Diagnosi di sonnolenza eccessiva

Ti senti assonnato regolarmente? Se hai problemi a rimanere sveglio durante il giorno, potresti averlo sonnolenza eccessiva e non sei solo. Una persona su cinque soffre di eccessiva sonnolenza. In effetti, l'eccessiva sonnolenza è uno dei i disturbi del sonno più comuni che le persone hanno Oltretutto insonnia .

Sfortunatamente, molte persone trascorrono la loro vita quotidiana sentendosi eccessivamente assonnate senza parlarne al proprio medico. A volte, le persone spazzano via la sonnolenza, la pigrizia o a mancanza di motivazione , quando può effettivamente essere un sintomo di qualcosa di più serio.



L'eccessiva sonnolenza mette a dura prova il lavoro, la scuola, le relazioni e vita quotidiana . Può causare incidenti stradali e lesioni sul lavoro. Se ti senti come se fossi sempre assonnato, anche dopo aver dormito, è ora di farlo parla con il tuo medico della tua sonnolenza .

Quando parlare con il medico di sonnolenza eccessiva

L'eccessiva sonnolenza dovrebbe essere presa sul serio, in quanto potrebbe essere un segno di una condizione di salute sottostante o di un disturbo del sonno, specialmente se pensi di essere dormire a sufficienza , mangiare bene e fare esercizio regolarmente. Se hai una visita fisica o di benessere imminente, discuti la sonnolenza eccessiva con il tuo medico. In caso contrario, considera di fissare un appuntamento con il tuo medico di base per discutere del motivo per cui ti senti stanco tutto il tempo.

Non aspettare che il tuo medico ti chieda del tuo sonno. I medici raramente chiedono informazioni sui problemi del sonno a meno che non abbiano motivo di credere che ci sia un problema. Un sondaggio della National Sleep Foundation ha rilevato che sette persone su dieci hanno affermato che il loro medico lo aveva fatto mai chiesto loro del loro sonno . Il tuo medico può diagnosticare la tua eccessiva sonnolenza e consigliarti i passaggi successivi, ma spetta a te essere proattivo e portare i tuoi problemi di sonno al tuo medico.



Prepararsi per l'appuntamento del sonno

Lettura correlata

  • Stanchezza diurna
  • NSF
  • NSF
Il tuo medico ti farà diverse domande per capire perché sei sempre così stanco. Puoi venire preparato per il tuo appuntamento pensando in anticipo alle risposte a queste domande e persino scrivendole. Queste domande possono includere:

  • Da quanto tempo ti senti eccessivamente assonnato?
  • Hai difficoltà ad addormentarti oa restare addormentato la notte?
  • Ti senti così assonnato ogni giorno, regolarmente?
  • Ti senti sonnolento mentre lavori o guidi? Ti sei mai addormentato facendo queste attività?
  • Ti svegli durante la notte? In caso affermativo, quante volte e con quale frequenza durante la settimana?
  • Quante ore di sonno dormi in una tipica notte infrasettimanale e nel fine settimana?
  • Qual è l'ora di andare a dormire e l'ora del risveglio?
  • Il tuo partner del sonno ha notato che russi o soffoca rumorosamente durante il sonno?
  • Mostri sintomi di altri disturbi del sonno, come digrignare i denti, sensazioni di gambe senza riposo o movimenti anormali durante il sonno?
  • C'è qualcosa che rende irregolare il tuo programma del sonno, come un neonato, un lavoro a turni, condizioni mediche o stress?
  • Segui una dieta sana? Con che frequenza consumi caffeina, alcol, nicotina o altri farmaci?
  • Qualcuno nella tua famiglia ha un disturbo del sonno?

Per rispondere a queste domande, può essere utile mantenere un file diario del sonno nelle due settimane precedenti l'appuntamento. Annota quando sei andato a letto, quando ti sei svegliato, il tempo totale in cui hai dormito e se ti sei svegliato o meno durante la notte. Puoi anche utilizzare un dispositivo di monitoraggio del sonno, come un dispositivo indossabile per il fitness o un'app mobile, per aiutarti a registrare i dati relativi al sonno.

Durante l'appuntamento, assicurati di informare il tuo medico della tua storia medica personale e familiare e di eventuali farmaci che stai attualmente assumendo.



Ricevi le ultime informazioni durante il sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email sarà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

Passaggi successivi dopo una diagnosi di sonnolenza eccessiva

Una volta che il medico ti ha diagnosticato un'eccessiva sonnolenza, proverà a determinare la causa del problema, ordinerà esami se necessario e fornirà consigli per il trattamento.

Il tuo medico potrebbe determinare la tua sonnolenza scarsa igiene del sonno , come un programma di sonno irregolare o bere troppa caffeina o alcol. Forniranno consigli su come migliorare i tuoi comportamenti durante il sonno.

L'eccessiva sonnolenza è un sintomo comune di apnea notturna non diagnosticata , narcolessia, ipersonnia , sindrome delle gambe senza riposo e disturbi del ritmo circadiano come il disturbo del lavoro a turni. Se il medico sospetta che un disturbo del sonno sia un motivo per cui ti senti stanco tutto il tempo, potrebbe indirizzarti a un centro del sonno. Lì, puoi fare una serie di test.

  • Scala della sonnolenza di Epworth: Probabilmente inizierai compilando il Scala della sonnolenza di Epworth . Questa scala è un semplice questionario diagnostico che ti chiede di valutare la tua probabilità di addormentarti su una scala da 0 a 3 in otto situazioni, ad esempio mentre guardi la TV o sei fermo nel traffico.
  • Polisonnogramma: Se il medico sospetta che tu abbia apnea notturna , potrebbero consigliare un file studio del sonno o polisonnogramma. Durante questo esame, lo farai passare la notte al centro del sonno con i tecnici che monitorano le tue onde cerebrali, l'attività cardiaca e polmonare, i modelli di respirazione, i movimenti del corpo e altri fattori vitali chiave mentre dormi.
  • Test di latenza del sonno multiplo: Se manifesti sintomi di ipersonnia idiopatica o narcolessia, il medico può anche somministrare un test di latenza del sonno multiplo (MSLT) dopo il polisonnogramma. In questo esame, ti verrà chiesto di fare cinque sonnellini di 20 minuti, a intervalli di due ore durante il giorno. Registreranno quanto tempo impieghi ad addormentarti.
  • Test di mantenimento della veglia: Sebbene non venga utilizzato per scopi diagnostici, è possibile ordinare un test di manutenzione della veglia (MWT). Questo esame misura l'opposto del MSLT o quanto tempo puoi rimanere sveglio. Può essere utilizzato per valutare la sicurezza del paziente in attività come la guida.

L'eccessiva sonnolenza può anche essere un effetto collaterale di alcuni farmaci, nel qual caso il medico potrebbe suggerirti di prescriverti un farmaco alternativo. Diverse condizioni di salute possono anche contribuire a un'eccessiva sonnolenza, come anemia, depressione, fibromialgia , malattia renale cronica , malattia del fegato , broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), diabete , ipotiroidismo, insufficienza cardiaca congestizia , carenza di vitamina (B12), morbo di Addison, insufficienza surrenalica o rinite allergica . Se il tuo medico sospetta che una condizione di salute sottostante stia contribuendo alla tua sonnolenza, può ordinare esami del sangue o indirizzarti a un altro specialista.

Se ti senti sempre assonnato, parla con il tuo medico. Potrebbero esserci una serie di cose che contribuiscono alla tua eccessiva sonnolenza e il tuo medico può aiutarti a capirlo.

  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +13 Fonti
    1. 1. McWhirter, D., Bae, C. e Budur, K. (2007). Valutazione, diagnosi e trattamento della sonnolenza eccessiva: considerazioni pratiche per lo psichiatra. Psichiatria, 4 (9), 26-35. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/20532118/
    2. Due. Abad, V. C., e Guilleminault, C. (2003). Diagnosi e trattamento dei disturbi del sonno: una breve rassegna per i medici. Dialogues in Clinical Neuroscience, 5 (4), 371-388. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22033666/
    3. 3. Stores G. (2007). Diagnosi clinica e diagnosi errata dei disturbi del sonno. Journal of Neurology, Neurosurgery, and Psychiatry, 78 (12), 1293-1297. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/18024690/
    4. Quattro. Khawaja, I., Yingling, K., Bukamur, H. e Abusnina, W. (2019). Carenza di vitamina B12: una rara causa di eccessiva sonnolenza diurna. Journal of Clinical Sleep Medicine, 15 (9), 1365-1367. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31538608/
    5. 5. Anderson, K. N., Pilsworth, S., Sharples, L. D., Smith, I.E, e Shneerson, J. M. (2007). Ipersonnia idiopatica: uno studio su 77 casi. Sleep, 30 (10), 1274-1281. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/17969461/
    6. 6. Murray B. J. (2016). Un approccio pratico all'eccessiva sonnolenza diurna: una revisione mirata. Canadian Respiratory Journal, 2016, 4215938. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27445538/
    7. 7. Office on Women’s Health, U.S. Department of Health and Human Services. (2019, 1 aprile). Fibromialgia. Womenshealth.gov. Estratto il 25 gennaio 2021 da https://www.womenshealth.gov/a-z-topics/fibromyalgia
    8. 8. Maung, S. C., El Sara, A., Chapman, C., Cohen, D., & Cukor, D. (2016). Disturbi del sonno e malattie renali croniche. World Journal of Nephrology, 5 (3), 224–232. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27152260/
    9. 9. Enezi, A., Al-Jahdali, F., Ahmed, AE, Shirbini, N., Harbi, A., Salim, B., Ali, YZ, Abdulrahman, A., Khan, M., Khaleid, A., & Hamdan, AJ (2017). Sintomi di sonnolenza diurna e apnea notturna nei pazienti con cirrosi epatica. Annals of Hepatology, 16 (4), 591–598. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28611264/
    10. 10. Enz, C., Brighenti-Zogg, S., Steveling-Klein, E. H., Dürr, S., Maier, S., Miedinger, D., & Leuppi, J. D. (2016). Predittori di aumento della sonnolenza diurna in pazienti con malattia polmonare ostruttiva cronica: uno studio trasversale. Disturbi del sonno, 2016, 1089196. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27822390/
    11. undici. Inkster, B., Riha, R. L., Van Look, L., Williamson, R., McLachlan, S., Frier, B. M., Strachan, M. W., Price, J. F., e Reynolds, R. M. (2013). Associazione tra eccessiva sonnolenza diurna e grave ipoglicemia nelle persone con diabete di tipo 2: lo studio sul diabete di tipo 2 di Edimburgo. Diabetes Care, 36 (12), 4157–4159. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/24089545/
    12. 12. Riegel, B., Ratcliffe, S. J., Sayers, S. L., Potashnik, S., Buck, H. G., Jurkovitz, C., Fontana, S., Weaver, T.E, Weintraub, W. S., & Goldberg, L. R. (2012). Determinanti dell'eccessiva sonnolenza diurna e affaticamento negli adulti con insufficienza cardiaca. Clinical Nursing Research, 21 (3), 271-293. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/21878581/
    13. 13. Kakumanu, S., Glass, C., & Craig, T. (2002). Cattivo sonno e sonnolenza diurna nella rinite allergica: significato della congestione nasale. American Journal of Respiratory Medicine: farmaci, dispositivi e altri interventi, 1 (3), 195-200. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/14720057/