Il sondaggio 2015 Sleep in America ™ trova il dolore una sfida significativa quando si tratta del sonno degli americani

National Sleep Foundation
E-mail: [email protected]

Dormi in AmericaSondaggio trova il dolore una sfida significativa quando si tratta di sonno degli americani



La durata e la qualità del sonno sono indicatori chiave della salute, dare la priorità al sonno può aiutare tutti

(Washington, DC, 2 marzo 2015) - Un nuovo sondaggio della National Sleep Foundation rileva che il dolore è un fattore chiave nel divario tra la quantità di sonno di cui hanno bisogno gli americani e la quantità di cui hanno bisogno: un debito di sonno medio di 42 minuti per chi soffre di dolore cronico e 14 minuti per coloro che hanno sofferto di dolore acuto nell'ultima settimana.

Al contrario, non esiste un debito di sonno complessivo per chi non ha dolore, ma numeri significativi anche in questo gruppo hanno problemi di sonno. Circa uno su tre di coloro che non hanno dolore non sempre o spesso ottiene una buona notte di sonno o il sonno di cui ha bisogno per sentirsi al meglio, o ha avuto problemi ad addormentarsi o rimanere addormentato nell'ultima settimana. Questi problemi aumentano ancora di più tra gli individui che hanno dolore cronico o acuto.



Il sondaggio Sleep in America ™ del 2015 rileva che il dolore si unisce a due preoccupazioni correlate - stress e cattiva salute - come correlazioni chiave di una durata del sonno più breve e di una qualità del sonno peggiore. Ma ci sono strade per risolvere il problema: il divario del sonno si restringe notevolmente tra coloro che fanno del sonno una priorità.

'Prendere il controllo del proprio sonno essendo motivati, impostare un orario di routine per andare a dormire e creare un ambiente di sonno favorevole sono importanti anche per chi soffre di dolore', ha affermato David Cloud, CEO della National Sleep Foundation. 'Il sonno è un indicatore chiave della salute e buone abitudini di sonno sono fondamentali per migliorare la qualità della vita di coloro che convivono con dolore cronico o acuto'.

Il dolore è prevalente e il sonno soffre



L'indagine nazionale a campione casuale stabilisce gli ampi impatti della perdita di sonno correlata al dolore su milioni di americani. Il problema è notevole dato il numero di americani che soffrono di dolore. Lo studio rileva che il 21% degli americani soffre di dolore cronico e il 36% ha avuto dolore acuto nell'ultima settimana. Questi si combinano con la maggioranza della popolazione adulta della nazione, il 57%, mentre il 43% dichiara di non provare dolore.

Oltre al debito di sonno, la qualità del sonno auto-dichiarata e i livelli di stress sottolineano gli effetti del dolore sul sonno.

Il sessantacinque per cento di quelli senza dolore ha riportato una qualità del sonno buona o molto buona, mentre solo il 46 per cento di quelli con dolore acuto e il 36 per cento di quelli con dolore cronico hanno fatto lo stesso. Inoltre, il 23% di quelli con dolore cronico ha riportato livelli di stress più elevati, rispetto al 7% di quelli senza dolore.

Quelli con dolore acuto o cronico hanno maggiori probabilità di avere problemi di sonno che influiscono sulla loro vita quotidiana. Tra le persone che hanno avuto difficoltà di sonno nell'ultima settimana, più di quattro persone su 10 con dolore cronico affermano che tali difficoltà hanno interferito con il loro lavoro. Questo scende al 17 per cento di quelli senza dolore. Le persone che soffrono di dolore sono anche molto più inclini di altre a riferire che la mancanza di sonno interferisce con il loro umore, le attività, le relazioni e il godimento della vita in generale.

Le persone che soffrono di dolore sentono anche meno controllo sul loro sonno, si preoccupano maggiormente della mancanza di sonno che influisce sulla loro salute e mostrano una maggiore sensibilità al sonno. Sono più propensi di altri a dire che i fattori ambientali rendono più difficile per loro dormire bene la notte. Questi fattori includono rumore, luce, temperatura e materassi simili, suggerendo che una maggiore cura dell'ambiente della camera da letto può essere particolarmente utile per chi soffre di dolore.

Sebbene sia il dolore cronico che quello acuto siano correlati alla perdita di sonno, l'indagine indica che il dolore cronico è un problema particolarmente potente. In effetti, quasi una persona su quattro con dolore cronico, il 23%, afferma di aver ricevuto una diagnosi di disturbo del sonno da un medico, rispetto a solo il 6% di tutti gli altri.

“I medici e chi soffre di dolore sanno che dolore e problemi di sonno si presentano insieme e si aggravano a vicenda. Questo sondaggio conferma la relazione tra dolore e sonno. Fortunatamente, mostra anche che semplici passaggi per migliorare il sonno possono essere utili ', ha affermato il dott. Timothy Roehrs, PhD, Henry Ford Hospital.

Il sonno è un indicatore chiave della salute generale

Gli americani che affermano di avere una salute e una qualità della vita molto buone o eccellenti riferiscono di aver dormito in media da 18 a 23 minuti in più nell'ultima settimana rispetto a coloro che considerano la loro salute e la qualità della vita semplicemente buona, giusta o scarsa. In effetti, la durata del sonno e la qualità riportate diminuiscono in modo lineare con ogni valutazione di salute, dimostrando che le percezioni del sonno e della salute sono profondamente correlate.

'La qualità e la durata del sonno dovrebbero essere considerate un segno vitale, in quanto sono forti indicatori della salute generale e della qualità della vita', ha affermato Kristen Knutson, PhD, National Sleep Foundation Sleep in America ™ Poll Scholar. 'Durate di sonno estremamente lunghe o brevi sono associate a condizioni più specifiche, ma per molte persone che sono vicine a ottenere le sette o nove ore di sonno consigliate, dormire solo dai 15 ai 30 minuti in più per notte potrebbe fare la differenza nel modo in cui si sentono. '

Rendere il sonno una priorità è legato a dormire meglio, anche tra chi soffre

Gli americani che hanno affermato di essere molto o estremamente motivati ​​a dormire a sufficienza hanno riferito di dormire 36 minuti in più a notte durante la settimana rispetto agli altri (7,3 contro 6,7 ore). Anche tra coloro che soffrivano di dolore, una maggiore motivazione per dormire era associata a una maggiore durata del sonno e a una migliore qualità del sonno.

'Capire l'importanza del sonno e adottare un approccio proattivo all'ora di andare a letto può aiutare tutti a migliorare il proprio sonno, anche le persone che soffrono', ha detto Knutson. 'Prendere il controllo del tuo sonno è un passo importante per prendere il controllo della tua salute.'

Nota dell'editore: Il rapporto completo del riepilogo dei risultati 2015 può essere scaricato all'indirizzo: https://www.thesleepjudge.com/professionals/sleep-americar-polls/2015-sleep-and-pain .

Metodologia del sondaggio e riconoscimenti

Il sondaggio Sleep in America ™ 2015 è stato un sondaggio online basato sulla probabilità di 1.029 adulti non istituzionalizzati di età pari o superiore a 18 anni residenti negli Stati Uniti. Il gruppo GfK (ex Knowledge Networks) ha condotto il 2015 Sleep in America Survey per conto di Mokrzycki Survey Research Services sul campo condotto dal 5 al 12 dicembre 2014. Errore di campionamento per le stime dal campione completo: +/- 3,3 punti percentuali, compreso l'adeguamento per effetti di design.

Informazioni complete, metodologia e scopo sono disponibili all'indirizzo https: //www.sleepfoundation.or/professionals/sleep-americar-polls/2015-sleep-and-pain .

La National Sleep Foundation è in debito con Mike Mokrzycki per i suoi importanti contributi ai sondaggi. Il signor Mokrzycki è morto improvvisamente il 19 dicembre 2014. Era stimato nel mondo dei sondaggi come giornalista, ricercatore di sondaggi e direttore fondatore dell'unità AP Polling. Le nostre più sincere condoglianze alla sua famiglia. Ci mancherà moltissimo.

2015 Dormire in AmericaPoll Task Force

Tim Roehrs, PhD (Presidente)

Ospedale Henry Ford

Kristen Knutson, PhD (Sondaggio Scholar)

Università di Chicago

Daniel Clauw, MD

Università del Michigan

D. Sunshine Hillygus, PhD

Duke University

Michael T. Smith, PhD

Johns Hopkins University School of Medicine

Lynn Webster, MD

PRA Scienze della salute

A proposito del sonno in AmericaSondaggio

Nel 1991, la National Sleep Foundation (NSF) ha avviato il sondaggio Sleep in America ™, un'indagine annuale sulla salute e sui comportamenti del sonno degli americani. La NSF pubblica i risultati del sondaggio come parte della sua campagna annuale Sleep Awareness Week®, tenutasi dal 2 all'8 marzo 2015, che culmina con il passaggio all'ora legale l'8 marzo. Con il cambio degli orologi, NSF incoraggia gli americani a dare la priorità al loro dormire. Segui la National Sleep Foundation su Facebook e Twitter @sleepfoundation .

Informazioni sulla National Sleep Foundation

La National Sleep Foundation si dedica al miglioramento della salute e del benessere attraverso l'educazione e la difesa del sonno. È ben noto per il suo sondaggio annuale Sleep in America ™. La Fondazione è un'organizzazione senza scopo di lucro, educativa e scientifica senza scopo di lucro con sede a Washington, D.C. I suoi membri includono ricercatori e medici specializzati in medicina del sonno, professionisti sanitari, pazienti, famiglie affette da sonnolenza alla guida e più di 900 strutture sanitarie. www.thesleepjudge.com

###