La migliore temperatura per dormire

La temperatura della tua camera da letto può fare una differenza significativa per la qualità del sonno. UN Sondaggio della National Sleep Foundation ha scoperto che la temperatura ambiente fresca era uno dei fattori più importanti per ottenere una buona notte di sonno, con ben quattro intervistati su cinque che affermavano che questo era importante per loro.

La migliore temperatura della camera da letto per dormire è di circa 65 gradi Fahrenheit (18,3 gradi Celsius). Questo può variare di alcuni gradi da persona a persona, ma la maggior parte dei medici consiglia di mantenere il termostato impostato tra 60 e 67 gradi Fahrenheit (da 15,6 a 19,4 gradi Celsius) per un sonno più confortevole.



I nostri corpi sono programmati per sperimentare un leggero calo della temperatura interna la sera. Abbassare il termostato di notte può aiutare con la regolazione della temperatura e segnalare al tuo corpo che è ora di andare a letto.

La migliore temperatura del sonno per i neonati

I neonati possono trarre vantaggio da una camera da letto più calda di uno o due gradi, fino a 69 gradi Fahrenheit (20,5 gradi Celsius). Poiché i loro corpi sono più piccoli e ancora in via di sviluppo, sono più sensibili ai cambiamenti della temperatura ambiente.

Una camera da letto troppo calda può aumentare il rischio di sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS). Si consiglia di utilizzare indumenti da notte approvati, garantire una temperatura favorevole impostando il termostato ed evitare coperte pesanti o strati multipli. I genitori possono monitorare la temperatura del loro bambino durante la notte toccando la pancia o la parte posteriore del collo.



La ricerca suggerisce che i bambini raggiungono la maturazione della temperatura entro undici settimane di età , in media. A questo punto iniziano a raggiungere una temperatura corporea minima di 97,5 gradi Fahrenheit (36,4 gradi Celsius) entro quattro ore prima di coricarsi, simile agli adulti.

In che modo la temperatura influisce sul sonno?

Il nostro ciclo del sonno è regolato dal nostro ritmo circadiano . Il ritmo circadiano è basato sul ciclo di luce e buio del sole e controllato da una parte del cervello chiamata nucleo soprachiasmatico, situata nell'ipotalamo. Questo master 'orologio biologico' prende spunto da una serie di fattori ambientali e personali, che vanno dalla quantità di esposizione alla luce (la più significativa), all'esercizio fisico e alla temperatura.

Nostro temperatura corporea interna si aggira intorno ai 98,6 gradi Fahrenheit (37 gradi Celsius), ma oscilla di circa 2 gradi Fahrenheit per tutta la notte. L'abbassamento della temperatura inizia circa due ore prima di andare a dormire, in coincidenza con il rilascio del melatonina, l'ormone del sonno . Durante il sonno, la temperatura corporea continua a scendere, raggiungendo un punto più basso al mattino presto e poi gradualmente riscaldandosi con l'avanzare della mattina.



Il modo principale in cui il corpo si raffredda per dormire è allontanando il calore dal nucleo. In un processo chiamato vasodilatazione, l'orologio circadiano invia un segnale per aumentare il flusso sanguigno alle estremità. Questo è il motivo per cui alcune persone potrebbero avvertire mani e piedi caldi, che possono essere scambiati per la temperatura corporea complessiva, di notte. In effetti, le persone che hanno piedi cronicamente freddi può essere a maggior rischio di insonnia da sonno, probabilmente a causa di un'interruzione di questo processo.

Ricevi le ultime informazioni durante il sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email sarà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

Cosa succede quando la tua camera da letto è troppo calda?

Le temperature più calde possono causare disagio e irrequietezza, e chiunque abbia dormito in una camera da letto soffocante può attestare che è difficile addormentarsi quando sei sudato e disidratato. Una camera da letto troppo calda può interferire con le capacità e le cause di termoregolazione del tuo corpo fatica . Spesso una persona affaticata si sentirà fisicamente e mentalmente stanca, ma incapace di addormentarsi.

La temperatura corporea influisce non solo sull'inizio del sonno, ma anche sulla qualità del sonno e sul tempo trascorso in modi diversi fasi del sonno . Una temperatura corporea più alta è stata associata a una diminuzione del restitutivo sonno a onde lente e la qualità del sonno soggettiva. Allo stesso modo, una maggiore differenza di temperatura tra il nucleo e le estremità - che indica che il corpo non sta inviando calore in modo efficiente lontano dal nucleo - è stata associata a diminuzione dell'efficienza del sonno e una maggiore probabilità di svegliarsi dopo essersi addormentati.

Durante il sonno REM, il corpo interrompe la maggior parte della regolazione della temperatura comportamenti come sudorazione o brividi, che ti rendono più sensibile ai cambiamenti di temperatura ambiente. Di conseguenza, anche le temperature ambiente eccessivamente calde sembrano ridurre il tempo impiegato nel sonno REM .

Oltre a causare stordimento il giorno successivo, una diminuzione della REM e del sonno a onde lente può avere un impatto negativo sul recupero corporeo e sul sistema immunitario, nonché sull'apprendimento, la memoria e altri processi.

Sebbene una temperatura della camera da letto fredda non sia considerata dannosa quanto una temperatura della camera da letto eccessivamente calda, ciò può anche causare disagio e può avere conseguenze per Sonno REM e pressione sanguigna .

Suggerimenti per mantenere fresca la camera da letto

I seguenti suggerimenti possono aiutarti a ottimizzare la temperatura della tua camera da letto per dormire:

  • Chiudi le persiane per ridurre l'accumulo di calore durante il giorno
  • Spostati al piano di sotto durante l'estate
  • Abbassa il termostato di notte
  • Usa un ventilatore o l'aria condizionata nei climi caldi o una borsa dell'acqua calda nelle notti fredde
  • Apri le finestre per favorire la ventilazione
  • Controlla l'umidità della camera da letto
  • Riduci la sudorazione con a materasso traspirante , lenzuola , piumone, consolatore , cuscino e pigiama sciolto
  • Fai un bagno caldo un'ora o due prima di coricarsi per favorire un naturale effetto defaticante

Oltre a ottimizzare la temperatura dell'ambiente in cui dormi, puoi aiutare il tuo corpo a prepararsi al sonno essendo gentile con il tuo termostato interno. Poiché il ritmo circadiano è sensibile alle fluttuazioni della luce, della dieta e dell'esercizio, la tempistica di queste attività può influire sulla temperatura corporea e potenzialmente sulla sonnolenza.

Abitudini di igiene del sonno come andare a letto alla stessa ora ogni sera, evitare caffeina e alcol prima di coricarsi e mantenere una camera da letto buia e tranquilla ti aiuterà a impostare il tuo orologio biologico e la temperatura del sonno secondo un programma coerente. Per ulteriori consigli su come trovare una temperatura giusta, leggi il nostro articolo su come dormire fresco in una notte calda .

  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +12 Fonti
    1. 1. Joseph, D., Chong, N. W., Shanks, M. E., Rosato, E., Taub, N. A., Petersen, S. A., Symonds, M. E., Whitehouse, W. P., & Wailoo, M. (2015). Ottenere ritmo: come lo fanno i bambini? Archivi di malattie nell'infanzia. Edizione fetale e neonatale, 100 (1), F50 – F54. https://doi.org/10.1136/archdischild-2014-306104
    2. Due. Del Bene VE. Temperatura. In: Walker HK, Hall WD, Hurst JW, editori. Metodi clinici: la storia, gli esami fisici e di laboratorio. 3a edizione. Boston: Butterworths 1990. Capitolo 218. Estratto il 5 ottobre 2020 da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK331/
    3. 3. Harding, E. C., Franks, N. P. e Wisden, W. (2020). Sonno e termoregolazione. Opinione corrente in fisiologia, 15, 7-13. https://doi.org/10.1016/j.cophys.2019.11.008
    4. Quattro. Lok, R., van Koningsveld, M. J., Gordijn, M., Beersma, D., & Hut, R. A. (2019). La melatonina e la luce diurna influenzano in modo indipendente la vigilanza umana e la temperatura corporea. Journal of pineale research, 67 (1), e12583. https://doi.org/10.1111/jpi.12583
    5. 5. Kräuchi K. (2007). La cascata termofisiologica che porta all'inizio del sonno in relazione alla fase di trascinamento. Recensioni sulla medicina del sonno, 11 (6), 439–451. https://doi.org/10.1016/j.smrv.2007.07.001
    6. 6. Fujii, H., Fukuda, S., Narumi, D., Ihara, T. e Watanabe, Y. (2015). Stanchezza e sonno con grandi differenze di temperatura estiva. Ricerca ambientale, 138, 17-21. https://doi.org/10.1016/j.envres.2015.02.006
    7. 7. Kräuchi, K., Fattori, E., Giordano, A., Falbo, M., Iadarola, A., Aglì, F., Tribolo, A., Mutani, R., & Cicolin, A. (2018). Dormire su un materasso ad alta capacità termica aumenta la perdita di calore corporeo conduttivo e il sonno a onde lente. Fisiologia e comportamento, 185, 23-30. https://doi.org/10.1016/j.physbeh.2017.12.014
    8. 8. McHill, A. W., Smith, B. J. e Wright, K. P., Jr (2014). Effetti della caffeina sulla pelle e sulla temperatura interna, vigilanza e sonno di recupero durante il disallineamento circadiano. Giornale dei ritmi biologici, 29 (2), 131-143. https://doi.org/10.1177/0748730414523078
    9. 9. Komagata, N., Latifi, B., Rusterholz, T., Bassetti, C., Adamantidis, A., & Schmidt, M. H. (2019). Modulazione dinamica del sonno REM in base alla temperatura ambiente e al ruolo critico del sistema ormonale di concentrazione della melanina. Biologia attuale: CB, 29 (12), 1976-1987.e4. https://doi.org/10.1016/j.cub.2019.05.009
    10. 10. Okamoto-Mizuno, K. e Mizuno, K. (2012). Effetti dell'ambiente termico sul sonno e sul ritmo circadiano. Giornale di antropologia fisiologica, 31 (1), 14. https://doi.org/10.1186/1880-6805-31-14
    11. undici. Kuo, T. B., Hong, C. H., Hsieh, I. T., Lee, G. S., & Yang, C. C. (2014). Effetti dell'esposizione al freddo sui cambiamenti del sistema nervoso autonomo durante l'ultimo rapido movimento oculare nella transizione del sonno e l'aumento della pressione sanguigna mattutina negli esseri umani. Medicina del sonno, 15 (8), 986–997. https://doi.org/10.1016/j.sleep.2014.03.022
    12. 12. Haghayegh, S., Khoshnevis, S., Smolensky, M. H., Diller, K. R. e Castriotta, R. J. (2019). Riscaldamento passivo del corpo prima di coricarsi mediante doccia calda o bagno per migliorare il sonno: una revisione sistematica e una meta-analisi. Recensioni sulla medicina del sonno, 46, 124–135. https://doi.org/10.1016/j.smrv.2019.04.008