La connessione tra apnea notturna e disturbo da stress post-traumatico

Disturbo post-traumatico da stress (PTSD) è una condizione di salute mentale che può svilupparsi dopo aver sperimentato a evento traumatico , come guerre, aggressioni criminali, abusi, terrorismo, calamità naturali o incidenti automobilistici o aerei. Il Centro nazionale per le stime di PTSD Dal 7 all'8% delle persone sperimentare il disturbo da stress post-traumatico ad un certo punto della loro vita. Le persone con PTSD sperimentano una varietà di sintomi tra cui flashback, problemi di memoria e la tendenza a sentirsi nervosi o ad allarmarsi facilmente.

Problemi di sonno sono un altro sintomo comune di PTSD. Il disordini del sonno i più associati al disturbo da stress post-traumatico sono insonnia e incubi . Tuttavia, la ricerca emergente indica a forte associazione tra PTSD e un altro disturbo del sonno: apnea notturna .



Gli individui con apnea ostruttiva del sonno (OSA) sperimentano interruzioni temporanee della respirazione durante la notte, spesso accompagnate da rumori forti di russamento, soffocamento o rantolo . Quando si verificano questi sintomi, il cervello deve ricominciare a respirare, interrompendo il sonno. Di conseguenza, le persone con OSA si svegliano sentendosi non riposate e soffrono di sonnolenza eccessiva durante il giorno, anche quando hanno dormito tutta la notte.

Lettura correlata

  • NSF
  • NSF
  • Bocca Esercizio Russare
Quanto è comune avere sia OSA che PTSD? OSA colpisce tra Dal 17 al 22% della popolazione generale . Tra gli individui con PTSD, quel numero varia dal 12 al 90%. Le persone che hanno sia OSA che PTSD hanno maggiori probabilità di avere sintomi di PTSD più gravi.

La respirazione disturbata dal sonno può essere un segno di OSA non trattata, che è associata a sintomi peggiori di PTSD, nonché a un aumentato rischio di insufficienza cardiaca, demenza e alcuni tumori. La respirazione disturbata dal sonno è presente nel 95% di individui chi ha evacuato un incendio e il 91% delle vittime che hanno subito crimini consecutivi.



I veterani stanno fino a tre volte più probabile avere PTSD. Gli uomini, che rappresentano una percentuale maggiore della popolazione veterana, hanno anche maggiori probabilità di avere apnea notturna. Secondo uno studio, Il 69% dei veterani del Vietnam con PTSD aveva anche disturbi respiratori del sonno.

Nella popolazione generale, il rischio di apnea notturna aumenta con l'età. Tuttavia, i giovani veterani con PTSD possono avere un rischio fuori misura per la loro fascia di età. Uno studio ha rilevato che il 69% dei giovani Veterani di guerra in Iraq e Afghanistan schermato positivo per OSA.

Gli individui con PTSD che soffrono anche di disturbi del sonno come l'OSA rischiano di sperimentare una depressione più grave, un rischio di suicidio più elevato, un aumento dell'abuso di sostanze e una qualità della vita peggiore. Gli individui che sviluppano l'OSA prima dei 70 anni hanno anche un aumentato rischio di morte precoce.



Il disturbo da stress post-traumatico causa apnea notturna?

Il disturbo da stress post-traumatico causa apnea notturna o è il contrario? È difficile da dire. Gli individui con OSA più grave (misurato dal numero di volte in cui una persona sperimenta un'apnea o smette di respirare per 10 secondi o più, ogni ora) hanno maggiori probabilità di avere un PTSD più grave. Allo stesso tempo, più grave è il loro disturbo da stress post-traumatico, più grave è il loro OSA. In particolare, per ogni aumento clinicamente significativo della gravità dei sintomi di disturbo da stress post-traumatico, il rischio di OSA di un veterano è aumentato del 40%.

Il sonno disturbato causato dall'apnea notturna può contribuire a privazione del sonno che peggiora i sintomi del disturbo da stress post-traumatico, rendendo più difficile il recupero. Anche se un dormiente non si sveglia mentre manifesta sintomi di OSA, le apnee del sonno risvegliano il sistema nervoso simpatico, riducendo la qualità complessiva del sonno. La conseguente privazione del sonno può compromettere l'umore e il processo decisionale, riducendo la probabilità di una persona di utilizzare la terapia CPAP, il trattamento comune per l'apnea notturna.

Paura dell'estinzione e sonno REM

Un buon sonno avvantaggia le persone con PTSD e svolge un ruolo estremamente importante nel ridurre la paura associata ai ricordi traumatici. Gli studi dimostrano che il sonno, soprattutto sonno REM , aiuta a facilitare l'estinzione della paura, un processo in cui il tuo cervello dimentica l'associazione di un trigger neutro con una risposta di paura. Proprio come il tuo cervello impara a consolidare e ricordare gli eventi durante il sonno REM, funziona anche per ridurre la paura associata a determinati ricordi.

Sia la paura dell'estinzione che gli incubi si verificano durante il sonno REM. Quando una persona con PTSD si sveglia da un incubo, disturba il sonno REM e interrompe questo importante processo di estinzione della paura. Se l'individuo ha anche apnea notturna, la sua tendenza a sperimentare disturbi del sonno è ancora più probabile. Infatti, per alcuni individui con OSA, il la maggior parte delle loro apnee si verificano durante REM.

Alcuni ricercatori ritengono che la connessione tra PTSD e apnea notturna derivi dal cervello. Gli individui con PTSD hanno livelli di ormone della crescita (GH) inferiori rispetto a quelli senza PTSD e una ridotta secrezione di GH è associata a più risvegli durante la notte. Lo stress cronico, come quello sperimentato da chi soffre di PTSD, può anche portare a frequenti risvegli.

Ricevi le ultime informazioni durante il sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email sarà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

Trattamento dell'apnea notturna e del disturbo da stress post-traumatico

Perché la difficoltà a dormire è un sintomo di eccitazione comune del PTSD, meglio igiene del sonno fa spesso parte del piano di trattamento del disturbo da stress post-traumatico, insieme alla terapia della parola e ai farmaci. I medici possono raccomandare di seguire un programma di sonno rigoroso, adottando a calmante routine della buonanotte per alleviare lo stress e ridurre l'assunzione di caffeina e alcol.

L'apnea notturna è più comunemente trattata con a perdita di peso programma o intervento chirurgico per la perdita di peso per coloro che sono in sovrappeso e terapia a pressione positiva continua (CPAP) . Nella terapia CPAP, gli individui dormono con una maschera che si collega tramite un tubo a una macchina CPAP sul comodino. La terapia CPAP consente alle vie aeree della persona di rimanere aperte durante il sonno, riducendo gli episodi di apnea durante la notte.

Fortunatamente, le prove suggeriscono che per le persone con apnea notturna e PTSD, una terapia CPAP coerente può non solo alleviare i sintomi dell'apnea notturna, ma anche quelli del PTSD, inclusi ansia, depressione, incubi e qualità della vita . Sfortunatamente, è vero anche il contrario: l'OSA non trattata è associata a esiti peggiori per il disturbo da stress post-traumatico.

Adesione alla terapia CPAP

L'aderenza alla terapia CPAP è meno comune di quanto vorrebbero i medici, semplicemente perché dormire con la maschera può essere scomodo. Gli individui con PTSD lo sono significativamente meno probabile utilizzare la terapia CPAP in modo coerente, spesso a causa di disagio mascherato, incubi e claustrofobia. Gli incubi in particolare sono associati a una maggiore resistenza alla terapia CPAP. Gli individui con PTSD usano la terapia CPAP per un periodo di tempo più breve - solo 3,5 ore in media - e per un minor numero di notti in generale.

Uno studio sui veterani ha scoperto che tra quelli senza PTSD, il 70% ha aderito alla terapia CPAP. Tra i veterani con PTSD, il tasso di adesione è sceso a meno del 50%.

La mancata adesione alla terapia CPAP ha gravi conseguenze. Uno studio su individui con PTSD e OSA ha rilevato che coloro che hanno seguito la loro terapia CPAP hanno sperimentato un miglioramento del 75% dei sintomi di PTSD. Per coloro che non lo hanno fatto, i loro sintomi sono peggiorati del 43%.

Gli studi dimostrano che più spesso una persona usa la terapia CPAP, più migliorano i sintomi del disturbo da stress post-traumatico. La terapia CPAP ha un effetto uniforme effetto positivo più forte tra quelli con PTSD grave, al contrario di sintomi da lievi a moderati.

In particolare, la terapia CPAP può ridurre significativamente la frequenza degli incubi - fino al 50 percento - e il disagio che causano alle persone con PTSD. La terapia CPAP allevia anche i sintomi di sonnolenza diurna del PTSD, migliorando la qualità della vita.

Quando è il momento di vedere il tuo medico sull'apnea notturna

Se soffri di disturbo da stress post-traumatico e temi di avere anche apnea notturna, considera di consultare un medico se:

  • Il tuo partner del sonno si lamenta ad alta voce russare o menziona che la tua pausa respiratoria si ferma durante il sonno.
  • Ti svegli ansimando o soffocando durante la notte.
  • Ti senti ancora stanco dopo un'intera notte di sonno.
  • Hai problemi a restare sveglio a scuola, al lavoro o quando guidi.

Se noti uno di questi segni, parla con il tuo medico del tuo sonno . Con un trattamento coerente, compresa la CPAP e la terapia della parola, i sintomi di PTSD e OSA possono essere significativamente ridotti.

  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +15 Fonti
    1. 1. Istituto Nazionale di Salute Mentale. (2019, maggio). Disturbo post traumatico da stress. Istituto Nazionale di Salute Mentale. Estratto il 25 gennaio 2021 da https://www.nimh.nih.gov/health/topics/post-traumatic-stress-disorder-ptsd/index.shtml
    2. Due. Centro nazionale per PTSD. (2019, 17 ottobre). Quanto è comune il PTSD negli adulti? Dipartimento degli affari dei veterani degli Stati Uniti. Estratto il 25 gennaio 2021 da https://www.ptsd.va.gov/understand/common/common_adults.asp
    3. 3. van Liempt S. (2012). Disturbi del sonno e PTSD: un cerchio perpetuo? European Journal of Psychotraumatology, 3, 10.3402 / ejpt.v3i0.19142. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23050070/
    4. Quattro. Collen, J. F., Lettieri, C. J., & Hoffman, M. (2012). L'impatto del disturbo da stress post-traumatico sull'aderenza alla CPAP nei pazienti con apnea ostruttiva del sonno. Journal of Clinical Sleep Medicine, 8 (6), 667-672. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23243400/
    5. 5. National Heart, Lung, and Blood Institute. (2020a, 28 aprile). Apnea notturna. NHLBI. Estratto il 25 gennaio 2021 da https://www.nhlbi.nih.gov/health-topics/sleep-apnea
    6. 6. Franklin, K. A. e Lindberg, E. (2015). L'apnea ostruttiva del sonno è un disturbo comune nella popolazione, una revisione sull'epidemiologia dell'apnea notturna. Journal of Thoracic Disease, 7 (8), 1311-1322. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26380759/
    7. 7. Jaoude, P., Vermont, L. N., Porhomayon, J. e El-Solh, A. A. (2015). Disturbi respiratori nel sonno in pazienti con disturbo da stress post-traumatico. Annals of the American Thoracic Society, 12 (2), 259-268. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25535907/
    8. 8. Centro nazionale per PTSD. (2018, 24 settembre). Quanto è comune il disturbo da stress post-traumatico nei veterani? Dipartimento degli affari dei veterani degli Stati Uniti. Estratto il 25 gennaio 2021 da https://www.ptsd.va.gov/understand/common/common_veterans.asp
    9. 9. Yesavage, JA, Kinoshita, LM, Kimball, T., Zeitzer, J., Friedman, L., Noda, A., David, R., Hernandez, B., Lee, T., Cheng, J. e OʼHara , R. (2012). Disturbi respiratori nel sonno nei veterani del Vietnam con disturbo da stress post-traumatico. The American Journal of Geriatric Psychiatry, 20 (3), 199-204. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/20808112/
    10. 10. Colvonen, P. J., Masino, T., Drummond, S. P., Myers, U. S., Angkaw, A. C., & Norman, S. B. (2015). Apnea ostruttiva del sonno e disturbo da stress post-traumatico tra i veterani OEF / OIF / OND. Journal of Clinical Sleep Medicine, 11 (5), 513-518. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25665698/
    11. undici. Alzoubaidi, M. e Mokhlesi, B. (2016). Apnea ostruttiva del sonno durante il sonno con movimento rapido degli occhi: rilevanza clinica e implicazioni terapeutiche. Current Opinion in Pulmonary Medicine, 22 (6), 545-554. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27583667/
    12. 12. Lettieri, C. J., & Williams, S. G. (2017). Il paradosso PTSD-OSA: sono comunemente associati e peggiorano i risultati, ma la non aderenza al trattamento è comune e l'effetto terapeutico limitato. Cosa devono fare i medici? Journal of Clinical Sleep Medicine, 13 (1), 5–6. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27998382/
    13. 13. El-Solh, A. A., Ayyar, L., Akinnusi, M., Relia, S. e Akinnusi, O. (2010). Aderenza positiva alla pressione delle vie aeree nei veterani con disturbo da stress post-traumatico. Sleep, 33 (11), 1495-1500. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/21102991/
    14. 14. El-Solh, A. A., Vermont, L., Homish, G. G. e Kufel, T. (2017). L'effetto della pressione positiva continua delle vie aeree sui sintomi del disturbo da stress post-traumatico nei veterani con disturbo da stress post-traumatico e apnea ostruttiva del sonno: uno studio prospettico. Medicina del sonno, 33, 145-150. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28449895/
    15. quindici. Tamanna, S., Parker, J. D., Lyons, J., & Ullah, M. I. (2014). L'effetto della pressione positiva continua dell'aria (CPAP) sugli incubi in pazienti con disturbo da stress post-traumatico (PTSD) e apnea ostruttiva del sonno (OSA). Journal of Clinical Sleep Medicine, 10 (6), 631-636. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/24932142/