazze e sviluppo anomalo del seno nei ragazzi . I composti che si ritiene possano causare disturbi endocrini sono stati trovati in almeno 65 altri tipi di oli essenziali . Sono necessari ulteriori studi per definire i potenziali rischi di alterazione endocrina da oli essenziali e come possono essere evitati o ridotti.

Quali sono i migliori profumi per dormire?

Non c'è consenso sui migliori tipi di aromaterapia per il sonno. Ciò che funziona meglio per ogni individuo può dipendere dalla natura dei loro problemi di sonno e dalle loro preferenze di fragranza.

Le sezioni seguenti descrivono gli oli essenziali che hanno mostrato benefici per il sonno in studi di ricerca, tuttavia è importante ricordare che gran parte di questa ricerca è preliminare o condotta in popolazioni di pazienti specifiche che potrebbero non essere generalizzabili al pubblico nel suo insieme.

Chiunque abbia problemi di sonno dovrebbe parlare con un medico e, se non indicato da un professionista della salute, l'aromaterapia non dovrebbe sostituire altri trattamenti per l'insonnia o i disturbi del sonno.

Lavanda

Tra gli oli essenziali, pochi sono stati studiati quanto la lavanda. La lavanda è stata associata a un miglioramento del sonno molteplici studi di ricerca , anche in alcune persone con insonnia. L'odore di lavanda ha effetti calmanti sulla frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e l'umore. In uno studio su persone esposte alla lavanda prima di andare a letto, il sonno profondo è aumentato , portando a sentirsi più riposati al mattino.

Rosa

Le rose hanno una reputazione per la loro fragranza accattivante e gli oli essenziali di rosa hanno mostrato un potenziale come aromaterapia per il sonno. Sebbene non conclusivo, uno studio su pazienti depressi ha dimostrato alcuni indicatori di umore e sonno migliorati quando hanno inalato aria profumata di rosa durante il sonno.

In uno studio condotto in un'unità di cure coronariche dell'ospedale, l'aromaterapia con profumi di un tipo di rosa noto come rosa damascena ( rosa damascena ) mostrato miglioramento significativo della qualità del sonno .

Camomilla romana

In uno studio, l'olio essenziale di camomilla romana applicato ai cuscini miglioramento del tempo di sonno totale per gli anziani in strutture di assistenza gestita. In uno studio separato su pazienti affetti da cancro, i massaggi somministrati con un olio vettore miscelato con olio essenziale di camomilla romana hanno ridotto i livelli di ansia riferiti dai pazienti.

Gelsomino

È stato trovato l'olio essenziale di gelsomino che è stato disperso in una camera da letto durante il sonno migliorare l'efficienza del sonno , il che significa che la maggior parte del tempo che una persona era a letto era effettivamente trascorsa dormendo.

Estratto di cedro

Sebbene non sia stato studiato in modo così estensivo, uno studio che utilizza il profumo dell'estratto di cedro ha aiutato le persone ad addormentarsi più rapidamente quando fanno un pisolino durante il giorno.

Cannabis

Uno studio preliminare con olio essenziale di cannabis ottenuto da piante che non contengono THC, il composto più responsabile dello sballo associato alla cannabis, ha trovato miglioramento del rilassamento tra le persone che hanno inalato questo profumo.

Ylang ylang

L'olio essenziale di ylang-ylang, derivato dall'albero di Cananga, è stato associato alla calma es tempi di reazione ridotti , che può renderlo utile prima del sonno.

Ricevi le ultime informazioni durante il sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email verrà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

Quali sono i migliori profumi per svegliarti?

Come per l'aromaterapia per il sonno, non esiste un profumo garantito che faccia sentire tutti svegli, ma la ricerca ha evidenziato alcune fragranze che potrebbero essere utili.

Caffè

Bere il caffè è uno dei più popolari stimolanti, ma non a tutti piace il sapore o vogliono consumare caffeina. Un'altra opzione potrebbe essere semplicemente annusare il caffè senza berlo uno studio di ricerca ha scoperto che respirare l'odore del caffè migliora la vigilanza, l'attenzione e memoria senza gli effetti fisici della caffeina.

Rosmarino

L'olio essenziale di rosmarino è stato trovato per essere uno stimolante che aiuta ad attivare il cervello e può promuovere la vigilanza e la cognizione generale.

Menta piperita

L'olio essenziale di menta piperita ha un odore distinto e in alcune ricerche ha potenziato il richiamo della memoria e la sensazione di vigilanza.

saggio

Ricerca preliminare con oli essenziali di salvia comune ( Salvia officinalis ) e la salvia spagnola ( Salvia lavandulifolia ) hanno riscontrato che entrambi sono associati a migliorato prestazioni mentali .

Oli miscelati

Alcuni tipi di oli essenziali miscelati possono aiutare con concentrazione e attenzione. In uno studio, un olio miscelato con componenti chimici primari di 1,8-cineolo, 3-carene, β-pinene e β-cariofillene ha migliorato le prestazioni cognitive e messa a fuoco .

In che modo il sonno influisce sul senso dell'olfatto?

Come può dirti chiunque abbia il naso chiuso, la forza del nostro olfatto non è sempre la stessa. Un fattore che influenza il sistema olfattivo è il tuo ritmo circadiano . Questa parte del nostro orologio biologico è nota per come promuove il sonno durante la notte e la veglia durante il giorno, ma influenza anche numerosi altri processi corporei.

I ricercatori l'hanno scoperto cambiamenti di sensibilità all'olfatto durante il giorno secondo i nostri tempi circadiani. In generale, l'olfatto è il più forte la sera (intorno alle 21:00) e il più debole durante la notte e nelle prime ore del mattino. Questa riduzione della sensibilità agli odori durante la notte può spiegare perché gli odori generalmente non inducono le persone a svegliarsi dal sonno.

Gli odori possono influenzare i sogni?

La ricerca ha scoperto che gli stimoli esterni durante il sonno, compresi gli odori, possono influenzare i sogni, ma la natura di questo effetto rimane poco chiara. In uno studio, odori associati positivamente promosso sogni più positivi mentre gli odori sgradevoli aumentavano i sogni negativi. Altre ricerche, tuttavia, hanno trovato il contrario, con l'esposizione a a odore familiare o a profumo preferito provocando più sogni negativi.

Molti fattori possono influenzare i sogni e sono necessarie ulteriori indagini prima che sia chiaro se e come l'aromaterapia può essere utilizzata per influenzare i sogni.

L'odore durante il sonno può migliorare la memoria?

I ricordi si rafforzano durante il sonno, il che fa parte del motivo importante per l'apprendimento . Gli scienziati del sonno hanno esplorato modi per rafforzare questo processo di consolidamento della memoria, inclusa l'esposizione agli odori durante il sonno.

L'obiettivo di questa tecnica di apprendimento è l'uso odori come spunto di memoria . Per ottenere ciò, una persona è esposta a una fragranza specifica mentre è sveglia e apprende nuove informazioni. Quindi, sono esposti alla stessa fragranza durante il sonno. In uno studio su bambini in età scolare, il richiamo della memoria su un test di vocabolario è stato migliorato da questo segnali basati sugli odori . Ulteriori vantaggi possono derivare dall'esposizione allo stesso odore durante i test anche il giorno successivo.

Sebbene questo metodo non elimini il duro lavoro di dover apprendere nuovo materiale, può giovare agli studenti e ad altri che vogliono aumentare le loro possibilità di costruire una memoria utile durante il sonno.

L'olfatto può aiutarti a sentirti più sveglio al mattino?

Mentre molte persone sono incuriosite dall'aromaterapia per aiutarle a dormire, altre vogliono sapere come sfruttare gli odori per sentirsi più vigili al mattino.

Dormire bene è la soluzione migliore per svegliarsi riposati e pronti per partire, e l'aromaterapia non compenserà il sonno insufficiente. Detto questo, alcuni odori possono aumentare la tua attenzione ed energia al mattino o durante il giorno.

  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +35 Fonti
    1. 1. National Institute on Deafness and Other Communication Disorders (NIDCD). (2017, 12 maggio). Disturbi dell'olfatto. Estratto il 6 ottobre 2020 da https://www.nidcd.nih.gov/health/smell-disorders
    2. Due. Sowndhararajan, K. e Kim, S. (2016). Influenza delle fragranze sull'attività psicofisiologica umana: con particolare riferimento alla risposta elettroencefalografica umana. Scientia pharmaceutica, 84 (4), 724–751. https://doi.org/10.3390/scipharm84040724
    3. 3. Malcolm, B. J. e Tallian, K. (2018). Olio essenziale di lavanda nei disturbi d'ansia: pronto per la prima serata ?. The mental health clinic, 7 (4), 147–155. https://doi.org/10.9740/mhc.2017.07.147
    4. Quattro. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa. (2020, gennaio). Aromaterapia. Estratto il 23 ottobre 2020 https://www.nccih.nih.gov/health/aromatherapy
    5. 5. Koyama, S. e Heinbockel, T. (2020). Gli effetti degli oli essenziali e dei terpeni in relazione alle loro vie di assunzione e applicazione. Rivista internazionale di scienze molecolari, 21 (5), 1558. https://doi.org/10.3390/ijms21051558
    6. 6. Comitato editoriale di screening e prevenzione PDQ®. (2019, novembre). Aromaterapia con oli essenziali (PDQ) - Versione paziente. National Cancer Institute. Recuperato da https://www.cancer.gov/about-cancer/treatment/cam/patient/aromatherapy-pdq
    7. 7. Busse, D., Kudella, P., Grüning, NM, Gisselmann, G., Ständer, S., Luger, T., Jacobsen, F., Steinsträßer, L., Paus, R., Gkogkolou, P., Böhm , M., Hatt, H. e Benecke, H. (2014). Un odorante di legno di sandalo sintetico induce processi di guarigione delle ferite nei cheratinociti umani attraverso il recettore olfattivo OR2AT4. The Journal of investigative dermatology, 134 (11), 2823-2832. https://doi.org/10.1038/jid.2014.273
    8. 8. Denda M. (2014). Recettori olfattivi scoperti di recente nei cheratinociti epidermici sono associati alla proliferazione, migrazione e riepitelizzazione dei cheratinociti. The Journal of investigative dermatology, 134 (11), 2677-2679. https://doi.org/10.1038/jid.2014.229
    9. 9. Roth T. (2007). Insonnia: definizione, prevalenza, eziologia e conseguenze. Journal of Clinical Sleep Medicine: JCSM: pubblicazione ufficiale dell'American Academy of Sleep Medicine, 3 (5 Suppl), S7 – S10. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/17824495/
    10. 10. Lillehei, A. S., & Halcon, L. L. (2014). Una revisione sistematica dell'effetto degli oli essenziali inalati sul sonno. Journal of alternative and complementary medicine (New York, N.Y.), 20 (6), 441–451. https://doi.org/10.1089/acm.2013.0311
    11. undici. Schäfer, L., Schellong, J., Hähner, A., Weidner, K., Hüttenbrink, K. B., Trautmann, S., Hummel, T. e Croy, I. (2019). Stimolazione olfattiva notturna per il miglioramento della qualità del sonno nei pazienti con disturbo da stress post-traumatico: uno studio di intervento esplorativo randomizzato. Journal of traumatic stress, 32 (1), 130-140. https://doi.org/10.1002/jts.22359
    12. 12. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa. (2015, ottobre). Disturbi del sonno: in profondità. Estratto il 6 ottobre 2020 da https://www.nccih.nih.gov/health/sleep-disorders-in-depth
    13. 13. Ramsey, J. T., Li, Y., Arao, Y., Naidu, A., Coons, L. A., Diaz, A. e Korach, K. S. (2019). Prodotti a base di lavanda associati a thelarche precoce e ginecomastia prepuberale: casi clinici e attività chimiche che perturbano il sistema endocrino. The Journal of clinic endocrinology and metabolism, 104 (11), 5393-5405. https://doi.org/10.1210/jc.2018-01880
    14. 14. Henley, D.V., Lipson, N., Korach, K. S., e Bloch, C. A. (2007). Ginecomastia prepuberale legata agli oli di lavanda e melaleuca. The New England Journal of Medicine, 356 (5), 479-485. https://doi.org/10.1056/NEJMoa064725
    15. quindici. Weaver, J. (2019, settembre). Olio di lavanda legato alla crescita precoce del seno nelle ragazze. Estratto il 6 ottobre 2020 da https://factor.niehs.nih.gov/2019/9/feature/3-feature-lavender/index.htm
    16. 16. Koulivand, P. H., Khaleghi Ghadiri, M. e Gorji, A. (2013). Lavanda e sistema nervoso. Medicina alternativa e complementare basata sull'evidenza: eCAM, 2013, 681304. https://doi.org/10.1155/2013/681304
    17. 17. Sayorwan, W., Siripornpanich, V., Piriyapunyaporn, T., Hongratanaworakit, T., Kotchabhakdi, N. e Ruangrungsi, N. (2012). Gli effetti dell'inalazione di olio di lavanda sugli stati emotivi, sul sistema nervoso autonomo e sull'attività elettrica cerebrale. Journal of the Medical Association of Thailand = Chotmaihet thangphaet, 95 (4), 598-606. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22612017/
    18. 18. Goel, N., Kim, H. e Lao, R. P. (2005). Uno stimolo olfattivo modifica il sonno notturno nei giovani uomini e donne. Chronobiology international, 22 (5), 889–904. https://doi.org/10.1080/07420520500263276
    19. 19. Vitinius, F., Hellmich, M., Matthies, A., Bornkessel, F., Burghart, H., Albus, C., Huettenbrink, K. B. e Vent, J. (2014). Possibilità di un'applicazione di odori notturni a intervalli, stimolata dall'ispirazione da parte di un nuovo dispositivo: un crossover randomizzato e accecato dal paziente, studio pilota sull'umore e la qualità del sonno di pazienti ricoverate depresse. Archivi europei di oto-rhino-laryngology: Gazzetta ufficiale della Federazione europea delle società Oto-Rhino-Laryngological (EUFOS): affiliato alla German Society for Oto-Rhino-Laryngology - Head and Neck Surgery, 271 (9), 2443– 2454. https://doi.org/10.1007/s00405-013-2873-6
    20. venti. Hajibagheri, A., Babaii, A. e Adib-Hajbaghery, M. (2014). Effetto dell'aromaterapia Rosa damascena sulla qualità del sonno nei pazienti cardiopatici: uno studio controllato randomizzato. Terapie complementari nella pratica clinica, 20 (3), 159–163. https://doi.org/10.1016/j.ctcp.2014.05.001
    21. ventuno. Miller, M. A., Renn, B. N., Chu, F. e Torrence, N. (2019). Insonne in ospedale: una revisione sistematica degli interventi sul sonno non farmacologici. Psichiatria ospedaliera generale, 59, 58-66. https://doi.org/10.1016/j.genhosppsych.2019.05.006
    22. 22. Perl, O., Arzi, A., Sela, L., Secundo, L., Holtzman, Y., Samnon, P., Oksenberg, A., Sobel, N. e Hairston, I. S. (2016). Gli odori aumentano l'attività a onde lente nel sonno con movimenti oculari non rapidi. Journal of neurophysiology, 115 (5), 2294-2302. https://doi.org/10.1152/jn.01001.2015
    23. 2. 3. Gulluni, N., Re, T., Loiacono, I., Lanzo, G., Gori, L., Macchi, C., Epifani, F., Bragazzi, N., & Firenzuoli, F. (2018). Olio essenziale di cannabis: uno studio preliminare per la valutazione degli effetti sul cervello. Medicina complementare e alternativa basata sull'evidenza: eCAM, 2018, 1709182. https://doi.org/10.1155/2018/1709182
    24. 24. Moss, M., Hewitt, S., Moss, L. e Wesnes, K. (2008). Modulazione delle prestazioni cognitive e dell'umore da aromi di menta piperita e ylang-ylang. The International journal of neuroscience, 118 (1), 59-77. https://doi.org/10.1080/00207450601042094
    25. 25. Hawiset T. (2019). Effetto dell'inalazione di fragranze di caffè una tantum sulla memoria di lavoro, sull'umore e sul livello di cortisolo salivare in giovani volontari sani: uno studio randomizzato controllato con placebo. Ricerca di medicina integrativa, 8 (4), 273–278. https://doi.org/10.1016/j.imr.2019.11.007
    26. 26. Sayorwan, W., Ruangrungsi, N., Piriyapunyporn, T., Hongratanaworakit, T., Kotchabhakdi, N. e Siripornpanich, V. (2013). Effetti dell'olio di rosmarino inalato sui sentimenti soggettivi e sulle attività del sistema nervoso. Scientia drugaceutica, 81 (2), 531-542. https://doi.org/10.3797/scipharm.1209-05
    27. 27. Miroddi, M., Navarra, M., Quattropani, M. C., Calapai, F., Gangemi, S. e Calapai, G. (2014). Revisione sistematica di studi clinici che valutano le proprietà farmacologiche delle specie Salvia sulla memoria, il deterioramento cognitivo e la malattia di Alzheimer. Neuroscienze e terapie del SNC, 20 (6), 485–495. https://doi.org/10.1111/cns.12270
    28. 28. Liu, J., Cai, S., Chen, D., Wu, K., Liu, Y., Zhang, R., Chen, M. e Li, X. (2019). Cambiamenti comportamentali e neurali indotti da un olio essenziale miscelato su Human Selective https://www.hindawi.com/journals/bn/2019/5842132/
    29. 29. Herz, R. S., Van Reen, E., Barker, D.H., Hilditch, C. J., Bartz, A. L. e Carskadon, M. A. (2017). L'influenza del tempismo circadiano sulla sensibilità olfattiva. Sensi chimici, 43 (1), 45–51. https://doi.org/10.1093/chemse/bjx067
    30. 30. Schredl, M., Atanasova, D., Hörmann, K., Maurer, J. T., Hummel, T. e Stuck, B. A. (2009). Elaborazione delle informazioni durante il sonno: l'effetto degli stimoli olfattivi sul contenuto del sogno e sulle emozioni del sogno. Journal of sleep research, 18 (3), 285-290. https://doi.org/10.1111/j.1365-2869.2009.00737.x
    31. 31. Okabe, S., Hayashi, M., Abe, T. e Fukuda, K. (2020). La presentazione di un odore familiare induce emozioni negative nei sogni durante il sonno REM (rapid eye movement) in adolescenti sani. Medicina del sonno, 66, 227-232. https://doi.org/10.1016/j.sleep.2019.11.1260
    32. 32. Okabe, S., Fukuda, K., Mochizuki-Kawai, H. e Yamada, K. (2018). L'odore preferito induce emozioni negative nei sogni durante il sonno con movimenti rapidi degli occhi. Medicina del sonno, 47, 72-76. https://doi.org/10.1016/j.sleep.2018.03.026
    33. 33. Divisione di Medicina del Sonno presso la Harvard Medical School. (2007, 18 dicembre). Sonno, apprendimento e memoria. Estratto il 6 ottobre 2020 da http://healthysleep.med.harvard.edu/healthy/matters/benefits-of-sleep/learning-memory
    34. 3. 4. Diekelmann, S., Born, J., & Rasch, B. (2016). Aumentare la conoscenza delle sequenze esplicite tramite l'indicazione degli odori durante il sonno negli uomini ma non nelle donne. Frontiers in behavioral neuroscience, 10, 74. https://doi.org/10.3389/fnbeh.2016.00074
    35. 35. Neumann, F., Oberhauser, V. & Kornmeier, J. (2020) In che modo i segnali di odore aiutano a ottimizzare l'apprendimento durante il sonno in un contesto di vita reale. Rapporti scientifici, 10, 1227. https://doi.org/10.1038/s41598-020-57613-7