Allergeni che influiscono sul sonno

Si pensa che la rinite allergica colpisca fino a Dal 20 al 30% degli adulti negli Stati Uniti e potrebbe essere ancora più comune in infanzia . Causato dalla sensibilità ad allergeni come acari della polvere, peli di animali domestici, polline e muffe, rinite allergica può avere effetti significativi sul sonno e sulla qualità della vita. Esamineremo gli allergeni più comuni, aiutandoti a comprendere i tuoi trigger personali in modo da poterli evitare meglio.

Perché le mie allergie peggiorano di notte?

Nelle persone con allergie, l'esposizione a sostanze 'scatenanti' come peli di animali domestici o acari della polvere irrita le vie nasali e porta a sintomi fastidiosi come naso chiuso o che cola, lacrimazione, starnuti e prurito intorno alla bocca o altre aree sensibili. Questi irritanti comuni si trovano comunemente in camera da letto e nella nostra biancheria da letto. Cuscini e copriletti ospitano acari della polvere e peli di animali domestici, facendo divampare i sintomi di allergia. Per evitare ciò, assicurati di lavare frequentemente la biancheria da letto, compresi i cuscini.



La congestione nasale è spesso peggiore di notte e alcuni farmaci per l'allergia possono anche interferire con il sonno. Di conseguenza, le persone con allergie spesso soffrono insonnia , risvegli notturni e sonnolenza diurna. Sono anche a rischio di condizioni coesistenti come risvegli notturni e disturbi respiratori legati al sonno .

Quali sono le allergie più comuni che influenzano il sonno?

Lettura correlata

  • persona seduta alla scrivania con una tazza di caffè
  • uomo che dorme in biblioteca
  • medico che controlla la frequenza cardiaca

Gli allergeni notturni possono essere stagionali o per tutto l'anno e possono variare a seconda di dove vivi. I colpevoli più comuni sono acari della polvere, polline, muffe, animali domestici e scarafaggi.

Acari della polvere

Gli acari della polvere sono uno dei più comune allergeni domestici e una delle prime allergie a comparire bambini piccoli . Queste minuscole creature si nutrono di cellule morte della pelle e si trovano spesso in materassi, cuscini e molle di scatola. Come allergie agli acari della polvere sono innescati da un accumulo di polvere, possono verificarsi in qualsiasi momento durante l'anno.



La gestione delle allergie agli acari della polvere inizia sostituendo i mobili e gli accessori della camera da letto che ospitano la polvere. Contrariamente alle credenze popolari, l'accumulo di polvere può verificarsi in entrambi i cuscini di piume e alternative sintetiche. Lava regolarmente la biancheria da letto nell'acqua più calda che può sopportare e considera l'acquisto di a copertura piombabile per il tuo nuovo cuscino e materasso per aiutare a tenere lontani gli acari della polvere.

Tende pesanti, tappeti, divani e animali imbalsamati sono tutti potenziali trappole per la polvere. Questi articoli devono essere puliti in profondità o sostituiti con opzioni più sterili come pavimenti in laminato o in legno, persiane o mobili non imbottiti.

Spolverare regolarmente la casa può aiutare a prevenire l'accumulo di acari della polvere. Non dimenticare di controllare i filtri su aspiratori, condizionatori e unità di riscaldamento, pulendoli e sostituendoli quando necessario. Come con molti allergeni, un filtro HEPA o un deumidificatore può aiutare a ridurre i livelli di polvere nell'aria.



Polline

Un'altra allergia comune è c'è la febbre , causato da una reazione al polline di alberi, erbe o erbe infestanti come l'ambrosia. Le allergie ai pollini tendono ad essere stagionali, con la maggior parte delle persone che manifesta sintomi peggiori e qualità del sonno ridotta in primavera, fine estate e inizio autunno a seconda della pianta in questione.

La febbre da fieno di solito peggiora quando il clima è caldo e secco. Nei giorni con un alto numero di pollini, cerca di evitare di uscire, soprattutto al mattino. Puoi controllare il conteggio del polline per la tua zona attraverso fonti online, in TV o alla radio.

Poiché il polline proviene quasi sempre dall'esterno della casa, puoi ridurre al minimo il numero di pollini all'interno chiudendo porte e finestre, cambiando i vestiti quando entri, asciugando i vestiti all'interno anziché all'esterno e facendo la doccia prima di andare a letto.

Muffa

Allergie a spore di muffe spesso fluttuano con le stagioni, poiché la muffa cresce meglio con il freddo e l'umidità. Il modo migliore per prevenire la muffa è ridurre l'umidità in casa.

I bagni dovrebbero essere ben ventilati dopo aver fatto la doccia o il bagno. Se non hai un buon ventilatore o una finestra, puoi aiutare a rallentare la crescita della muffa strofinando le superfici bagnate ed estendendo completamente la tenda della doccia per lasciarla asciugare. Anche l'uso di un deumidificatore o il riscaldamento può essere d'aiuto. Ricevi le ultime informazioni durante il sonno dalla nostra newsletterIl tuo indirizzo email verrà utilizzato solo per ricevere la newsletter di thesleepjudge.com.
Ulteriori informazioni possono essere trovate nel nostro politica sulla riservatezza .

Pulire la muffa non appena appare è fondamentale per tenere a bada le allergie. Verificare la presenza di muffa attorno a rubinetti, lavandini, tende da doccia, vassoi del frigorifero, scolapiatti, tappeti, animali imbalsamati e libri. Anche gli indumenti e gli asciugamani poco asciutti possono emanare un odore di muffa.

Pet Dander

Una delle allergie più frustranti per molte persone è un'allergia agli animali domestici o, più specificamente, al peli dalla loro pelle e dalla saliva. Sfortunatamente, questo è uno dei più comuni allergie tutto l'anno negli Stati Uniti.

Le persone che condividono un letto con il loro animale domestico sono particolarmente vulnerabili ai sintomi di allergia notturna, quindi considera di procurare al tuo compagno peloso una comoda cuccia tutta per loro. Poiché il pelo di un animale domestico provoca le reazioni più forti quando trasferito per contatto diretto, cerca di non lasciare che il tuo animale domestico ti lecchi il viso, non strofinare gli occhi dopo averli accarezzati e lavati sempre le mani dopo.

Anche se le allergie agli animali domestici si verificano tutto l'anno, le persone con allergie ai pollini dovrebbero essere consapevoli che gli animali domestici a volte possono rintracciare altri allergeni esterni, specialmente in primavera. Puoi ridurre i livelli di allergeni interni dando al tuo animale domestico bagni frequenti con uno shampoo anallergico.

Non tutti gli animali domestici provocano lo stesso livello di allergie. Alcune persone hanno più fortuna con un gatto senza pelo o un cane ipoallergenico, anche se gli esperti lo dicono ipoallergenico le razze possono liberarsi degli allergeni. Poiché la reazione di tutti è diversa, potrebbe essere saggio fare un test prima di adottare un nuovo animale domestico.

Scarafaggi

Proteine ​​presenti in scarafaggi è noto che in alcune persone provoca sintomi simili alla febbre da fieno. Le proteine ​​sono presenti nel corpo, nella saliva e persino nei rifiuti e possono ancora causare allergie dopo la morte dello scarafaggio.

Misure igieniche rigorose possono aiutare a tenere questi parassiti fuori dalla tua casa. Ciò si ottiene al meglio pulendo regolarmente la casa, aerando gli spazi umidi, sigillando i bidoni della spazzatura e le fonti di cibo e non lasciando mai cibo o piatti sporchi in giro.

Prodotti per la casa e fumo di sigaretta

È stata collegata l'esposizione al fumo di sigaretta e ad alcuni prodotti per la casa (come i prodotti per la pulizia con odori forti) sintomi di rinite , ma il meccanismo potrebbe non essere dovuto alla sensibilizzazione allergica, a differenza degli allergeni sopra descritti.

Prova a usare saponi e prodotti per la pulizia inodore e chiedi ai fumatori di fumare fuori o vicino a una finestra per ridurre l'esposizione a questi fattori scatenanti.

  • questo articolo è stato utile?
  • Non
  • Riferimenti

    +18 Fonti
    1. 1. Hoyte, F. e Nelson, H. S. (2018). Recenti progressi nella rinite allergica. F1000Research, 7, F1000 Faculty Rev-1333. https://f1000research.com/articles/7-1333/v1
    2. Due. Wise, SK, Lin, SY, Toskala, E., Orlandi, RR, Akdis, CA, Alt, JA, Azar, A., Baroody, FM, Bachert, C., Canonica, GW, Chacko, T., Cingi, C., Ciprandi, G., Corey, J., Cox, LS, Creticos, PS, Custovic, A., Damask, C., DeConde, A., DelGaudio, JM, ... Zacharek, M. (2018). Dichiarazione di consenso internazionale su allergia e rinologia: rinite allergica. Forum internazionale di allergia e rinologia, 8 (2), 108–352. https://onlinelibrary.wiley.com/doi/full/10.1002/alr.22073
    3. 3. ADAMO. Enciclopedia medica. (2020, 2 febbraio). Rinite allergica. Estratto il 12 novembre 2020 da https://medlineplus.gov/ency/article/000813.htm
    4. Quattro. Koinis-Mitchell, D., Craig, T., Esteban, C. A., & Klein, R. B. (2012). Sonno e malattie allergiche: una sintesi della letteratura e direzioni future per la ricerca. The Journal of allergy and clinical immunology, 130 (6), 1275-1281. https://linkinghub.elsevier.com/retrieve/pii/S0091674912010305
    5. 5. Pawankar, R., Bunnag, C., Chen, Y., Fukuda, T., Kim, YY, Le, LT, Huong, l., O'Hehir, RE, Ohta, K., Vichyanond, P., Wang , DY, Zhong, N., Khaltaev, N. e Bousquet, J. (2009). Rinite allergica e suo impatto sull'aggiornamento dell'asma (ARIA 2008) - prospettiva occidentale e dell'Asia-Pacifico. Rivista dell'Asia Pacifico di allergia e immunologia, 27 (4), 237–243. https://europepmc.org/article/med/20232579
    6. 6. Romano, M., James, S., Farrington, E., Perry, R., & Elliott, L. (2019). L'impatto della rinite allergica perenne con / senza asma allergica sul sonno, sul lavoro e sul livello di attività. Allergia, asma e immunologia clinica: rivista ufficiale della Canadian Society of Allergy and Clinical Immunology, 15, 81. https://aacijournal.biomedcentral.com/articles/10.1186/s13223-019-0391-9
    7. 7. Lee, KS, Yum, HY, Sheen, YH, Park, YM, Lee, YJ, Choi, BS, Jee, HM, Choi, SH, Kim, HH, Park, Y., Kim, HB, Rha, YH, & Gruppo di lavoro della Korean Academy of Pediatric Allergy and Respiratory Disease (KAPARD) sulla rinite (2017). Comorbidità e fenotipi della rinite nei bambini e negli adolescenti coreani: uno studio trasversale e multicentrico. Allergia, asma e ricerca immunologica, 9 (1), 70-78. https://e-aair.org/DOIx.php?id=10.4168/aair.2017.9.1.70
    8. 8. ADAMO. Enciclopedia medica. (2018, 20 maggio). Allergie, asma e polvere. Estratto il 12 novembre 2020 da https://medlineplus.gov/ency/patientinstructions/000487.htm
    9. 9. Siebers, R. W. e Crane, J. (2011). La biancheria da letto influisce sulle vie aeree e sulle allergie? La rivista internazionale di medicina del lavoro e ambientale, 2 (2), 65-75. https://www.researchgate.net/publication/231612532_Does_Bedding_Affect_the_Airway_and_Allergy
    10. 10. Seidman, MD, Gurgel, RK, Lin, SY, Schwartz, SR, Baroody, FM, Bonner, JR, Dawson, DE, Dykewicz, MS, Hackell, JM, Han, JK, Ishman, SL, Krouse, HJ, Malekzadeh, S., Mims, JW, Omole, FS, Reddy, WD, Wallace, DV, Walsh, SA, Warren, BE, Wilson, MN,… Guideline Otolaryngology Development Group. AAO-HNSF (2015). Linee guida per la pratica clinica: rinite allergica. Otorinolaringoiatria - Chirurgia della testa e del collo: Gazzetta ufficiale dell'American Academy of Otolaryngology-Head and Neck Surgery, 152 (1 Suppl), S1 – S43. https://journals.sagepub.com/doi/10.1177/0194599814561600
    11. undici. ADAMO. Enciclopedia medica. (2018, 27 maggio). Allergie, asma e polline. Estratto il 12 novembre 2020 da https://medlineplus.gov/ency/patientinstructions/000489.htm
    12. 12. Tamm, S., Cervenka, S., Forsberg, A., Estelius, J., Grunewald, J., Gyllfors, P., Karshikoff, B., Kosek, E., Lampa, J., Lensmar, C., Strand, V., Åkerstedt, T., Halldin, C., Ingvar, M., Olgart Höglund, C. e Lekander, M. (2018). Prova di affaticamento, sonno disordinato e infiammazione periferica, ma non aumento dell'espressione di TSPO cerebrale, nell'allergia stagionale: uno studio PET [11C] PBR28. Cervello, comportamento e immunità, 68, 146–157. https://linkinghub.elsevier.com/retrieve/pii/S0889159117304695
    13. 13. ADAMO. Enciclopedia medica. (2018, 27 maggio). Allergie, asma e muffe. Estratto il 12 novembre 2020 da https://medlineplus.gov/ency/patientinstructions/000488.htm
    14. 14. Kelly, L. A., Erwin, E. A. e Platts-Mills, T. A. (2012). L'aria interna e l'asma: il ruolo degli allergeni del gatto. Opinione corrente sulla medicina polmonare, 18 (1), 29-34. https://journals.lww.com/00063198-201201000-00006
    15. quindici. Wallace D. V. (2009). Peli di animali domestici e rinite allergica perenne: opzioni terapeutiche. Procedure per allergie e asma, 30 (6), 573–583. https://www.ingentaconnect.com/content/ocean/aap/2009/00000030/00000006/art00002jsessionid=199ic9tod379r.x-ic-live-01
    16. 16. Nicholas, C. E., Wegienka, G. R., Havstad, S. L., Zoratti, E. M., Ownby, D. R., & Johnson, C. C. (2011). Livelli di allergeni nei cani nelle case con ipoallergenici rispetto ai cani non ipoallergenici. Rivista americana di rinologia e allergia, 25 (4), 252–256. https://journals.sagepub.com/doi/10.2500/ajra.2011.25.3606
    17. 17. Asma e Allergy Foundation of America. (2015, ottobre). Allergia allo scarafaggio. Estratto il 12 novembre 2020 da https://www.aafa.org/cockroach-allergy/
    18. 18. Shargorodsky, J., Garcia-Esquinas, E., Galán, I., Navas-Acien, A., & Lin, S. Y. (2015). Sensibilizzazione allergica, rinite e esposizione al fumo di tabacco negli adulti statunitensi. PloS uno, 10 (7), e0131957. https://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0131957