Gli aiuti naturali per il sonno sono sicuri?

In giro un terzo degli adulti americani dormono meno di sette ore per notte e molti di loro usano farmaci e ausili per dormire per cercare di ottenere il sonno di cui hanno bisogno.

Negli ultimi anni, sempre più persone hanno rivolto la loro attenzione agli aiuti naturali per il sonno con estensione stimato il 20% degli adulti aver provato un rimedio naturale per il sonno nell'ultimo anno.



Venduti da banco o online, i sonniferi naturali non subiscono lo stesso processo di test e revisione dei medicinali soggetti a prescrizione, portando molte persone a chiedersi se i sonniferi naturali siano sicuri e quali potrebbero valere la pena prendere.

In generale, manca una ricerca di alta qualità sull'efficacia e la sicurezza della maggior parte degli aiuti naturali per il sonno. Di conseguenza, e sfortunatamente per le persone con problemi di sonno, molte domande sui rimedi naturali per il sonno rimangono irrisolte.

Ottenere i dettagli sui tipi di aiuti naturali per il sonno, i loro potenziali benefici e svantaggi e il modo in cui sono regolamentati può aiutarti a prendere decisioni informate sull'utilizzo e l'acquisto di questi prodotti.



Cosa sono gli aiuti naturali per il sonno?

Non esiste una definizione formale di aiuti naturali per il sonno. Senza linee guida o consenso per l'etichettatura di aiuti naturali per il sonno, il termine può essere meglio compreso scomponendo le sue due parti:

  • Naturale: Non ci sono regole o regolamenti che regolano l'uso del termine naturale per questi prodotti. In alcuni casi, naturale si riferisce a una sostanza derivata dalle piante. In altri casi, è usato per descrivere sostanze che vengono create sinteticamente in un laboratorio ma che si trovano nell'organismo (come melatonina ), negli alimenti (come il triptofano) o nelle piante.
  • Aiuto per dormire: Questi prodotti hanno lo scopo di alleviare i problemi di sonno che possono variare da insonnia all'ansia per il sonno a disritmia e altri problemi influenzano l'orologio interno di una persona, noto come loro ritmo circadiano . Con la maggior parte degli aiuti naturali per il sonno, tuttavia, non ci sono ricerche sufficienti per sapere se o come influenzano il sonno nella maggior parte delle persone.

Gli aiuti naturali per dormire sono regolamentati dal governo?

Lettura correlata

  • uomo che cammina nel parco con il suo cane
  • medico che parla al paziente
  • donna che sembra stanca
Gli aiuti naturali per dormire non sono strettamente regolamentati dal governo degli Stati Uniti e generalmente non sono necessari Approvazione della FDA prima di essere venduto.

La maggior parte degli aiuti naturali per dormire sono venduti come integratori alimentari. Gli integratori alimentari non sono controllati allo stesso modo dei farmaci da prescrizione e da banco (OTC).



I produttori di integratori alimentari non devono presentare la stessa documentazione dettagliata sulla sicurezza e l'efficacia richiesta per i farmaci. Le affermazioni sui benefici per la salute sono accompagnate da una dichiarazione di non responsabilità che tali dichiarazioni non sono state riviste dalla FDA. I produttori di integratori che violano questi termini possono essere accusati di pubblicità ingannevole.

Una supervisione ridotta semplifica l'immissione sul mercato degli integratori alimentari, il che fa parte del motivo per cui puoi trovare così tanti marchi e prodotti. La mancanza di regolamentazione aiuta anche a spiegare perché non esiste una definizione standard di 'aiuti naturali per il sonno' e perché trovare informazioni dettagliate su questi prodotti a volte può essere difficile.

Ci sono effetti collaterali dagli aiuti naturali per il sonno?

Ci possono essere effetti collaterali, inclusi gravi effetti collaterali, da aiuti naturali per il sonno. Solo perché questi prodotti sono etichettati come naturali non significa che non possano essere dannosi.

Per molti rimedi naturali per dormire, una mancanza di ricerca significa che anche gli esperti non comprendono appieno i possibili rischi o il dosaggio migliore o più sicuro.

Come con tutti i farmaci o integratori alimentari, gli effetti collaterali variano in base al composto specifico. Tuttavia, alcuni tipi di effetti negativi che possono verificarsi con gli aiuti naturali per il sonno includono:

  • Reazione allergica: Proprio come alcune persone sono allergiche al polline o ad alcuni cibi, possono essere allergiche a sostanze incluse negli aiuti naturali per dormire.
  • Reazioni avverse: Alcuni aiuti naturali per dormire possono indurre problemi come problemi gastrointestinali e mal di testa. Per alcune sostanze, ci sono preoccupazioni per reazioni avverse più gravi che colpiscono il fegato.
  • Sonnolenza eccessiva: I composti naturali che inducono sonnolenza, specialmente se usati a dosi elevate, possono avere un effetto duraturo che continua fino al mattino successivo, facendoli sentire intontiti, affaticati o incapaci di concentrarsi.
  • Interazioni farmacologiche: I prodotti naturali possono cambiare il modo in cui il corpo metabolizza o elabora altri farmaci, rendendoli più o meno potenti. Questi potenzialmente pericolosi interazioni farmacologiche può essere legato sia a farmaci da prescrizione che da banco.
  • Dosaggio improprio: La ricerca limitata sugli aiuti naturali per il sonno ostacola la capacità di identificare il giusto dosaggio e il momento giusto per prenderli. Anche con sostanze naturali, una dose troppo alta può indurre effetti collaterali indesiderati.

L'errata etichettatura è un altro problema che può esserci legato all'inefficacia di aiuti naturali per il sonno e ad un maggior rischio di effetti collaterali:

  • Elenco delle dosi impreciso: In uno studio, un laboratorio ha analizzato 31 integratori di melatonina venduti nei negozi e ha scoperto che il 71% di essi non era pari 10% del dosaggio elencato sulla bottiglia. Se il dosaggio elencato supera la dose effettiva, una persona potrebbe non prenderne abbastanza per essere efficace. Se il dosaggio elencato supera la dose effettiva, c'è un rischio maggiore di sovradosaggio.
  • Integratori contaminati: Lo ha riferito la FDA aumento dei casi di sonniferi contaminati che includono livelli rilevabili di sostanze che non sono elencate sull'etichetta. In alcuni casi, vengono aggiunti integratori farmaci da prescrizione come anticoagulanti e anticonvulsivanti, che possono comportare rischi significativi per la salute delle persone che li ingeriscono senza saperlo.

Poiché gli ausili naturali per dormire non devono essere pre-approvati dalla FDA, i prodotti etichettati in modo errato o contaminati possono essere utilizzati e venduti per un periodo di tempo prolungato prima che i problemi vengano identificati.

Ricevi le ultime informazioni durante il sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email sarà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

Gli aiuti naturali per dormire sono sicuri per gli adulti?

Gli aiuti naturali per dormire non sono universalmente sicuri o pericolosi per gli adulti. Molti rimedi naturali per dormire, se assunti nel dosaggio corretto da adulti sani, hanno pochi effetti collaterali. Ma questo non significa che gli aiuti naturali per il sonno siano sicuri.

La soluzione migliore per gli adulti è parlare con il proprio medico o farmacista prima di assumere un naturale aiuto per dormire. Gli adulti dovrebbero anche interrompere l'assunzione di aiuti naturali per il sonno se notano cambiamenti anormali della salute o effetti collaterali.

Gli aiuti naturali per dormire sono sicuri per i bambini?

Alcuni ausili naturali per dormire sono sicuri per l'uso nei bambini, tuttavia, in molti casi, la ricerca sui bambini non è sufficiente per valutare con sicurezza la loro sicurezza o efficacia.

Per alcuni aiuti naturali per il sonno, come la melatonina, l'uso a breve termine è generalmente considerato sicuro per la maggior parte dei bambini, ma ci sono dati limitati sull'uso a lungo termine.

Per assicurarsi che qualsiasi farmaco o aiuto per dormire non influenzi la salute e lo sviluppo del bambino, i genitori dovrebbero usare cautela quando prendono in considerazione aiuti naturali per il sonno per i loro figli, tra cui:

  • Parlare prima con il pediatra
  • Garantire che il dosaggio sia destinato ai bambini e non agli adulti
  • Prestando attenzione all'etichetta e alla lista degli ingredienti
  • Alla ricerca di prodotti di alta qualità testati da terze parti per ridurre il rischio di integratori contaminati o etichettati in modo errato

Gli ausili naturali per dormire sono sicuri per le donne incinte o che allattano?

Le donne incinte e le donne che allattano al seno dovrebbero usare cautela con aiuti naturali per il sonno. Molti ingredienti non sono stati sottoposti a rigorosi test su donne in gravidanza o in allattamento, quindi si sa poco sui potenziali effetti sul loro bambino.

Sebbene alcuni prodotti possano essere sicuri, l'approccio più sicuro per le donne in gravidanza o che allattano è consultare il proprio medico prima di assumere sonniferi naturali.

Dovresti parlare con un medico prima di prendere aiuti naturali per il sonno?

Si consiglia di parlare con un medico prima di iniziare a utilizzare qualsiasi aiuto naturale per il sonno. Anche se questi prodotti sono disponibili senza prescrizione medica, il medico potrebbe essere in grado di aiutarti in diversi modi:

  • Rivedere gli altri farmaci e le potenziali interazioni tra loro e un aiuto naturale per dormire.
  • Affrontare la tua storia di salute e la probabilità di reazioni avverse da aiuti naturali per il sonno.
  • Comprendere i problemi del sonno e valutare se possono essere causati da un disturbo del sonno sottostante che può essere risolto con una forma più specifica di trattamento.
  • Discutere i potenziali benefici e rischi di tipi specifici di aiuti naturali per il sonno.
  • Offrire suggerimenti sul dosaggio o sui tempi per l'assunzione di aiuti naturali per il sonno.
  • Fornire indicazioni su come sapere se un ausilio naturale per il sonno funziona o causa effetti collaterali.

Come trovare aiuti naturali per dormire sicuri?

Trovare ausili naturali per il sonno affidabili può essere una sfida data la vasta gamma di marchi e prodotti sul mercato. Essere un acquirente prudente può ridurre il rischio di assumere integratori etichettati male o contaminati.

Inizia guardando attentamente l'elenco degli ingredienti del prodotto. Ricorda che le etichette dei prodotti possono utilizzare termini come 'naturale', 'verificato' o 'certificato' in modi non strettamente definiti o regolamentati.

I clienti che desiderano ricercare prodotti specifici possono contattare il produttore di un ausilio naturale per dormire e richiedere la documentazione sui test e sulla sicurezza. In alcuni casi, anche le informazioni sulla garanzia della qualità nel processo di produzione possono essere illuminanti.

Alcune organizzazioni di terze parti forniscono sigilli di approvazione per i supplementi che sono stati testati. Questa non è una garanzia della sicurezza di un prodotto, ma indica che è stato sottoposto a un controllo supplementare. Organizzazioni come ConsumerLab.com, US Pharmacopeia (USP) e il programma NSF International Dietary Supplement sono tra le certificazioni più apprezzate.

Quali aiuti naturali per dormire sono i migliori e più sicuri?

Non esiste una risposta definitiva su quali aiuti naturali per il sonno siano i migliori o i più sicuri. La maggior parte degli aiuti naturali per il sonno non sono stati rigorosamente testato sugli esseri umani . Quando disponibili, i dati su molti ingredienti negli ausili naturali per dormire provengono da studi molto piccoli, mal progettati o condotti su animali.

A causa della mancanza di prove conclusive, è difficile sapere quali aiuti naturali per il sonno sono i più sicuri, quali sono i più efficaci e come e quando vengono utilizzati al meglio. Alla luce di ciò, l'American Academy of Sleep Medicine (AASM) non consiglia alcun ausilio naturale per il sonno per il trattamento dell'insonnia cronica .

Le più studiate e anche due delle più largamente utilizzati aiuti naturali per dormire sono la melatonina e la valeriana. Gli studi su questi composti, tuttavia, hanno spesso avuto risultati contrastanti.

Le sezioni seguenti esaminano la melatonina, la valeriana e altri ingredienti che possono essere trovati negli aiuti naturali per il sonno al fine di affrontare ciò che è noto sui loro potenziali benefici e svantaggi.

Melatonina

La melatonina è un ormone prodotto dall'organismo in risposta all'oscurità. Aiuta a regolare il sonno e ad agevolare un sano ritmo circadiano.

La melatonina può essere prodotta sinteticamente e ingerita come integratore. Le prove indicano che questo tipo di file la melatonina può aiutare con il jet lag , che si verifica quando una persona viaggia rapidamente attraverso più fusi orari e alcuni altri disturbi del ritmo circadiano.

Alcune ricerche mostrano che la melatonina offre vantaggi per migliorare il sonno più in generale. Se assunto la sera, può aiutare alcuni adulti ad addormentarsi più facilmente oa rimanere addormentati per tutta la notte.

Le persone di solito non hanno effetti collaterali notevoli durante l'assunzione di melatonina. Quando si verificano effetti collaterali, il più comune sono sonnolenza diurna, mal di testa e vertigini. La melatonina non è raccomandata negli anziani con demenza.

Nei bambini, la melatonina lo è generalmente considerato sicuro se utilizzato a breve termine e sotto la guida di un medico. L'American Academy of Pediatricians (AAP) afferma che l'uso limitato di la melatonina può essere utile per stabilire un'ora di andare a letto costante, ripristinare le routine del sonno o affrontare i problemi del sonno nei bambini con disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD).

Gli effetti a lungo termine degli integratori di melatonina nei bambini non sono noti. Alcuni ricercatori hanno teorizzato che l'uso prolungato possa influenzare l'inizio della pubertà, ma i risultati degli studi finora non sono conclusivi .

Valeriana

La valeriana è derivata da una pianta e ha una traccia storica torna agli antichi greci . Negli studi, i risultati sono stati incoerenti nell'affrontare i problemi del sonno negli adulti.

Per la maggior parte degli adulti, l'uso a breve termine della valeriana è relativamente sicuro. Alcuni potenziali effetti collaterali includono mal di testa, rallentamento del pensiero, problemi di stomaco, disfunzione cardiovascolare e sensazioni di disagio o eccitabilità.

Altri aiuti naturali per il sonno

Nel complesso, ci sono prove molto limitate su altri aiuti naturali per il sonno, il che significa che non esiste una ricerca conclusiva per dimostrarne sicurezza o efficacia .

Magnesio

Il magnesio è un minerale essenziale che normalmente si ottiene dagli alimenti e contribuisce a numerosi processi corporei. Il suo ruolo di aiuto naturale per dormire non è ben definito, ma alcune ricerche hanno scoperto che può aiutare gli anziani che soffrono di insonnia se usato da solo o in combinazione con melatonina e zinco .

Molte persone ottengono una quantità sufficiente di magnesio dalla loro dieta, rendendo superflua la supplementazione di magnesio. Alte dosi di magnesio negli integratori possono causare dolore addominale e diarrea . A dosi estremamente elevate, la tossicità del magnesio può causare effetti collaterali più gravi. Il magnesio interagisce con vari farmaci tra cui alcuni inibitori della pompa protonica e antibiotici.

Triptofano

Triptofano è un amminoacido che proviene principalmente dal cibo. Il corpo usa il triptofano per aiutare a produrre melatonina e il triptofano è spesso associato alla sonnolenza dopo aver mangiato il tacchino, che è alto contenuto di triptofano , il giorno del Ringraziamento.

Nonostante la reputazione del triptofano per la sonnolenza, ci sono solo prove deboli che gli integratori di triptofano migliorano il sonno. L'American Academy of Sleep Medicine non consiglia l'uso del triptofano come trattamento per l'insonnia.

Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere il ruolo del triptofano nel sonno. Per esempio, Gli effetti del triptofano possono cambiare a seconda che venga consumato con carboidrati o altri tipi di nutrienti.

Caffè

La Kava è una pianta originaria delle isole del Pacifico. La ricerca sulla kava lo ha dimostrato può ridurre l'ansia , che può contribuire a disturbi del sonno, ma non è stato dimostrato alcun beneficio diretto sul sonno.

Alcune persone che usano integratori di kava hanno sviluppato una grave lesione epatica che può essere pericolosa per la vita. Kava può anche causare problemi di stomaco, mal di testa e vertigini. Se utilizzato per un periodo prolungato, può causare una condizione che coinvolge la pelle ingiallita, secca e squamosa.

Fiore della passione

Fiore della passione è un vitigno coltivato sia in Europa che nelle Americhe. Sebbene questo composto lo abbia mostrato qualche promessa per ridurre l'insonnia , gli studi sono contrastanti. Ad oggi, non ci sono prove conclusive che la passiflora sia un efficace aiuto per dormire nelle persone.

Si ritiene che l'uso a breve termine della passiflora da parte degli adulti sia sicuro, ma alcune persone sperimentano sonnolenza, confusione o perdita di coordinazione. Può causare contrazioni uterine, quindi non è raccomandato per le donne in gravidanza.

Camomilla

Camomilla è una pianta che si trova spesso nei tè e avanzata come rimedio naturale per varie condizioni.

Nessuna prova definitiva dagli studi di ricerca mostra che la camomilla funzioni per migliorare il sonno. Gli studi fino ad oggi sono stati piccoli e hanno avuto risultati contrastanti.

Gli effetti collaterali della camomilla sono rari, soprattutto se consumati in quantità normalmente presenti nei tè. Nausea e vertigini sono i più comuni di questi effetti collaterali. Alcune interazioni farmacologiche sono possibili con la camomilla.

Possono verificarsi reazioni allergiche alla camomilla e sono più probabili se una persona ha gravi allergie all'ambrosia, alle margherite o alle calendule.

Ginkgo biloba

Ginkgo biloba è un albero e le sue foglie sono state studiate per i benefici medici proposti. Finora, quella ricerca non ha mostrato benefici per il sonno dal prenderlo. Alcune prove indicano che può ridurre l'ansia, che può interferire con il sonno.

Gli integratori a base di foglie di ginkgo sono generalmente sicuri da prendere, ma alcune persone hanno problemi di stomaco, vertigini e palpitazioni cardiache. Il ginkgo può interagire con altri farmaci e ci sono preoccupazioni sulla sua sicurezza per le donne incinte.

Magnolia

La corteccia dell'albero di magnolia ha una storia di utilizzo nella medicina orientale e la ricerca molecolare di base indica che può aiutare ad alleviare ansia e incoraggiare il sonno . Tuttavia, sono necessari studi più dettagliati sulle persone per comprendere i possibili benefici e gli effetti collaterali della magnolia.

Cannabidiolo (CBD)

Il CBD è un cannabinoide che proviene dalla pianta di cannabis ma non ha proprietà psicoattive associate al tetraidrocannabinolo (THC).

Per il sonno, il CBD è stato valutato principalmente in persone che hanno altri problemi medici. In quegli studi, le persone che assumono CBD spesso segnalano miglioramenti del sonno . Sono necessarie ulteriori ricerche per verificare questi risultati ed esaminare l'effetto del CBD nelle persone con problemi di sonno che non sono legati a problemi di salute coesistenti.

Gli effetti collaterali del CBD sono meno comuni di quelli del THC e, con un dosaggio appropriato, il CBD è generalmente considerato sicuro. Alcune persone hanno sonnolenza diurna e diarrea e un piccolo numero di persone potrebbe avere problemi al fegato durante l'assunzione di CBD.

Lavanda

La lavanda è un tipo di aiuto naturale per dormire, ma è usato come una forma di aromaterapia invece di essere ingerito. Numerosi studi di ricerca hanno scoperto che l'odore degli oli essenziali di lavanda può farlo hanno un effetto calmante che favorisce il sonno .

Altri tipi di aromaterapie, come l'olio di rosa, il gelsomino o la camomilla, possono giovare al sonno, ma questi profumi non sono stati oggetto di ricerche tanto quanto la lavanda.

DAVANTI

L'acido gamma-amminobutirrico (GABA) è un composto che funziona come neurotrasmettitore nel cervello. Il GABA può essere estratto da alcuni tipi di piante per essere utilizzato come integratore alimentare e la ricerca nelle prime fasi ha dimostrato che può aiutare a migliorare il sonno . Sono necessari ulteriori studi per valutare gli integratori di GABA per il sonno.

In un piccolo studio, la maggior parte delle persone che assumevano GABA non ha avuto effetti collaterali, ma alcune persone hanno riferito dolore addominale e mal di testa.

L-teanina

La L-teanina è un tipo di amminoacido presente in natura che si trova nel tè verde. La ricerca preliminare ha trovato potenziali benefici per il sonno da integratori di L-teanina, ma sono necessari ulteriori studi per stabilire più chiaramente i potenziali benefici e rischi di questo composto.

Glicina

La glicina è un amminoacido che è stato scoperto nelle prime fasi di ricerca per avere benefici per favorire il sonno ratti e umani in base a come influisce sulla temperatura corporea. Sono necessari studi di ricerca controllati su larga scala per determinare la sicurezza e l'efficacia della glicina supplementare.

Alcuni cibi e bevande

Oltre agli integratori, alcune persone ne consumano alcuni cibi o bevande che possono servire come aiuti naturali per il sonno. Poiché la dieta e l'assunzione di nutrienti sono sfaccettate, mancano prove chiare che dimostrino quali alimenti migliorano il sonno, ma il succo di amarena, il kiwi e il latte maltato sono tra gli alimenti e le bevande più promettenti nella ricerca fino ad oggi.

Miscele di ingredienti naturali

È comune trovare aiuti naturali per dormire che sono una miscela di diversi ingredienti. Da un lato, includere più composti può avere un effetto sinergico e migliorare i benefici del sonno. D'altra parte, un effetto simile può verificarsi per effetti collaterali o interazioni impreviste con altri farmaci.

Gli studi sugli aiuti naturali per il sonno monocomposto sono limitati e questa mancanza di ricerca è ancora più pronunciata per l'enorme diversità di potenziali miscele.

Per questi motivi, i clienti dovrebbero guardare attentamente l'etichetta per capire esattamente quali ingredienti sono presenti in qualsiasi integratore alimentare e parlare con il proprio medico se tale integratore è appropriato nella loro situazione specifica.

Ottenere i migliori risultati dagli aiuti naturali per il sonno

È raro che qualsiasi aiuto per dormire risolva da solo tutti i problemi del sonno. Se decidi di prendere un aiuto naturale per dormire, spesso è utile rivedere e migliorare anche il tuo igiene del sonno .

Ciò significa osservare attentamente le abitudini del sonno e l'ambiente della camera da letto per assicurarsi che favoriscano un sonno di qualità. Fare questo passo può rendere il tuo programma del sonno più coerente, eliminare le barriere al riposo ristoratore e consentirti di ottenere il massimo dai miglioramenti del sonno che possono derivare da un aiuto naturale per il sonno.

  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +38 Fonti
    1. 1. Centro nazionale per la prevenzione delle malattie croniche e la promozione della salute, Divisione della salute della popolazione. (2017, 2 maggio). CDC - Dati e statistiche - Sonno e disturbi del sonno. Estratto il 10 novembre 2020 da https://www.cdc.gov/sleep/data_statistics.html.
    2. Due. Loria, K. (2019, 23 gennaio). La melatonina ti aiuta davvero a dormire? Estratto l'11 novembre 2020 da https://www.consumerreports.org/vitamins-supplements/does-melatonin-really-help-you-sleep/
    3. 3. National Institutes of Health (NIH) Office of Dietary Supplements (ODS). (2020, 3 settembre). Cosa hai bisogno di sapere. Estratto l'11 novembre 2020 da https://ods.od.nih.gov/factsheets/WYNTK-Consumer/
    4. Quattro. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa (NCCIH). (2015, settembre). Interazioni erbe-farmaci. Estratto l'11 novembre 2020 da https://www.nccih.nih.gov/health/providers/digest/herb-drug-interactions
    5. 5. Grigg-Damberger, M. M. e Ianakieva, D. (2017). Scarso controllo di qualità della melatonina da banco: quello che dicono spesso non è quello che ottieni. Journal of Clinical Sleep Medicine: JCSM: pubblicazione ufficiale dell'American Academy of Sleep Medicine, 13 (2), 163-165. https://doi.org/10.5664/jcsm.6434
    6. 6. Erland, L. A. e Saxena, P. K. (2017). Prodotti e integratori naturali per la salute della melatonina: presenza di serotonina e notevole variabilità del contenuto di melatonina. Journal of Clinical Sleep Medicine: JCSM: pubblicazione ufficiale dell'American Academy of Sleep Medicine, 13 (2), 275-281. https://doi.org/10.5664/jcsm.6462
    7. 7. Food and Drug Administration (FDA) statunitense. (2020, 8 ottobre). Prodotti contaminati per il sonno. Estratto l'11 novembre 2020 da https://www.fda.gov/drugs/medication-health-fraud/tainted-sleep-aid-products
    8. 8. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa (NCCIH). (2019, gennaio). Usare gli integratori alimentari con saggezza. Estratto l'11 novembre 2020 da https://www.nccih.nih.gov/health/using-dietary-supplements-wisely
    9. 9. National Institutes of Health (NIH) Office of Dietary Supplements (ODS). (2013, 1 luglio). Domande frequenti (FAQ). Estratto l'11 novembre 2020 da https://ods.od.nih.gov/Health_Information/ODS_Frequently_Asked_Questions.aspx
    10. 10. Kim, J., Lee, SL, Kang, I., Song, YA, Ma, J., Hong, YS, Park, S., Moon, SI, Kim, S., Jeong, S. e Kim, JE (2018). Prodotti naturali da piante singole come aiuti per il sonno: una revisione sistematica. Journal of Medicinal Food, 21 (5), 433–444. https://doi.org/10.1089/jmf.2017.4064
    11. undici. Sateia, M. J., Buysse, D. J., Krystal, A. D., Neubauer, D. N., & Heald, J. L. (2017). Linee guida per la pratica clinica per il trattamento farmacologico dell'insonnia cronica negli adulti: linee guida per la pratica clinica dell'American Academy of Sleep Medicine. Journal of Clinical Sleep Medicine: JCSM: pubblicazione ufficiale dell'American Academy of Sleep Medicine, 13 (2), 307–349. https://doi.org/10.5664/jcsm.6470
    12. 12. Bliwise, D. L., & Ansari, F. P. (2007). Insonnia associata all'uso di valeriana e melatonina nel National Health Interview Survey del 2002. Sleep, 30 (7), 881-884. https://doi.org/10.1093/sleep/30.7.881
    13. 13. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa (NCCIH). (2019, ottobre). Melatonina: cosa devi sapere. Estratto l'11 novembre 2020 da https://www.nccih.nih.gov/health/melatonin-what-you-need-to-know
    14. 14. Matheson, E. e Hainer, B. L. (2017). Insonnia: terapia farmacologica. Medico di famiglia americano, 96 (1), 29-35. https://www.aafp.org/afp/2017/0701/p29.html
    15. quindici. Besag, F., Vasey, M. J., Lao, K. e Wong, I. (2019). Eventi avversi associati alla melatonina per il trattamento dei disturbi del sonno primari o secondari: una revisione sistematica. Farmaci per il sistema nervoso centrale, 33 (12), 1167-1186. https://doi.org/10.1007/s40263-019-00680-w
    16. 16. Wei, S., Smits, M. G., Tang, X., Kuang, L., Meng, H., Ni, S., Xiao, M. e Zhou, X. (2020). Efficacia e sicurezza della melatonina per l'insonnia da insonnia nei bambini e negli adolescenti: una meta-analisi di studi randomizzati controllati. Medicina del sonno, 68, 1–8. https://doi.org/10.1016/j.sleep.2019.02.017
    17. 17. Esparham, A. (2020, 2 gennaio). American Academy of Pediatrics: Melatonin and Children’s Sleep. Estratto l'11 novembre 2020 da https://www.healthychildren.org/English/healthy-living/sleep/Pages/Melatonin-and-Childrens-Sleep.aspx
    18. 18. Boafo, A., Greenham, S., Alenezi, S., Robillard, R., Pajer, K., Tavakoli, P. e De Koninck, J. (2019). La somministrazione a lungo termine di melatonina ai bambini in età prepuberale può influenzare i tempi della pubertà? La prospettiva di un medico. Natura e scienza del sonno, 11, 1–10. https://doi.org/10.2147/NSS.S181365
    19. 19. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa (NCCIH). (2020, ottobre). Valeriana. Estratto l'11 novembre 2020 da https://www.nccih.nih.gov/health/valerian
    20. venti. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa (NCCIH). (2015, ottobre). Disturbi del sonno: in profondità. Estratto l'11 novembre 2020 da https://www.nccih.nih.gov/health/sleep-disorders-in-depth
    21. ventuno. Abbasi, B., Kimiagar, M., Sadeghniiat, K., Shirazi, M. M., Hedayati, M. e Rashidkhani, B. (2012). L'effetto della supplementazione di magnesio sull'insonnia primaria negli anziani: uno studio clinico in doppio cieco controllato con placebo. Journal of research in medical sciences: the official journal of Isfahan University of Medical Sciences, 17 (12), 1161-1169. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3703169/
    22. 22. Rondanelli, M., Opizzi, A., Monteferrario, F., Antoniello, N., Manni, R., & Klersy, C. (2011). L'effetto di melatonina, magnesio e zinco sull'insonnia primaria nelle strutture di assistenza a lungo termine residenti in Italia: uno studio clinico in doppio cieco, controllato con placebo. Journal of the American Geriatrics Society, 59 (1), 82-90. https://doi.org/10.1111/j.1532-5415.2010.03232.x
    23. 2. 3. National Institutes of Health (NIH) Office of Dietary Supplements (ODS). (2020, 25 settembre). Magnesio: scheda informativa per professionisti della salute. Estratto l'11 novembre 2020 da https://ods.od.nih.gov/factsheets/Magnesium-HealthProfessional/
    24. 24. ADAMO. Enciclopedia medica. (2020, 7 gennaio). Triptofano. Estratto l'11 novembre 2020 da https://medlineplus.gov/ency/article/002332.htm.
    25. 25. Richard, D.M., Dawes, M. A., Mathias, C. W., Acheson, A., Hill-Kapturczak, N., & Dougherty, D.M. (2009). L-triptofano: funzioni metaboliche di base, ricerca comportamentale e indicazioni terapeutiche. Rivista internazionale di ricerca sul triptofano: IJTR, 2, 45-60. https://doi.org/10.4137/ijtr.s2129
    26. 26. Tanaka, E., Yatsuya, H., Uemura, M., Murata, C., Otsuka, R., Toyoshima, H., Tamakoshi, K., Sasaki, S., Kawaguchi, L. e Aoyama, A. (2013). Associazioni di assunzioni di proteine, grassi e carboidrati con sintomi di insonnia tra i lavoratori giapponesi di mezza età. Journal of epidemiology, 23 (2), 132-138. https://doi.org/10.2188/jea.je20120101
    27. 27. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa (NCCIH). (2020, agosto). Kava. Estratto l'11 novembre 2020 da https://www.nccih.nih.gov/health/kava
    28. 28. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa (NCCIH). (2020, agosto). Fiore della passione. Estratto l'11 novembre 2020 da https://www.nccih.nih.gov/health/passionflower
    29. 29. Lee, J., Jung, H.Y., Lee, S. I., Choi, J. H. e Kim, S. G. (2020). Effetti della Passiflora incarnata Linnaeus sui parametri polisonnografici del sonno in soggetti con disturbo di insonnia: uno studio in doppio cieco randomizzato controllato con placebo. Psicofarmacologia clinica internazionale, 35 (1), 29-35. https://doi.org/10.1097/YIC.0000000000000291
    30. 30. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa (NCCIH). (2020, maggio). Camomilla. Estratto l'11 novembre 2020 da https://www.nccih.nih.gov/health/chamomile
    31. 31. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa (NCCIH). (2020, agosto). Ginkgo. Estratto l'11 novembre 2020 da https://www.nccih.nih.gov/health/ginkgo
    32. 32. Hu, Z., Oh, S., Ha, T. W., Hong, J. T. e Oh, K. W. (2018). Sonniferi derivati ​​da prodotti naturali. Biomolecole e terapie, 26 (4), 343-349. https://doi.org/10.4062/biomolther.2018.099
    33. 33. Centro nazionale per la salute complementare e integrativa (NCCIH). (2019, novembre). Cannabis (Marijuana) e Cannabinoidi: cosa devi sapere. Estratto l'11 novembre 2020 da https://www.nccih.nih.gov/health/cannabis-marijuana-and-cannabinoids-what-you-need-to-know
    34. 3. 4. Koulivand, P. H., Khaleghi Ghadiri, M. e Gorji, A. (2013). Lavanda e sistema nervoso. Medicina alternativa e complementare basata sull'evidenza: eCAM, 2013, 681304. https://doi.org/10.1155/2013/681304
    35. 35. Byun, J. I., Shin, Y. Y., Chung, S. E., & Shin, W. C. (2018). Sicurezza ed efficacia dell'acido gamma-amminobutirrico da germe di riso fermentato in pazienti con sintomi di insonnia: uno studio randomizzato in doppio cieco. Journal of clinic neurology (Seoul, Corea), 14 (3), 291-295. https://doi.org/10.3988/jcn.2018.14.3.291
    36. 36. Rao, T. P., Ozeki, M. e Juneja, L. R. (2015). Alla ricerca di un aiuto naturale e sicuro per dormire. Journal of the American College of Nutrition, 34 (5), 436–447. https://doi.org/10.1080/07315724.2014.926153
    37. 37. Williams, J. L., Everett, J. M., D'Cunha, N. M., Sergi, D., Georgousopoulou, E. N., Keegan, R. J., McKune, A. J., Mellor, D. D., Anstice, N. e Naumovski, N. (2020). Gli effetti del consumo di amminoacido L-teanina del tè verde sulla capacità di gestire i livelli di stress e ansia: una revisione sistematica. Alimenti vegetali per l'alimentazione umana (Dordrecht, Paesi Bassi), 75 (1), 12-23. https://doi.org/10.1007/s11130-019-00771-5
    38. 38. Bannai, M., Kawai, N., Ono, K., Nakahara, K. e Murakami, N. (2012). Gli effetti della glicina sulle prestazioni diurne soggettive in volontari sani parzialmente con problemi di sonno. Frontiere in neurologia, 3, 61. https://doi.org/10.3389/fneur.2012.00061