Le camere da letto degli americani sono la chiave per dormire meglio secondo il sondaggio della New National Sleep Foundation

Washington, DC, 25 gennaio 2011: secondo il primo sondaggio sulla camera da letto della National Sleep Foundation, le camere da letto sono importanti per dormire bene la notte.

Il sondaggio ha rilevato che gli americani amano le loro camere da letto e credono che il comfort e la pulizia siano fondamentali per dormire bene.



Quasi la metà degli americani sono 'grandi dormienti'

Mentre la maggior parte degli americani crede che la propria camera da letto sia importante per dormire bene, solo circa quattro americani su dieci (42%) sono 'grandi dormienti' che affermano di dormire bene la notte ogni notte o quasi ogni notte.

Una grande differenza tra un 'grande dormiente' e qualcuno che riesce a dormire bene solo poche notti alla settimana o meno è quanto tempo dichiara di dormire. I 'grandi dormienti' dicono che dormono in media circa un'ora in più rispetto ad altri gruppi.

Nei giorni feriali, i 'grandi dormienti' dicono di dormire in media sette ore e nove minuti rispetto a un tempo medio di sonno di sei ore e due minuti per coloro che riferiscono di dormire bene meno spesso. Anche nei fine settimana, i 'grandi dormienti' dicono di dormire di più, dormendo per una media di sette ore e 41 minuti rispetto alle sei ore e 52 minuti dell'altro gruppo.



'Ama la tua camera da letto e rendila il posto migliore possibile', afferma David Cloud, CEO della National Sleep Foundation, 'ma alla fine della giornata, è fondamentale concederti abbastanza tempo per rilassarti e ottenere le sette alle nove ore di sonno di cui la maggior parte delle persone ha bisogno per sentirsi meglio e in salute '.

Gli americani adorano le loro camere da letto

La stragrande maggioranza degli americani, più di nove su dieci, afferma che i materassi e i cuscini sono importanti per dormire bene la notte, e più di tre quarti degli americani ritiene inoltre che la sensazione di comfort di lenzuola e biancheria da letto sia importante.

In cima alla lista c'erano anche la temperatura fresca, l'aria pulita e priva di allergeni e una camera da letto buia, tranquilla e pulita. Almeno due terzi degli americani ritengono che anche questi svolgano un ruolo importante per ottenere un buon sonno.



'Trascorriamo un terzo della vita nelle nostre camere da letto, quindi rendila un rifugio per il tuo sonno', dice Cloud. 'Comfort, aria fresca, tranquillità e temperatura fresca sono gli elementi di base per creare il miglior ambiente di sonno.'

Le semplici indulgenze fanno la differenza

Anche semplici indulgenze possono fare la differenza nel modo in cui ti senti riguardo al sonno. Il sondaggio ha mostrato che cose semplici come un profumo fresco sulle tue lenzuola o rifare il letto ogni giorno possono influenzare il tuo modo di andare a letto o anche il modo in cui dormi.

Secondo il sondaggio sulla camera da letto della National Sleep Foundation, più di tre quarti degli americani (78%) afferma di essere più entusiasta di andare a letto su lenzuola con un profumo fresco. Circa sette americani su dieci (71%) affermano di avere un sonno notturno più confortevole su lenzuola con un profumo fresco.

I nostri genitori avevano ragione quando ci dissero di rifare i letti. Gli intervistati che affermano di rifare il letto ogni giorno hanno il 19% di probabilità in più di affermare di dormire bene la notte ogni notte rispetto a quelli che non lo fanno.

'La buona notizia è che prestare particolare attenzione a rendere piacevole la tua camera da letto, come un letto dall'odore fresco, può fare la differenza', afferma Cloud.

Consigli della National Sleep Foundation per un buon sonno

  • Stabilisci e segui un programma di sonno. Vai a letto e svegliati alla stessa ora ogni giorno.
  • Esponiti alla luce intensa al mattino ed evitala di notte. L'esposizione alla luce intensa del mattino ci dà energia e ci prepara per una giornata produttiva. Molti lo trovano utile per superare la 'stasi' invernale che deriva dall'alzarsi al buio. In alternativa, evitare l'esposizione alla luce intensa a tarda notte. Abbassa le luci quando è quasi l'ora di andare a letto e metti le luci notturne nei corridoi e nel bagno per i risvegli notturni.
  • Fare esercizio regolarmente. L'esercizio al mattino può aiutarti a ottenere l'esposizione alla luce di cui hai bisogno per impostare il tuo orologio biologico. Evita l'esercizio fisico intenso prima di coricarti, se hai problemi a dormire.
  • Stabilisci una routine rilassante prima di coricarti. Concedi abbastanza tempo per rilassarti e rilassarti prima di andare a letto.
  • Crea un ambiente fresco e confortevole per dormire, privo di distrazioni.
  • Tratta il tuo letto come il tuo rifugio dallo stress della giornata. Usa il tuo letto solo per dormire in modo da associarlo positivamente al sonno. Se dopo 20 minuti circa ti ritrovi ancora sveglio, alzati e fai qualcosa di rilassante in penombra finché non ti senti assonnato.
  • Tieni un 'libro delle preoccupazioni' accanto al tuo letto. Se ti svegli a causa delle preoccupazioni, annotale con un piano d'azione e dimenticatele fino al mattino.
  • Evita le bevande contenenti caffeina, il cioccolato e il tabacco durante la notte.
  • Evita pasti e bevande abbondanti prima di andare a dormire.
  • Niente berretti da notte. Bere alcol prima di andare a letto può privarti del sonno profondo e dei sogni di cui hai bisogno, e può farti svegliare troppo presto.
  • Evita i medicinali che ritardano o disturbano il sonno. Se hai problemi a dormire, chiedi al tuo medico o al farmacista se i tuoi farmaci potrebbero contribuire al tuo problema di sonno.
  • Niente sonnellini pomeridiani o serali, a meno che tu non lavori di notte. Se devi fare un pisolino, mantienilo sotto i 45 minuti e prima delle 15:00.

Informazioni sulla National Sleep Foundation e sul Bedroom Poll

La National Sleep Foundation è impegnata a migliorare la salute e la sicurezza del sonno attraverso l'istruzione, la consapevolezza del pubblico e la difesa. È ben noto per il suo annuale Dormi in America sondaggio. La Fondazione è un'organizzazione no-profit di beneficenza, educativa e scientifica con sede a Washington, DC. I suoi membri includono ricercatori e medici specializzati nella medicina del sonno, professionisti nel campo della salute, della medicina e della scienza, individui, pazienti, famiglie affette da sonnolenza alla guida e più di 900 strutture sanitarie in tutto il Nord America.

Il sondaggio sulle camere da letto è stato sviluppato in modo indipendente dalla National Sleep Foundation. NSF ha ricevuto il sostegno finanziario da Downy per condurre il sondaggio. Informazioni sulla National Sleep Foundation, i sondaggi attuali e altri e un database di professionisti del sonno e centri del sonno che possono essere contattati per commentare questa storia o indirizzare i pazienti da intervistare sono disponibili online all'indirizzo www.thesleepjudge.com

Metodologia del sondaggio

La National Sleep Foundation ha commissionato a WB&A Market Research di condurre questo sondaggio di opinione pubblica esplorando le caratteristiche delle camere da letto americane e l'effetto percepito dell'ambiente della camera da letto sul sonno. Sono state condotte in totale 1.500 interviste telefoniche. Per qualificarsi per questo studio, gli intervistati dovevano avere un'età compresa tra 25 e 55 anni. Il sondaggio è durato in media 13,1 minuti.

All'interno del campione elencato, i seguenti quattro gruppi etnici sono stati presi di mira per fornire pari rappresentanza tra ciascuno: bianco, nero, asiatico e ispanico. In particolare, la popolazione nera è stata presa di mira dal tratto del censimento afroamericano, la popolazione asiatica è stata presa di mira dai cognomi asiatici e la popolazione ispanica è stata presa di mira dai cognomi ispanici.

Nella ricerca tramite sondaggio, generalmente non viene intervistata l'intera popolazione, ma viene intervistato un campione di quella popolazione. Pertanto, i dati sono soggetti a errore di campionamento. L'errore di campionamento massimo dei dati per il campione totale di 1.500 interviste è di ± 2,5 punti percentuali con un livello di confidenza del 95%. L'errore di campionamento varierà a seconda della dimensione del campione e delle percentuali esaminate nel campione.

###