Cancro e sonno

Il cancro è un grave onere per la salute pubblica in tutto il mondo. È stimato che circa il 21% degli uomini e il 18% delle donne verrà diagnosticato un cancro ad un certo punto della loro vita. Queste cifre scoraggianti dovrebbero aumentare solo con l'aumento della popolazione e l'invecchiamento.

Il cancro si verifica quando le cellule crescono in modo anomalo e invadono altri tessuti del corpo. Non è invece una singola malattia, diversi tipi di cancro possono avere cause, sintomi e impatti distinti sulla salute.



Con l'aumentare delle conoscenze sul ruolo fondamentale del sonno nella salute generale, molti scienziati del sonno hanno rivolto la loro attenzione al modo in cui il sonno e il cancro sono collegati.

Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche, gli esperti hanno scoperto una relazione multiforme. I problemi di sonno possono essere un fattore di rischio per lo sviluppo di alcuni tipi di cancro. Possono anche influenzare la progressione del cancro e l'efficacia del trattamento.

Inoltre, il cancro può influire sul sonno. I sintomi del cancro o gli effetti collaterali del trattamento possono causare problemi di sonno, riducendo la qualità della vita nelle persone con la malattia. Il cancro può anche portare a cambiamenti fisici e mentali duraturi che ostacolano il sonno, anche nei sopravvissuti al cancro che hanno completato il trattamento da tempo.



Conoscere le complesse relazioni tra cancro e sonno crea opportunità per migliorare la salute. Sebbene sia impossibile eliminare il rischio di cancro, dormire bene può essere un fattore protettivo. Per le persone affette da cancro, dormire meglio può aiutare a sentirsi meglio sia fisicamente che emotivamente, migliorando la loro capacità di far fronte al cancro.

Il sonno può influire sul cancro?

È risaputo che il sonno gioca a ruolo centrale nella salute umana . Dato il suo impatto su quasi tutti i sistemi del corpo , le prove indicano vari modi in cui il sonno può influire sul cancro.

Alcuni dei sistemi che possono essere influenzati dal sonno in modi che influenzano il rischio di cancro includono il cervello, il sistema immunitario, la produzione e la regolazione degli ormoni, il metabolismo e il peso corporeo. Il sonno può influenzare il funzionamento delle cellule, alterando il loro ambiente oi segnali che influenzano il modo in cui crescono.



Sebbene questo sia ancora un campo di ricerca in evoluzione, le sezioni seguenti forniscono una panoramica della scienza attuale sui potenziali impatti del sonno sul rischio di cancro, sulla progressione e sul trattamento.

Chiunque sia preoccupato per il proprio sonno o rischio di cancro dovrebbe parlare con il proprio medico per capire come queste informazioni si applicano nella loro situazione specifica.

Rischio di sonno e cancro

È emerso che diversi componenti del sonno - durata del sonno, qualità del sonno, ritmo circadiano e disturbi del sonno - possono influenzare il rischio di cancro. Detto questo, gli studi su questo argomento non sono sempre coerenti o conclusivi, il che potrebbe riflettere le difficoltà nella raccolta accurata dei dati dormire a lungo termine .

Durata del sonno

Gli studi sull'effetto della durata del sonno sul rischio di cancro hanno spesso in conflitto . Le differenze nei risultati possono riguardare il modo in cui vengono raccolti i dati sul sonno, i tipi di cancro considerati e il modo in cui vengono presi in considerazione altri fattori che possono influenzare il rischio di cancro.

La ricerca ha scoperto che le persone che dormono meno di sei ore a notte hanno un rischio di morte più elevato da qualsiasi causa, e uno studio su larga scala ha scoperto che le persone con sonno breve hanno un aumento del rischio di cancro .

Per specifici tipi di cancro, la breve durata del sonno è stata associata a maggior rischio di polipi del colon che può diventare cancro. Negli anziani, alcune ricerche hanno collegato la riduzione della durata del sonno a maggiore probabilità di cancro allo stomaco e ha trovato potenziali correlazioni con il linfoma non Hodgkin e con i tumori della tiroide, della vescica, della testa e del collo.

Questi studi, tuttavia, sono tutt'altro che definitivi. Molti tipi di cancro, compreso il cancro ai polmoni , non è stato riscontrato che sia influenzato dal sonno breve in altri studi. Alcune ricerche hanno persino trovato meno casi di cancro nelle persone che dormono meno di sette o otto ore a notte.

Negli studi sugli animali, privazione del sonno è stato collegato a maggiore “usura” delle cellule , potenzialmente portando al tipo di danno al DNA che può dare origine al cancro. Sebbene questo non sia stato trovato in modo definitivo negli studi sull'uomo, fornisce un modo teorico per collegare il sonno e il cancro.

Inoltre, un sonno insufficiente può aumentare indirettamente il rischio di cancro. Il sonno è stato insufficiente fortemente legato all'obesità , che è un fattore di rischio consolidato per molti tipi di cancro . La mancanza di sonno è correlata a problemi del sistema immunitario come l'infiammazione persistente, che si crede aumentare il rischio di cancro .

I ricercatori hanno anche esaminato la lunga durata del sonno, solitamente definita come dormire più di nove ore a notte, e hanno trovato potenziali collegamenti al rischio di cancro. Questa quantità di sonno è stata trovata in uno studio a aumentare il rischio di cancro del colon-retto negli anziani , soprattutto quelli che erano in sovrappeso o russavano frequentemente. La lunga durata del sonno è stata associata ad un aumento del rischio di cancro al fegato primario e cancro al seno , in particolare il sottotipo in cui la crescita è guidato dagli estrogeni .

Qualità del sonno

La qualità del sonno è spesso ancora più difficile da misurare con precisione rispetto alla durata del sonno, soprattutto a lungo termine, il che può rendere difficile determinare chiaramente i suoi effetti sul rischio di cancro.

Negli studi sui topi, il sonno frammentato ha innescato tipi di infiammazione che ha promosso la crescita e la progressione del tumore . Nelle persone, uno studio osservazionale su oltre 10.000 adulti di età superiore ai 50 anni ha rilevato a rischio di cancro più elevato in persone che hanno valutato la loro qualità del sonno come intermedia o scarsa.

Un altro studio osservazionale che ha coinvolto oltre 4.000 donne ha trovato un'associazione tra sonno agitato e carcinoma mammario triplo negativo , una forma aggressiva della malattia. In uno studio più piccolo, gli uomini che soffrivano di disturbi del sonno avevano a maggior rischio di sviluppare il cancro alla prostata con il rischio più alto tra quelli con le interruzioni del sonno più pronunciate.

Come per la durata del sonno, sono necessarie ulteriori ricerche per replicare e verificare questi risultati. La ricerca futura potrebbe aiutare a identificare come elementi specifici della qualità del sonno, come il numero o la durata delle interruzioni del sonno, influenzano la probabilità di sviluppare particolari tipi di cancro.Ricevi le ultime informazioni sul sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email sarà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

Ritmo circadiano

Ritmo circadiano è l'orologio interno del corpo che si estende su 24 ore al giorno. È controllato da una parte specifica del cervello chiamata nucleo soprachiasmatico (SCN), che invia segnali in tutto il corpo per ottimizzare l'attività in base all'ora del giorno.

La luce è un fattore chiave del ritmo circadiano, motivo per cui, quando non sono esposte alla luce artificiale, le persone si adattano rapidamente a un programma di veglia durante le ore diurne e addormentato quando è buio . Nella società moderna, tuttavia, la luce artificiale costante, i turni notturni al lavoro e i viaggi rapidi attraverso i fusi orari possono far sì che il ritmo circadiano di un individuo non sia allineato con le ore diurne naturali.

Un numero crescente di prove indica che l'interruzione circadiana può svolgere un ruolo nel sviluppo del cancro . I segnali circadiani sono coinvolti nel modo in cui le cellule crescono e si dividono con implicazioni su come possono verificarsi mutazioni e danni al DNA. Produzione e metabolismo ormonali così come Funzione immunitaria sono soggetti all'influenza circadiana e possono essere disturbati da un ritmo circadiano disallineato.

L'influenza di vasta portata del ritmo circadiano su questi sistemi corporei significa che l'interruzione circadiana implica molteplici potenziali collegamenti allo sviluppo di tumori, tra cui cancro al seno così come cancro del fegato, del colon, del polmone, del pancreas e delle ovaie .

Il lavoro notturno, noto come lavoro a turni, è spesso causa di disallineamento circadiano e si è scoperto che i lavoratori a turni hanno un rischio elevato di cancro . L'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) ha esaminato le prove esistenti e lo ha determinato il lavoro a turni è 'probabilmente cancerogeno' .

Alcuni ricercatori hanno suggerito che potrebbero esserci interazioni tra il ritmo circadiano e l'esposizione a agenti cancerogeni con la possibilità che l'interruzione del tempo circadiano potrebbe aumentare la suscettibilità ad altri fattori di rischio.

Apnea ostruttiva del sonno

L'analisi della relazione tra disturbi del sonno e cancro si è concentrata principalmente sull'apnea ostruttiva del sonno (OSA). L'OSA comporta pause ripetute nella respirazione che creano un sonno frammentato e riducono la quantità di ossigeno nel sangue, una condizione nota come ipossia.

Nella ricerca sugli animali, si è scoperto che le interruzioni persistenti del sonno e l'ipossia da apnea notturna creano le condizioni per crescita tumorale accelerata . Anche negli esseri umani si ritiene che ci siano diversi effetti dell'apnea notturna generare un ambiente favorevole al cancro .

Questi effetti preoccupanti, comprese le alterazioni della funzione immunitaria, l'infiammazione cronica di basso grado e sistemica, lo stress ossidativo e il sonno frammentato, sono amplificati dall'ipossia, che si sospetta possa riprogrammare alcune cellule del sistema immunitario in modi che li rendono meno efficaci nell'attaccare le cellule tumorali. Le aree di ossigeno basso sono trovato in molti tipi di tumori , il che può significare che l'ipossia indotta dall'apnea notturna può contribuire al rischio di cancro.

Nonostante questi meccanismi biologici per un collegamento tra OSA e cancro, gli studi non hanno trovato risultati universalmente coerenti sull'OSA come fattore di rischio.

Diversi ampi studi a lungo termine su persone con OSA sia negli Stati Uniti che in Spagna hanno effettivamente rilevato un aumento del rischio di morte per cancro nelle persone con OSA moderata e grave. Studi più piccoli hanno scoperto associazioni tra OSA e cancro al seno . L'OSA grave è stata collegata a un rischio maggiore di tumori della prostata, dell'utero, del polmone, della tiroide e dei reni, nonché melanoma maligno .

Tuttavia, non tutti i ricercatori hanno identificato gli stessi modelli di rischio di cancro o mortalità nelle persone con OSA e alcuni studi hanno persino riscontrato un minor numero di casi di cancro nelle persone con OSA. Le discrepanze nella ricerca possono riguardare modi distinti di misurare l'OSA, dati limitati su quali pazienti stavano ricevendo un trattamento per l'OSA e il fatto che l'OSA abbia collegamenti con altre condizioni, come problemi cardiaci, obesità e diabete, che possono anche alterare il rischio di cancro .

Progressione del sonno e del cancro

Il sonno può svolgere un ruolo nella progressione del cancro e nella sua crescita nel tempo. Alcuni dei fattori correlati al rischio di cancro, come l'impatto del sonno sugli ormoni, sul metabolismo e sull'infiammazione, possono influenzare l'aggressività del cancro, ma sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire questa potenziale connessione.

Nelle donne con cancro al seno, uno studio ha rilevato che dormire più di nove ore a notte era correlato a un rischio più elevato di morte cancro al seno e tutte le altre cause . Un altro studio ha scoperto che il sonno disallineato con il ritmo circadiano era legato a una ricorrenza più rapida di cancro al seno dopo il trattamento iniziale .

Uno studio sul cancro del sonno e del colon-retto ha mostrato che le persone che avevano una breve durata del sonno prima della diagnosi un aumento del rischio di mortalità per cancro , ma questo, come molti studi, ha stabilito solo una correlazione e non un nesso di causalità.

Si ritiene che anche l'apnea ostruttiva del sonno abbia un ruolo potenziale nella progressione del cancro perché l'ipossia e la frammentazione del sonno possono consentire ai tumori di metastatizzare più facilmente ad altre parti del corpo.

Trattamento del sonno e del cancro

Il sonno di un malato di cancro può influenzare la sua risposta al trattamento del cancro e può creare una comprensione più profonda del ritmo circadiano possibilità di terapie antitumorali più efficaci .

Poiché il processo di crescita e divisione cellulare è influenzato dal ritmo circadiano, le cellule tumorali possono essere più vulnerabili o resistenti ai trattamenti a seconda di quando viene somministrato il trattamento. I farmaci antitumorali spesso prendono di mira proteine, enzimi o recettori specifici sulla superficie delle cellule e la maggior parte di questi sono influenzati dai tempi circadiani .

Sebbene ancora in via di sviluppo, la cronoterapia è una componente del trattamento del cancro che funziona per ottimizzare la radioterapia, la chemioterapia o l'immunoterapia in base al ritmo circadiano di una persona. Alcuni ricercatori sperano che la cronoterapia possa consentire ai trattamenti di uccidere più cellule tumorali riducendo i danni ai tessuti sani.

Possono anche essere sviluppati farmaci completamente nuovi che sfruttano la conoscenza del ritmo circadiano per combattere il cancro. Ad esempio, sono stati identificati farmaci che manipolano i segnali 'on / off' per la crescita cellulare che fanno parte del tempo circadiano e studi di fase iniziale hanno dimostrato risultati positivi per diversi tipi di cancro .

Dormire bene può influire sul modo in cui i malati di cancro si riprendono e rispondono al trattamento. Ad esempio, uno scarso sonno è stato collegato a livelli più elevati di dolore, degenze ospedaliere più lunghe e a maggiore possibilità di complicazioni nelle donne sottoposte a intervento chirurgico per cancro al seno.

La ricerca sull'apnea ostruttiva del sonno e sul cancro indica che la condizione può rendere meno efficaci alcuni trattamenti contro il cancro. Alcuni tipi di chemioterapia e radioterapia hanno l'effetto maggiore quando i livelli di ossigeno nel tessuto tumorale sono elevati, quindi l'ipossia dovuta a interruzioni della respirazione può impedire a questi trattamenti di funzionare in modo ottimale.

Domande frequenti sul rischio di sonno e cancro

Dormire con la luce accesa aumenta il rischio di cancro?

Sebbene non conclusivi, alcune ricerche indicano che l'esposizione alla luce artificiale durante la notte può avere un effetto sul rischio di cancro.

L'oscurità è un importante contributo al ritmo circadiano che induce il corpo a produrre melatonina , un ormone che facilita il sonno. Oltre ai suoi benefici che favoriscono il sonno, la melatonina è stata trovata in studi sugli animali per combattere la crescita del tumore e aiutare la riparazione Danno al DNA nelle cellule . Teoricamente, quindi, dormire con le luci accese può interferire con i normali segnali circadiani e creare più condizioni permissivo dello sviluppo del cancro .

In uno studio osservazionale sulle persone e sulla loro esposizione alla luce artificiale durante la notte, dormire in una camera da letto molto illuminata era associato a un rischio elevato di cancro alla prostata, ma a diminuzione del rischio di cancro al seno . Alla luce di questi risultati incoerenti, sono necessarie molte più ricerche sulla luce durante il sonno per determinare se si tratta o meno di un fattore di rischio significativo per il cancro.

Puoi contrarre il cancro dormendo accanto al tuo telefono?

Non ci sono prove che dormire vicino al telefono aumenti il ​​rischio di cancro. Il tipo di energia proveniente dai telefoni cellulari, chiamata radiazione non ionizzante, invece non causa danni al DNA, lo è l'unico effetto biologico stabilito è il riscaldamento . Gli studi sugli utenti di telefoni cellulari non hanno trovato alcun modello coerente di elevato rischio di tumori cerebrali o qualsiasi altro tipo di cancro.

Anche se non esiste un collegamento chiaro tra telefoni cellulari e cancro, alcuni esperti consigliano di non tenere il telefono vicino alla testa per periodi di tempo prolungati. Per questo motivo, potrebbe essere meglio tenere il telefono su un comodino o in un cassetto.

Inoltre, sebbene non sia noto per causare il cancro, tecnologia in camera da letto può causare interruzioni del sonno, quindi potrebbe aiutarti a dormire se non porti il ​​telefono a letto con te.

Dormire con un reggiseno causa il cancro al seno?

Dormire con un reggiseno non è un fattore di rischio per il cancro. Uno studio non ha trovato alcuna associazione tra qualsiasi aspetto dell'uso di un reggiseno e il rischio di cancro al seno, e c'è poca o nessuna spiegazione biologica plausibile per come dormire con un reggiseno causerebbe le mutazioni del DNA nelle cellule necessarie per l'inizio del cancro.

Come il cancro influisce sulla qualità del sonno

Avere il cancro può creare gravi disturbi del sonno, influenzando la capacità di addormentarsi e rimanere addormentati per tutta la notte.

Si stima che la metà di tutte le persone con il cancro ha problemi di sonno . Alcuni studi hanno rilevato un numero ancora più elevato di disturbi del sonno con quasi il 70% delle donne affette da tumori al seno e ginecologici avere sintomi di insonnia. Il tasso di disturbi del sonno sembra essere ancora più alto nei pazienti con cancro avanzato, raggiungendo fino al 72% .

Ancora peggio, ci sono indicazioni che questi numeri possano essere sottostimati poiché molti malati di cancro non sollevano problemi di sonno con i loro medici.

Ci sono numerose potenziali cause dei problemi di sonno nelle persone con cancro:

  • Dolore o disagio causato da un tumore o dal trattamento
  • Problemi gastrointestinali o urinari causati dal cancro o dal suo trattamento
  • Lotte per dormire durante i ricoveri in ospedale
  • Stress, ansia e depressione che possono derivare dal cancro
  • Infezione e febbre, che possono verificarsi a seguito di una ridotta funzione immunitaria durante la chemioterapia
  • Tosse o difficoltà respiratorie
  • Effetti collaterali dei farmaci, compresi gli antidolorifici, che possono causare sonnolenza ma interferire con la qualità del sonno
  • Programma di sonno interrotto derivante da stanchezza diurna e sonnellini

Più di uno di questi fattori può contribuire ai problemi del sonno, che possono variare da individuo a individuo a seconda del tipo di cancro che ha, del trattamento che sta ricevendo e della sua salute generale, comprese le condizioni coesistenti.

Il cancro o il trattamento del cancro possono anche indurre sintomi di altri disturbi del sonno. In un sondaggio su oltre 1.000 persone affette da cancro, un numero significativo ha riferito di avere gambe senza riposo, che è il bisogno di muovere le gambe quando si è sdraiati. Alcuni tipi di chirurgia della mascella per i tumori della testa e del collo può provocare apnea ostruttiva del sonno che potrebbe dover essere affrontato con la chirurgia plastica.

Migliorare il sonno e affrontare il cancro

Per le persone con cancro che stanno vivendo problemi di sonno, è importante parlare con un medico che possa discutere i loro sintomi, cosa li causa e potenziali soluzioni. A causa dell'effetto del sonno sulla salute fisica, le emozioni e il pensiero, un sonno migliore può creare miglioramenti significativi della qualità della vita per i malati di cancro.

La consulenza e i farmaci possono entrambi giovare al sonno. Negli studi su persone con cancro al seno, è stato riscontrato che il trattamento con la terapia cognitivo comportamentale per l'insonnia (CBT-I), che cerca di riformulare i pensieri negativi sul sonno migliorare il sonno e l'umore mentre rafforzare la funzione immunitaria . Combinare la CBT-I con i farmaci può avere un'efficacia aggiuntiva nel migliorare il sonno e la qualità della vita.

Può anche aiutare i malati di cancro a migliorare il loro igiene del sonno , che include l'impostazione della camera da letto e le abitudini quotidiane del sonno. Esempi di questi miglioramenti includono seguire un programma di sonno coerente, garantire che il letto e la camera da letto siano confortevoli e invitanti e ridurre al minimo l'uso di dispositivi elettronici prima di andare a dormire.

Sopravvivenza al sonno e al cancro

La diagnosi di cancro può portare a una serie di cambiamenti significativi nella vita. Gli effetti fisici ed emotivi di avere il cancro e passare attraverso il trattamento del cancro possono essere di lunga durata, creando diverse sfide per i sopravvissuti al cancro.

In uno studio su sopravvissute al cancro al seno che erano tra sei mesi e cinque anni dopo la diagnosi, Il 78% aveva difficoltà di sonno superiori alla media . I sopravvissuti hanno anche elencato il sonno come una delle questioni più importanti per la loro salute.

Affrontare i problemi del sonno può essere particolarmente importante per sopravvissuti al cancro infantile . Il cancro infantile e il suo trattamento spesso portano a effetti a lungo termine, compresi gli impatti sullo sviluppo sia mentale che fisico. Un sonno di qualità può aiutare a ridurre questi effetti e rafforzare il sistema immunitario per rafforzare il loro benessere generale.

I sopravvissuti al cancro dovrebbero parlarne con il loro medico creare un piano benessere che copre non solo il sonno ma anche altri importanti problemi di salute come dieta, esercizio fisico e cure di follow-up. Questo piano può includere passaggi per un'igiene del sonno efficace per promuovere abitudini di sonno positive.

Badanti del sonno e del cancro

Sebbene possano concentrarsi sul benessere di una persona cara, i caregiver delle persone affette da cancro incontrano spesso le proprie difficoltà del sonno. In uno studio, l'89% dei caregiver di pazienti con cancro al seno segnalato problemi di sonno .

Il sonno frammentato dovuto alle interruzioni notturne per fornire assistenza, livelli elevati di stress e ansia e la mancanza di tempo per soddisfare le proprie esigenze di salute possono tutti svolgere un ruolo nel sonno scarso tra i caregiver. Purtroppo, quella mancanza di sonno può creare rischi per la propria salute, peggiorare la depressione e ostacolano la loro capacità di fornire un'assistenza di qualità in modo efficace.

È importante che i caregiver si prendano del tempo per la cura di sé, compreso il tentativo di sviluppare un programma del sonno il più stabile possibile. Altri membri della famiglia, amici o organizzazioni locali possono fornire servizi per aiutare con determinati aspetti dell'assistenza, consentendo a un caregiver di trovare il tempo da dedicare al proprio benessere fisico ed emotivo.

  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +64 Fonti
    1. 1. American Cancer Society. (2019). Il peso del cancro. Estratto il 19 novembre 2020 da https://canceratlas.cancer.org/the-burden/the-burden-of-cancer/
    2. Due. Istituto nazionale di disturbi neurologici e ictus (NINDS). (2019, 13 agosto). Nozioni di base sul cervello: capire il sonno. Estratto il 19 novembre 2020 da https://www.ninds.nih.gov/Disorders/patient-caregiver-education/understanding-sleep
    3. 3. Erren, T. C., Morfeld, P., Foster, R. G., Reiter, R. J., Groß, J. V., & Westermann, I. K. (2016). Sonno e cancro: sintesi di dati sperimentali e meta-analisi dell'incidenza del cancro tra circa 1.500.000 individui di studio in 13 paesi. Chronobiology international, 33 (4), 325-350 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27003385/
    4. Quattro. Hurley, S., Goldberg, D., Bernstein, L. e Reynolds, P. (2015). Durata del sonno e rischio di cancro nelle donne. Cause e controllo del cancro: CCC, 26 (7), 1037-1045. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25924583
    5. 5. Cappuccio, F. P., D'Elia, L., Strazzullo, P., & Miller, M. A. (2010). Durata del sonno e mortalità per tutte le cause: una revisione sistematica e una meta-analisi di studi prospettici. Sleep, 33 (5), 585–592. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20469800https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20469800
    6. 6. von Ruesten, A., Weikert, C., Fietze, I., & Boeing, H. (2012). Associazione della durata del sonno con malattie croniche nello studio European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition (EPIC) -Potsdam. PloS uno, 7 (1), e30972. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22295122
    7. 7. Thompson, C. L., Larkin, E. K., Patel, S., Berger, N. A., Redline, S., & Li, L. (2011). La breve durata del sonno aumenta il rischio di adenoma colorettale. Cancro, 117 (4), 841-847. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20936662
    8. 8. Gu, F., Xiao, Q., Chu, L. W., Yu, K., Matthews, C. E., Hsing, A. W., e Caporaso, N. E. (2016). Durata del sonno e cancro nella coorte NIH-AARP di studio sulla dieta e sulla salute. PloS uno, 11 (9), e0161561. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27611440
    9. 9. Khawaja, O., Petrone, A. B., Aleem, S., Manzoor, K., Gaziano, J. M. e Djousse, L. (2014). Durata del sonno e rischio di cancro ai polmoni nello studio sulla salute dei medici. Zhongguo fei ai za zhi = rivista cinese di cancro ai polmoni, 17 (9), 649-655. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25248705
    10. 10. Everson, C. A., Henchen, C. J., Szabo, A., & Hogg, N. (2014). Lesione cellulare e riparazione derivante dalla perdita di sonno e dal recupero del sonno nei ratti di laboratorio. Sleep, 37 (12), 1929-1940. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25325492
    11. undici. Wu, Y., Zhai, L. e Zhang, D. (2014). Durata del sonno e obesità tra gli adulti: una meta-analisi di studi prospettici. Medicina del sonno, 15 (12), 1456–1462. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25450058/
    12. 12. Calle, E. E., Rodriguez, C., Walker-Thurmond, K. e Thun, M. J. (2003). Sovrappeso, obesità e mortalità per cancro in una coorte di adulti statunitensi studiata in modo prospettico. The New England Journal of Medicine, 348 (17), 1625–1638. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/12711737/
    13. 13. Coussens, L. M. e Werb, Z. (2002). Infiammazione e cancro. Nature, 420 (6917), 860–867. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/12490959/
    14. 14. Zhang, X., Giovannucci, EL, Wu, K., Gao, X., Hu, F., Ogino, S., Schernhammer, ES, Fuchs, CS, Redline, S., Willett, WC, & Ma, J . (2013). Associazioni di autodichiarazione durata del sonno e russamento con rischio di cancro del colon-retto negli uomini e nelle donne. Sleep, 36 (5), 681–688. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23633750
    15. quindici. Royse, K. E., El-Serag, H. B., Chen, L., White, D.L., Hale, L., Sangi-Haghpeykar, H. e Jiao, L. (2017). Durata del sonno e rischio di cancro al fegato nelle donne in postmenopausa: studio dell'iniziativa sulla salute delle donne. Journal of Women's Health (2002), 26 (12), 1270–1277. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28933583
    16. 16. Richmond, RC, Anderson, EL, Dashti, HS, Jones, SE, Lane, JM, Strand, LB, Brumpton, B., Rutter, MK, Wood, AR, Straif, K., Relton, CL, Munafò, M. , Frayling, TM, Martin, RM, Saxena, R., Weedon, MN, Lawlor, DA, & Smith, GD (2019). Indagare sulle relazioni causali tra i tratti del sonno e il rischio di cancro al seno nelle donne: studio di randomizzazione mendeliano. BMJ (ricerca clinica ed.), 365, l2327. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31243001/
    17. 17. Lu, C., Sun, H., Huang, J., Yin, S., Hou, W., Zhang, J., Wang, Y., Xu, Y. e Xu, H. (2017). Durata del sonno a lungo termine come fattore di rischio per il cancro al seno: prove da una revisione sistematica e meta-analisi dose-risposta. BioMed research international, 2017, 4845059. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29130041/
    18. 18. Hakim, F., Wang, Y., Zhang, SX, Zheng, J., Yolcu, ES, Carreras, A., Khalyfa, A., Shirwan, H., Almendros, I., & Gozal, D. (2014 ). Il sonno frammentato accelera la crescita e la progressione del tumore attraverso il reclutamento di macrofagi associati al tumore e la segnalazione TLR4. Ricerca sul cancro, 74 (5), 1329–1337. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/24448240/
    19. 19. Song, C., Zhang, R., Wang, C., Fu, R., Song, W., Dou, K. e Wang, S. (2020). Qualità del sonno e rischio di cancro-risultati dallo studio longitudinale inglese sull'invecchiamento. Dormi, zsaa192. Pubblicazione online anticipata. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32954418/
    20. venti. Soucise, A., Vaughn, C., Thompson, CL, Millen, AE, Freudenheim, JL, Wactawski-Wende, J., Phipps, AI, Hale, L., Qi, L., & Ochs-Balcom, HM ( 2017). Qualità del sonno, durata e aggressività del cancro al seno. Ricerca e trattamento del cancro al seno, 164 (1), 169-178. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28417334/
    21. ventuno. Sigurdardottir, LG, Valdimarsdottir, UA, Mucci, LA, Fall, K., Rider, JR, Schernhammer, E., Czeisler, CA, Launer, L., Harris, T., Stampfer, MJ, Gudnason, V., & Lockley, SW (2013). Disturbi del sonno tra gli uomini anziani e rischio di cancro alla prostata. Epidemiologia del cancro, biomarcatori e prevenzione: una pubblicazione dell'American Association for Cancer Research, co-sponsorizzata dalla American Society of Preventive Oncology, 22 (5), 872-879. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23652374
    22. 22. Wright, K. P., Jr, McHill, A. W., Birks, B. R., Griffin, B. R., Rusterholz, T. e Chinoy, E. D. (2013). Trascinamento dell'orologio circadiano umano al ciclo naturale luce-buio. Biologia attuale: CB, 23 (16), 1554–1558. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23910656/
    23. 2. 3. Lamia K. A. (2017). Ticchettio bombe a orologeria: connessioni tra orologi circadiani e cancro. F1000Research, 6, 1910. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29152229/
    24. 24. Greene M. W. (2012). Ritmi circadiani e crescita del tumore. Lettere del cancro, 318 (2), 115-123. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22252116/
    25. 25. Besedovsky, L., Lange, T. e Haack, M. (2019). La diafonia immunitaria del sonno in salute e malattia. Revisioni fisiologiche, 99 (3), 1325–1380. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30920354
    26. 26. Samuelsson, L. B., Bovbjerg, D.H., Roecklein, K. A., & Hall, M. H. (2018). Sonno e disturbi circadiani e rischio di cancro al seno incidente: una revisione teorica e basata sull'evidenza. Neuroscienze e revisioni bio-comportamentali, 84, 35-48. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29032088
    27. 27. Shafi, A. A., e Knudsen, K. E. (2019). Cancro e orologio circadiano. Ricerca sul cancro, 79 (15), 3806-3814 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31300477/
    28. 28. Haus, E. L., e Smolensky, M. H. (2013). Lavoro a turni e rischio di cancro: potenziali ruoli meccanicistici di interruzione circadiana, luce notturna e privazione del sonno. Recensioni sulla medicina del sonno, 17 (4), 273-284. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23137527/
    29. 29. Gruppo di lavoro IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo. (2010). Pittura, lotta antincendio e lavoro a turni. Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro. Monografie IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, n. 98. 6, Evaluation and Rationale. Disponibile da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK326826/
    30. 30. Ochieng, J., Nangami, GN, Ogunkua, O., Miousse, IR, Koturbash, I., Odero-Marah, V., McCawley, LJ, Nangia-Makker, P., Ahmed, N., Luqmani, Y. , Chen, Z., Papagerakis, S., Wolf, GT, Dong, C., Zhou, BP, Brown, DG, Colacci, AM, Hamid, RA, Mondello, C., Raju, J.,… Eltom, SE (2015). L'impatto di agenti cancerogeni a basso dosaggio e interferenti ambientali sull'invasione dei tessuti e sulle metastasi. Cancerogenesi, 36 Suppl 1 (Suppl 1), S128 – S159. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26106135
    31. 31. Owens, R. L., Gold, K. A., Gozal, D., Peppard, P. E., Jun, J. C., Dannenberg, A. J., Lippman, S. M., Malhotra, A., & UCSD Sleep and Cancer Symposium Group (2016). Sonno e respirazione ... e cancro ?. Ricerca sulla prevenzione del cancro (Philadelphia, Pa.), 9 (11), 821-827. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27604751
    32. 32. Gildeh, N., Drakatos, P., Higgins, S., Rosenzweig, I., & Kent, B. D. (2016). Comorbilità emergenti dell'apnea ostruttiva del sonno: cognizione, malattie renali e cancro. Journal of thoracic disease, 8 (9), E901-E917. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27747026
    33. 33. Martinez-Garcia, M. A., Campos-Rodriguez, F., Almendros, I., Garcia-Rio, F., Sanchez-de-la-Torre, M., Farre, R., & Gozal, D. (2019). Cancro e apnea notturna: il melanoma cutaneo come caso di studio. Rivista americana di medicina respiratoria e di terapia intensiva, 200 (11), 1345-1353. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31339332/
    34. 3. 4. Harrison, L. e Blackwell, K. (2004). Ipossia e anemia: fattori nella ridotta sensibilità alla radioterapia e alla chemioterapia ?. L'oncologo, 9 Suppl 5, 31–40. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/15591420/
    35. 35. Pataka, A., Bonsignore, MR, Ryan, S., Riha, RL, Pepin, JL, Schiza, S., Basoglu, OK, Sliwinski, P., Ludka, O., Steiropoulos, P., Anttalainen, U. , McNicholas, WT, Hedner, J., Grote, L. e gruppo di studio ESADA (2019). La prevalenza del cancro è aumentata nelle donne con apnea notturna: dati dallo studio ESADA. The European Respiratory Journal, 53 (6), 1900091. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31109987/
    36. 36. Gao, XL, Jia, ZM, Zhao, FF, An, DD, Wang, B., Cheng, EJ, Chen, Y., Gong, JN, Liu, D., Huang, YQ, Yang, JJ e Wang, SJ (2020). Sindrome da apnea ostruttiva del sonno e relazione causale con il cancro al seno femminile: uno studio di randomizzazione mendeliano. Invecchiamento, 12 (5), 4082–4092. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32112550/
    37. 37. Sillah, A., Watson, N. F., Gozal, D. e Phipps, A. I. (2019). Gravità dell'apnea ostruttiva del sonno e conseguente rischio di incidenza del cancro. Relazioni di medicina preventiva, 15, 100886. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31193286
    38. 38. Trudel-Fitzgerald, C., Zhou, E. S., Poole, E. M., Zhang, X., Michels, K. B., Eliassen, A. H., Chen, W.Y., Holmes, M. D., Tworoger, S. S., & Schernhammer, E. S. (2017). Sonno e sopravvivenza tra le donne con cancro al seno: 30 anni di follow-up nell'ambito dello studio sulla salute degli infermieri. Giornale britannico del cancro, 116 (9), 1239-1246. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28359077
    39. 39. Hahm, BJ, Jo, B., Dhabhar, FS, Palesh, O., Aldridge-Gerry, A., Bajestan, SN, Neri, E., Nouriani, B., Spiegel, D. e Zeitzer, JM (2014 ). Disallineamento prima di coricarsi e progressione del cancro al seno. Chronobiology international, 31 (2), 214–221. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/24156520/
    40. 40. Xiao, Q., Arem, H., Pfeiffer, R. e Matthews, C. (2017). Prediagnosi Durata del sonno, sonnellino e mortalità tra i sopravvissuti al cancro del colon-retto in una grande coorte statunitense. Sleep, 40 (4), zsx010. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28329353
    41. 41. Gozal, D., Farré, R. e Nieto, F. J. (2016). Apnea ostruttiva del sonno e cancro: collegamenti epidemiologici e costrutti biologici teorici. Recensioni sulla medicina del sonno, 27, 43-55. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26447849
    42. 42. Chakrabarti, S., Paek, A.L., Reyes, J. et al. (2018). Eterogeneità nascosta e destino cellulare controllato dal circadiano dedotto da linee cellulari singole. Nat Commun 9, 5372. https://www.nature.com/articles/s41467-018-07788-5
    43. 43. Ashok Kumar, P.V., Dakup, P. P., Sarkar, S., Modasia, J. B., Motzner, M. S. e Gaddameedhi, S. (2019). È giunto il momento: progressi nella comprensione della regolazione circadiana del danno e della riparazione del DNA nella carcinogenesi e nei risultati del trattamento del cancro. Il giornale di biologia e medicina di Yale, 92 (2), 305-316. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31249491
    44. 44. National Cancer Institute (NCI). (2018b, 13 febbraio). Mirare all'orologio circadiano per curare il cancro. Estratto il 19 novembre 2020 da https://www.cancer.gov/news-events/cancer-currents-blog/2018/targeting-circadian-clock-cancer
    45. Quattro cinque. Wang, J. P., Lu, S. F., Guo, L. N., Ren, C. G. e Zhang, Z. W. (2019). La scarsa qualità del sonno preoperatorio è un fattore di rischio per il dolore postoperatorio grave dopo un intervento chirurgico per cancro al seno: uno studio prospettico di coorte. Medicina, 98 (44), e17708. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31689803/
    46. 46. Sancar, A., Lindsey-Boltz, LA, Gaddameedhi, S., Selby, CP, Ye, R., Chiou, YY, Kemp, MG, Hu, J., Lee, JH e Ozturk, N. (2015) . Orologio circadiano, cancro e chemioterapia. Biochimica, 54 (2), 110–123. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25302769/
    47. 47. Medic, G., Wille, M. e Hemels, M. E. (2017). Conseguenze sulla salute a breve e lungo termine dei disturbi del sonno. Natura e scienza del sonno, 9, 151–161. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28579842
    48. 48. Garcia-Saenz, A., Sánchez de Miguel, A., Espinosa, A., Valentin, A., Aragonés, N., Llorca, J., Amiano, P., Martín Sánchez, V., Guevara, M., Capelo, R., Tardón, A., Peiró-Perez, R., Jiménez-Moleón, JJ, Roca-Barceló, A., Pérez-Gómez, B., Dierssen-Sotos, T., Fernández-Villa, T. , Moreno-Iribas, C., Moreno, V., García-Pérez, J., ... Kogevinas, M. (2018). Valutazione dell'associazione tra esposizione notturna alla luce artificiale e rischio di cancro al seno e alla prostata in Spagna (studio MCC-Spagna). Prospettive di salute ambientale, 126 (4), 047011. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29687979/
    49. 49. National Cancer Institute (NCI). (2019, 9 gennaio). Telefoni cellulari e rischio di cancro. Estratto il 19 novembre 2020 da https://www.cancer.gov/about-cancer/causes-prevention/risk/radiation/cell-phones-fact-sheet
    50. cinquanta. Chen, L., Malone, K. E., & Li, C. I. (2014). Indossare reggiseno non associato al rischio di cancro al seno: uno studio caso-controllo basato sulla popolazione. Epidemiologia del cancro, biomarcatori e prevenzione: una pubblicazione dell'American Association for Cancer Research, co-sponsorizzata dalla American Society of Preventive Oncology, 23 (10), 2181–2185. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25192706
    51. 51. National Cancer Institute (NCI). (2020, 23 gennaio). Insonnia e trattamento del cancro - Effetti collaterali. Estratto il 19 novembre 2020 da https://www.cancer.gov/about-cancer/treatment/side-effects/sleep-disorders
    52. 52. Savard, J., Ivers, H., Villa, J., Caplette-Gingras, A., & Morin, C. M. (2011). Corso naturale di insonnia in comorbidità con cancro: uno studio longitudinale di 18 mesi. Journal of Clinical Oncology: Gazzetta ufficiale dell'American Society of Clinical Oncology, 29 (26), 3580–3586. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/21825267/
    53. 53. Fiorentino, L., & Ancoli-Israel, S. (2007). Disfunzione del sonno in pazienti con cancro. Opzioni di trattamento attuali in neurologia, 9 (5), 337-346. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17716597
    54. 54. Comitato editoriale di screening e prevenzione PDQ®. (2019, 12 novembre). Disturbi del sonno (PDQ®) - Versione paziente. National Cancer Institute. Recuperato da https://www.cancer.gov/about-cancer/treatment/side-effects/sleep-disorders-pdq
    55. 55. Comitato editoriale di screening e prevenzione PDQ®. (2020, 5 agosto). Disturbi del sonno (PDQ®) - Versione per professionisti della salute. National Cancer Institute. Recuperato da https://www.cancer.gov/about-cancer/treatment/side-effects/sleep-disorders-hp-pdq
    56. 56. Savard, J., Simard, S., Ivers, H. e Morin, C. M. (2005). Studio randomizzato sull'efficacia della terapia cognitivo-comportamentale per l'insonnia secondaria al cancro al seno, parte I: sonno ed effetti psicologici. Giornale di oncologia clinica: giornale ufficiale dell'American Society of Clinical Oncology, 23 (25), 6083-6096. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/16135475/
    57. 57. Savard, J., Simard, S., Ivers, H. e Morin, C. M. (2005). Studio randomizzato sull'efficacia della terapia cognitivo-comportamentale per l'insonnia secondaria a cancro al seno, parte II: effetti immunologici. Journal of Clinical Oncology: Gazzetta ufficiale dell'American Society of Clinical Oncology, 23 (25), 6097–6106. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/16135476/
    58. 58. Theobald D. E. (2004). Dolore da cancro, affaticamento, angoscia e insonnia nei malati di cancro. Pietra angolare clinica, 6 Suppl 1D, S15 – S21. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/15675653/
    59. 59. Schreier, A. M., Johnson, L. A., Vohra, N. A., Muzaffar, M. e Kyle, B. (2019). Sintomi post-trattamento di dolore, ansia, disturbi del sonno e affaticamento nei sopravvissuti al cancro al seno. Infermieristica per la gestione del dolore: Gazzetta ufficiale della American Society of Pain Management Nurses, 20 (2), 146–151 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30527856/
    60. 60. Rogers, L. Q., Courneya, K. S., Oster, R. A., Anton, P. M., Robbs, R. S., Forero, A. e McAuley, E. (2017). Attività fisica e qualità del sonno nei sopravvissuti al cancro al seno: uno studio randomizzato. Medicina e scienza nello sport e nell'esercizio fisico, 49 (10), 2009–2015. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28538261/
    61. 61. Mogavero, M. P., Bruni, O., DelRosso, L. M., & Ferri, R. (2020). Conseguenze dello sviluppo neurologico del cancro pediatrico e del suo trattamento: il ruolo del sonno. Scienze del cervello, 10 (7), 411 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32630162/
    62. 62. National Cancer Institute (NCI). (2020, 4 novembre). Assistenza medica di follow-up. Estratto il 19 novembre 2020 da https://www.cancer.gov/about-cancer/coping/survivorship/follow-up-care
    63. 63. Chang, E. W., Tsai, Y. Y., Chang, T. W., e Tsao, C. J. (2007). Qualità del sonno e qualità della vita nei caregiver di pazienti con cancro al seno. Psico-oncologia, 16 (10), 950–955. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/17315285/
    64. 64. Geng, H. M., Chuang, D.M., Yang, F., Yang, Y., Liu, W. M., Liu, L. H. e Tian, ​​H. M. (2018). Prevalenza e determinanti della depressione nei caregiver di pazienti oncologici: una revisione sistematica e una meta-analisi. Medicina, 97 (39), e11863. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30278483/