Guida assonnata

Guidare un veicolo a motore quando si è assonnati è noto come guida sonnolenta e può colpire chiunque si metta al volante. La sonnolenza alla guida aumenta notevolmente il rischio di incidenti, portando ogni anno a un numero preoccupante di feriti e morti.

dato che problemi di sonno diffusi tra gli adulti negli Stati Uniti, una maggiore consapevolezza della sonnolenza alla guida può svolgere un ruolo importante nella salute pubblica. Conoscere le cause, le conseguenze e la prevenzione della guida assonnata consente ai conducenti di evitare rischi inutili sulla strada.



Quanto è comune la sonnolenza alla guida?

Anche se non esiste una misura esatta della sonnolenza alla guida, la ricerca indica che è inquietantemente comune. La National Sleep Foundation's 2005 Sleep in America Poll trovato quello 60% dei conducenti adulti ha riferito di aver guidato in stato di sonnolenza nell'ultimo anno. I dati del sondaggio del CDC lo hanno indicato uno ogni 25 adulti si era addormentato al volante nell'ultimo mese.

Quali sono i pericoli della guida assonnata?

La guida assonnata è una delle principali cause di collisioni di veicoli a motore. Secondo la National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA), nel 2017 la sonnolenza di guida ha causato almeno 91.000 incidenti, provocando circa 50.000 feriti e 800 morti .

Questi dati probabilmente sottostimano l'impatto della guida sonnolenta perché spesso è impossibile determinare in modo definitivo se la guida sonnolenta ha causato un incidente, soprattutto dopo incidenti mortali.



Alla luce di ciò, altri studi calcolano che la guida sonnolenta provoca fino a 6.000 incidenti mortali ogni anno. I ricercatori stimano che intorno 21% degli incidenti stradali mortali coinvolgere una persona che guida mentre è sonnolenta.

Perché la guida assonnata è pericolosa?

La sonnolenza alla guida aumenta notevolmente il rischio di incidenti stradali. I microsonni sono quando una persona si assopisce per pochi secondi e quando si verificano durante la guida, è facile per l'auto uscire dalla strada o entrare in collisione con un altro veicolo. Il danno da questi incidenti aumenta quando si verificano ad alta velocità.

La guida assonnata è pericolosa anche se una persona non si addormenta realmente. La ricerca lo dimostra privazione del sonno porta a menomazioni mentali che è simile all'ubriachezza con 24 ore di privazione del sonno equivalenti a un contenuto di alcol nel sangue (BAC) dello 0,10%.



Questa menomazione rende una persona meno attenta a ciò che lo circonda e più facilmente distratta. Rallenta il loro tempo di reazione, rendendo più difficile evitare i pericoli sulla carreggiata. Il sonno insufficiente è anche legato a un peggioramento del processo decisionale, che può portare all'assunzione di rischi al volante.

Cosa causa la sonnolenza alla guida?

Diversi fattori possono svolgere un ruolo nella guida sonnolenta:

  • Privazione del sonno: La mancanza di sonno è una delle principali cause di eccessiva sonnolenza diurna , che può indurre microsonni o altri comportamenti di guida pericolosi. Gli adulti dovrebbero ottenere tra le sette e le nove ore di sonno ogni notte, ma un numero significativo di adulti regolarmente non riesce a ottenere la quantità di sonno raccomandata.
  • Disordini del sonno: Molti disturbi del sonno, come l'apnea ostruttiva del sonno, fanno sì che il sonno di una persona sia limitato, interrotto e meno ristoratore. Molti disturbi del sonno non vengono diagnosticati e, se non trattati, possono causare sonnolenza diurna.
  • Alcol: Bere alcol può provocare sonnolenza, influenzando anche i tempi di reazione e il processo decisionale in modi che aumentano i rischi di incidenti automobilistici.
  • Farmaci: Numerosi farmaci causano sonnolenza. I coadiuvanti per il sonno, inclusi farmaci da prescrizione, farmaci da banco e integratori alimentari, che vengono assunti di notte possono causare stordimento persistente la mattina successiva. La sonnolenza è anche un effetto collaterale dei farmaci usati per molte altre condizioni.
  • Ora del giorno: Gli incidenti automobilistici dovuti alla guida sonnolenta si verificano più frequentemente tra mezzanotte e le sei del mattino o a metà pomeriggio, due volte in cui la sonnolenza raggiunge il picco.

La sonnolenza alla guida può colpire chiunque prenda il volante, ma alcune persone corrono un rischio maggiore di incidenti stradali legati alla guida sonnolenta, tra cui:

  • Persone che guidano per vivere come camionisti a lungo raggio o autisti di autobus.
  • Persone che lavorano orari lunghi, turni irregolari o turni notturni .
  • Persone con gravi problemi di sonno, inclusa l'insonnia o altri disturbi del sonno.
  • Adolescenti che hanno meno esperienza di guida e alti tassi di insufficienza del sonno.
Ricevi le ultime informazioni durante il sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email sarà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

Quali sono i segnali che indicano che dovresti smettere di guidare per riposare?

Se noti uno dei seguenti segni di sonnolenza alla guida, dovresti cercare la prima occasione disponibile per fermarti e riposare:

  • Sbadigli frequenti
  • Sensazioni di assopimento
  • Occhi stanchi, occhi cadenti o un aumento delle palpebre
  • Andando alla deriva in altre corsie o colpendo 'strisce rumorose' sulla strada
  • Incapacità di ricordare gli ultimi chilometri
  • Manca un segnale stradale o un'uscita
  • Seguendo altre vetture troppo da vicino
  • Difficoltà a mantenere la velocità corretta

Prendi sul serio questi segni, ti avvertono che sei sonnolento e rischi se continui a guidare. Esci o accosta e riposa finché non ti senti assonnato.

Come evitare la sonnolenza alla guida?

Diversi passaggi possono aiutare a evitare i pericoli della guida sonnolenta. Alcuni suggerimenti sono utili subito prima o durante un viaggio e altri lavorano per costruire abitudini di vita per un sonno sano.

Prima di guidare

  • Pianifica in anticipo per limitare le ore di guida totali: Per quanto possibile, suddividi il tuo viaggio in segmenti più piccoli e non dipendere da giorni di guida estremamente lunghi.
  • Evita di guidare nei momenti più sonnolenti della giornata: L'orologio interno del tuo corpo di solito ti renderà più assonnato tra la mezzanotte e le sei del mattino e nel primo pomeriggio, quindi cerca di ridurre la tua necessità di guidare in questi orari.
  • Tempo di riposo per il budget: Assicurati di costruire in tempo per più soste lungo il percorso in modo da poter ricaricare.
  • Dormi bene la notte: Concentrati sul dormire molto la notte prima del viaggio e idealmente per più notti prima della guida.
  • Evita alcol e altri sedativi: Queste sostanze possono interferire con la qualità del sonno e possono lasciarti sonnolento il giorno successivo.
  • Porta un compagno di viaggio: La maggior parte della sonnolenza si verifica quando le persone viaggiano da sole, quindi, se possibile, fai in modo che qualcuno si unisca a te che possa condividere i compiti di guida e aiutarti a mantenerti vigile.

Mentre guidi

  • Guarda i segnali di pericolo: Se noti una sensazione di sonnolenza o sintomi di sonnolenza alla guida, cerca un'opportunità immediata per fermarti e riposare. Ricorda che è 'meglio prevenire che curare', quindi non cercare di andare avanti se sei stanco.
  • Utilizza la caffeina: La caffeina è uno stimolante che può renderti più vigile per alcune ore, tuttavia non è una panacea. Quando la caffeina svanisce, probabilmente avrai di nuovo sonno e più caffeina potrebbe avere rendimenti decrescenti.
  • Diffidare dei 'trucchi' per rimanere sveglio: Alcune persone provano ad armeggiare con le finestre, l'aria condizionata o la radio per rimanere svegli, ma questo può distogliere la tua attenzione dalla strada. Invece di usare questi trucchi, è meglio fermarsi e lasciare che il tuo corpo si riposi di cui ha bisogno.

Abitudini di sonno sane

A lungo termine, un buon sonno è la migliore protezione contro la sonnolenza alla guida. Concentrandosi su igiene del sonno , che include le tue abitudini e l'impostazione del sonno, può consentire un sonno migliore ogni notte.

Esempi di igiene del sonno includono mantenere un programma di sonno stabile, limitare l'uso di dispositivi elettronici prima di andare a letto e assicurarsi che la camera da letto sia silenziosa, buia e propizia a un riposo ininterrotto.

Oltre a migliorare l'igiene del sonno, dovresti parlare con un medico se hai problemi persistenti o gravi di addormentamento o mantenimento del sonno o se hai regolarmente sonnolenza diurna. Lavorare con il tuo medico può identificare l'approccio ottimale per migliorare il tuo sonno, che può comportare test per determinare se sei affetto da un disturbo del sonno sottostante.

  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +7 Fonti
    1. 1. Centro nazionale per la prevenzione delle malattie croniche e la promozione della salute, Divisione della salute della popolazione. (2017, 2 maggio). CDC - Dati e statistiche - Sonno e disturbi del sonno. Estratto il 12 gennaio 2021 da https://www.cdc.gov/sleep/data_statistics.html
    2. Due. Centro nazionale per la prevenzione delle malattie croniche e la promozione della salute, Divisione della salute della popolazione. (2017, 21 marzo). Guida assonnata. Estratto il 12 gennaio 2021 da https://www.cdc.gov/sleep/about_sleep/drowsy_driving.html
    3. 3. National Highway Traffic Safety Administration. (n.d.). Guida assonnata. Estratto il 12 gennaio 2021 da https://www.nhtsa.gov/risky-driving/drowsy-driving
    4. Quattro. Consiglio di amministrazione dell'American Academy of Sleep Medicine, Watson, NF, Morgenthaler, T., Chervin, R., Carden, K., Kirsch, D., Kristo, D., Malhotra, R., Martin, J., Ramar, K., Rosen, I., Weaver, T., & Wise, M. (2015). Affrontare la guida assonnata: la prospettiva dell'American Academy of Sleep Medicine. Journal of Clinical Sleep Medicine: JCSM: pubblicazione ufficiale dell'American Academy of Sleep Medicine, 11 (11), 1335–1336. https://doi.org/10.5664/jcsm.5200
    5. 5. Poudel, G. R., Innes, C. R., Bones, P. J., Watts, R., & Jones, R. D. (2014). Perdere la lotta per rimanere svegli: attività talamica e corticale divergenti durante i microsonni. Mappatura del cervello umano, 35 (1), 257-269. https://doi.org/10.1002/hbm.22178
    6. 6. Dawson, D. e Reid, K. (1997). Stanchezza, alcol e compromissione delle prestazioni. Natura, 388 (6639), 235. https://doi.org/10.1038/40775
    7. 7. Scott, L. D., Hwang, W. T., Rogers, A. E., Nysse, T., Dean, G. E., & Dinges, D. F. (2007). La relazione tra orari di lavoro dell'infermiere, durata del sonno e guida sonnolenta. Sleep, 30 (12), 1801-1807. https://doi.org/10.1093/sleep/30.12.1801